MondoXbox

Live your
passion!

F1 2013

Recensione - F1 2013

Proprio mentre il mondiale di Formula 1 cade sotto i colpi implacabili di Vettel e della sua Red Bull ormai distanti primi in entrambe le graduatorie mondiali, come ogni anno da qualche tempo viene rilasciata da Codemasters la versione 2013 dell’omonimo gioco, F1 2013. Quest’anno le novità dovrebbero essere succulente e tali da giustificare l’acquisto di un titolo ben oltre il semplice adeguamento tecnico e visuale. Ci saranno riusciti?

Il Gioco

F1 2013 è l'ultima incarnazione della Formula 1 virtuale secondo Codemasters, che ambisce a riprodurre quel mix unico di tecnica, tecnologia, abilità e coraggio che da sempre fa di questo sport qualcosa di molto particolare ed uno dei più seguiti a livello mondiale. Il titolo riproduce con fedeltà tutte le livree e il comportamento in pista delle monoposto, mentre i circuiti sparsi per il mondo sono il teatro delle epiche sfide del campionato mondiale 2013. E' quindi possibile gareggiare con la velocissima Red Bull oppure la rossa Ferrari F138 in circuiti storici come Monza e Montecarlo oltre alle suggestioni esotiche di Abu Dhabi, Bahrain e Marina Bay. Al pari dei circuiti sono ricreate con la medesima cura e realismo le condizioni climatiche (con l’incredibile realismo della pioggia sul casco), l’usura delle gomme, il tatticismo dei box, la complessità del setup della macchina e i vincoli regolamentari.

Per cogliere al meglio tutte le sfaccettature di uno sport complesso e, forse anche per questo, pieno di mille piccoli dettagli che possono appassionare gli assidui seguaci, Codemasters ha dotato F1 2013 di numerose modalità di gioco pensate per evidenziare i tanti aspetti di questo sport. Oltre alla scontata modalità Gran Premio per disputare nei panni di uno dei piloti del circus un weekend di gara sul vostro circuito preferito, sono presenti ulteriori modalità che permettono un’esplorazione videoludica completa ed appagante del mondo della Formula 1. La modalità Carriera vi permette di costruire il vostro pilota, di farlo valutare nelle prove ufficiali per giovani piloti che regolarmente si svolgono sul circuito di Yas Marina e, in base ai risultati, di poter ricevere una richiesta di ingaggio da un certo numero di squadre; se avete poca dimestichezza col mondo delle monoposto, la sezione “Test per giovani piloti” fornisce alla modalità Carriera anche un tutorial per apprendere i trucchi di guida e come azionare Kers, DRS, rientrare ai box e comprendere il volante. Una volta accettato l’ingaggio si entrerà nel vivo del campionato durante il quale i vostri risultati influenzeranno il comportamento della squadra di cui fate parte nonché le eventuali offerte fatte dalle altre squadre del mondiale. Durante lo svolgimento delle prove libere è possibile che la vostra squadra vi chieda di svolgere compiti di test sulla vettura per curarne lo sviluppo esattamente come avviene nella realtà.

  • img
  • img
  • img
  • img


Per aumentare l’esperienza del vostro pilota è anche possibile prendere parte a quelle che sono considerate delle sfide di campionato nelle quali ci si misura non solo sulla base del proprio risultato ma anche verso uno dei piloti del circus precedentemente scelto. In questa modalità il calendario non rispetta quello della stagione 2013 e non è sempre richiesto di vincere ma è sufficiente fare meglio del proprio avversario. La differenza sostanziale rispetto alla carriera è costituita dal fatto che qui le prove si riducono solo ad un giro lanciato e ci si ritrova subito a disputare la gara. Un modo sicuramente più rapido per provare tutte le emozioni del GP sorvolando su tutti i particolari tecnici e le varie fasi che determinano una gara(prove libere, prove cronometrate, gara). La modalità carriera è la trasposizione videoludica di una stagione di Formula 1 vissuta da protagonista all’interno della propria squadra, inclusa la possibilità di leggere le news che vi riguardano, le email con i suggerimenti da parte delle varie componenti del team e le offerte che le squadre concorrenti possono pensare di farvi in base al vostro rendimento. Rispetto alla modalità “Sfida Campionato”, il calendario è esattamente quello della stagione 2013 e tutto il rituale del weekend di gara viene riprodotto con precisione (via opzioni è possibile comunque modificare la durata delle prove o altri parametri per diminuire la durata temporale degli eventi).

