MondoXbox

Live your
passion!

Kinect Rush: Un'Avventura Disney Pixar

Recensione - Kinect Rush: Un'Avventura Disney Pixar

Continua il sodalizio Xbox-Disney: dopo averci fatto assaporare la magia dei parchi Disneyland, Kinect ci permette ora di entrare nei film di uno degli studios digitali più creativi e capaci degli ultimi 20 anni. Scoprite con noi le qualità di Kinect Rush: Un'Avventura Disney Pixar.

Il Gioco

Guardando i bellissimi film Pixar, avete mai pensato come sarebbe essere uno dei coloratissimi personaggi dello studio californiano? No? Beh, sicuramente i fan più piccoli di Buzz, Saetta e compagnia ci avranno fantasticato sopra molte volte, e Kinect Rush: Un'Avventura Disney Pixar è dedicato proprio a loro. La nuova produzione Microsoft/Disney/Asobo Studio (quelli di Toy Story 3) permette infatti ai piccoli giocatori, magari in compagnia di genitori, fratelli/sorelline o amichetti, di entrare in Toy Story, Gli Incredibili, Cars, Ratatouille e Up per vivere storie nuove di zecca ideate apposta per loro.

Al primo avvio, il gioco ci permette di creare il nostro personaggio scegliendolo da un set predefinito oppure usando la scansione del nostro corpo: grazie al Kinect è in grado di capire il colore degli indumenti, della pelle e dei capelli per creare un bambino fittizio che, seppur non somigliante a noi, presenti le nostre caratteristiche principali. Una volta fatto questo, è ora di inizare a giocare: nei panni del nostro alter-ego ci troviamo nel Pixar Park, una piazza popolata di altri bambini e attorno alla quale sono presenti dei monumenti che rappresentano luoghi famosi dei cinque film Pixar trattati: avvicinandoci ad uno di questi e salendo su apposite piattaforme, siamo in grado di entrare nella relativa avventura.

Ad ogni film è associata una storia divisa in tre capitoli che vengono sbloccati progressivamente man mano che li completiamo, ed in ogni storia il nostro personaggio si trasforma in un inedito comprimario dei protagonisti mantenendo però i colori scannerizzati in fase di creazione del personaggio: in Cars impersoniamo una nuova auto che Saetta e Cricchetto decidono di reclutare come agente speciale, in Up un esploratore compagno d'avventura di Russell e Carl, in Ratatouille un topolino amico del protagonista, in Toy Story un robot giocattolo e in Gli Incredibili un nuovo supereroe. Vista l'introduzione di un personaggio mai visto nei film, le varie storie non seguono quelle viste al cinema ma ne ricalcano situazioni ed ambientazioni, creando però avventure nuove di zecca.

Ogni capitolo ci vede impegnati in perseguire obiettivi che ci verranno indicati man mano dagli altri personaggi: si tratta basilarmente di eseguire dei percorsi correndo, saltando ed interagendo con vari oggetti e meccanismi, ovviamente mimando i rispettivi movimenti davanti al Kinect e con una buona varietà di situazioni e di gameplay. L'esperienza non è "su rotaia" come visto in altri giochi di questo tipo, ma è il giocatore stesso a dirigere il personaggio facendolo ruotare con piccoli spostamenti delle spalle così da poter esplorare liberamente le varie ambientazioni. Il tutto è eseguibile da soli o insieme ad un altro giocatore, che può entrare o uscire dal gioco in qualsiasi momento semplicemente mettendosi in piedi davanti al Kinect; un'ottima feature che permette ai piccoli giocatori di divertirsi in compagnia.

Amore

La magia Pixar

- Se voi o i vostri piccoli amate i film Pixar, non potrete rimanere impassibili al fascino di Kinect Rush: Un'Avventura Disney Pixar: tutti i personaggi che abbiamo amato, le ambientazioni e le situazioni più esilaranti, divertenti o avventurose sono riproposte nel gioco con un alto livello di fedeltà, quanto basta a farci sentire parte integrante di quelle fantastiche storie.

Una grafica al top

- Questa è stata una sorpresa tanto inattesa quanto gradita: la realizzazione grafica del gioco è di ottimo livello, arrivando a raggiungere in alcuni casi picchi di vera eccellenza - come nel caso di alcune corse nell'avventura di Cars - e con una riproduzione di personaggi ed ambientazioni estremamente accurata. Insieme a Kinect Adventures, questo è senza dubbio il titolo Kinect dalla miglior grafica uscito finora.

