MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



Disney Dreamlight Valley

Recensione - Disney Dreamlight ValleyXbox Series X | S Xbox One DigitalGame

A metà strada tra Animal Crossing e The Sims, con Disney Dreamlight Valley il team di sviluppo Gameloft ci offre un’esperienza magica per tutti gli appassionati dell’universo Disney. Dopo aver spolpato per bene il gioco siamo pronti a farvi sapere la nostra impressione: saranno riusciti gli sviluppatori a immergerci nel magico mondo Disney con un'opera degna del nome che porta? Scopriamolo insieme.
img

Il Gioco

La vita di città può essere parecchio caotica, si sa. Per questo motivo il nostro protagonista ha deciso un giorno di prendersi una pausa e raggiungere la vecchia casa di famiglia, lontano dal caos cittadino e immersa in un tranquillo bosco. Senza svelare troppo del plot narrativo, il nostro eroe (o eroina) si ritroverà nella misteriosa Disney Dreamlight Valley. Il nostro arrivo ci farà immediatamente incontrare un esuberante Mago Merlino, il quale ci racconterà di come la Valle sia diventata cupa e oscura dopo che il loro sovrano è scomparso nel nulla. Il Regno infatti è avvolto da quello che Merlino chiama “l’Oblio”, una magia malvagia che ha deformato il Regno e fatto perdere la memoria ai suoi abitanti. Per la fortuna del mago, noi saremo immuni agli effetti dell’Oblio e spetterà a noi salvare la Disney Dreamlight Valley e i suoi abitanti.

MX Video - Disney Dreamlight Valley

È questo l’incipit narrativo che gli sviluppatori hanno plasmato con il pretesto di affidare nelle nostre mani il destino della Valle, in quello che si potrebbe definire un sandbox game che strizza l’occhio a The Sims e Animal Crossing, ma impreziosito dalla licenza di moltissime opere Disney, con i suoi mondi e personaggi. Non ci vorrà molto prima di incontrare Topolino, Pippo, Wall-E, Ralph Spaccatutto e moltissimi altri. Come se non bastasse il gioco verrà espanso nei prossimi mesi, con nuovi contenuti e un costante supporto post-lancio che arricchirà la già vasta offerta iniziale.

Per prima cosa, una volta avviato il gioco, ci troviamo nell’editor del personaggio, dove possiamo plasmare il nostro alter-ego digitale con una buona scelta di parametri. Inoltre non c'è una vera e propria scelta del sesso del nostro personaggio, ma possiamo selezionare i tratti che preferiamo nelle varie opzioni (lineamenti più maschili o femminili) con accessori come capelli e abiti disponibili per tutti. Inoltre le animazioni del personaggio si modificano in base all’abbigliamento scelto. Per esempio, se avete un personaggio maschile ma un giorno decidete di vestirlo come Cenerentola, il vostro avatar si muoverà come se fosse una vera principessa. Questo, oltre ad aumentare l'inclusività del gioco, crea anche situazioni divertenti senza mai cadere nel ridicolo.

img
Una volta in partita, il gioco ci introduce nella prima area della Mappa, che dobbiamo salvare e curare dall’Oblio. La prima zona comprende il villaggio, dove accoglieremo i vari personaggi Disney che salveremo, e il “Prato Tranquillo", con i suoi stagni e i verdi spazi. Nel villaggio abbiamo anche la nostra personale dimora, personalizzabile e migliorabile in ampiezza (a patto di avere abbastanza monete d’oro). Il nostro personaggio ha una barra dell’energia, che si consuma man mano che svolgiamo varie attività come gestire il proprio orto, spaccare pietre per cercare materiali preziosi, pescare, ecc. Per recuperare energia possiamo decidere se tornare a riposare nella nostra casa oppure mangiare del cibo. La qualità del cibo influisce sull’energia che si può recuperare.

