MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



Ary e il Segreto delle Stagioni

Recensione - Ary e il Segreto delle StagioniXbox One DigitalGame

Lo studio belga Exiin ci propone con Ary e il Segreto delle Stagioni un gioco fiabesco d’avventura e azione, ispirato marcatamente alle atmosfere e al gameplay di The Legend of Zelda. Dopo aver raccolto molti premi e riconoscimenti durante le partecipazioni alle passate fiere internazionali, vediamo insieme se la versione finale del gioco sia riuscita a mantenere le entusiasmanti promesse.

Il Gioco

La storia di Ary e il Segreto delle Stagioni ci vede impersonare Aryelle (detta Ary), una giovane ragazza che deve attraversare il grande mondo di Valdi. Un tempo questo mondo era minacciato da un mago malvagio ma, dopo la sua sconfitta, Valdi è tornato ad essere un piacevole luogo diviso in quattro regioni, corrispondenti alla stagione che le caratterizzano. La sicurezza di queste quattro regioni è affidata ai Guardiani delle Stagioni che, da generazioni, trasmettono le loro conoscenze di padre in figlio. Ary è la figlia di Gwenn, il Guardiano dell'Inverno. A causa di alcuni sfortunati eventi accaduti a suo fratello che gli hanno impedito la successione al ruolo di suo padre, Ary si impadronisce della Sfera dell’Inverno, opta per un taglio di capelli maschile e si ritrova nella difficile posizione di prima ragazza a unirsi ai Guardiani delle Stagioni. Purtroppo, nel frattempo, un malvagio nemico ha rubato agli altri Guardiani le rispettive Sfere delle Stagioni. Ad Ary non resta quindi che partire nella sua avventura attraverso Valdi, scossa dalla nuova malvagia minaccia, ed utilizzare le capacità di controllare e manipolare le stagioni, usandole per superare gli ostacoli, risolvere enigmi complessi e sconfiggere i nemici.

img
Le meccaniche del gameplay di Ary e il Segreto delle Stagioni sono tipicamente “Zeldiane”. Si parte dai classici dialoghi con personaggi secondari sparsi nei vari luoghi e che ci possono dare informazioni o indicare missioni secondarie, quasi sempre banali e non impattanti sulla storia, per arrivare ai combattimenti che prevedono poche e semplici mosse a costruire un combat-system per nulla pensato per agevolare la fluidità dello scontro. La precisione di queste mosse, così come l’uso dei salti, lasciano molto a desiderare. Il sistema di locking del nemico funziona spesso male e la telecamera non aiuta, ma ostacola. I salti, mossa fondamentale del gioco, sovente sono imprecisi costringendoci a noiose ripetizioni. Anche la gestione dei potenziamenti e dell’equipaggiamento non svetta purtroppo. Abbiamo sì la possibilità di gestire denaro, potenziamenti, armi, salute e vestiario, grazie anche alla presenza dei Mercanti, ma il loro uso rimane spesso limitato all’estetica di Ary e privo di impatto significativo sul gioco, se non in particolari situazioni o in specifici luoghi, come i sotterranei.

MX Video - Ary e il Segreto delle Stagioni

Basta però pazientare un poco per accorgersi che, in Ary e il Segreto delle Stagioni, la componente del gameplay più riuscita è quella dedicata all’uso dei poteri che otterremo una volta entrati in possesso delle varie Sfere Stagionali, che permetteranno ad Ary di manipolare le stagioni, attraverso la generazione di bolle. Ad ogni bolla creata è associato un potere e delle logiche d’azione tipiche di una stagione, fornendoci la possibilità di risolvere enigmi e muoverci da un punto all’altro della scena utilizzando fenomeni fisici o elementi meteorologici propri di ogni stagione. Per esempio, per aprire un portone collegato ad ingranaggi meccanici potremo generare una sfera autunnale d’acqua che muoverà una ruota di un mulino collegato al portone. Oppure, per superare un baratro potremo usare l’effetto inverno per creare un ponte di ghiaccio. A questo vanno aggiunti i poteri forniti da massi d’onice che potremo utilizzare per attivare le sfere e risolvere diversi puzzle.

