MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



The Persistence

Recensione - The PersistenceXbox One DigitalGame

I britannici Firesprite effettuano una nuova operazione di conversione da VR a TV con l'acclamato FPS/roguelite sci-fi The Persistence; scopriamo se le ottime qualità del gioco siano sopravvissute indenni al passaggio dal visore allo schermo piatto.

Il Gioco

The Persistence ci immerge in un futuro piuttosto lontano, nell'anno 2521; ormai le tecnologie come i viaggi spaziali e la clonazione umana sono elementi scontati della società, e sono proprio al centro di questa avventura in prima persona. Nel gioco vestiamo i panni del responsabile della sicurezza di una navicella spaziale invasa da mostri simili a zombi… anche se il protagonista originale è morto da tempo, e noi impersoniamo uno dei suoi tanti cloni. In questo universo si è infatti creato un macabro sistema in cui la morte non è che un nuovo inizio: ogni volta che protagonista muore la sua coscienza viene trasportata in un suo clone così da permettergli di tornare in azione affrontando orde sempre nuove di creature, rivivendo la propria morte chissà quante volte prima di aver terminato il lavoro. Un'esperienza angosciante.

img
Inoltre, ed in maniera più difficilmente spiegabile, ogni volta che moriamo e respawniamo dal punto di partenza, anche la mappa dell'intera astronave cambia: sembra che l'ambiente reagisca alle nostre clonazioni riorganizzandosi ogni volta in maniera diversa. Ovviamente questo non è altro che un pretesto per permettere agli sviluppatori di creare un titolo appartenente al genere roguelite in cui, appunto, i due capisaldi sono il permadeath e la generazione procedurale dei livelli. E come in ogni roguelite che si rispetti, ad ogni morte non perdiamo tutto ma manteniamo miglioramenti e varie abilità ottenuti durante le run precedenti, così da rendere man mano sempre più facile arrivare in fondo all'avventura. Ed anche se l'astronave si riconfigura ogni volta con una mappa diversa, gli obiettivi già raggiunti ed i punti di teletrasporto sbloccati rimangono invariati, così da permetterci di saltare velocemente in aree chiave senza dover ripercorrere tutte le aree antecedenti.

MX Video - The Persistence

Il gameplay di The Persistence è indubbiamente ispirato da titoli come System Shock, BioShock o il recente reboot di Prey, con visuale in prima persona ed armi di diverso genere che spaziano da mazze e martelli per il corpo a corpo fino a pistole ed esplosivi. Il sistema di combattimento è però volutamente lento e un po' macchinoso: scordatevi sparatorie ad alto tasso di adrenalina, i colpi sono pochi, le possibilità acrobatiche limitate ed è fondamentale saper usare al meglio un approccio stealth per non farsi sopraffare oltre ad un utile meccanismo di parata che ci permette di deflettere i nemici che ci si sono avvicinati troppo per poi ucciderli con un colpo mortale quando barcollano dandoci le spalle. Tutto questo è una vestigia della natura del gioco, progettato inizialmente per i sistemi VR e quindi necessariamente legato a meccaniche più lente; è persino rimasta la modalità di spostamento "a teletrasporto" tipica dei giochi VR, che ci permette di puntare in un punto dell'area circostante per materializzarci istantaneamente lì, anche in presenza di ostacoli tra noi e quel punto. Questo non significa però che sia un gioco facile, anzi: la difficoltà dei combattimenti è piuttosto alta e diventa quindi importante padroneggiare le varie meccaniche imparando anche a sfruttare lo scenario circostante. Anche perché i nemici ci seguono pressoché dappertutto, persino nei condotti di aerazione.

img
Il gioco non però unicamente un susseguirsi di combattimenti: le aree generate casualmente offrono anche numerose cose da raccogliere, come monete e kit medici ma troviamo anche dei terminali dove sbloccare ed acquistare nuovi armamenti e accessori particolarmente utili. Troviamo poi in giro messaggi e indicazioni che raccontano cos'è successo in questa nave spaziale causando l'invasione, e non mancano anche occasionali enigmi per l'apertura di porte o per l'azionamento di qualche meccanismo.

