MondoXbox

Live your
passion!

LEGO Il Signore degli Anelli

Recensione - LEGO Il Signore degli Anelli

Con l’uscita nelle sale cinematografiche di Lo Hobbit, la nuova trilogia tratta dal primo libro di Tolkien sulle avventure di Bilbo Baggins, la voglia di respirare nuovamente le suggestive atmosfere della Terra di Mezzo e rivivere le avventure di Frodo, Aragorn e soci è davvero molto forte. LEGO Il Signore degli Anelli si propone di ricalcare fedelmente la prima saga cinematografica di Jackson proponendocela per l’occasione in una giocosa e variopinta salsa a mattoncini, fattore che potrebbe avvicinare anche i più piccoli all’avvincente epopea fantasy.

Il Gioco

LEGO Il Signore degli Anelli è un gioco d’avventura contraddistinto da una grande libertà d’esplorazione: un open-world che ci consente di esplorare, nei panni dei numerosissimi protagonisti della saga dell’Unico Anello, tutte le location più famose e di rivivere gli avvenimenti più importanti visti nei film di Jackson. Il tratto distintivo del gioco è, ovviamente, il fatto che tutti i personaggi, molti elementi del paesaggio ed innumerevoli strutture sono costruiti con i famosi mattoncini, conferendo all’intera produzione un look molto colorato ed un'atmosfera ironica e leggera.

Sostanzialmente l’azione, che si sviluppa con visuale in terza persona, si divide in due momenti ben distinti: la fase esplorativa, che ci vede liberi di girovagare attraverso le principali regioni della Terra di Mezzo consentendoci di scoprirne i segreti o di risolvere diverse missioni secondarie non direttamente collegata alla trama principale, e fasi maggiormente vincolate attraverso le quali avanzare attraverso la narrazione della trama, prendendo parte ai più importanti eventi della pellicola cinematografica.

Coprendo tutti e tre i capitoli della saga, il gioco ci vede affrontare e vivere epiche scene come la battaglia iniziale di Elfi ed Umani contro Sauron, prologo dell’intera vicenda, oppure ci fa scontrare gli spettri dei Cavalieri Neri a Collevento o ancora combattere gli Uruk-hai durante l’assalto al fosso di Helm o liberare Minas Tirith dall’assedio degli Orchi. Ogni scena dei film è riproposta con grande aderenza scenica, anche se per venire incontro ad un pubblico meno maturo alcune scene troppo violente sono state alleggerite ed infarcite di tocchi ironici, che in molte occasioni riescono a strappare un sorriso anche ad un utenza più “attempata”.

Durante tutto il gioco prendiamo il controllo di gruppi di personaggi, ognuno dei quali dotato di caratteristiche ed abilità uniche che dovranno essere sfruttate sapientemente per risolvere gli enigmi propostici per incedere attraverso le missioni. Per fare alcuni esempi, l’elfo Legolas risulta molto agile ed è in grado di camminare sulle funi tese che potrebbe trovare sul proprio cammino, nonché di creare per sé percorsi alternativi scoccando le proprie frecce su determinati bersagli per poi utilizzarle come punti d’appoggio per balzare su posizioni altrimenti irraggiungibili. Il nano Gimli è invece dotato di una straordinaria forza fisica e può utilizzare la sua potente ascia per distruggere alcuni blocchi Lego per aprire dei varchi, e ancora Gandalf può utilizzare la magia per far levitare determinati blocchi per costruire strutture da utilizzare, come ad esempio scale per raggiungere piattaforme particolarmente alte. Ogni livello è studiato per amalgamare a dovere le singole abilità dei nostri beniamini e, sempre per venire incontro ai più piccini, il gioco offre in ogni momento dei suggerimenti piuttosto chiari su quale eroe utilizzare in una determinata situazione, così da consentire al giocatore di avanzare senza troppi problemi attraverso la storia.

