MondoXbox

Live your
passion!

L'Era Glaciale 3: L'Alba dei Dinosauri

Recensione - L'Era Glaciale 3: L'Alba dei Dinosauri

Nei cinema sta riscuotendo un successo clamoroso con quasi 30 milioni di euro incassati: parliamo del terzo capitolo della saga dell’Era Glaciale. Come ogni film d’animazione che si rispetti, anche questo ha goduto della sua trasposizione videoludica: scopriamo insieme pregi e difetti del nuovo titolo targato Activision.

Il Gioco

L'Era Glaciale 3: L'Alba dei Dinosauri segue le orme del film, portandoci a rivivere la storia vista sul grande schermo: durante le varie missioni abbiamo modo di utilizzare quasi tutti i personaggi principali: Sid, Manny, Diego, Buck e persino Scrat. Essendo un titolo dal target decisamente giovanile, si presenta come il più classico dei platform games. Quasi tutti i livelli sono lineari, richiedendoci di andare dal punto A al punto B svolgendo determinate missioni. Oltre allo scopo principale di ogni singola missione, durante i vari livelli abbiamo anche modo di raccogliere bacche e cristalli – tre per ogni livello – che serviranno per poter acquistare alla fine o all’inizio di ogni schema particolari potenziamenti per i singoli personaggi, o simpatici gadgets da poter utilizzare durante le nostre missioni.

  • img
  • img
  • img


Graficamente il titolo si presenta tutto sommato discreto, i modelli poligonali dei protagonisti sono realizzati in maniera soddisfacente e i paesaggi e tutto quello che gli fa da contorno, seppur non molto particolareggiati, svolgono il loro lavoro, rendendo il gioco gradevole alla vista per tutta la sua durata. Come accennato precedentemente, il gioco ci permette svolgere missioni abbastanza varie tra loro che, spezzeranno l’azione di gioco per non renderla ripetitiva e noiosa. Il titolo è provvisto inoltre di un comparto multigiocatore per far divertite i bambini in compagnia: ci sono diversi minigiochi tutti abbastanza divertenti e l’unico limite – se di limite si può parlare, visto il target demografico del gioco – è il fatto che siano giocabili solamente in locale e non tramite Xbox Live.

L'Era Glaciale 3: L'Alba dei Dinosauri è stato completamente tradotto in italiano, sia per quel che riguarda i dialoghi che per quanto concerne i vari menu del gioco. Piccolo neo il fatto di non aver utilizzato gli stessi doppiatori del film, rendendo più sterile la voce dei singoli personaggi. Infine, per allungare l’esperienza di gioco, gli sviluppatori hanno deciso di inserire delle sfide a tempo che verranno sbloccate una volta terminati determinati livelli.

Amore

Location

- Inutile dire che i livelli, pur realizzati semplicemente, sono molto belli e divertenti da vedere, in modo particolare la giungla con i suoi dinosauri faranno ridere e divertire i bambini, e anche il semplice gironzolare qua e là non sarà mai di peso.

Scrat

- I level design dei livelli in cui impersoneremo il simpatico scoiattolo Scrat sono un vero e proprio tributo ai vecchi giochi platform in 2D. Tutto ciò farà divertire i bambini per via della possibilità di aiutare Scrat alla perenne ricerca dell’ambita ghianda, e anche i papà e i fratelli più grandi saranno felici di rivivere in quei livelli quella che era stata la loro giovinezza con i vari Mario, Sonic, ecc.

Longevità

- Per essere un tie-in cinematografico, il gioco risulta essere piuttosto lungo. A ciò si aggiungono la possibilità di rigiocare alcuni livelli per battere le sfide a tempo e il multiplayer in locale, quindi dimostra avere una buona longevità.

  • img
  • img
  • img


Odio

Localizzazione

- Essendo un gioco per bambini, era logico aspettarsi una localizzazione che almeno si avvicinasse a quelle che sono le voci dei vari personaggi del film. Questo purtroppo non soltanto non avviene ma addirittura le voci di alcuni personaggi vengono drasticamente snaturate, rischiando cosi di lasciare deluso qualche bambino.

Difficoltà

- Alcune sezioni sono decisamente ostiche per il target a cui è indirizzato il gioco. Mentre i bambini più smaliziati non troveranno alcuna difficoltà a portare a termine l’avventura, altri potrebbero rimanere intrappolati in alcune sezioni decisamente poco intuitive, e dovranno essere soccorsi da qualcuno un po’ più esperto.

Tiriamo le somme

Un gioco onesto. Per un target decisamente giovane ma che in determinati punti farà riaffiorare la nostalgia dei vecchi giochi 2D delle passate stagioni videolutdche. Nonostante alcune piccole pecche nel gameplay, ci sentiamo di poter tranquillamente consigliare il gioco per tutti quei bimbi che, vedendo il film, vogliono rivivere in prima persone le disavventure di Sid e compagnia. 6.5

c Commenti


L'autore

Nel 1990 gli viene regalato un commodore 64 e da quel giorno capisce che i videogiochi saranno il suo futuro. A distanza di anni, nonostante ripetute richieste di "trovarsi un lavoro serio", continua a barcamenarsi nel campo del giornalismo videoludico. Collaboratore di MX dal 2006 è uno strenuo sostenitore della filosofia "il primo amore non si scorda mai".

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Caricamento commenti...