Ultime recensioni

img

The Callisto Protocol

di Giuseppe Genga / Neural P 2 dic 2022
The Callisto Protocol è un survival horror fantascientifico crudo e brutale, caratterizzato da combattimenti estremamente fisici, impegnativi e viscerali e da un comparto grafico di prim'ordine. Dal punto di vista narrativo non colpisce nonostante l'approccio marcatamente cinematografico, mentre la struttura lineare sa di game design un po' datato; il risultato complessivo è però comunque convincente e la buona varietà di armi e situazioni riesce a tenere alto l'interesse dall'inizio alla fine. Decisamente consigliato se amate i survival horror e le claustrofobiche ambientazioni fantascientifiche. 8.5
img

Football Manager 2023

di Luca Di Lullo / KIDNEYONE P 29 nov 2022
Football Manager 2023 chiude il cerchio della rivoluzione iniziata nel 2021 con un'edizione meno appariscente dal punto di vista scenografico ma piena di piccole modifiche che aumentano ancora di più il livello simulativo. Le partite sono più accese, divertenti e ricche di variabilità, con l’accento posto, in primis, nella gestione del pressing e delle fasi di non possesso. Dal punto di vista manageriale il nuovo sistema di scouting, di pianificazione della squadra e di gestione degli aspetti extra-campo rendono la gestione della rosa decisamente più precisa, comoda e per certi versi anche accessibile soprattutto in questa versione per console. A Sports Interactive non resta ora che migliorare la grafica sul campo, rimasta troppo indietro, per raggiungere la vera eccellenza. 8.0
img

The Dark Pictures: The Devil in Me

di Mirko Rossi / Thor P 17 nov 2022
The Dark Pictures: The Devil in Me è senza ombra di dubbio il migliore episodio della prima stagione dell’antologia horror sviluppata da Supermassive Games, nonché il titolo più coinvolgente tra quelli proposti dalla software house inglese nel corso degli anni. Le atmosfere claustrofobiche e l’ottima realizzazione audio incorniciano in modo magistrale una sceneggiatura che, nonostante alcuni punti deboli, tiene incollati i giocatori alla sedia dall’inizio alla fine grazie a un “villain” davvero temibile e alla presenza di tanti jumpscare confezionati a regola d’arte. Il merito di questo risultato è da ricercare, ovviamente, anche nel gameplay, che grazie alle tante piccole aggiunte in questo capitolo riesce finalmente ad esprimere tutto il suo potenziale senza risultare mai troppo invasivo o, viceversa, troppo evanescente. Un’avventura horror che tutti gli amanti del genere dovrebbero aggiungere alla loro collezione e che conclude nel modo migliore la prima stagione della saga, in attesa di scoprire cosa hanno in serbo per noi gli sviluppatori con il prossimo ciclo narrativo. 8.3
img

The Chant

di Mirko Rossi / Thor P 17 nov 2022
The Chant è un’avventura horror di buona qualità, che sacrifica un po’ di atmosfera e un po’ di tensione in favore di un gameplay più dinamico rispetto ad altre produzioni simili. Il risultato è un gioco divertente e dotato di un proprio carattere, ma che non riesce ad esprimere al cento per cento il suo potenziale a causa di una sceneggiatura incapace di finalizzare al meglio le buone premesse iniziali e di un comparto tecnico afflitto da alcune fastidiose lacune, sia dal punto di vista grafico sia per quanto riguarda l’I.A. degli avversari. Nel complesso ci troviamo comunque di fronte a un titolo d’esordio in grado di soddisfare i giocatori in cerca di un’avventura dal sapore old-school e di regalare qualche emozione agli amanti del genere, con la speranza che gli sviluppatori facciano tesoro dell’esperienza accumulata e la mettano in pratica durante la creazione dei loro prossimi progetti. 7.0
img

Somerville

di Alessandro Rindolli / Marius Vader P 15 nov 2022
L’opera di Jumpship ci promette di vivere un viaggio intimo e drammatico attraverso un mondo ormai prossimo alla disfatta, spinti dal desiderio di conoscere la verità su chi siano questi esseri extramondo e cosa vogliano dal nostro pianeta. Somerville fa tutto questo, arricchito dalla presenza di enigmi che plasmano un’offerta ludica più che sufficiente, ma purtroppo alcune scelte di design e una confezione non perfettamente rifinita non permettono al gioco di brillare e toccare vette di eccellenza. Ma posso dirvi questo: Somerville è un viaggio affascinante e inquietante che difficilmente dimenticherete, e forse a volte questo è ciò che basta per entrare di diritto nelle esperienze che ogni videogiocatore dovrebbe vivere. Quindi non temete l’ignoto e siate pronti a rimanere meravigliati di fronte alla rovina del mondo. 7.9
img