Amore

Ritorno alla Terra di Mezzo

- Da grande estimatore della saga ho apprezzato davvero molto il lavoro compiuto da TT Games nel cercare di riproporre le atmosfere del film in un titolo adatto ad un pubblico giovane, pur rimanendo in grado di attirare anche i players che, come il sottoscritto, tanto giovani non sono più. Esplorare liberamente la Contea ed i suoi verdi campi, cavalcare nelle terre di Rohan, attraversare le Paludi Morte o combattere le forze oscure ai piedi del Nero Cancello non ha davvero prezzo per un appassionato. Alcuni paesaggi offrono scorci davvero molto suggestivi e l’eccellente colonna sonora, presa direttamente dal film, sottolinea la bontà della produzione.

Per grandi e piccini

- Come più volte sottolineato, LEGO Il Signore degli Anelli è un titolo che strizza decisamente l’occhio ad un pubblico piuttosto giovane, proponendo meccaniche di gioco semplificate da un sistema di aiuti che conduce per mano il giocatore nella risoluzione degli enigmi proposti. Risulta comunque indubbio che il gioco eserciti un notevole fascino e sappia coinvolgere anche i giocatori più esperti, grazie soprattutto ad un grande fattore esplorativo ed a una enorme mole di oggetti sbloccabili con i quali migliorare le caratteristiche dei personaggi. E’ infatti possibile trovare, ben nascosti nei livelli di gioco od ottenibili portando a termine determinati incarichi, degli speciali blocchi LEGO in Mithril che possono essere utilizzati per forgiare armi o armature ma unicamente se si è venuti prima in possesso del progetto relativo all’arma da costruire. Va da sé che gli amanti dell’esplorazione ed i perfezionisti troveranno molto materiale su cui lavorare.

- LEGO Il Signore degli AnelliDa soli o in compagnia
Per nulla marginale la possibilità di affrontare l’intero gioco in compagnia di un amico in split-screen, feature che risulterà sicuramente gradita ai genitori che volessero passare qualche momento di ludico divertimento assieme ai figli. Peccato però per l’assenza di una componente cooperativa on-line, che avrebbe sicuramente giovato.

Odio

Il senso delle proporzioni

- Anche se il territorio esplorabile è piuttosto vasto, sebbene non sterminato,un aspetto che m’ha fatto un po’ storcere il naso e la totale assenza di proporzioni del mondo di gioco e l’eccessiva vicinanza di alcune location le une alle altre. Non è piacevole infatti, appena usciti dai cancelli di Edoras, percorrere pochi metri e scorgere all’orizzonte le mura di Minas Tirith. La cosa potrebbe essere anche vista come una scelta voluta, per sottolineare il fatto che ci troviamo in un fittizio mondo costruito da mattoncini LEGO, ma personalmente non ho particolarmente gradito la cosa.

“Hai la mia spada… ed il mio arco… e la mia ascia...” ma non le userai!

- Pur non essendo gli scontri veri e propri l’anima del gioco, anche se capita frequentemente nei vari stage di dover fare a pezzi qualche orco, mi ha sorpreso non poco nella fase esplorativa la totale assenza di una benché minima traccia di esseri ostili. L’esplorazione è gratificante, le location suggestive, ma gironzolare per ore alla ricerca di qualche segreto, di qualche arma particolare o di tesori nascosti senza incontrare la benché minima resistenza alla lunga rende l’azione un po’ troppo noiosa.

Tiriamo le somme

LEGO Il Signore degli Anelli è per molti aspetti un gioco davvero ottimo, dotato di grande carisma e fascino. Un'esperienza dedicata ai più piccoli dalla quale però anche gli adulti, specie se appassionati al romanzo di Tolkien ed ai film di Jackson, potrebbero trarre diverse ore di spensierato, seppur non impegnativo, divertimento. Un gioco vasto, colorato, ironico e divertente. Sicuramente consigliato. 7.5

c Commenti (6)


c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...