L'autore

autore

Classe '79, sound designer di professione. La sua incrollabile passione per i videogiochi nasce solo all'inizio degli anni '90 e viene presto affiancata da quella per il doppiaggio. Col passare del tempo la sua carriera di videogiocatore onnivoro si focalizza sulla scena PC, ma poi assume sembianze più mature con l'avvento di PlayStation e di tutte le successive console che prenderanno lentamente possesso di casa sua.

  • Articoli (82)
  • News (5)

RECENSIONE - Life is Strange: Before the Storm - Episode 1: Svegliati

P 4 set 2017
Il primo dei tre capitoli di Life is Strange: Before the Storm propone tanti alti quanti bassi. Da un lato colpisce la sua delicatezza nell'affrontare tematiche adulte, la coerenza nel riproporre la stessa atmosfera del gioco principale, stavolta arricchita da un aspetto grafico e sonoro più puliti e gradevoli e dal sapore più cinematografico, e la stessa piacevolezza nell'interagire con i personaggi grazie anche la nuova meccanica di confronto verbale della protagonista Chloe. Di contro invece, questo primo capitolo sembra essere vittima delle aspettative mancate rispetto all'opera prima Life is Strange, dotato di una sceneggiatura e di una protagonista di ben altro spessore. Ad ogni modo sarò più che contento di ricredermi giocando ai capitoli successivi, sperando che la trama decolli in modo molto più interessante, cosa che in questo capitolo non avviene particolarmente. 8.0

RECENSIONE - Batman: The Enemy Within - Episode 1: The Enigma

P 12 ago 2017
Batman: The Enemy Within si prospetta come una saga bella e intensa da giocare e The Enigma, il primo di cinque episodi, colpisce come un diretto in pieno viso carico di narrazione, gameplay e avvenimenti importanti. Se da un lato il lavoro di introduzione di nuove meccaniche di gioco è praticamente nullo, dall'altro quello di ottimizzazione è encomiabile e presenta un motore grafico del tutto privo dei difetti che affliggevano la prima stagione del gioco. Il titolo infatti ha guadagnato una fluidità di animazioni e una solidità di modelli poligonali degna di nota. Anche la sceneggiatura sembra far presagire tanta azione e avventura in questa seconda stagione, in cui pare chiaro che saremo chiamati ad affrontare una coalizione di supercriminali in combutta ai danni dell'Uomo Pipistrello degna dei migliori episodi della serie TV con protagonista il compianto Adam West. Se volevi la mia attenzione Telltale, bene così: sappi che sono tutto orecchi! 8.7

RECENSIONE - What Remains of Edith Finch

P 19 lug 2017
What Remains of Edith Finch si presenta come un titolo dalle tematiche adulte e tragiche affrontate con una delicatezza e un'umanità davvero fuori dal comune. Il viaggio a ritroso nei ricordi della giovane Edith per conoscere meglio il destino dei suoi defunti parenti, e per rivisitare la sua dimora da tempo perduta, è un’altalena di emozioni, un percorso tortuoso introspettivo e surreale, ma è anche il viaggio che ognuno compie per assicurarsi che il nostro soggiorno terreno sia servito a qualcosa e soprattutto che rimanga qualcuno dopo di noi a testimoniarlo. Il titolo è pregno di uno stile e di un'atmosfera unici e, seppur non rivoluzionando il tanto discusso genere dei walking simulator a cui appartiene, riesce comunque a prendere le distanze da canoniche meccaniche di gioco, proponendo anche delle soluzioni di gameplay originali e mai tediose. Le uniche perplessità sono relative alla durata di appena 2-3 ore e a qualche incertezza del motore grafico che incespica sulla fluidità e scade in qualche artefatto visivo, ma al netto di un prodotto così ben ispirato, rifinito e dotato di un eccellente comparto narrativo, risultano difetti per lo più marginali. Se siete amanti del genere non dovreste assolutamente lasciarvelo scappare. 9.0

SPECIALE - Little Nightmares - Le Profondità

P 10 lug 2017
Con l'uscita di Le Profondità, il primo di tre DLC di Little Nightmares, i ragazzi del team Tarsier Studios riaprono i battenti dell'immensa struttura Le Fauci e ci calano nei panni di un nuovo sprovveduto protagonista alle prese con una fuga disperata verso la libertà. Ve la sentite di affrontare di nuovo i vostri incubi d'infanzia più spaventosi? Allora non perdetevi la nostra recensione di questa espansione!