Pentiment

di Giuseppe Genga / Neural P 14 nov 2022
Pentiment è, nel bene e nel male, una sorta di grande fumetto interattivo che evidenzia un grande amore per la storia europea medievale, con una trama intrigante, ma che prevede una gran mole di testi da leggere, ed un'interazione limitata principalmente all'esplorazione della mappa ed al dialogo con i personaggi. Un titolo affascinante soprattutto per via dei temi trattati, ma sicuramente non per tutti: fortunatamente il Game Pass vi permetterà di provarlo senza esborsi aggiuntivi, ma aspettatevi di apprezzarlo solo se amate le storie e gli intrighi medievali e se sapete apprezzare un gioco a bassissimo livello d'azione ed altissimo livello di lettura. 8.3
img

Call of Duty: Modern Warfare II

di Győző Baki / Baboy P 12 nov 2022
Call of Duty: Modern Warfare II prende tutte le migliorie positive del capitolo del 2019, rimuove tante magagne e convince seppur senza rivoluzionare. Una Campagna che sa di "best of" della saga, uno Spec Ops divertente ma che osa poco, ma soprattutto un multiplayer che risulta dannatamente divertente quando tutto fila liscio, anche se si porta dietro alcune delle scelte di design infelici degli ultimi anni. Il tutto condito da un comparto tecnico sempre più sbalorditivo. Call of Duty è vivo e vegeto, e questo è sicuramente il miglior capitolo da diversi anni a questa parte. Si nota qualche crepa sulla superficie, ma rimane pur sempre uno dei migliori FPS in circolazione - e non è poco, vista la concorrenza spietata. 8.5
img

Dragon Ball: The Breakers

di Andrea Giuliani / Linker360 P 6 nov 2022
Dragon Ball: The Breakers è un titolo che ha le potenzialità per essere una ventata d'aria fresca nel panorama di titoli ispirati all’opera di Akira Toriyama. Purtroppo le ottime idee vengono vanificate da una realizzazione insufficiente sotto ogni punto di vista, partendo dal comparto tecnico disastroso, un sistema di monetizzazione aggressivo tramite gacha e un bilanciamento che rende l’esperienza frustrante la maggior parte delle volte. Rimane un minimo di speranza che la situazione possa migliorare tramite aggiornamenti futuri, ma al momento è davvero difficile trovare motivi per consigliare l’acquisto di Dragon Ball: The Breakers, a meno che non siate super-fan di Dragon Ball o dei multiplayer asimmetrici. 5.0
img

Gunfire Reborn

di Matteo Merlano / maguzzolo P 1 nov 2022
La contaminazione tra un FPS dal gameplay solidissimo e un’implementazione “da manuale” delle meccaniche tipiche del genere roguelite è il (grande) punto di forza di Gunfire Reborn. La formula non è del tutto inedita, ma questa proposta di Duoyi e 505 Games spicca per l’irresistibile capacità di trascinare chi vi si avvicina in un vortice di “ancora una partita” da cui probabilmente non si riuscirà ad uscire, se non dopo parecchie decine d’ore di gioco. E poi c’è la possibilità di divertirsi in co-op. In presenza di un comparto narrativo di spessore si sarebbe forse potuto anche parlare di capolavoro, ma anche così Gunfire Reborn è un titolo che perlomeno gli amanti degli FPS non dovrebbero lasciarsi scappare. 8.0
img

A Plague Tale: Requiem

di Mirko Rossi / Thor P 29 ott 2022
A Plague Tale: Requiem è un sequel solido e che sviluppa al meglio i punti di forza del capitolo originale per dare vita ad un’avventura di taglio cinematografico e dal grande impatto emotivo. Un gioco in cui narrazione e gameplay si fondono in modo magistrale per mettere in scena una vicenda matura nella quale, come spesso accade, il vero nemico non è quello che ci verrebbe più facile pensare. Stealth, azione, enigmi, grandi personaggi, sequenze al cardiopalma e tanti, tantissimi, ratti. In questo nuovo capitolo c’è tutto quello che ha permesso al primo episodio di raccogliere premi e consensi, ma più in grande e con una maggiore libertà d'azione per il giocatore. Un titolo che, seppur con qualche difetto, dimostra che è ancora possibile creare IP inedite partendo da generi già esplorati e consegnare ai giocatori nuove icone capaci di ravvivare la fiamma della passione per i videogiochi. 8.8
img

