MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



Fe

Recensione - Fe

L'ultimo evocativo titolo del team svedese Zoink!, Fe, prende le distanze dallo stile scanzonato e pungente delle opere precedenti della software house, proponendoci un sentito inno alla natura e alle sue creature, facendoci esplorare un vasto mondo aperto nei panni di un piccolo essere alle prese con una missione impossibile. Sarà riuscito l'ambizioso Fe a toccarci il cuore? Scopritelo nella nostra recensione.

Il Gioco

I ragazzi del team svedese Zoink! ci hanno sempre abituati al loro stile graffiante e sgangherato, condito da un umorismo demenziale che trasuda sin dalle fattezze e la caratterizzazione dei personaggi presenti nelle loro varie opere videoludiche. Ebbene, Fe prende volutamente le distanze dalle dissacranti avventure del passato composte per lo più da titoli di genere platform e buffi picchiaduro a scorrimento orizzontale, proponendoci un accorato e serioso inno alla natura.

La nostra avventura in Fe inizia nei panni di una minuta e indifesa bestiola che si risveglia sperduta nella radura di un bosco sacro, teatro di un'invasione in piena regola da parte di inquietanti e corpulenti esseri bipedi con un occhio solo. Scopriremo presto che l'invasione aliena ha provocato ingenti danni al bosco, rendendolo un posto oscuro e silenzioso, violando e saccheggiando le varie specie animali che lo abitano. La stessa sorte è toccata anche al reggente del bosco, l'imponente albero sacro che regola l'armonia e scandisce i ritmi della vita dell'intero e complesso ecosistema presente nel gioco. Attraverso i primi incerti passi del piccolo protagonista, il cui aspetto ci ricorda un paffuto cucciolo di drago, cominceremo a familiarizzare con l'enorme ambiente circostante, pieno di percorsi e ricco di sporgenze apparentemente irraggiungibili.

In effetti il piccolo Fe all'inizio del gioco sarà davvero sprovveduto, essendo in grado soltanto di spiccare brevi salti, afferrare oggetti e, ultimo ma non meno importante, emettere una specie di verso di cui potremo controllare l'intensità e la melodia dosando la pressione sul grilletto destro del pad. Questa meccanica di gameplay è l'elemento fondante in Fe, e ne avremo conferma fin dalle prime battute di gioco, in cui ci troveremo a interagire con gli animaletti della foresta sopravvissuti all'invasione aliena, utilizzando il nostro verso come una portante modulabile per poterci sincronizzare con il loro richiamo. Una volta trovata la giusta sincronia vocale con l'animaletto di turno, ne diventeremo alleati e potremo sfruttare così la sua innata dote, che ci permetterà di attivare speciali piante e fiori al fine di superare barriere presenti nello scenario e risolvere piccoli puzzle ambientali. Ad esempio gli uccellini saranno in grado di aprire determinati baccelli da cui attingere a speciali bacche esplosive, i caprioli possono attivare dei fiori che generano una corrente ascensionale, mentre i facoceri potranno liberarci il cammino sbarrato dai funghi.

MX Video - Fe

I cuccioli delle varie specie presenti in Fe sono sempre ben felici di fare la nostra amicizia, correndoci incontro e deliziandoci con i loro versi e evoluzioni, mentre gli adulti sono più restii a darci udienza e ci faranno capire che dovremo faticare un po' di più per conquistarci la loro fiducia. Per approfittare dei loro servigi saremo in genere chiamati a risolvere una situazione particolarmente spinosa, che nella maggior parte dei casi comprenderà la liberazione di un animale sacro dalle grinfie degli alieni invasori. Ed è qui che Fe esplode in tutta la sua bellezza visiva e sonora, ponendoci di fronte a mastodontiche divinità animalesche da salvare, come la gigantesca alce o l'immenso bruco.

Sulle prime, esplorando il mondo aperto di Fe non avremo ben chiara la nostra missione, non essendo presenti né tutorial, né tantomeno dialoghi a schermo: l'intero impianto narrativo del gioco si erge infatti sull'utilizzo delle onomatopee che appaiono a schermo durante l'interazione con la fauna e la flora del posto e su incisioni rupestri presenti sulle pareti rocciose. In particolare, attraverso questi dipinti e mediante i ricordi custoditi in determinati scrigni, riusciremo a far luce sulla tragica sorte che è toccata alla maggior parte di esseri viventi che popolano l'ecosistema: alcuni di essi catturati o uccisi, mentre altri resi schiavi e tramutati loro malgrado in creature corrotte e malvage. Le doti comunicative del piccolo protagonista saranno quindi alla base dell'esperienza e ci permetteranno di acquisire nuove capacità, come ad esempio scalare gli alberi o planare, cavalcare creature alate o bestie sotterranee per effettuare spostamenti all'interno della grande mappa di gioco. Parte di queste doti verranno acquisite in automatico portando a termine le varie quest che ci chiederanno di liberare i giganteschi animali sacri di cui sopra, mentre le rimanenti, del tutto facoltative per poter portare a termine l'avventura, potremo guadagnarcele collezionando le numerose gemme sparse all'interno del mondo di gioco. L'apprendimento di tutti e sei i richiami del protagonista sarà necessario sia per poter esplorare l'intero ecosistema, composto da nove zone differenti, che per scovare tutte le gemme, cosa non fattibile prima di essere giunti alle ultime fasi di gioco.