Potremo diventare, grazie anche magari all’aiuto del piccolo topo chef Ratatouille, dei cuochi eccezionali, cucinando e preparando piatti sempre nuovi. Gli ingredienti però dovremo procurarceli noi. Le verdure vanno piantate e curate (comprando magari i semi alla bancarella di Pippo), mentre il pesce dobbiamo pescarlo con le nostre mani, sperando che abbocchi una preda di qualità. Per migliorare la nostra dimora e il villaggio (completamente personalizzabile) dovremo rivolgerci alla bottega di Zio Paperone, la cui leggendaria avidità ha reso i prezzi di alcuni oggetti decisamente alti. Per poter proseguire nelle nostre attività dobbiamo fare uso di quattro oggetti essenziali recuperati durante lo svolgimento della Quest Principale e che Mago Merlino sarà ben felice di potenziare. Gli oggetti in questione sono la pala, essenziale per scavare alla ricerca di tesori o per creare magari il nostro orto personale, il piccone, il cui scopo è spaccare la pietra e i giacimenti di minerali, la canna da pesca, che serve ovviamente per pescare ed infine l'innaffiatoio, indispensabile per dar da bere alle nostre piante, alle nostre verdure e, se potenziato da Mago Merlino, potrebbe rivelare altri possibili utilizzi.

img
I personaggi che incontreremo diventeranno col tempo nostri amici, e come ci ha insegnato The Sims, le amicizie vanno coltivate. Parlare con Topolino di Minnie o di pesca con Pippo, ad esempio, migliorerà la nostra amicizia con loro. Potremo svolgere anche attività in loro compagnia, facendoci magari aiutare nel recupero di determinate risorse. Migliore l’amicizia con vari NPC inoltre ci fornirà ricompense uniche. Ogni personaggio ha una specie di Pass personale, a cui ogni livello di amicizia raggiunto corrisponde una ricompensa, come del loot, denaro oppure oggetti utili da posizionare nella nostra dimora o nel villaggio. Mentre ci addentreremo nei meandri del Regno saremo chiamati a racimolare sempre più magia chiamata Dreamlight, utile per sbloccare nuove aree e incontrare nuovi personaggi. Infatti, per rimpolpare il villaggio con altri personaggi Disney dovremo raggiungere il Castello dei Sogni, al cui interno numerose porte ci porteranno nei vari mondi Disney (piccolissimi dungeon, per l’esattezza) dove troveremo un personaggio da salvare e portare nella Valle. Per esempio uno dei primi personaggi che incontreremo sarà il robottino Wall-E, il cui mondo è una piccola discarica colma di rifiuti. Svolgendo una quest per lui, alla fine lo convinceremo a venire con noi nella Valle.

Il gioco è strutturato come un’avventura che comprende una piacevolissima quest principale gestita da Mago Merlino, che ci vedrà esplorare tutta la Valle e salvarla dalla magia oscura Oblio. Non mancheranno poi diverse e numerose quest secondarie, affidateci dai vari amici/npc che incontreremo e porteremo al villaggio. Inoltre il nostro personaggio salirà di livello, con i vari benefit che ne conseguono, come l’aumento della barra dell’energia. Girovagando per la Valle inoltre scopriremo tantissimi extra da sbloccare, collegati ai vari film Disney, tra cui bozzetti, enigmi, diari misteriosi e molto altro. Una vera miniera d’oro per ogni appassionato delle opere animati realizzate dalla Disney.

img
Disney Dreamlight Valley è completamente localizzato in italiano, sia per il doppiaggio (presente in poche battute) sia per quanto riguarda i testi a schermo. Di piacevole fattura sia il comparto audio, con musiche ed effetti che richiamano le varie pellicole, sia per quanto riguarda la componente grafica, nonostante un presente (ma mai troppo invadente) effetto pop-up nelle versioni old-gen del gioco.

Amore

Un piatto ricco

- Una delle cose che ho molto apprezzato del gioco è la quantità di contenuti che questa versione base offre fin da subito. Il gioco presenta tanti personaggi, oggetti, vestiti, ecc presenti in tantissime pellicole animate Disney, sia recenti che di svariati anni fa. La maggior parte di essi va comprata presso il negozio di Zio Paperone, oppure trovata nelle nostre avventure. Un ottimo modo per incentivare il giocatore ad esplorare ogni attività. Inoltre il mondo di gioco, per quanto non sia dettagliato come un moderno sandbox tripla A, è molto piacevole da esplorare. La Mappa non è molto estesa, ma per l’esperienza che il gioco ci promette di far vivere, la cosa non è per nulla un problema.

