MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



Order of Battle: World War II

Recensione - Order of Battle: World War IIXbox One DigitalGame

Se amate le simulazioni belliche storiche conoscerete probabilmente Slitherine, marchio che si è fatto un nome importante in questo campo su PC, ma con ben poche uscite per console. Ora lo studio britannico recupera terreno proponendoci Order of Battle: World War II, strategico a turni che mira a riprodurre i tantissimi teatri Seconda Guerra Mondiale. Scopriamolo insieme.
img

Il Gioco

Order of Battle: World War II si propone come un classico wargame con gli scenari di guerra attraversati da una griglia a caselle esagonali, attraverso le quali muovere le nostre truppe e mezzi per cercare di raggiungere l’obiettivo, ossia ovviamente la distruzione delle forze nemiche. La serie di Order of Battle ha ormai diversi anni alle spalle, ma la novità sta nell'arrivo del gioco sulle nostre Xbox: se su PC la serie partiva dalla piattaforma per poi aggiungere (a volte gratuitamente, altre volte a pagamento) le varie espansioni, qui Slitherine ha deciso di "resettare" la serie rimuovendo tutte le vecchie campagne ambiente nel teatro dell’Oceano Pacifico, e lasciando solo il titolo principale con il Boot Camp, una sorta di missione tutorial, e lo scenario Blitzkrieg che ci vede guidare le forze tedesche prima nella conquista della Polonia del 1939 e poi nei successivi scontri con l'asse franco-britannico, fino ad arrivare all'invasione dell'Unione Sovietica ed all'assalto a Mosca del 1941.

MX Video - Order of Battle: World War II

Questi contenuti garantiscono un discreto numero di ore di gioco e sono presenti nel gioco base ad un prezzo piuttosto economico, dopo di che ci viene lasciata la libertà di decidere quale espansione acquistare per esplorare gli altri scenari e fazioni della Seconda Guerra Mondiale (Mława, Varsavia, Norvegia, Belgio, Fall Rot, Dunkerque, Jugoslavia, Grecia, Minsk, Smolensk, Kiev, Mosca), dei quali comunque nel gioco sono presenti tutti i primi capitoli così da poter capire quali potrebbe interessarci approfondire.

Inutile dire che, soprattutto per gli appassionati, l’atmosfera bellica si respira sin dai primi minuti di gioco con una musica di sottofondo mai troppo invadente ma quanto mai azzeccata nelle tonalità solenni ed inquietanti allo stesso tempo. Order of Battle: World War II si gioca in maniera molto simile al titolo per PC del 2015, ereditando i tratti distintivi del classico war game a turni, relativamente semplice nelle sue meccaniche e con una evidente tendenza a privilegiare l’accessibilità anche ai non addetti ai lavori rispetto ad esempio ai dettagli maniacali di un Hearts of Iron. Sostanzialmente è un titolo con il quale si troveranno a loro agio i fan di Panzer General/Corps e, rispetto alla versione originale del gioco datato ormai quasi 6 anni, l’unico vero grande cambiamento riguarda le modifiche legate all’avanzamento all’interno delle diverse missioni: se prima, dopo ogni missione, dovevamo scegliere tra un “perk” A o un “perk” B, qui troviamo una sorta di albero tecnologico che possiamo scorrere dall’alto verso il basso per vedere i punti accumulati durante le missioni e scoprire cosa abbiamo sbloccato in termini di armi ed equipaggiamenti.

img
Come già anticipato Panzer Corps è il riferimento principale con il quale confrontare il nostro Order of Battle: World War II ma, anche se la software house è la stessa, esiste una differenza piuttosto evidente in un’area chiave dello svolgimento del gioco, quella relativa ai rifornimenti ed all’incorporazione delle linee del fronte. A questo proposito, mentre le nostre unità si muovono sulla mappa, trascinano con sé una linea del fronte, e ogni volta che viene conquistata una città o un avamposto questa progressione è in grado di aumentare e/o estendere la nostra capacità di rifornire le unità da combattimento. Ed è proprio su questo aspetto che bisogna fare molta attenzione; se, ad esempio, mandiamo un cingolato troppo avanti rispetto al resto dell'armata, questo faticherà non poco ad avanzare attraverso le linee nemiche. Se, infatti, lasciamo che le unità nemiche taglino le unità fuori dal nostro raggio d’azione, possiamo considerarle perse mettendo a rischio l’intera campagna diminuendo il potenziale d’attacco. Si tratta di un sistema che, a parte qualche vaneggiamento dell’IA (con unità solitarie, magari danneggiate, in grado di tagliare fuori interi eserciti mentre vagano nel deserto), funziona come previsto costringendoci ad occuparci, allo stesso tempo, sia dei nostri approvvigionamenti (in termini di cibo e munizioni) che del nemico.