Ogni zona presente nella mappa è caratterizzata in modo originale, con peculiari tonalità di pastello e un clima specifico. In ogni zona troviamo poi determinate razze animali, non tutte pacifiche o disponibili ad averci intorno come gli orsi, ma che potremo comunque utilizzare a nostro vantaggio come armi offensive contro i nemici invasori attraverso il lancio di esche e sfoltire così le minacce di troppo. E proprio parlando di minacce, è impossibile non menzionare l'ennesima meccanica di gameplay su cui Fe si fonda: lo stealth. Per quanto sia solo abbozzata, la presenza di questa meccanica è l'unica arma di cui dispone il piccolo protagonista. Infatti gli energumeni meccanici che invadono la mappa di gioco sono troppo forti per lui, ed essere raggiunti dal loro raggio paralizzante significa il game over, per cui nascondersi tra i cespugli memorizzando i percorsi di ronda di queste malvage sentinelle e sgattaiolare inosservati è l'unico modo per avere salva la pelle. Sotto questo aspetto tuttavia il titolo non è affatto punitivo e decide deliberatamente di tenere bassa l'asticella della difficoltà al fine di privilegiare l'esplorazione e prevenire eventuali frustrazioni dovute al trial and error, complice anche un fin troppo generoso impianto di salvataggi automatici piuttosto frequenti, che permettono rapidi respawn in caso di decesso. Nel complesso questa accessibilità si rivela anche un bene, in quanto la telecamera di gioco spesso tende a incastrarsi e il sistema di controllo non è sempre dei più reattivi.

Se da una parte Fe ci cattura con il suo bellissimo comparto estetico stiloso, minimalista e perfettamente coerente alla tipologia di avventura proposta, dall'altra ci lascia un po' interdetti per via del suo modo di raccontare la trama, decisamente troppo frammentato e per certi versi lacunoso e sconclusionato, anche una volta arrivati al compimento delle 5 o 6 ore della durata del gioco. Un neo questo che pesa fin troppo negativamente sul grande lavoro artistico svolto dagli Zoink!, in particolare sull'ambientazione evocativa, la caratterizzazione dei personaggi e sulla piacevole meccanica di gioco basata sui vocalizzi della creatura protagonista. Tutti elementi che purtroppo non trovano una tangibile collocazione all'interno del contesto perché privati di un racconto narrativo organico e lineare, che forse sarebbe risultato meno originale di quello proposto in Fe, ma quantomeno più comprensibile e utile a dare giustizia ad un'opera così accattivante.

Amore

Un ecosistema tutto da esplorare

- L’atmosfera di Fe è eccezionale. Il vasto open world partorito dalla mente del team Zoink! è affascinante e si presta all'esplorazione compulsiva, missione che può essere compiuta non prima di aver appreso tutte le tecniche comunicative del protagonista per poter risolvere i numerosi puzzle ambientali. Al di là della mera raccolta di gemme utili per sbloccare nuove abilità, l'ecosistema è piacevole da visitare palmo a palmo per poter saggiare le differenti tipologie di clima e di conformazione che diversificano i nove ambienti che lo compongono e le relative razze animali e piante che lo abitano. Un lavoro eccezionale e per certi versi inaspettato da un titolo di questo genere.

Bello da vedere e da ascoltare

- Il grande lavoro di personalizzazione degli ambienti svolto su Fe non è soltanto visivo, ma anche sonoro. Infatti il team di sviluppo non ha saputo risparmiarsi neppure sotto questo aspetto, miscelando classiche sonorità ambientali di boschi e foreste, composti per lo più da richiami di animali reali, a suoni e versi realizzati in modo artigianale attraverso la registrazione e la modulazione di voci umane. Nel complesso un ottimo lavoro di sound design che rende ancor più estraniante l'impatto estetico della produzione.

Odio

Impianto narrativo frammentario

- A mio parere, l'unica vera delusione dell'intera produzione. Nonostante sia bello e divertente, Fe non riesce a raccontarsi a dovere. Infatti l'escamotage di destinare la narrazione del titolo alle sole incisioni rupestri sparse in giro per la mappa di gioco e ai ricordi interattivi custoditi negli scrigni non tiene il passo con la potenza visiva e sonora e soprattutto col respiro dell'opera, e rende la trama impalpabile e sconnessa, destinandone il senso alla fantasia e alla sensibilità del giocatore. Un vero peccato, specie per un titolo dalle tinte tanto deliziose come questo.


Tiriamo le somme

Fe è un'avventura dal fascino e dal carisma indiscutibili. L'ottimo lavoro estetico e concettuale svolto sulla caratterizzazione di ambienti e personaggi è palpabile fin dai primi momenti di gioco ed è secondo probabilmente soltanto alla ricerca e alla costruzione delle complesse e originali sonorità che si innestano perfettamente su un comparto tecnico ottimo, fatta eccezione per sporadici bug, per una gestione della telecamera non proprio al top e per dei controlli non sempre puntuali nella risposta. La grande accessibilità proposta dal titolo, inoltre, lo rende adatto per tutti privilegiando esplorazione e divertimento. Paradossalmente, l'unico bersaglio mancato di Fe è proprio l'aspetto su cui dovrebbe fondarsi un'opera di questo livello: la trama. Frammentata, inconcludente e lasciata alla mercé della fantasia del giocatore, non rende giustizia ad un titolo con un respiro così ampio ed evocativo, che avrebbe necessitato di un comparto narrativo più chiaro e lineare. Nonostante ciò, è impossibile valutare negativamente Fe o sconsigliarne l'acquisto, soprattutto agli appassionati del genere e a chi apprezza i titoli realizzati con dovizia e amore e che, proprio come Fe, sanno appassionare e divertire.
8.5

c Commenti


L'autore

autore

Classe '79, sound designer di professione. La sua incrollabile passione per i videogiochi nasce solo all'inizio degli anni '90 e viene presto affiancata da quella per il doppiaggio. Col passare del tempo la sua carriera di videogiocatore onnivoro si focalizza sulla scena PC, ma poi assume sembianze più mature con l'avvento di PlayStation e di tutte le successive console che prenderanno lentamente possesso di casa sua.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...