MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R
copertina

Recensione - JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle RXbox Series X | S Xbox OneGame

Era il 2014 quando uscì JoJo Bizarre’s Adventure: All Star Battle, picchiaduro dedicato all’opera di Hirohiko Araki e sviluppato da CyberConnect2. JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R arriva quindi a distanza di 8 anni e non aggiunge solo una lettera al titolo, ma anche diverse novità sia nel comparto tecnico che nei contenuti. Vediamo quindi cosa ci aspetta tra pose plastiche, nomi assurdi e combattimenti fuori di testa.
img

Il Gioco

Le Bizzarre Avventure di JoJo continuano ormai da ben 35 anni, un traguardo importante che merita di essere celebrato. JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R non si pone quindi come una semplice “remastered” come potrebbe far pensare la lettera R, ma una vera e propria enciclopedia per permettere ai fan di rivivere le battaglie più iconiche di tutte le 8 saghe principali con i loro personaggi preferiti. La base era comunque solida, infatti l’omonimo titolo del 2014 si distingueva già per un comparto grafico notevole e un gameplay molto più profondo di quanto sembrasse, anche se alcuni problemi come un netcode instabile e il limite dei 30 fps non hanno permesso al gioco di esprimere il suo pieno potenziale. CyberConnect2 è comunque un nome molto noto per gli appassionati di picchiaduro basati su anime (basti pensare alla serie di Naruto Ultimate Ninja Storm), e con JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R Bandai Namco vuole riportare in auge un titolo passato forse in sordina all’epoca ma che ora può vantare di un rinnovato interesse grazie soprattutto alla serie anime trasmessa proprio in questi giorni su Netflix. Stone Ocean è entrata ormai nel vivo dell’azione, ma il gioco comprende anche le due saghe successive del manga, ovvero Steel Ball Run e JoJolion. Per chi guarda unicamente l’anime sono presenti quindi dei piccoli “spoiler” di quello che verrà, anche se la storia non è esattamente il punto forte di JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R.

MX Video - JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R

Nel gioco originale, nonostante non fosse realizzato in maniera chissà quanto approfondita, quantomeno un minimo di riassunto degli eventi principali era presente anche solo in forma testuale, mentre in JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R gli sviluppatori hanno deciso per un restyle totale della modalità Avventura. Ogni saga presenta infatti un determinato numero di “tasselli” che si dividono in Normale, What If e Boss: i primi ci permettono di rivivere alcuni degli scontri principali realmente avvenuti nel manga, mentre i secondi come suggerisce il nome sono delle battaglie tra personaggi appartenenti a diverse serie che magari condividono un legame, e una volta superato un certo numero di tasselli si sblocca quello del Boss, ovvero lo scontro principale di ogni saga. Ogni tassello ha un diverso livello di difficolta è vari modificatori che possono alterare le regole della battaglia, applicando ad esempio bonus e malus, impedendo di usare mosse speciali e altri ancora. Inoltre sono presenti varie “missioni segrete” che ci chiedono di effettuare determinate azioni durante il combattimento, e soddisfando i requisiti si sbloccano oggetti e monete utili per personalizzare l’outfit dei personaggi così da renderli ancora più bizzarri. Il sistema in sé funziona, tuttavia si è sacrificato ancora di più il comparto narrativo, e l’unco accenno sono dei brevissimi dialoghi prima della battaglia, ma se speravate di fare un ripasso delle varie saghe (o proprio non le conoscete) al massimo troverete qualche spunto utile unicamente a chi invece già conosce gli eventi a memoria.

