MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



Madden NFL 19

Recensione - Madden NFL 19

Ci siamo ancora una volta e, quest’anno, in discreto anticipo rispetto al solito: la serie di football americano di EA torna sulle nostre console con Madden NFL 19, con l'intenzione di imporsi come un nuovo inizio per il franchise. Incuriositi da questa premessa? Continuate a leggere la nostra recensione.

Il Gioco

Puntuale come una cartella di Equitalia quando avete torto, arriva la nuova edizione del simulatore di football americano by EA Tiburon, da oltre 10 anni senza veri concorrenti sul mercato tranne che per alcune versione tipicamente arcade del football a stelle e strisce. Negli ultimi due anni la serie si era un pochino appiattita su sé stessa pur mantenendo standard qualitativi di elevato livello; ciò che si imputava soprattutto all’edizione dello scorso anno era una certa mancanza nella gestione dei tackles e della fisicità in genere, con placcaggi e movimenti un po’ troppo uguali per giocatori dalla mole decisamente eterogenea. I programmatori, evidentemente, hanno fatto tesoro delle critiche dei fan e si sono messi duramente al lavoro per proporci quest'anno un Madden rinnovato. Inoltre i programmatori avevano promesso di intervenire sulla fisica ed i movimenti dei giocatori, sulla modalità Franchise e quella “Longshot”, l’equivalente de “Il Viaggio” nella serie FIFA; questo poteva portare ad una scollatura tra fan storici della serie e nuovi adepti, ma da questo punto di vista EA ha fatto centro e il perché proveremo a spiegarvelo passo passo. Ma non scopriamo subito le carte e vediamo come si presenta il gioco una volta avviato.

img
Al primo avvio del gioco, questo vi catapulterà sul campo per giocare la partita tra Pittsburgh Steelers e Jacksonville Jaguars nei panni dei primi, e qui potrete subito prendere confidenza con la nuova grafica e gameplay. Una volta terminata la partita (ma potete anche saltarla), entrerete nel menu principale di gioco dove potrete giocare la partita singola, la stagione in modalità Franchise, affrontare il “viaggio” nella modalità Longshot, giocare l’immancabile modalità Ultimate Team ed, infine, entrare in rete ed affrontare avversari umani in Franchise online oppure in singoli match classificati. Come dicevo, una delle modalità pesantemente riviste è quella dedicata alla stagione vissuta a 360°. Stiamo parlando della modalità Franchise, richiesta a gran voce dal pubblico ed implementata in maniera davvero ottimale, soprattutto per quanto riguarda la possibilità di inserire categorie di draft personalizzate, il che aggiunge un ulteriore tocco di realismo all’esperienza centrale del gioco in single-player: potrete infatti creare i vostri giocatori e poi inserirli nella lista del draft. Una volta giunti alla terza settimana della stagione, le vostre classi personalizzate di draft potranno essere salvate e condivise con la community dei fan di Madden, incoraggiando tutti a scaricare categorie realistiche dei giocatori ed implementando in tempo reale i migliori giocatori provenienti dai College. Questa nuova entusiasmante caratteristica permette di avere un feeling particolare con la propria squadra, e con 450 slot a disposizione per ogni categoria, potrete facilmente creare la categoria perfetta da inserire nella vostra modalità Franchise.

MX Video - Madden NFL 19

In questa modalità sono stati anche introdotti schemi offensivi e difensivi creati ad hoc, elemento in grado di aiutare soprattutto i neofiti insieme ad una gestione facilitata (la feature è facilmente disattivabile) degli scambi e della gestione dei free-agent (i giocatori senza contratto). La gestione degli schemi è fondamentale: un semplice cambio di tattica può cambiare drasticamente il destino della giocata. Giocando con gli Steelers in modalità Franchise, passando da uno schema Tamp 2 (42% di affinità di gioco) ad un Tamp 46 (96% di affinità), ho ottenuto risultati clamorosi senza modificare un solo uomo del roster. Inoltre, nella vostra “depth chart” sono stati inseriti anche ruoli speciali come il corner back in grado di offrirvi ulteriori soluzioni di gioco. La gestione dei Free-Agent, così come quella del Draft tradizionale, è rimasta invariata con i suoi pro ed i suoi contro, soprattutto per quanto riguarda i giocatori svincolati che non sono sempre ordinati in maniera corretta (ruoli, prezzo, disponibilità al trasferimento).