img
Esteticamente il mondo di Ary e il Segreto delle Stagioni procede per alti e bassi, alternando ambientazioni originali e ben disegnate a luoghi più approssimativi e con assets ripetuti. In entrambi i casi è apprezzabile l’uso delle vivide tinte pastello che, sui modelli stilizzati, contribuiscono a dare un tocco da cartone animato fiabesco all’intero mondo di Valdi. Anche se in precedenza ho già accennato a qualche imperfezione nel gioco, devo dire che Ary e il Segreto delle Stagioni è molto lontano dall’esser tecnicamente perfetto. Sin dai primi passi si riscontrano molteplici problemi di diversa gravità. Forse il più evidente è il tearing che si presenta un po’ ovunque. Ma anche le animazioni escono dal seminato, offrendoci sequenze senza fluidità omogenea. I bug e i glitch sono veramente numerosi e colpiscono texture, modelli, musica e altro ancora. A tutto ciò si aggiunge una non perfetta gestione della telecamera. Per completare Ary e il Segreto delle Stagioni, senza perdersi nelle innumerevoli quests secondarie, servono 8-10 ore, a seconda della rapidità con cui si riescono a risolvere i puzzle.

img

Amore

Stagioni in bolla

- La creatività e le diverse possibilità che l’uso delle Sfere Stagionali ci consente è la bellezza ed il limite stesso di questo meccanismo. Più procederemo e più troveremo passaggi da superare, in cui ci verrà richiesto un uso combinato dei diversi poteri delle sfere. Da un lato l’ingegno e la fantasia da utilizzare ci potranno stupire, dall’altro capiterà di cadere in momenti di frustrazione. Nonostante ciò, questa intuizione nel gamepaly da parte degli sviluppatori è l’unico motivo di soddisfazione che sprona il giocatore a proseguire per scoprire come risolvere in maniera intelligente i diversi puzzle del gioco.

Vasto mondo esplorabile

- Le quattro regioni in cui è diviso Valdi sono esteticamente diverse e ben caratterizzate, tutte connesse tra loro e raggiungibili tramite vie alternative. Considerando anche la presenza dei più lineari sotterranei, otteniamo un mondo veramente vasto da esplorare, saltellando liberamente alla ricerca di collezionabili o di missioni secondarie.

Odio

Una storia debole

- Non si può certo dire che la storia di Ary e il Segreto delle Stagioni sia articolata o avvincente. Un po’ troppo rivolta ad un pubblico molto giovane, spicca per leggerezza e semplicità.

Un gioco instabile

- Imbarazzante la quantità e la varietà dei problemi incontrati: tearing, cali di frame rate, compenetrazioni, telecamera impazzita, bug, glitch. Insomma, molti problemi tecnici e funzionali che non si dovrebbero riscontrare in un gioco del 2020.

Localizzazione deludente

- Passi il fatto che l’audio del gioco non sia doppiato in Italiano, ma il testo in italiano dei dialoghi, oltre a contenere grossolani errori, spesso è incompleto o presenta parole in altra lingua.

Tiriamo le somme

Ary e il Segreto delle Stagioni non mantiene le promesse che, dopo i tanti premi e riconoscimenti ricevuti in fase di sviluppo, ci saremmo aspettati. Un’occasione persa da parte di Exiin, con le attenuanti da riconoscere ad un piccolo team di persone che forse, sull’onda del successo dei primi riconoscimenti, ha accelerato troppo lo sviluppo. Detto questo, il gioco introduce nel gameplay delle interessanti meccaniche che verranno sicuramente apprezzate dagli appassionati dei titoli in stile The Legend of Zelda.
6.3

c Commenti (2)


L'autore

autore

Amante degli animali, tecnologo, videogiocatore da sempre, passa dai Laboratori di Ricerca in Biologia Molecolare alle Multinazionali IT Americane nei gloriosi anni ‘90. La giornata perfetta: un paio di Martini molto secchi, Frank Zappa nelle orecchie, 3-4 ore divise tra Doom e Half-Life e al fianco la sua "ferocissima" bassottina a pelo duro.

Xbox Italia, il gruppo Facebook ufficiale di MondoXbox
c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
caricamento Caricamento commenti...