New Tales from the Borderlands

di Matteo Merlano / maguzzolo P 27 ott 2022
Il tasso di TPM (Tasti Premuti al Minuto) di New Tales from the Borderlands è alquanto basso, per cui è difficile consigliarlo a chi cerca l'azione, a meno che non sia un fan sfegatato di Borderlands. Chi invece non disdegna di intrattenersi con questi "film interattivi" si troverà di fronte una proposta valida che, pur non arrivando alle vette del primo episodio, quantomeno non sfigura in raffronto alla pesante eredità Telltale, con un mix di nuovi personaggi (principali e non) che funziona, dialoghi che spesso strappano un sorriso ed una direzione artistica degna della fama della saga. 7.0
img

NHL 23

di Luca Di Lullo / KIDNEYONE P 23 ott 2022
NHL 23 ha finalmente l'aspetto ed il feeling di un titolo appartenente alla nuova generazione di console. L'aggiornamento della tecnologia grafica fa sì che il gioco sul ghiaccio sembri identico alla controparte reale. Il gioco acquista nuova energia grazie alla folla che reagisce all'azione come farebbe una folla vera, con un design audio che è il migliore della categoria per gli effetti da stadio. La personalizzazione della modalità Franchise si espande notevolmente e la presenza della controparte femminile per la prima volta rappresenta un'esperienza tanto attesa quanto ben realizzata. Al contempo, però, alcune modalità sono state completamente ignorate, come la campagna per giocatore singolo Be a Pro, mentre la modalità Ultimate Team, basata sulle microtransazioni, rimane fin troppo orientata al mero profitto. 8.0
img

PGA Tour 2K23

di Luca Di Lullo / KIDNEYONE P 22 ott 2022
Con una meccanica di swing rinnovata, compreso un ingegnoso sistema a tre click, il gioco di golf sul campo di PGA Tour 2K23 è il migliore, non solo della serie, ma anche dei più recenti titoli dalla peculiare impronta simulativa. I miglioramenti apportati alla modalità MyCareer fanno sì che si abbia un maggiore controllo dell’evoluzione del golfista che abbiamo creato, anche se le microtransazioni impattano fin troppo nell’acquisizione di oggetti e potenziamenti. È una gioia poter finalmente giocare di nuovo nei panni di veri professionisti, ma sono rimasto deluso dalla scarsità di nuovi tracciati. Tuttavia, il gioco non manca affatto di contenuti grazie alla coinvolgente modalità Società online e alle infinite possibilità offerte dall’editor di tracciati, molti dei quali potrebbero essere scambiati per layout progettati da famosi designer del green. PGA Tour 2K23 continua, inoltre, la tradizione della serie di essere abbordabile per i nuovi giocatori, offrendo al contempo un'esperienza di golf autentica e impegnativa per gli utenti più esperti. 7.5
img

Gotham Knights

di Andrea Giuliani / Linker360 P 20 ott 2022
Gotham Knights è un titolo che ha tante potenzialità, che rimangono però in parte inespresse. Per quanto non faccia ufficialmente parte dell’universo di Arkham, il paragone con la serie di Rocksteady è inevitabile considerata la quantità enorme di similitudini, e purtroppo non è un paragone favorevole. Resta purtroppo inoltre l’amaro in bocca per il frame-rate limitato a soli 30 fps, non quello che ci si aspetta da un titolo di nuova generazione improntato su azione e combattimenti. Questo non significa tuttavia che il gioco non sia valido, anzi, riesce comunque a divertire e resta un acquisto consigliatissimo ai fan della Bat-famiglia, grazie soprattutto ad una buona storia che riesce a tenere incollati allo schermo. La speranza è quella di vedere un sequel che possa rendere giustizia alla solida base gettata con questo primo capitolo, ma per ora l’eredità del Cavaliere Oscuro non è stata ancora tramandata del tutto. 7.5
img

Batora: Lost Haven

di Mirko Rossi / Thor P 19 ott 2022
Batora: Lost Haven è un’avventura di buona qualità che mescola una trama semplice, ma nella quale le scelte rivestono un ruolo fondamentale, un sistema di combattimento originale e coinvolgente, reso ancora più accattivante dalla doppia natura della protagonista, e uno stile grafico in grado di catturare l’occhio del giocatore sin dalla sequenza iniziale. Dalla somma di questi elementi nasce un titolo coraggioso e in grado di divertire, seppur con qualche difetto. L’eccessiva linearità generale e alcune lacune del sistema di controllo impediscono purtroppo all’ultima fatica di Stormind Games di fare quel passo in più che avrebbe permesso al gioco di risultare davvero imprescindibile per tutti gli appassionati del genere. Nel complesso, l’avventura interplanetaria di Avril rimane comunque meritevole della vostra attenzione, specie se vi piacciono i titoli action con visuale isometrica e siete in cerca di una storia capace di far riflettere, ma senza mai risultare eccessivamente impegnativa. 7.5