RECENSIONE - Broken Age

P 23 giu 2017
Broken Age è un titolo che ci fa rivivere le atmosfere tipiche dei tempi d’oro del genere videoludico punta e clicca. Il gioco propone un piacevolissimo stile grafico e presenta una buona scrittura, seppur non esente da sporadici momenti di noia e marginali falle di sceneggiatura, probabilmente figlie di una produzione interrotta tra il rilascio e l’altro dei due atti di gioco. Nonostante tutto, quella vecchia volpe di Tim Schafer riesce a sfornare anche stavolta un titolo in chiave vecchia scuola, che grazie all’indiscutibile originalità di un impianto tecnico e artistico mette d’accordo tutti, anche i più esigenti videogiocatori orfani di Monkey Island. Probabilmente Broken Age non sarà ricordato come una pietra miliare videoludica dalle generazioni future, ma si sentiva davvero la mancanza di un’avventura punta e clicca simpatica e divertente come questa, e se siete appassionati del genere non potete mancarlo per nessun motivo. Signor Schafer, i miei rispetti. 8.5

RECENSIONE - Get Even

P 21 giu 2017
Get Even è un titolo dalla doppia anima. Se dovessi giudicarlo per il suo aspetto tecnico, il ritmo narrativo e il suo gameplay, il mio voto sarebbe piuttosto scarno, ma sarebbe ingiusto. Partendo dai presupposti che Get Even non è un survival horror perché non fa paura, non è un vero sparatutto in prima persona e non è un titolo stealth perché le sue dinamiche di shooter e le meccaniche d’infiltrazione sono troppo elementari, che cosa rimane? Rimane un titolo dalla trama adulta e ricco di colpi di scena giocati in modo esemplare, dotato di un comparto sonoro, un doppiaggio in lingua originale (sottotitolato in italiano) e una composizione musicale a dir poco spettacolari, e che riesce ad intrattenerci per una manciata di ore facendoci sprofondare negli oscuri labirinti della mente di due uomini disperati. Pensate che questi fattori siano sufficienti? Allora non rimarrete certo delusi da Get Even. 7.8

SPECIALE - The Walking Dead: A New Frontier - Episode 5: From the Gallows

P 2 giu 2017
Giunti al quinto ed ultimo capitolo di The Walking Dead: A New Frontier, per i ragazzi di Telltale è tempo di prendersi una meritata pausa per raccogliere le idee e prepararsi ad un immancabile seguito. Nel frattempo, ci siamo goduti questo scoppiettante finale di stagione e abbiamo tirato le somme dell'avventura di Javi e Clementine. Siete pronti per il gran finale? Allora non mancate la nostra recensione di The Walking Dead: A New Frontier - Episode 5: From the Gallows!

RECENSIONE - Prey

P 10 mag 2017
Prey è un ottimo titolo che garantisce una trama profonda e stratificata, numerose missioni alternative e finali multipli. Il tutto condito da dinamiche di gameplay uniche, capaci di farci giocare come ci pare e piace a patto di conoscere i nostri limiti e studiare bene le nostre strategie per affrontare i nemici. Il livello di sfida è notevole ed il gioco si presenta come un'appassionata lettera d'amore a titoli come Half-Life e System Shock grazie ad elementi come l’originale arsenale a disposizione di Morgan e l’esigua quantità di approvvigionamenti che dovremo centellinare e fabbricare con fatica e dedizione. Al netto delle sue 15-20 ore di durata per quanto concerne la sola storia principale, Prey promette ore e ore di gioco nel tentativo di espugnare gli innumerevoli segreti dell’immensa Talos I, proponendo un comparto tecnico che non stupisce ma che è impreziosito da un ottimo gusto artistico, da un’eccezionale colonna sonora e, non ultima, una completa localizzazione in italiano. 8.8

SPECIALE - The Walking Dead: A New Frontier - Episode 4: Thicker Than Water

P 27 apr 2017
Puntualissimi sulla tabella di marcia, i ragazzi di Telltale Games si apprestano a sparare la quarta di cinque cartucce del loro caricatore videoludico targato The Walking Dead, proponendoci forse il miglior episodio di tutta la terza stagione, in bilico tra azione e alcune scelte morali che ci faranno attorcigliare le budella. Siete curiosi? Allora leggete il nostro resoconto di The Walking Dead: A New Frontier - Episode 4: Thicker Than Water.

RECENSIONE - Little Nightmares

P 22 apr 2017
Avete presente quella sensazione d’impotenza e angoscia che vi attanaglia durante gli incubi notturni, per via di quel piatto di salsicce e peperoni mangiato prima di andare a dormire? Ecco, se volessi descrivere in breve la mia esperienza con Little Nightmares userei proprio questa allegoria. Il titolo sfoggia un comparto artistico bellissimo e originale ed un'altrettanto sorprendente realizzazione tecnica visiva e sonora, elementi che rendono l’avventura dei Tarsier Studios unica nel suo genere. Il senso di oppressione e impotenza che si respira nei panni della misteriosa protagonista dall’impermeabile giallo è opprimente, complici le numerose sezioni in cui si alternano i macabri giochi di luce e buio, e soprattutto quelle in cui ci troviamo al cospetto degli immondi custodi della struttura che incarnano sotto forma di demoni gli stereotipi dei traumi infantili più reconditi. Peccato solo per qualche sbavatura sui controlli e la durata di appena cinque ore di un’avventura da cui era lecito forse aspettarsi qualcosa in più in termini di varietà di ambientazioni e personaggi. Un’avventura che non si perde in chiacchiere in merito a delucidazioni sulla trama e che ci seduce con le sue inquietanti vicissitudini per poi abbandonarci con un epilogo che genera più interrogativi che risposte. 8.5