Varietà di gameplay

- I cinque film e rispettive storie offrono ovviamente una gran varietà di ambientazioni e situazioni, ma anche a livello di controlli gli sviluppatori si sono assicurati di farci compiere azioni sempre diverse: si va dalla semplice corsa sul posto a salti, camminate in equilibrio su tronchi, scivolate, pagaiate, arrampicate, cadute nel vuoto in cui dobbiamo controllare la traiettoria con le braccia e così via, per non parlare delle molte interazioni con oggetti, leve e pulsanti. Quando si passa nel mondo di Cars poi il tutto si trasforma in un racing game da guidare con le braccia in avanti alla Joy Ride. La varietà di sicuro non manca così come le relative sudate.

Doppiaggio eccellente

- Disney ci ha già in passato abituato ad una qualità di doppiaggio eccelsa e Kinect Rush: Un'Avventura Disney Pixar non fa eccezione: i personaggi presentano le voci dei doppiatori originali - Fabrizio Frizzi, Massimo Dapporto e compagnia - o, quando questo non è possibile, comunque di attori dal timbro molto simile a quelli originali. Fa piacere ogni tanto vedere il doppiaggio di un videogioco trattato con la stessa dignità e cast di una produzione cinematografica.

Odio

Navigazione libera

- Ogni tanto qualche titolo per Kinect prova ad introdurre la possibilità per il giocatore di navigare liberamente nelle ambientazioni, ma i risultati sono altalenanti; nel caso di Kinect Rush: Un'Avventura Disney Pixar purtroppo il sistema escogitato dagli sviluppatori - girarci ruotando il torso - non è dei migliori e rende l'esplorazione dei livelli difficoltosa soprattutto per i più piccoli, tipicamente impazienti ed insofferenti di fronte a questo tipo di costrizioni. Il meccanismo fuziona ma si dimostra scomodo: peccato, perchè ad esempio in Kinect Disneyland Adventures i ragazzi di Frontier avevano trovato un sistema di navigazione libera - usando il braccio destro per indicare dove andare - più efficace.

Una breve avventura

- Il gioco è composto da un totale di 15 capitoli, tre per ogni gioco, ognuno dei quali completabile in un tempo variabile tra i 5 e i 10 minuti; tutto il gioco è completabile in circa due ore, dopo di che rimane la possibilità di rigiocare i vari livelli per collezionare vari oggetti o ottenere nuove capacità dei personaggi, ma è francamente pochino. L'ideale sarebbe stato che ogni avventura fosse composta da 5-6 capitoli, portando così la durata ad almeno il doppio. Il già citato Disneyland Adventures propone molti più contenuti per lo stesso prezzo.

Assenze eccellenti

- Tra i film protagonisti del gioco è impossibile non notare diverse assenze eccellenti: titoli come Monsters & Co, Alla Ricerca di Nemo e Wall-E avrebbero fatto la gioia di grandi e piccini; è ovvio che siano stati omessi in preparazione di un secondo titolo che li includerà magari insieme anche al nuovo film Pixar di prossima uscita, Brave, ma per questo gioco avrei volentieri rinunciato ad un Ratatouille o Up in favore di uno degli assenti citati.

Tiriamo le somme

Kinect Rush: Un'Avventura Disney Pixar è molto ben pensato e realizzato, ma la scarsa longevità ed i problemini in fase di controllo del personaggio impediscono al gioco di esprimere il suo pieno potenziale; il senso di avventura e di meraviglia tipico delle produzioni Pixar è però mantenuto inalterato, con una realizzazione visiva di sicuro impatto. Un valido titolo per i fan - grandi e piccini - delle produzioni di John Lasseter e soci, ma recuperabile magari dopo un calo di prezzo. 7.5

c Commenti


L'autore

autore

Classe '72, dall'animo geek e appassionato da sempre di videogiochi e informatica, nel 2002 è cofondatore di MX. Il sito parte per gioco ma diventa una parte sempre più importante della sua vita insieme a lavoro, famiglia e troppi altri interessi: questo lo costringe a rimandare continuamente i suoi piani di dominio sul mondo.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...