img
Oltre all’Avventura ci si può cimentare nell’Arcade, una classica modalità da 8 battaglie di difficoltà crescente, Sopravvivenza in una serie infinita di battaglie per vedere fino a quanto possiamo resistere e Torneo ad eliminazione diretta. Non mancano naturalmente gli scontri 1 VS 1 o 3 VS 3 in compagnia di amici in locale, contro la CPU e online. Online che oltre alle battaglie casual e classificate offre una serie di sfide settimanali che se completate permettono di sbloccare costumi e accessori esclusivi da sfoggiare, e normalmente sono dedicate ad una specifica saga o personaggio a rotazione. Il roster di JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R è notevolmente ampliato rispetto all’originale che comprendeva 41 personaggi (32 di base e 9 tramite DLC), mentre in questa versione si raggiungono i 50 personaggi e altri in arrivo considerata la presenza di un Season Pass per il supporto post lancio. Oltre quindi a tutti i lottatori del gioco originale sono presenti altri 10 personaggi inediti, ognuno con un proprio stile di lotta e mosse uniche.

Una delle caratteristiche principali del gameplay di JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R (e dei personaggi di JoJo in generale) è il diverso stile di lotta che può cambiare drasticamente l’approccio alla battaglia. La maggior parte dei personaggi naturalmente utilizza lo stile Stand, la “proiezione spiritica” diventata ormai il simbolo di Jojo, e attivandolo si può cambiare completamente il moveset e il range degli attacchi. Personaggi come Joseph Joestar invece utilizzano lo stile dell’Energia Concentrica (Hamon) per recuperare velocemente la barra Heat ed eseguire più mosse speciali, i Guerrieri del Pilastro possono entrare in modalità Mode Elementare, Dio Brando con il Vampirismo può recuperare vita, Gyro Zepelli può combattere a Cavallo e Speedwagon con lo stile Ogre può chiamare dei banditi per assisterlo nelle combo. La varietà quindi non manca, e imparare a padroneggiare i vari personaggi richiede diverse ore di allenamento, anche perché il sistema di combattimento è più complesso di quanto possa sembrare.

img
JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R è un picchiaduro 2D che prende ispirazione da Street Fighter con la suddivisione in attacchi deboli, medi e forti da utilizzare in combinazione con movimenti delle freccette a mezzaluna e simili, mentre la telecamera ricorda Tekken con la possibilità di spostarsi avanti o indietro per schivare. I neofiti possono sfruttare il sistema di autocombo che permette di concatenare attacchi normali e speciali con la semplice pressione ripetuta di un tasto, ma si tratta di una opzione utile unicamente per chi vuole diversi senza impegno magari in una serata tra amici, se si vuole competere online ci sono una miriade di tecniche più avanzate che permettono di creare combo lunghe e complesse con il giusto tempismo.

Dal punto di vista tecnico la principale novità riguarda sicuramente i 60 fps, andando così a risolvere uno dei principali problemi del gioco originale. Finalmente possiamo ammirare le rapidissime scariche di pugni di Star Platinum in tutta la loro fluidità, mentre a livello grafico si notano miglioramenti nei modelli ma non così eclatanti rispetto al passato, anche perché la base era già solida con un ottimo cell-shading che rende alla perfezione lo stile del manga. Degna di nota inoltre la presenza dei doppiatori giapponesi originali dell’anime, soprattutto per quanto riguarda i personaggi di Diamond is Unbreakable, Vento Aureo e Stone Ocean che all’epoca del gioco originale non erano ancora usciti ed avevano quindi voci provvisorie.

img

Amore

Oltre la R

- Leggendo solo il titolo si potrebbe pensare che JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R sia una semplice remastered, ma la mole di contenuti nuovi lo rendono molto di più. I 9 personaggi inediti (con altri in arrivo), le nuove arene ispirate all’anime, il nuovo doppiaggio e la nuova modalità Avventura rendono il gioco appetibile anche per chi ha spolpato l’originale, senza dimenticare le migliorie grafiche e soprattutto i 60 fps che rendono l’esperienza di gioco molto più appagante.