Nella modalità multigiocatore è possibile giocare in locale o in remoto via rete o su schermo condiviso. Oltre alle scontate modalità competitive è presente anche una originale modalità cooperativa nella quale potete affrontare un campionato on-line con un vostro amico nei panni del vostro compagno di squadra. Se invece volete sfidarvi in qualche scenario, contro un tempo su un circuito o, semplicemente, tentare di stabilire la migliore prestazione su uno dei circuiti disponibili, la modalità “Banco di Prova” vi permette di affrontare questo tipo di sfide. Degna di nota la modalità scenario, che vi permetterà di confrontarvi con uno scenario particolare (pioggia, motore con problemi, finale di stagione, gomme sgonfie) nel quale dovrete raggiungere un determinato obiettivo: una brillante divagazione sul tema che permette di vivere situazioni che richiederebbero ore di gioco in altre modalità per potersi verificare.

Novità introdotta quest’anno e sicuramente fonte di tanta curiosità da parte degli appassionati è la modalità F1 Classics. Questa permette di guidare le auto dei decenni passati (anni 80 per le edizioni normali del gioco) su storici circuiti che non sono più inclusi nel calendario di F1. Non posso nascondervi quale forte emozione sia stata quella di mettermi al volante della Williams di Rosberg (Keke, padre del Rosberg che gareggia nel 2013), della Ferrari di Berger, la Lotus e tante altre classiche leggende della F1. Per ognuna di queste auto storiche è possibile scegliere di disputare una gara con un pilota leggendario della scuderia oppure il pilota che in quella scuderia ha guidato quella macchina negli anni 80: ad esempio per la Ferrari ci sono rispettivamente Michael Schumacher e Gerhard Berger. In F1 Classics sono disponibili tutte le modalità presenti nel gioco con le macchine attuali tranne la modalità Carriera. All’interno di macchine che hanno costruito quell’alone leggendario che circonda la Formula 1 potrete quindi affrontare situazioni simili a quelle odierne con macchine completamente diverse e, forse, più umane e piene di passione.

Come avete potuto leggere F1 2013 è molto ricco nei contenuti, variegato nel gameplay e tecnicamente in linea con l’eccellente tradizione Codemasters. Esaminiamone ora i punti di luce ed ombra.

Amore

Un concentrato dell’essenza della Formula 1

- Dopo averci giocato parecchio non posso che considerare F1 2013 un concentrato di tutte le particolarità dello sport motoristico principe. Non è facile riprodurre quella mistura di tecnica, di passione, di sport e di agonismo in maniera così fedele e autentica. Se amate la Formula 1 questo gioco ha tutto: riproduzione fedele delle macchine, dei circuiti, del processo di setup, dell’adrenalina alla partenza, dei settings cambiati all’ultimo momento, della pioggia che scombina tutti i piani e dell’avversario che vi butta fuori strada. Ciliegina sulla torta: F1 Classics! Non conosco appassionato di Formula 1 che, almeno per una volta, non abbia guardato e ammirato le macchine del passato pensando a quanto eroici erano quei tempi. F1 2013 è la F1. Punto.

Profondità di gioco

- F1 2013 ha una gradualità di gioco tale da permettere ai giocatori di ogni livello di trovare quello che cercano in un gioco dedicato allo sport motoristico più seguito al mondo. E’ possibile lasciarsi guidare da tutti gli aiuti per divertirsi rapidamente senza preoccuparsi dell’aderenza, della staccata e della scia oppure provare l’ebrezza di dominare una bestia così feroce, rapida e mozzafiato come una macchina di F1 nel bel mezzo di un Gran Premio. Questi due estremi sono perfettamente intramezzati da mille combinazioni di tipologie di aiuto tali da incrementalmente introdurre nuove sfide agli aspiranti Vettel.

