MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



WWE 2K20
copertina

Recensione - WWE 2K20

Rieccoci pronti, come ogni anno, a dare e ricevere colpi (proibiti e non) sui ring della WWE, con il nuovo WWE 2K20. Stesso franchise, stesso editore, ma da quest'anno con un passaggio di testimone allo sviluppo: esce l'autore storico della serie Yuke's ed arriva lo studio già responsabile per la serie NBA 2K, Visual Concepts. Scopriamo insieme i frutti di questo passaggio.

Il Gioco

Come i fan della serie WWE 2K sanno, sono ormai diversi anni che i californiani Visual Concepts affiancano i giapponesi Yuke's al timone della serie di wrestling, probabilmente in vista di poter prendere completamente in mano la serie, com'è accaduto quest'anno. WWE 2K20 è quindi il primo gioco della famosa serie a non essere stato realizzato dal team giapponese che l'ha curato per così tanti anni, e la sfida che si è presentata al nuovo team non è stata certo semplice, dovendo soddisfare le esigenze di un pubblico molto attento ad ogni dettaglio. Vediamo quindi cosa ci offre il nuovo titolo quest'anno: il menu principale non si discosta molto da quanto già visto in passato, e anche quest’anno l’enfasi è stata posta sulla modalità Carriera, che rappresenta il fulcro dell’esperienza di gioco e ci permette di partire da zero stavolta con ben due wrestler - un uomo e una donna - privi di qualsiasi esperienza, che si avviano con fierezza verso l’Olimpo della WWE.

img
Come in tanti altri titoli sportivi, anche in WWE 2K20 la Carriera si svolge seguendo una storia di background che in questo caso ruota attorno all’amicizia dei due wrestler, vissuta tramite dei flashback della loro vita che li ha portati a far parte della Hall of Fame della WWE. Si tratta, indubbiamente, di una buona trovata che funziona abbastanza bene nonostante un inizio al rallentatore, ma con un prosieguo caratterizzato da una buona narrazione e da dialoghi particolarmente divertenti e mai banali.

MX Video - WWE 2K20

In aggiunta alla Carriera non poteva mancare la modalità WWE Universe per i veri malati di wrestling, i quali avranno così la possibilità di disputare la stagione completa con tutti gli eventi ufficiali della WWE. C'è poi la modalità “Showcase” e quella denominata “Torri 2K”: la prima è dedicata alle imprese del fantastico quartetto femminile Becky Lynch, Bayley, Charlotte Flair e Sasha Banks, anche conosciuto con il nome di “Four Horsewomen”, e prevede la disputa di circa quindici incontri che vanno completati raggiungendo anche determinati obiettivi ma presta il fianco a critiche inevitabili per alcuni gravi errori di impostazione come, ad esempio, l’impossibilità di salvare i progressi.

img
Per chi avesse acquistato la versione Deluxe, interessanti i DLC NBA 2K20 Originals, con quattro contenuti aggiuntivi (a pagamento per chi avesse l’edizione standard del gioco) che includono arene, wrestler e ambientazioni dedicate. Il primo di questi, denominato Bump in the Night, porta la WWE su un set cinematografico da film horror con sfide ambientate in mezzo alle paludi piuttosto che all’interno di un cimitero o una casa stregata. La modalità Torri 2K prevede invece serie di 16 incontri nei quali affrontare vere stelle della WWE come Brock Lesnar e The Undertaker; interessante l’aggiunta di varianti e nuove tipologie di incontri (Tag Team, Triple Threat, Fatal 4-Way) che ci faranno sbloccare sempre nuovi interessanti Torri.

img
Dopo aver discusso di quanto ci offre il titolo Visual Concepts in termini di contenuti, è d’obbligo andare ad esaminare il gameplay che, quando funziona, è davvero appagante. Ovviamente Visual Concepts ha portato il suo tocco cercando di riconfigurare l’intero sistema di controllo, forse anche per prepararsi alla nuova era videoludica prevista per il prossimo anno. Molti dei lottatori presenti appaiono davvero ben fatti e assolutamente proporzionati rispetto a quanto visto in passato, ma ciò che non è cambiato è il problema relativo alla gestione delle collisioni con gli avversari, in quanto diverse mosse non sono realizzabili perché il nostro personaggio spesso non riesce ad andare nella direzione desiderata. Si è cercato anche di semplificare alcune funzioni e la disposizione dei tasti del pad con l’introduzione di nuove combo facili da padroneggiare. Il problema, però, è stato quello non solo di non riuscire a dare una risposta agli atavici problemi ma di creare ulteriore confusione non riuscendo a soddisfare né i veterani, né tantomeno i nuovi adepti. Non è raro trovare delle combo “strane” così come osservare il wrestler controllato che manca un colpo o una presa; di qui la necessità di migliorare assolutamente il sistema di gestione delle prese.

