MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



John Wick Hex

Recensione - John Wick HexXbox One DigitalGame

John Wick ed il suo "Gun Fu" arrivano anche su Xbox con il rilascio del particolare action/puzzle/tattico di Mike Bithell John Wick Hex; l'abbiamo giocato per raccontarvi di cosa si tratta.
img

Il Gioco

Se amate gli splendidi film di John Wick con Keanu Reeves saprete che, oltre all'affascinante universo fatto di assassini legati da un particolare codice d'onore, il maggior tratto distintivo di queste pellicole sta nell'abilità del protagonista di combattere tra miriadi di nemici utilizzando un misto di arti marziali ed armi da fuoco, una disciplina che il regista Chad Stahelski ha ribattezzato come "Gun Fu". John Wick concatena calci, capriole e colpi da arma da fuoco in un mortale e velocissimo balletto, ormai marchio di fabbrica dei suoi film: a prima vista appare quindi insolita la scelta dello sviluppatore indipendente Mike Bithell (Thomas Was Alone, Volume) di trasporre questi combattimenti, in John Wick Hex, con un gameplay a turni e visuale isometrica. Ma una volta iniziato a giocare, i motivi di questa scelta appaiono ben chiari.

Facciamo però un passo indietro e, prima di passare al gameplay, vediamo di cosa parla il gioco. John Wick Hex è una nuova storia del leggendario assassino che ha luogo prima dei film e che vediamo essere narrata dal villain di turno, il misterioso Hex, il quale è riuscito nell'intento di catturare e tenere in ostaggio due volti ben noti della saga cinematografica, il direttore del Continental Hotel, Winston, ed il suo portinaio, Charon, con lo scopo di ricattare la super-organizzazione criminale nota come la Gran Tavola. E qui entra in gioco John, ingaggiato proprio dalla Gran Tavola per rintracciare Hex e farlo fuori. Tutti i personaggi hanno le stesse sembianze degli attori reali, anche se lo stile grafico è fumettoso ed a bassa mole poligonale; i fan dei film non faranno comunque fatica a riconoscerli.

MX Video - John Wick Hex

La storia non approfondisce comunque la mitologia della serie cinematografica, limitandosi ad offrire un mero pretesto per le azioni di John che vedremo assaltare diverse location, facendo fuori tutti i luogotenenti ed alleati di Hex, fino ad arrivare a quest'ultimo. Dal punto di vista del gameplay ci troviamo, come detto, di fronte ad un gioco a turni con visuale isometrica; siamo però molto lontani dal classico titolo in stile XCOM, perché lo scopo dello sviluppatore Mike Bithell non era quello di creare un gioco strategico/tattico ma semplicemente quello di farci ricostruire, mossa per mossa, il balletto di morte di cui è protagonista il "Baba Yaga" in ogni suo combattimento: lui elabora ogni mossa reagendo ai movimenti nemici istintivamente ed in maniera fulminea, mentre a noi servirà un po' di tempo per valutare attentamente lo scenario e decidere come muoverci.

In ognuno dei livelli (i quali fanno a loro volta parte di un "percorso" all'interno di un'ambientazione più vasta), dobbiamo quindi condurre John attraverso strade e ambienti al chiuso fino a raggiungere l'uscita del livello; ogni area è zeppa di nemici, i quali però ci si riveleranno solo quando avremo una visuale diretta su di loro, e questo in spesso capita quando sono piuttosto vicini e magari pronti a spararci, con poco tempo a disposizione per reagire alla loro presenza. L'intero flusso del gameplay è scandito da una timeline, visibile in alto, nella quale è visibile il tempo d'esecuzione sia delle nostre azioni che di quelle dei nemici; quindi a differenza di altri giochi a turni, dove abbiamo un tot di azioni per turno, possiamo fare tutto quello che vogliamo facendo avanzare la timeline, ma ad ogni nostra mossa avanza anche la timeline dei nemici, dei quali dovremo tener conto.

img
Facciamo un esempio: se abbiamo di fronte due nemici che si preparano a spararci, nella timeline vedremo che impiegheranno un certo tempo per mettersi in posizione di fuoco, dopo di che spareranno in momenti diversi. In quel tempo possiamo decidere di sparare ad uno di loro per interrompere la sua azione, e la timeline ci mostrerà se riusciremo a farlo prima di lui, ma probabilmente così facendo l'altro riuscirà a spararci levandoci una parte di salute, quindi il tempo a nostra disposizione potrebbe essere meglio sfruttato spostandoci per levarci dalla loro linea di tiro ed elaborare una tattica offensiva.