L'intero gioco dimostra di avere un solido fondamento tattico alla base del suo combattimento. Non si può semplicemente comprare una dozzina di grandi carri armati ed avanzare verso la vittoria; al contrario, ogni singolo impegno diventa una sorta di puzzle: mentre si cerca di trovare il miglior approccio per sloggiare un particolare nemico da un'area, dobbiamo anche prestare molta attenzione al posizionamento delle nostre unità e alle risorse che variano continuamente, attraverso dei processi dinamici estremamente realistici.

img
Diversi comandanti – divisi in generali, piloti e capitani – vengono sbloccati nel corso delle campagne. Questi possono essere assegnati a unità specifiche per fornire bonus esclusivi a tutto ciò che rientra nel loro raggio di azione. Sfruttare in modo adeguato le diverse unità e tattiche è di primaria importanza, ma un utilizzo intelligente dei comandanti può davvero fare la differenza nelle operazioni offensive o far guadagnare a chi si difende il tempo necessario per ribaltare le sorti della guerra in proprio favore.

Ma come si gioca su console un titolo del genere, nato inizialmente solo per PC? La risposta è che, tutto sommato, non se la cava male. I due stick servono per navigare all’interno dei diversi menu e per agire sulla telecamera e le diverse visuali, mentre i tasti frontali sono dedicati alle azioni di conferma (ad esempio, la selezione di un’arma o di un’unità); i tasti dorsali, tra l’altro, servono per navigare nei sottomenu e gestire il livello dello zoom.

img
Dal punto di vista tecnico possiamo dire che, pur nell’ambito del genere di giochi in cui Order of Battle: World War II va posizionarsi, il titolo Slitherine si difende piuttosto bene con una mappa disegnata in una sorta di 2.5D molto funzionale ed animazioni in 3D, il tutto accompagnato da un'ottima velocità di calcolo. Il tutto dà il meglio di sé nel momento in cui vi è la possibilità di impiegare contemporaneamente forze navali, aeree e di terra sulla stessa mappa, facendo un copioso uso di mezzi anfibi: si tratta, senza ombra di dubbio, del momento clou del gioco anche se con obiettivi decisamente più impegnativi. Personalmente ho provato il gioco su una Series X e l’ho trovato decisamente fluido senza particolari rallentamenti di sorta. Il gioco è interamente in lingua inglese con testi e parlato che non contemplano la cara, vecchia lingua italiana, quindi la conoscenza dell'inglese è fondamentale per poter godere del titolo.

Amore

Riproduzione storica fedele

- Tutte le campagne presenti nel gioco (che vi ricordo, Blitzkrieg a parte, necessitano dell'acquisto di espansioni per essere giocate oltre il primo capitolo) sono state riprodotte, al netto di alcune evidenti differenze in termini di qualità, in maniera assolutamente fedele rispetto a quanto riportato nei libri di storia. Un esempio è quello offerto dalla campagna basata sulla guerra d'inverno combattuta tra Finlandia e Unione Sovietica, nella quale verrete catapultati nei gelidi (e gelati) paesaggi delle terre di confine situate all’estremo nord del nostro planisfero. Kriegsmarine, uno degli ultimi scenari disponibili, vi mette al controllo della marina tedesca in una successione di mappe su incursioni di convogli, U-Boat e duelli tra navi da guerra. Molto probabilmente, però, il più interessante di tutti è Morning Sun, una campagna sull'invasione giapponese della Cina che, nonostante il suo immenso significato storico, non era mai stata resa giocabile in un videogioco prima dell’uscita di Order of Battle: World War II. Gli scenari sono altrettanti diversi e sparsi in tutta Europa: Mlawa, Varsavia, Norvegia, Belgio, Dunkerque, Jugoslavia, Grecia, Minsk, Kiev, Mosca.

Blitzkrieg!