img
Altri due elementi altalenanti sono quelli rappresentati dall’intelligenza artificiale della CPU e dall’aspetto grafico generale, come verrà approfondito più in basso. Per quanto concerne l'IA, quello che dà più fastidio è il fatto che, in alcuni momenti, il gioco raggiunge vette di realismo assoluto per poi, però, dar luogo a delle situazioni decisamente imbarazzanti (colpi a vuoto, prese mancate, momenti di assoluta invulnerabilità da parte di lottatori mediocri e così via). L’aspetto grafico, seppur buono in alcuni aspetti (vedi ad esempio, le arene di gioco), non è assolutamente al passo con i tempi e, duole doverlo constatare, risulta palese l’enorme passo indietro fatto rispetto alle precedenti edizioni. Ma anche sul versante grafico quello che colpisce è il fatto che questo downgrade non risulti evidente, ad esempio, per tutti i lottatori come se il titolo, nella sua globalità, fosse stato completato al 50%. Queste cadute di stile purtroppo vanno a minare un’atmosfera di gioco davvero ben realizzata, soprattutto per quanto concerne il livello di interazione tra pubblico e lottatori, con i primi protagonisti nel lanciare cori ed urla davvero molto realistici.

img
Parlando di atmosfera, due righe di commento sul comparto audio che non risulta essere affatto male anche se, a volte, pecca nella sincronizzazione; buono il compito svolto da Greg Hamilton che, come annunciatore, se la cava alla grande ma, a livello di telecronaca, si poteva fare di meglio.

Ma il rimpianto maggiore è per quello che WWE 2K20 poteva essere e non è stato in quanto, facendo la tara sui diversi bug, il gioco è tutt’altro che da cestinare: come già detto, l’atmosfera ricreata riesce ad esercitare il giusto fascino sul giocatore facendolo anche soprassedere su alcuni difetti clamorosi quali quelli descritti; inoltre, anche il fastidioso aspetto delle microtransazioni risulta meno invadente anche se richiede ancora del lavoro da parte del team.

2K ha da poco reso disponibile una corposa patch che ha sistemato alcuni tra i bug più evidenti, come alcune evidenti imperfezioni grafiche, interazioni con gli oggetti presenti all’interno delle arene di gioco, crash improvvisi ed errate azioni arbitrali. Sono state, inoltre, annunciate ulteriori modifiche all’impianto globale di gioco che, si spera, possano dare la giusta dignità ad una serie comunque storica.

img
Due parole, infine, per il gioco in multiplayer online che non si discosta più di tanto da quanto visto nella passata edizione; in modo particolare un plauso va alla gestione delle lobby, che ci permettono di trovare molto rapidamente i nostri avversari. Online il titolo 2K non si comporta male in termini di net-code, ma tende a soffrire delle stesse problematiche osservate per le modalità offline. I comandi di gioco hanno subito qualche modifica allo scopo di renderli accessibili ad una platea quanto più vasta di giocatori: i tasti frontali sono sostanzialmente deputati agli attacchi ed alle azioni rapide, mentre i grilletti ed i tasti dorsali permettono di gestire le prese e gli attacchi più complessi con le diverse combo praticabili. Come sempre, il gioco presenta commento e dialoghi in inglese, ma è completo di menu e sottotitoli in italiano.

Amore

Roster sontuoso

- Se andiamo a vedere i numeri, WWE 2K20 ne presenta davvero di mostruosi dato che le stelle della WWE sfiorano quota 240, il numero più alto mai presente da quando è nata la serie. In questo numero rientra anche la quota che verrà resa disponibile tramite DLC (rigorosamente a pagamento). Inoltre il numero può essere ulteriormente incrementato grazie anche al potentissimo editor che vi consentirà di modificare i lottatori esistenti ma, soprattutto, di ricreare i grandi wrestler del passato.

Un universo immenso

- La modalità WWE Universe è davvero tanta roba, sia che si scelga di mettersi nei panni di un campione affermato o che si crei e si lanci nella mischia il proprio alter ego digitale. Tutto il carrozzone faraonico della WWE è perfettamente ricreato con tante di alleanze, eventi promozionali, incontri settimanali, rivalità e quant’altro serva per accattivarsi le simpatie dei tifosi di ogni dove (ma anche le relative antipatie)m guadagnando posizioni nel ranking ed entrando nelle grazie del patron della WWE, il ben noto Vince McMahon. Visual Concepts ha inoltre arricchito la modalità aumentando il numero delle partite e delle pay per view incrementando, allo stesso tempo, il numero delle cinture. Il tutto regala alla modalità una longevità sostanzialmente ineguagliabile a fronte, ahimè, di crash improvvisi e qualche bug, come vedremo a breve.