Veniamo ora ad una modalità che, da sempre, scatena polemiche ma che, alla fine, risulta essere una delle più giocate: stiamo parlando di Madden Ultimate Team che, pur continuando nella sua formula fatta di collezionismo di carte, aggiunge qualcosa di nuovo ed interessante. La novità più intrigante è rappresentata dalla possibilità di sfidare, in modalità giocatore singolo, squadre create non solo dai programmatori di EA ma anche da veri atleti del mondo NFL e da star di vario tipo (cantanti, attori e così via). In questa nuova edizione, inoltre, il team creato nella modalità Ultimate dovrà sempre mantenersi ad elevati livelli dal punto di vista della forma fisica, altrimenti reggere il confronto con le altre squadre sarà tremendamente duro. Il lato positivo della cosa è che sarete portati a gestire molto attentamente la forma fisica della squadra piuttosto che il valore di overall totale.

Continuando con l’analisi delle modalità di gioco, anche il “viaggio” ritorna in grande stile con il sottotitolo di “Homecoming” e si configura come il seguito ideale della versione presente in Madden 18 dove seguiamo le avventure dei due carneadi Devin Wade e Colt Cruise sia nella vita di tutti i giorni, sia nella loro scalata all’interno del mondo NFL ed in quello della musica. Infatti, mentre Devin continua la sua battaglia nel tentativo di strappare il contratto della vita iniziando dal training camp dei Dallas Cowboys, il suo amico cerca di darsi fare nel mondo del football ma è anche distratto da eventi che esulano dalla carriera sportiva. Il clichè resta più o meno lo stesso e l’arricchimento della trama di base non basta a spingere più di tanto il giocatore ad immedesimarsi nei due protagonisti.

Vediamo ora cosa succede entrando sul campo di gioco, perché qui le novità sono davvero molteplici, a partire dai movimenti dei singoli giocatori che, con un Real Player Motion di primissimo livello, sono quanto di più realistico si sia mai osservato in un titolo sportivo, grazie anche ad un uso accurato del motore Frostbite. La fluidità dei movimenti dei giocatori tocca livelli elevatissimi: sia i movimenti base (rotazioni, movimenti laterali repentini, gestione della velocità) sia quelli più avanzati (cambi di velocità, tagli, contrasti e scontri potenziabili usando lo stick destro) sono resi in maniera nettamente più realistica rispetto all’ultima edizione. Ma il feeling con i giocatori ed il terreno di gioco aumenta quando prendete confidenza con i comandi avanzati, che vi permetteranno di gestire i contrasti in mischia e di dribblare i vostri avversari con la pressione del tasto B e la gestione dello stick analogico destro. I miglioramenti sono evidenti sia giocando in attacco, sia in difesa dove, ad esempio, potete gestire con molto più realismo uno dei giocatori della linea per posizionarlo nella zona ideale per attaccare l’Half-back avversario. E’ stato fatto un grande lavoro nella trasposizione digitale della velocità, dei momenti cruciali della partita (come gli ultimi 2 minuti dell’ultimo quarto) e dell’impatto dei contrasti che ora funzionano davvero bene e rispecchiano i valori fisici dei giocatori che vengono a contatto.

La potenza dell’engine grafico dà il meglio di sé su Xbox One X, dove l’implementazione dell’HDR e del 4K rende gli elementi di contorno (stadi, terreni di gioco, pubblico) vivi come non mai e fa immergere il giocatore come mai era accaduto nelle precedenti versioni del gioco. I volti dei giocatori rasentano il fotorealismo ed i fili d’erba sembrano crescere sotto i nostri occhi; insomma, Madden NFL 19 non è solo bello da giocare ma anche da vedere, elemento non secondario.

img
Veniamo ora ai comandi di gioco, che tanto preoccupano quelli che cercano di avvicinarsi ad un titolo dedicato ad uno sport non propriamente popolare alle nostre latitudini. A parte che ci si può giovare di un sistema di controllo facilitato, sostanzialmente i tasti sono rimasti gli stessi delle edizioni precedenti. In generale, i tasti frontali sono dedicati sia alla selezione degli schemi offensivi e difensivi sia per le principali azioni di gioco: uno ci permette di procedere sia al calcio (per punt, field goal e trasformazioni post - touchdown, con uno swing-meter con il quale decidere potenza e precisione del calcio) che di avviare uno schema offensivo, mentre gli altri servono per selezionare il ricevitore del lancio del vostro quarterback; gli stick analogici svolgono la loro funzione determinando i movimenti del giocatore nelle 4 direzioni, con la possibilità tramite apposito tasto di di effettuare delle schivate e guadagnare yard spesso determinanti. Nella fase di selezione degli schemi, come da sempre, è possibile selezionare sia quelli offensivi che difensivi in base alle proprie preferenze ma anche affidarsi ai suggerimenti della CPU.