- La campagna Blitzkrieg è davvero ben realizzata, e ci vede al comando della Wehrmacht e della Luftwaffe tedesche prima alla conquista della Polonia e poi nella guerra all'alleanza franco-britannica fino ad arrivare all’offensiva su Mosca del 1941. Alla guida delle forze tedesche possiamo contare su tecnologie belliche allora allo stato dell'arte, portando avanti tattiche come penetrazioni profonde da parte delle forze corazzate supportate da massicci attacchi aerei per piegare le difese nemiche. Una ricostruzione affascinante e molto coinvolgente da giocare.

Un arsenale completo

- Order of Battle: World War II ci offre davvero di tutto (anche se in gran parte dovremo pagarlo a parte) da tutti i fronti della Seconda Guerra Mondiale, comprendendo oltre 1000 tipi di unità diverse, comandanti, specializzazioni e un sistema di rifornimento intelligente. Tutto è stato ricreato in maniera maniacale e con un occhio particolarmente attento all’efficienza reale dei diversi mezzi corazzati e delle unità di fanteria. Sono presenti oltre 20 diverse specializzazioni in grado di rendere unica ogni diversa fazione: si va, infatti, dal codice bushido, all’attacco banzai fino al Progetto Manhattan.

Odio

DLC brevi e costosi

- Quello che proprio non va nel titolo Siltherine è la copiosità di materiale aggiuntivo che va acquistato a parte con discreto impegno economico. E se non bastasse la necessità di sborsare soldi in aggiunta a quelli spesi per il gioco principale, queste campagne aggiuntive si presentano spesso piuttosto limitate in termini di estensione territoriale come avviene, ad esempio, nel caso del DLC relativo all’operazione Barbarossa (l’invasione dell’Unione Sovietica da parte dell’esercito nazista) in cui si muovono troppe poche unità rispetto a quanto ci si possa aspettare da un’operazione di tale portata. Mi è sembrato decisamente sproporzionata la differenza tra la cura mostrata per le campagne sul Pacifico (che fanno parte del corpo principale del gioco) rispetto alle altre. Va considerato, inoltre, che ogni espansione costa in media sui 13 euro, non propriamente un’inezia.

Per anglofoni

- Pur nella sua completezza, il titolo pubblicato da Slitherine potrebbe trovare un secondo ostacolo, in aggiunta a quello di carattere economico, nella mancanza di una localizzazione in lingua italiana che sarebbe stata gradita quantomeno a livello di testi, non pretendendo certo di avere anche il parlato nella lingua di Dante. Congiuntamente alle sue caratteristiche di gioco non proprio usuale per un pubblico da console, la mancanza di una localizzazione italiana potrebbe rendere ancora più ostica un’esperienza di gioco di per sé affascinante ma non semplice ed intuitiva se non si è un minimo avvezzi al genere.

Tiriamo le somme

Una boccata d'aria fresca per tutti gli appassionati di strategia. È un gioco che porta il wargaming a un nuovo livello, aggiornando ogni singolo elemento di gioco e resettando il genere cercando di renderlo appetibile sia per i neofiti che per gli utenti più giovani e meno inclini a giocare titoli del genere. Terreni dettagliati, ricche animazioni e un'interfaccia accattivante, il tutto all'interno di un'ambientazione tradizionale con elementi familiari ai giocatori esperti. Con una ricca selezione di unità dall'aspetto e dal comportamento unici, è possibile costruire e gestire eserciti, flotte e forze aeree durante le campagne ambientate nei vari teatri della Seconda Guerra Mondiale. Il sistema unico di specializzazioni ci permette, inoltre, di personalizzare le forze con unità speciali, bonus e abilità che riflettono la differenza di strategie e mentalità delle varie fazioni. Il tutto è condito da una discreta implementazione dei comandi su console a far da contraltare all’esigua offerta di base rispetto alla mole di contenuti extra a pagamento, un elemento che pesa, inevitabilmente, sulla valutazione finale.
7.0

c Commenti (2)


L'autore

autore

Da sempre grande amante di tutti gli sport, ha trasferito questa passione nel mondo dei videogiochi non disdegnando però anche gli altri generi. Ama il nostro calcio quanto sport come il football e l'hockey, ma è sempre pronto a blastare qualche alieno quando ce n'è il bisogno!

Xbox Italia, il gruppo Facebook ufficiale di MondoXbox
c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
caricamento Caricamento commenti...