Buona gestione dei comandi

- Come anticipato, Visual Concepts ha cercato di rendere più fruibile la gestione dei comandi di gioco soprattutto in alcune situazioni particolari. C’è stato un miglioramento anche al sistema di contrattacchi, che ora risultano molto più reattivi ed immediati. Vediamo anche un cambiamento al comando relativo ad essi, che ora è assegnato ad un tasto frontale mentre prima era assegnato al dorsale destro. Cambia anche l’approccio alle prese di sottomissione: non è più necessario afferrare gli avversari in un Front Facelock per poi dover tenere premuto un tasto. Ora è possibile effettuare subito una presa di sottomissione tenendo premuti grilletto destro e tasto senza dover prima afferrare il proprio avversario. Infine, la nuova opzione “Assist Mode” aiuta i nuovi giocatori a sperimentare la varietà del set di mosse del loro personaggio. Quando si esegue un colpo potente o una presa, un sistema di I.A. sceglierà un attacco specifico da svolgere, permettendoci di eseguire più facilmente le sequenze di attacchi.

Odio

IA e fisica maldestre

- Uno dei punti di debolezza del titolo 2K è la presenza di una IA alquanto altalenante; se prendiamo due lottatori come Seth Rollins e Becky Lynch, essi si caratterizzano per dei movimenti talvolta assolutamente congruenti, ma il più delle volte eseguono mosse a caso senza un fine preciso rispetto a quanto impostato dal giocatore. Altre volte è la fisica a far cilecca, rendendoci praticamente impossibile colpire un avversario stordito a terra, così come non è raro osservare un wrestler di media caratura incassare colpi come fosse l’Hulk Hogan dei bei tempi.

Aspetto grafico da rivedere

- L’aspetto grafico, anch’esso altalenante, è quello che va a demolire in gran parte l’aspetto generale di WWE 2K20. Non è possibile accettare, alle soglie del 2020, la presenza di modelli poligonali che sembrano usciti da un titolo di due generazioni fa. Si potrebbe persino pensare che Visual Concepts si sia volutamente impegnata ad abbassare la qualità delle texture per garantire un frame-rate costante sui 60 fps in 4K HDR, almeno sulle console più potenti. Entrando più in dettaglio, quello che colpisce maggiormente (purtroppo in senso negativo) è la riproduzione dei volti, davvero scadente e in molti casi decisamente peggiori di quelli visti in WWE 2K19. Se vogliamo poi aggiungere dell’altro, è raccapricciante la pessima gestione di lottatori e lottatrici con i capelli lunghi: provare per credere.

Tiriamo le somme

WWE 2K20 non sembra nato sotto una buona stella e presenta diverse lacune da sistemare (o da rifare da zero) per essere degno del nome che porta. Prima di pubblicare questa recensione ho deciso di aspettare almeno la prima patch per tirar fuori quel numerino che, mai come questa volta, va interpretato in maniera molto soggettiva. Se siete amanti del Wrestling e del franchise 2K ne direte di tutti i colori ma, alla fine, ci giocherete perché è sempre WWE, ha un’atmosfera unica e ha una mole impressionante di lottatori all’interno del roster. Allo stesso tempo, però, non si può chiedere un occhio sugli evidenti deficit grafici e di gameplay che, seppur migliorati con la patch da poco disponibile, permangono. Se siete dei giocatori occasionali sarete forse maggiormente proni a cestinare l’opera di Visual Concepts ma, in questo caso, io consiglierei di attendere le prossime patch per vedere quanto sarà risolto. Ad ogni modo, e si tratta di un’interpretazione personale forse viziata dalla passione per questo sport-spettacolo e per la serie di 2K, alla luce dell’ultima patch credo che la sufficienza sia comunque meritata.
6.5

c Commenti (7)

copertina

L'autore

autore

Da sempre grande amante di tutti gli sport, ha trasferito questa passione nel mondo dei videogiochi non disdegnando però anche gli altri generi. Ama il nostro calcio quanto sport come il football e l'hockey, ma è sempre pronto a blastare qualche alieno quando ce n'è il bisogno!

Xbox Italia, il gruppo Facebook ufficiale di MondoXbox
c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
caricamento Caricamento commenti...