Avventura per tutti

- Sono rimasto piacevolmente colpito dalla Quest Principale presente nel gioco. Inizialmente pensavo fosse un mero pretesto per nascondere il tutorial sotto forma di prologo narrativo, ma la verità è che ci troviamo a vivere un’avventura magica dal sapore decisamente Disneyano. Non siamo di fronte a un’avventura ostica (il personaggio principale non muore, al massimo si “stanca”), ma grazie alla sua semplicità e alle sue meccaniche accessibili, il titolo è perfettamente apprezzabile sia da un pubblico maturo in cerca di un’avventura spensierata, sia da un pubblico più giovane. Oppure potrebbe essere il pretesto per giocare assieme alla propria prole, avvicinandola al mondo del gaming attraverso un'opera cucita perfettamente per loro.

The Simcrossing

- Il gioco è un sandbox simulatore di vita, che prende elementi da giochi come Animal Crossing e The Sims. Nonostante le meccaniche non siano mai approfondite come i titoli citati, l’avventura di Gameloft ha trovato a mio avviso un mix equilibrato e leggero. Non tutti i giochi devono essere per forza ostici, complessi e macchinosi. A volte anche un’avventura facile ma profonda può regalare soddisfazioni.

Verso L’infinito e Oltre

- Più che un elemento positivo, questa è una sensazione. Giocando il pacchetto di lancio e scoprendone le possibilità, consapevole della promessa di nuovi contenuti in arrivo nei mesi prossimi, credo che il gioco potrebbe diventare l’esperienza definitiva per tutti gli amanti Disney e Pixar. Un universo dove immergersi e plasmare il proprio mondo, vivendo anche magiche avventure.

Odio

Una Valle fin troppo tranquilla

- Una cosa che mi ha fatto molto storcere il naso è la presenza risicata di parlato nel gioco. I personaggi infatti, eccetto per la battuta iniziale di saluto che ci rivolgono ogni volta che interagiamo con loro, sono privi di voce. Il gioco quindi gestisce i dialoghi attraverso balloon muti tutti da leggere. Considerato che il gioco è soprattutto pensato un pubblico di bambini, trovo la cosa un po’ stonata. Almeno la Quest Principale avrebbe dovuto essere doppiata, invece di lasciare tutto il gioco in mano a schermate mute da leggere.

Tecnicamente migliorabile

- Per quanto il gioco sia molto piacevole da vedere, trovo che problemi di pop-up e eccessivi caricamenti siano decisamente fuori luogo. La mappa non è vastissima e il look cartoonesco da film animato avrebbe dovuto donare un’ottima fluidità al gioco. Peccato che non è sempre così, soprattutto nella versione old-gen. Parliamo di piccolezze, che speriamo vengano risolte nei prossimi aggiornamenti. Aggiungo la presenza di un bug fastidiosissimo, che non permette di aprire alcuni contenitori di loot aggiunti al nostro inventario, bloccando l’intero gioco. Non succede sempre, ma quando accade, sarete obbligati a riavviare l’applicazione.

Quest secondarie dimenticabili

- Mentre la storia principale si muove su saldi binari, ho trovato alcune quest secondarie davvero ridicole e banali. Per nulla ispirate rispetto al resto del pacchetto, alcune missioni dei personaggi sono piuttosto noiose e ripetitive da fare. Una piccola porzione, comunque, rispetto a tutto il pacchetto.

Tiriamo le somme

Disney Dreamlight Valley si presenta come una base di partenza solida e ricca fin da subito di contenuti. L’avventura è molto piacevole da vivere e le meccaniche mai complesse possono avvicinare il gioco anche a un pubblico più giovane. Se il team di sviluppo riuscirà ad arricchire l’esperienza e a correggere alcune imperfezioni, il gioco potrebbe diventare un vero assorbi-tempo per i fan Disney e Pixar. Una quest tira l’altra, il nostro orto richiede attenzione, Pippo vuole venire a pescare con noi... C’è sempre qualcosa da fare a Dreamlight, un luogo magico e perfetto per chi vive di ossigeno e prodotti Disney.
8.0

c Commenti (1)


L'autore

autore

Nato 500 anni dopo la sua epoca ideale, è un appassionato di videogiochi e cinema fin da quando era bambino. Megalomane, egocentrico e inspiegabilmente affascinante, crede di sapere tutto sul mondo videoludico e cinematografico, non accettando obiezioni. Nessuno è pari alla sua magnificenza.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
caricamento Caricamento commenti...