Bizzarrie per tutti

- Considerato il successo globale di JoJo stupisce che non ci siano poi molti titoli dedicata all’opera di Araki, soprattutto se confrontati con i giochi basati su altri anime popolari come ad esempio Dragon Ball. L’originale All Star Battle inoltre era una esclusiva PlayStation 3, mentre JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R porta per la prima volta il titolo su praticamente ogni piattaforma. Avrei preferito magari un gioco completamente nuovo, ma si tratta comunque di un’ottima occasione per i fan di recuperare il gioco indipendentemente dalla console utilizzata.

Gameplay tecnico...

- I 60 fps hanno un grande impatto in un picchiaduro, e JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R ne ha sicuramente beneficiato. Il gioco ha tutte le carte in regola per essere un’esperienza più complessa rispetto alla media, e pur non arrivando a livelli di difficoltà come Dragon Ball FighterZ o Street Fighter riesce comunque ad essere interessante anche per gli appassionati di picchiaduro in generale, non solo di JoJo. La profonda diversità nelle meccaniche di combattimento dei 50 personaggi presenti permette vari approcci, e chiunque può trovare il personaggio più adatto al proprio stile.

Odio

...ma ingiocabile online

- È veramente inspiegabile la scelta di CyberConnect2 di migliorare praticamente ogni aspetto del gioco ma di tralasciare forse il più importante: l’online. JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R utilizza infatti ancora un netcode “delay based”, una pratica che ormai è stata abbandonata da quasi tutti i principali picchiaduro in favore del “rollback” per garantire la minore latenza nei comandi. Vedere nel 2022 un picchiaduro arrivare sul mercato con un sistema così vecchio è assurdo, e il risultato infatti sono partite online al limite dell’ingiocabile. Certo qualche match specialmente con giocatori europei si salva, ma nella maggior parte delle volte quando si trovano giocatori oltreoceano o con connessioni non ottimali l’esperienza diventa semplicemente frustrante e fa passare la voglia di scalare le classifiche o anche solo completare le sfide settimanali.

Roster sbilanciato

- 50 personaggi giocabili sono sicuramente apprezzabili, ma il rovescio della medaglia è che inevitabilmente ci sono dei problemi nel bilanciamento. Alcuni personaggi sono palesemente più forti di altri e con abilità al limite del cheat, mentre a volte si hanno problemi anche solo con la dimensione fisica dei lottatori, ad esempio il cane Iggy o Koichi Hirose risultano difficili da colpire a causa della loro bassa statura. Un peccato inoltre che l’ultima serie, Jojolion, sia rappresentata unicamente dal protagonista Josuke Higashikata, una scelta che poteva avere senso nel gioco originale quando la saga era iniziata da poco, ma ormai anche questo arco narrativo si è chiuso e sarebbe stata l’occasione perfetta per introdurre altri personaggi del manga.

Tiriamo le somme

JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R è molto più di una semplice remastered, e la mole di contenuti inediti e migliorie lo rendono un acquisto interessante per gli appassionati che potranno sbizzarrirsi con ben 50 personaggi giocabili. Il gameplay è più tecnico e profondo rispetto alla media del genere, e i 60 fps rendono l’azione sempre fluida e piacevole. È un peccato che tutte queste migliorie vengano rovinate da una scelta fallimentare in partenza per quanto riguarda la componente online, con un sistema vecchio e superato che non riesce a rendere giustizia ad un picchiaduro nel 2022. Si tratta quindi di un gioco dalle grandi potenzialità perfetto da soli o per serate tra amici in locale, ma se siete interessati alla competizione online purtroppo la frustrazione è dietro l’angolo.
7.0

c Commenti (1)

copertina

L'autore

autore

I videogame lo intrigano fin da piccolo nonostante il disappunto della nazi-mamma, che alla fine è costretta a cedere e sopporta anche la sua mania per i Comics, i Manga e il collezionismo di Limited Edition. Spera di farsi strada nel mondo del giornalismo videoludico iniziando nel dicembre 2011 a collaborare per MX, inoltre studia psicologia per cercare di capire il comportamento dei fanboy.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
caricamento Caricamento commenti...