I livelli di difficoltà sono 4 ma, soprattutto per i neofiti, il consiglio è di partire dal livello Rookie, il più basso per fare pratica con il sistema di gioco; l’ultimo livello è al limite del proibitivo. Anche quest’anno potrete decidere di modificare a vostro piacimento i settaggi di gioco e, soprattutto, decidere se giocare tutta la partita oppure solo i momenti chiave; opzione, questa, che accorcia notevolmente i tempi di gioco.

Amore

Impatto devastante

- Dal momento in cui farete partire la prima partita vi renderete conto di avere davvero a che fare con un titolo di primissimo livello grafico. Se lo proverete su Xbox One X e televisore 4K con HDR, vi renderete conto di come ogni singolo filo d’erba sia diverso dall’altro. Non parliamo poi della maniacale rappresentazione degli atleti e degli Head Coach. Anche gli stadi sono splendidamente realizzati sulla base di quelli reali; come ripetuto più volte, state recitando in maniera attiva sul palcoscenico dell’NFL. Ottima anche la resa del pubblico che partecipa in maniera congrua all’evento ed è anche graficamente realizzato in maniera più che soddisfacente.

Gameplay da urlo

- Con Madden NFL 19 il gameplay della serie tocca le sue vette più elevate con un Real Player Motion da kolossal hollywoodiano. I giocatori sono identici alle loro controparti reali in tutto e per tutto. Vedere i quarterback gestire i lanci con una fisica praticamente perfetta ed i wide receiver fare a botte con i difensori per trovare la giusta posizione, è uno spettacolo per gli occhi. Il tutto è assolutamente realistico come confermato dalla gestione dei tackle e delle mischie; state pur certi che un fisico più esile si infrangerà facilmente verso una controparte muscolosa ed arcigna.

Modalità Franchigia da applausi

- Si tratta della modalità che più di ogni altra era stata criticata dai fans. EA l’ha rivista in maniera perfetta risolvendo tutte le criticità, piccole o grandi quali fossero per offrire un’esperienza completa a coloro i quali vogliono sentirsi, almeno virtualmente, padroni di una franchigia NFL decidendo se rivestire solo i panni del giocatori oppure anche quello del Supermanager. La scelta di poter condividere le classi di draft con altri utenti è una chicca che da sola vale l’acquisto del gioco; passerete ore a modificare il vostro roster alla ricerca della chimica perfetta e ogni scelta impatterà in maniera realistica sul vostro team.

Online perfetto

- EA è sempre stata leader in questo campo ma va fatto un ulteriore applauso per averci fornito, nel momento in cui scrivo (forse i server sono ancora poco affollati), un’esperienza multiplayer priva di sbavature. Il matchmaking è perfetto e le partite (classifiche e non) scorrono via lisce. Ottima la gestione delle stagioni online con l’unica pecca dell’impossibilità (o quasi) di trovare in rete giocatori nostri compatrioti.

Odio

Un viaggio noioso

- La modalità Longshot poteva essere modificata per renderla un pochino più appetibile anche rispetto all’edizione dello scorso anno. Purtroppo non è andata così e, personalmente, sono rimasto abbastanza deluso; il “viaggio” scorre via in maniera piuttosto apatica e priva di scossoni e non riesce ad appassionare come avviene per la sua controparte calcistica di FIFA, ad eccezione del fatto che i progressi di Devin possono essere portati all’interno del mondo di Madden NFL 19 Ultimate Team.

Tiriamo le somme

Madden NFL 19 ci consegna un prodotto nuovo e fresco sotto diversi punti di vista. La grafica, il gameplay, l’atmosfera, le modalità di gioco sono tutte al top della forma; mai come quest’anno il mondo NFL è stato ricreato nei minimi particolari, e la gestione del draft - con la possibilità di una estrema personalizzazione - ne è un esempio eclatante. EA non ha sbagliato praticamente nulla ad eccezione della modalità Longshot, che non lascia un grande segno a causa della sua ripetitività. In definitiva si tratta di un prodotto consigliato anche per chi non ha mai visto una partita di Football NFL, figuriamoci per gli appassionati.
9.0

c Commenti


L'autore

autore

Da sempre grande amante di tutti gli sport, ha trasferito questa passione nel mondo dei videogiochi non disdegnando però anche gli altri generi. Ama il nostro calcio quanto sport come il football e l'hockey, ma è sempre pronto a blastare qualche alieno quando ce n'è il bisogno!

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...