Tecnicamente ottimo

- E' praticamente scontato che il motore di Codemasters sia penalizzato dalla potenza delle console che, dopo anni di apogeo, mostrano il loro tempo. Nonostante ciò, ho fatto fatica a trovare pecche clamorose che facciano gridare allo scandalo così come mancanze che rompessero l’atmosfera di realismo che circonda il gioco. Anche le scene di cambio gomme, uscita dai box e celebrazioni al rientro sono ulteriormente affinate rispetto a quelle degli anni precedenti. Last but not least, il modello fisico delle macchine è talmente fedele che vi accorgerete della perdita di aderenza al consumarsi degli pneumatici.

Rubacuori

- L’aggiunta di F1 Classics dona al titolo (dalla data di uscita alquanto inesplicabile rispetto al campionato mondiale in corso) una longevità sconosciuta a questo tipo di videogame. Nell’edizione limitata sono già comprese nel prezzo anche le auto anni 90 e il mitico circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola. Tutti gli altri dovranno scaricare dallo store questi contenuti quando disponibili. Il mio cuore batte già forte in attesa di poter percorrere la Rivazza con la mitica F1 640 che urla tutta la potenza del motore V12 036/2. Innamorarsi è facile!

  • img
  • img
  • img
  • img


Odio

Il crepuscolo dalle current-gen

- Non si può fare a meno di notare come alcuni panorami siano visibilmente arronzati ed anche la scelta cromatica può peggiorare la situazione. Mi sono trovato a cercare di capire, sul circuito di Shangai, se il marroncino dietro la rete era un palazzo o il cielo. Dopo averci pensato un po’ ed aver aguzzato la vista era semplicemente il cielo che aveva un colore “strano” (a Shangai si corre di sera) scarsamente velato. Certo, dovendo risparmiare potenza è meglio farlo su una cosa che non attira normalmente la vista piuttosto che sul circuito ma, guardando più attentamente, risulta evidente il “risparmio” che qualche volta stona con la qualità del resto.

IA migliorabile

- E’ un vero peccato che l’intelligenza artificiale dei piloti non sia all’altezza della situazione, non si muova nel rispetto delle regole e tenda a dare sportellate con sorpassi improbabili e dannosi. Inoltre non “scala” con l’aumentare della difficoltà ma migliora semplicemente i tempi sul giro senza migliorare la componente agonistica o, almeno in parte, fare di Vettel il cannibale che è.

Tiriamo le somme

F1 2013 è il miglior gioco di Formula 1 mai realizzato fin ora da Codemasters. L’aggiunta della porzione F1 Classics aumenta la longevità del titolo giocando sulle emozioni: gli appassionati non possono resistere alle emozioni che possono suscitare gesti, rumori e forme di un tempo, parimenti come vana è la resistenza alla precisa trasposizione dell’attuale mondo della Formula 1, difetti compresi. Il gioco non è esente da piccoli difetti ma la varietà di modalità di gioco e la ricchezza tecnica vi coinvolgeranno al punto che, presto o tardi, vi ritroverete a sudare scalando le marce e tirando staccate fino all’ultimo centimetro. Questa è la Formula 1. 8.8

c Commenti (8)


L'autore

Nato nel 72, cresciuto ad insalate di matematica e libri di cibernetica non poteva che sviluppare una naturale inclinazione verso tutto quello che è tecnologia. Ha iniziato a giocare a Radar Rat Race sul Vic-20, a International Soccer su C64 e da quel momento in poi non ha mai tradito la sua passione, passando per quasi tutte le piattaforme di gioco e finendo ancor oggi per consumare tutto il suo tempo libero tra hobby e lavoro. Sperando che prima o poi coincidano perfettamente: ci siamo quasi.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.