img
Da buon roguelite, ovviamente The Persistence si basa sulla ripetizione, con ogni morte che permette al giocatore di avanzare un po' più avanti nella mappa; come accennato anche prima, però, ci sono diversi elementi che rendono questo gameplay loop meno tedioso: una volta raggiunte alcune aree chiare si sblocca la possibilità di teletrasportarci direttamente lì anche dopo essere morti/rinati, inoltre in qualunque momento è possibile abilitare una modalità assistenza che facilita di gran lunga il gioco, permettendo ai giocatori meno esperti di godersi l'ambientazione. Ma gli sviluppatori hanno anche pensato a chi vuole un'esperienza più impegnativa, con una serie di difficoltà più alte che aggiungono anche la morte permanente senza possibilità di rigenerarsi, chiedendoci quindi di completare l'intero gioco con una singola vita. Non manca infine una buona localizzazione italiana di tutti i testi e sottotitoli, elemento sempre gradito.

Amore

Alien, sei tu?

- Se si parla di basi spaziali buie e claustrofobiche dove destreggiarsi tra creature che cercano di farci fuori, impossibile non pensare alla saga cinematografica Alien, vero e proprio precursore di un intero genere di film. Per quanto ci siano nemici umanoidi questa volta, il tipo di atmosfera è certamente paragonabile. Trappole, luci limitate, pericoli in ogni stanza, rumori molesti anche quando sembra di stare al sicuro. Non avrà l'approccio horror di Alien, ma certamente ne condivide bene le sensazioni.

Un ricco arsenale

- Se c'è una cosa che non manca in The Persistence, è la varietà delle armi a nostra disposizione per destreggiarci tra i nemici. Mazze, bastoni, pistole, granate con effetti di ogni genere. Senza contare il pratico scudo energetico che possiamo attivare qualora non stiamo usando un'arma a due mani e la possibilità di fare manovre evasive. Ogni arma è potenziabile, quindi c'è parecchio da sperimentare per trovare le combinazioni migliori per riuscire ad arrivare in fondo al gioco.

Odio

Gameplay pensato per le limitazioni del VR

- I titoli progettati per la VR sono basati su un'esperienza di gioco molto più immersiva, ma anche per una giocabilità volutamente semplificata pensata sia per non far "stancare" troppo i giocatori con i controller di movimento, sia per non causare l'effetto nausea che spesso si ha quando si naviga in VR attraverso ambienti 3D in prima persona. Questa conversione per schermi standard ovviamente perde la grande immersitivà ambientale ma mantiene i limiti del design VR: movimenti lenti con possibilità di teletrasportarsi in un punto circostante , interazioni con oggetti lente e macchinose (perché devo tenere premuto un pulsante per un paio di secondi per aprire un cassetto o un armadietto, quando basterebbe una singola pressione del tasto?) e combattimenti banali. Ennesimo reminder di come la VR ed il gaming "classico" siano due mezzi profondamente diversi, e difficilmente il passaggio dall'uno all'altro dà risultati soddisfacenti senza un profondo redesign del gameplay.

Ma qui non ci ero già stato?

- The Persistence utilizza la generazione procedurale dei livelli per offrire al giocatore una mappa diversa ad ogni run, ma il pool di asset a cui attinge per questa generazione è ridottissimo, cosa che ci porta a vedere costantemente stanze uguali tra loro a pochi metri di distanza, senza variazioni importanti. Oltre a penalizzare la varietà, questo crea anche qualche problema di orientamento quando pensiamo di essere tornati in un'area già visitata in precedenza.

Tiriamo le somme

The Persistence sarebbe, sulla carta, un titolo in prima persona affascinante, capace di unire i pregi dei classici System Shock a una formula roguelite solida e un gameplay piuttosto profondo. Purtroppo però, a causa delle sue origini VR, i sistemi di gioco risultano troppo lenti e macchinosi, i combattimenti poco stimolanti e c'è fin troppa ripetitività negli scenari incontrati. Se in VR poteva risultare un titolo persino eccellente (merito in gran parte della grande immersività che il medium offre), qui rimane un titolo purtroppo al di sotto delle aspettative.
6.8

c Commenti (3)


L'autore

autore

Prima di saper scrivere a mano, sapeva già immettere i comandi DOS per avviare Doom, ma dopo una lunga vita al PC, il mondo di Halo lo avvicina alle console Microsoft. Non si nega i classici giochi tripla-A, specialmente gli FPS competitivi, ma passa la maggior parte del tempo a scovare gemme nascoste, dagli indie insoliti ai folli shmup giapponesi.

Xbox Italia, il gruppo Facebook ufficiale di MondoXbox
c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
caricamento Caricamento commenti...