MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox




Wuppo

Recensione - Wuppo

Gli olandesi Knuist & Perzik ci offrono con Wuppo la loro personalissima interpretazione del genere metroidvania, con un action-adventure 2D dalla grafica quasi bambinesca ed un enorme mondo esplorabile. Scopriamone insieme le caratteristiche.

Il Gioco

Sapete cos'è un Wum? Probabilmente no, visto che si tratta di una bizzarra creatura inventata dagli sviluppatori appositamente per Wuppo; ci pensano però dei pratici documentari presenti nel gioco a spiegarci che i Wum sono delle simpatiche creaturine sferiche che popolano il pianeta dove si svolgono le vicende del titolo. Il protagonista stesso del gioco è un Wum, ed all'inizio dell'avventura lo troviamo nella sua stanza di albergo che ordina la millesima volta del gelato alla reception. Va a prendere la sua ordinazione, ma lui è una palla che non sa fare molto più che saltare e rotolare, e non riesce nemmeno stavolta a portare il suo dolce in camera senza sporcare tutto. La pazienza dello staff dell'hotel è giunta ormai al termine, ed il protagonista viene letteralmente buttato fuori. Parte così una surreale avventura alla ricerca di una casa!

Come in tutte le fiabe che si rispettino, anche qui incontriamo tanti bizzarri personaggi: uno su tutti un bizzarro uccello parlante che il giocatore può equipaggiare e portare, come del resto altri oggetti... in testa. Usare al meglio gli oggetti trovati in giro nei mondi bidimensionali del titolo è la chiave per risolvere diverse situazioni, dalla distruzione di ostacoli fino alla combinazione di elementi per ottenere ciò che serve per passare. Anche i dialoghi hanno spesso una parte importante nell'avanzamento, con la possibilità spesso di selezionare quale risposta dare ai nostri interlocutori, cosa che può avere un impatto immediato sugli eventi o sui dialoghi successivi.

Ma non corriamo troppo, perché sicuramente vi starete chiedendo: che diavolo è Wuppo? Si tratta di un platform-adventure game bidimensionale davvero atipico, immerso in un mondo vasto interconnesso ed esplorabile liberamente, in stile metroidvania per capirci: qui il platforming ha una sua importanza con sezioni nelle quali dobbiamo temporizzare in maniera precisa i nostri salti, ma il cuore del gameplay sta nell'interazione del giocatore con un mondo vivo e vivace, pieno di creature e personaggi bizzarri dove ogni area offre sorprese e novità non indifferenti e dove bisogna costantemente comprendere obiettivi e regole nuove per proseguire. Come accennato, l'utilizzo corretto degli oggetti e dei dialoghi è una componente fondamentale del gameplay per proseguire nella storia.

MX Video - Wuppo

Incontriamo anche occasionali combattimenti, sia contro mostriciattoli minori che contro boss enormi; questi solitamente avvengono con armi un po' improvvisate, come un mitra spara-vernice. Il focus del gioco rimane comunque sull'esplorazione e l'interazione con un mondo colorato e vibrante, con disegni curati ma che ricordano molto i cartoni animati per bambini fatti coi pastelli a cera. Colori vivaci, tanta vita e ambientazioni estremamente variegate che vanno da giungla a cielo, laghi, città, isole tropicali e miniere, ognuna con le sue particolarità.

Parliamo peraltro anche di un titolo discretamente lungo: arrivare in fondo richiede una dozzina d'ore, ma puntare al ritrovamento di tutti i segreti ed elementi aggiuntivi richiede ovviamente di più. Manca purtroppo la lingua italiana, quindi potrete godervi i divertenti dialoghi (esclusivamente testuali) solo se non avete problemi con l'inglese.

Amore

Un'avventura imprevedibile

- Una cosa che ho particolarmente apprezzato di Wuppo è che sa costantemente stupire il giocatore, dai primi minuti di gioco fino alla fine. Gli obiettivi e le situazioni di gioco sono di quanto più vario si possa immaginare: in un momento si saltella in giro per l'albergo cercando di non sporcare tutto col gelato, poco dopo si esplora il mondo con in testa un uccello parlante, in un'altra situazione si combatte contro un boss a colpi di vernice e così via. Non vi rivelerò ovviamente tutti i luoghi, personaggi e le situazioni di gioco che incontrerete in questa lunga avventura, ma sappiate solo che è davvero variegata, imprevedibile ed affascinante.

Stile da vendere

- Anche a livello visivo il titolo di Knuist & Perzik fa la sua figura, con disegni fatti a mano in stile colore a cera, non molto differenti da quanto visto in Yoshi's Island o alcuni capitoli della saga di Kirby. Incontriamo così mondi coloratissimi pieni di vita, con un look fiabesco dove anche piante o oggetti possono avere una propria coscienza. E questo stile splendido si nota anche nel gameplay, visto che la varietà impatta anche le situazioni di gioco: esplorazione subacquea, dialoghi con piante animate, peripezie, combattimenti contro boss improbabili... è davvero sorprendente quante cose diverse accadano nell'arco dell'avventura.

Odio

Gameplay semplicistico

- Il fascino di Wuppo è innegabile, ma la giocabilità risulta essere fin troppo banale: a parte qualche occasionale sezione platform un po' più tosta e qualche combattimento impegnativo, il gameplay in generale non risulta essere troppo entusiasmante. Ovviamente chi è alla ricerca di un'esperienza fortemente artistica non sarà troppo turbato dal gameplay minimale, ma chi sperava di trovare un platform game con meccaniche rifinite o memorabili rimarrà probabilmente deluso.

Niente localizzazione

- Wuppo ha uno charme e uno stile notevole, con personaggi molto ben caratterizzati e dialoghi spesso esilaranti. Lo sono, perlomeno, se avete una buona conoscenza dell'inglese, visto che ogni testo e dialogo del titolo è interamente in inglese. E' comprensibile l'assenza di localizzazione in produzioni indipendenti dal budget ridotto come questa, sia chiaro, ma rimane comunque un problema che inevitabilmente finirà per limitarne l'audience già di per sé abbastanza di nicchia.

Tiriamo le somme

Wuppo stupisce per i suoi disegni minimali e coloratissimi, per le situazioni davvero atipiche e per la straripante creatività del mondo di gioco, un vero piacere da esplorare nelle molte ore che ci separano dai titoli di coda. Questo avviene però a discapito del gameplay, che raramente offre novità, sezioni innovative o anche solo un buon livello di sfida. Per chi è alla ricerca di un mondo di gioco curato e affascinante, Wuppo rimane comunque un'opzione sicuramente valida.
7.6

c Commenti


L'autore

autore

Prima di saper scrivere a mano, sapeva già immettere i comandi DOS per avviare Doom, ma dopo una lunga vita al PC, il mondo di Halo lo avvicina alle console Microsoft. Non si nega i classici giochi tripla-A, specialmente gli FPS competitivi, ma passa la maggior parte del tempo a scovare gemme nascoste, dagli indie insoliti ai folli shmup giapponesi.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
caricamento Caricamento commenti...