MondoXbox

Live your
passion!

Ninja Blade

Recensione - Ninja Blade

di Valerio Vesci / DjVale P 3 mag 2009
Fondendo elementi di action games di successo come Ninja Gaiden e God of War, From Software ci propone la sua visione di gioco a base di lame, sangue e combattimenti spettacolari: Ninja Blade. Dopo averlo provato a fondo siamo pronti a darvi il nostro parere sul gioco.

Il Gioco

Corre l’anno 2010 quando, in una regione del Giappone ora denominata “Ground Alpha”, un piccolo villaggio viene attaccato da un branco di animali feroci. L’èquipe medica giunta sul posto scopre che all’interno dei corpi delle vittime si è insediata una specie non identificata di anchilostoma, un verme intestinale. Purtroppo le cure apportate non si sono rivelate efficaci e, nonostante la zona sia stata bonificata, il virus ha rapidamente raggiunto Tokyo e dintorni. E’ da queste premesse che prende il via Ninja Blade, titolo sviluppato da From Software e incentrato sulla storia di Ken Ogawa, impavido guerriero ninja membro di una squadra di elite capitanata dal padre Kanbè e il cui compito è quello di porre fine a questa letale infezione.

  • img
  • img
  • img


Il gameplay di Ninja Blade, definito dagli stessi sviluppatori un “Cinematic Action Game” per la presenza massiccia di Quick Time Events (le scene animate in cui dobbiamo premere sequenze precise di tasti), è piuttosto classico e consiste essenzialmente nell’effettuare varie serie di combo mirate ad uccidere i numerosi nemici, intervallate appunto dai già menzionati QTE. Questi interrompono l'azione immergendoci in sequenze molto cinematografiche e altamente spettacolari, durante le quali siamo chiamati a premere tempestivamente i pulsanti visualizzati a schermo: in caso di errore, la sequenza viene "riavvolta" per farci riprovare.

Nel corso della storia veniamo dotati di tre tipi di armi: la lama Ammazzademoni, mix di potenza e rapidità di attacco, la spada Schiantarocce utile per distruggere sia gli scudi di cui sono dotati alcuni nemici che le pareti di diversi scenari e infallibile per eliminare i boss più duri, e infine le lame Gemelle Falco, da utilizzare come rampino per balzare da un appiglio ad un altro e per uccidere avversari di piccola taglia ma parecchio veloci come gli stormi di uccelli. Di tutte queste tre armi sono disponibili potenziamenti acquistabili grazie ad un sistema di punti ottenibili con l’uccisione dei Boss alla fine di ogni livello. Inoltre il protagonista può contare sullo Shuriken Ninjutsu, una grande stella ninja posta sulla sua schiena utilizzabile come arma da lancio. Questa può essere associata a tre poteri speciali (ciclone, fiamma e fulmine), utilizzabili per causare diversi tipi di danni. Il loro uso causa però la diminuzione della “barra del Chi”, presente sullo schermo assieme a quella della salute; basta tuttavia fermarci per pochi istanti per far sì che venga nuovamente riempita. Di grande aiuto si rivela poi la “vista ninja”, con la quale possiamo fermare il tempo per combattere meglio elevati numeri di nemici o boss particolarmente ostici, con la possibilità inoltre di evidenziarne i punti deboli. Totalmente assente il comparto multiplayer; il collegamente a Xbox Live è infatti utile solo per inserire i propri punteggi al termine di ciascuna delle nove missioni di cui è composto il gioco.

Amore

Spettacolarità ai massimi livelli

- Ninja Blade si rivela un gioco altamente spettacolare grazie ai numerosi QTE, che rendono le scene piene di adrenalina e al limite dell’inverosimile (come quando dovremo far atterrare un aereo sorreggendolo solo con la nostra forza fisica!). Vediamo il protagonista compiere voli degni di un base jumper per affrontare e abbattere boss dotati di grande forza: raramente ci è capitato di trovare in altri giochi mostri tanto enormi, e il colpo finale grazie al quale vengono definitivamente abbattuti, denominato “Todomè”, è spesso tanto spettacolare quanto esagerato. Cavalcare un missile come se fosse uno skate per dirigerlo verso l'elicottero che l'aveva lanciato inizialmente? Impagabile!

Grafica mozzafiato

- Il protagonista, i vari boss e l’ambiente circostante sono tutti ben curati e la panoramica di Tokyo dall’alto pullula di una miriade di luci. Il prezzo da pagare sono sporadici rallentamenti che tuttavia non rovinano l'appeal generale del gioco. Molto carina è inoltre la possibilità di personalizzare il protagonista grazie a diversi costumi ed emblemi, alcuni veramente bizzarri e caratteristici, come quello con disegnati tanti piccoli cuori e la scritta “Love” posta al centro.

Odio

Gameplay ripetitivo

- Il gioco è assolutamente lineare, e consiste essenzialmente nel far fuori le enormi quantità di nemici che incontreremo nei vari livelli, insieme ai frequenti boss che incontriamo durante il percorso. Questo può risultare noioso e ripetitivo per chi predilige combattimenti più diversificati e complessi.

Difficoltà elevata

- La durata del gioco si assesta sulle 10 ore, e forse per questo gli sviluppatori hanno voluto rendere la difficoltà elevata già a livello normale. Alcuni Boss finali si rivelano davvero difficili da abbattere, anche se la presenza della vista ninja e di fialette di energia e scariche di adrenalina reperibili nei vari ambienti di gioco, può rivelarsi di discreto aiuto in caso di necessità. Anche le parti platform possono dare diversi problemi: di tanto in tanto dobbiamo correre lungo le pareti balzando dall’una all’altra, e capita spesso di sbagliarsi cadendo nel vuoto a causa di una scarsa gestione dei controlli. A questo aggiungiamo i checkpoint a volte piuttosto distanti tra loro e l’impossibilità di interrompere una missione a metà (spegnendo la console a metà missione dovremo poi ricominciarla daccapo), oltre a una telecamera a volte imprecisa, ed otteniamo un titolo che può risultare spesso frustrante.

  • img
  • img
  • img


Tiriamo le somme

Il pregio maggiore di Ninja Blade sta nella sua elevata spettacolarità cinematografica, e risulta sicuramente divertente da portare a termine. Tuttavia la presenza eccessiva di QTE, l'estrema ripetitività e la difficoltà eccessiva di alcuni passaggi, oltre alla mancanza di un comparto multiplayer, ne fanno un’opera incompiuta. Peccato perchè, in un periodo così scarno di uscite come quello attuale, il prodotto From Software avrebbe potuto attirare l’attenzione non solo degli amanti delle storie di Ninja. 7.5

c Commenti


c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.