RECENSIONE - Late Shift

P 18 apr 2017
Late Shift è un vero thriller interattivo, con un sistema di scelte morali che ci permettono di modificare l’evolversi della trama sfruttando i numerosi snodi narrativi presenti. Un titolo che convince sotto l’aspetto visivo e sonoro, entrambi ottimi, e impreziosito da buone performance dell’intero cast. La durata di circa un’ora e mezza può essere modificata dalle scelte che operiamo per arrivare a uno dei sette finali disponibili, e questo significa che i più curiosi potranno rigiocarlo (o sarebbe meglio dire riguardarlo) più volte per esplorarne tutte le ramificazioni. Peccato per qualche sbavatura tecnica che genera fin troppo spesso dei cali di fluidità del video e delle perdite di sync audio, e per l’assenza di una vera e propria componente ludica. Ad ogni modo, se valutato come un film interattivo, l’opera cinematografica dei CtrlMovie AG è spettacolare e convincente, e tiene lo spettatore incollato alla sedia per tutta la durata dell’avventura grazie a una sceneggiatura semplice ma efficace. 8.0

RECENSIONE - Blackwood Crossing

P 4 apr 2017
Blackwood Crossing è un titolo che sfoggia un look cartoonesco e coloratissimo, con ambientazioni magiche e personaggi caratterizzati in modo deliziosamente credibile. Tuttavia la sua facciata multicolore è solo un vezzo estetico molto ben riuscito, un ironico escamotage che cela dietro il rosso sipario del mantello di Finn un racconto struggente di amore fraterno e di paura della separazione e di diventare adulti. La fiaba moderna di PaperSeven ci conquista con i suoi deliziosi protagonisti, con i loro dialoghi ottimamente recitati (e sottotitolati in italiano) e le loro improbabili disavventure, facendoci volteggiare come in un walzer all’interno di ambienti lussureggianti pervasi dal bailamme di colori e dalla magia della mente di un bambino, per poi lasciarci attoniti con un finale tenero e commovente. 8.5

SPECIALE - The Walking Dead: A New Frontier - Episode 3: Above The Law

P 30 mar 2017
Con un gradito anticipo di qualche giorno sulla tabella di marcia, i ragazzi del team Telltale rendono disponibile il terzo episodio di The Walking Dead: A New Frontier apprestandosi così a raggiungere la vetta di una collina che, a giudicare dagli avvenimenti presenti in questo ultimo episodio della serie, preannuncia una tortuosa discesa verso l'epilogo. Curiosi di sapere che ne è stato di Clementine e dei suoi compagni di sventura? Allora leggete la nostra recensione di The Walking Dead: A New Frontier - Episode 3: Above The Law.

RECENSIONE - Candleman

P 7 feb 2017
Candleman è stato una vera sorpresa, un titolo tanto bello da vedere quanto lo è da giocare. Il lavoro svolto dai ragazzi pechinesi di Spotlightor è impressionante dal punto di vista tecnico e sublime da quello artistico, sfoggiando un carisma e stacchi visivi degni delle più costose produzioni dell'industry videoludica. Tutta l'avventura è estremamente misurata e scorre in punta di piedi lungo le sue tre ore di durata, senza mai pretendere troppo dal giocatore ed ammaliandolo con la sua atmosfera morbida e malinconica. L'unico vero punto debole dell'opera di Spotlightor, fatta eccezione di una traduzione italiana dei testi di dubbia fattura, è la sua telecamera non spostabile a piacimento, che in alcune sezioni occlude la visuale e che fa precipitare nel vuoto il giocatore durante alcuni salti calcolati. Comunque l'improbabile viaggio del coraggioso Candleman vi ispirerà e vi condurrà attraverso scenari onirici in cui la luce e l'oscurità si alternano come in una magica danza e dove l'una non può coesistere senza l'altra, mettendo alla prova i vostri riflessi; se avete amato avventure platform come Inside e Unravel, questa piccola gemma proveniente dal cuore della Cina non mancherà di affascinarvi. 8.5

RECENSIONE - Knee Deep

P 3 feb 2017
Knee Deep è un titolo molto particolare e altrettanto difficile da giudicare. Sebbene l'idea di Prologue Games di inscenare un'avventura episodica in tre atti come fosse uno spettacolo teatrale mi abbia letteralmente conquistato, grazie anche ad un comparto artistico accattivante e originale che sfoggia tutta la sua personalità fin dai menu di sistema, l'assenza di giocabilità, che si riduce ad un impianto di risposte multiple e sporadici minigame a prova di errore, mi ha lasciato perplesso. A far traballare ulteriormente le già sottili fondamenta su cui si poggia il titolo ci pensano un comparto tecnico vecchio di due generazioni e la recitazione dei voice talent poco più che amatoriale. Ciliegina (avariata) sulla torta, l'assenza di una qualsiasi localizzazione italiana, che rende Knee Deep pane per gli anglofoni più temerari, che non temono una full immersion di circa due ore per episodio nell'inglese americano della costa occidentale. 6.5