Le azioni che possiamo fare sono molteplici e a volte dipendono dal contesto: è possibile spostarsi passo per passo, accovacciarsi per ottenere una mira migliore (a seconda di distanza e velocità di movimento, ogni nemico ha una percentuale di possibilità di essere colpito quando spariamo) o rotolare per schivare i colpi, spingere via i nemici o atterrarli ed effettuare combattimenti corpo a corpo. Le armi, inoltre, hanno un numero limitato di munizioni e non ci sono caricatori da raccogliere, quindi il modo per essere sempre carichi è quello di raccogliere le armi dei nemici man mano che li uccidiamo: questo ci offre anche l'opportunità di maneggiare armi di tipo diverso. Una delle azioni possibili è anche quella di lanciare la pistola che impugniamo addosso ad un nemico stordendolo per qualche secondo, giusto il tempo di raccogliere un'altra arma e colpirlo. Per quanto riguarda invece la gestione della salute, John inizia ogni scenario con un paio di bende che gli permettono di recuperare salute, ma terminate queste sarà dura sopravvivere. Prima di affrontare ogni ambientazione, fortunatamente, ci è possibile nascondere un numero limitato di bende e pistole extra nei vari livelli, così da poterne far uso al momento opportuno.

img
Il tempo di completamento del gioco, composto da 7 capitoli ognuno dei quali presenta ambientazioni diverse, può andare dalle 7 alla decina d'ore a seconda di quanto impiegherete per districarvi da ogni situazione: inizialmente i combattimenti sono semplici, ma man mano che avanzerete diventeranno più complessi e vi troverete a ripeterli più volte fino a capire il modo migliore per uscirne. Una volta completato un livello, peraltro, è possibile rivedere l'intera sequenza delle nostre mosse come se fosse un film, con la telecamera dietro al protagonista o posta in vari punti della mappa, così da ricostruire il nostro "balletto di morte". Testi e sottotitoli sono localizzati in italiano, mentre il parlato dei dialoghi rimane in inglese.

img

Amore

Timeline delle azioni

- John Wick Hex fa un uso molto originale della gestione dei turni, sfruttando la timeline lungo la quale si muovono protagonista e nemici anziché dare ad ognuno dei turni predefiniti entro i quali fare le loro azioni. Questo ci permette di muoverci più agevolmente quando non ci sono nemici in vista e di poter invece valutare attentamente le nostre azioni quando siamo nel pieno dell'azione.

Essere il Baba Yaga

- Il pregio maggiore di John Wick Hex è indubbiamente quello di farci entrare nei panni del temutissimo John Wick, decidendo e portando a termine le tante decisioni di combattimento che lui compie in maniera completamente istintiva. La quantità di mosse a nostra disposizione è molto vasto, così come sono tante le variabili di cui tenere conto, ma quando riusciamo ad uscire vincitori da un'area piena di nemici che sbucano da tutte le parti, la sensazione è di pura euforia.

Odio

Animazioni poco convincenti

- Lo stile visivo di John Wick Hex non è male, con un look da cartone animato che ben si sposa con le ambientazioni e l'azione del gioco; quello che invece stona sono le animazioni estremamente legnose, sia del protagonista che dei nemici; non danno affatto l'idea delle fluide coreografie viste nel film. Quando poi rivediamo l'intera sequenza d'esecuzione di un livello, dopo averlo terminato, il tutto stona ancora di più con i personaggi che si muovono a scatti come marionette. Questo è un aspetto che avrebbe dovuto essere curato maggiormente.

Tiriamo le somme

John Wick Hex cerca di catturare e riproporci cosa significa essere John Wick, ma ci riesce in parte: il sistema a turni basato sulla timeline è un buon espediente per farci vivere le complesse e velocissime scene d'azione di cui è protagonista il famoso antieroe cinematografico, ma non disponiamo della vasta gamma di mosse che normalmente gli vediamo sfoggiare e le animazioni legnose rovinano l'effetto coreografico. Nonostante ciò rimane comunque un buon titolo tattico a turni, consigliato per gli amanti del genere e della saga cinematografica.
7.3

c Commenti (1)


L'autore

autore

Classe '72, dall'animo geek e appassionato da sempre di videogiochi e informatica, nel 2002 è cofondatore di MX. Il sito parte per gioco ma diventa una parte sempre più importante della sua vita insieme a lavoro, famiglia e troppi altri interessi: questo lo costringe a rimandare continuamente i suoi piani di dominio sul mondo.

Xbox Italia, il gruppo Facebook ufficiale di MondoXbox
c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...