MondoXbox

Live your
passion!

Disney Universe

Recensione - Disney Universe

Dopo una serie di produzioni dedicate a singoli film e lungometraggi animati, gli studi Disney Interactive hanno deciso di attingere all'intero bacino di personaggi della società, da quelli più classici ed amati fino ad arrivare ai più recenti ed eclettici presentandoci Disney Universe, nuovo action-platform game caratterizzato da un roster d’eccezione. Eccovi le nostre opinioni sul titolo.

Il Gioco

Il Disney Universe è un parco di divertimenti dove, grazie alla tecnologia della realtà virtuale, i visitatori possono visitare senza pericoli tantissime attrazioni ispirate alle più belle produzioni Disney come Il Re Leone ed Aladdin, oltre ad altre nate in collaborazione con gli studi Pixar come Monsters & Co e Wall–E. Fanno parte del cast anche Alice nel Paese delle Meraviglie ed il film Pirati dei Caraibi.
Il parco è gestito da una IA di nome V.I.C. e le cose vanno alla grande fino ad un inaspettato fuori programma: un virus informatico colpisce VIC prendendo il sopravvento sulla sua personalità, trasformandolo in HEX, il capo dei capi. Questi diffonde il Caos, terrorizzando ed infastidendo i visitatori con la sua armata di robot dispettosi. Tutti fuggono, ma quattro eroi vestiti con i costumi dei loro beniamini non vogliono arrendersi e sono pronti a fronteggiarlo.

Dopo un breve caricamento, veniamo accolti nel menu principale dalla rassicurante voce dei VIC. Il primo mondo che andremo a ripulire è quello ispirato al film Pirati dei Caraibi, con i restanti inizialmente bloccati ed accedibili solo successivamente, tramite pagamento di monete a forma di orecchie di Topolino. La cosa che balza subito all’occhio quando ci troviamo nella schermata di selezione del personaggio è la presenza di ben quattro podii, un chiaro invito al giocatore di munirsi di tre amici e sintomo della vocazione multiplayer del titolo. Niente paura, Disney Universe è giocabilissimo anche da soli ma con gli amici il divertimento risulta maggiore e la competizione nel prendere e rubarsi i tesori lo rende molto più frenetico. Anche la collaborazione risulta fondamentale, Eurocom ha infatti previsto una progettazione leggermente diversa dei livelli in modo da far compiere azioni cooperative in sincronia ai giocatori. E’ presente anche una sorta di fuoco amico, occhio quindi a non trasformare il gioco di squadra in una guerra.

In sostanza, questo Disney Universe mi ha ricordato i giochi della serie LEGO. Un action game con forte componente platform in cui combattimenti poco tattici, salti e qualche puzzle da risolvere la fanno da padroni. L’azione è molto sostenuta e godibile per chi ama picchiare sul tasto X del Joypad e saltare qua e la su piattaforme mobili. I nemici non brillano ovviamente per intelligenza e sono facilmente eliminabili, mentre le fasi puzzle consistono nello spostare un oggetto X per costruire l’oggetto Y per poi aprirsi la strada. Di default, il gioco prevede un aiuto del guardiano che ci indica con una freccia i punti da seguire, ma per i giocatori più navigati è comunque possibile disattivarlo dal menu opzioni in qualsiasi momento. Gli stage risultano molto facili da completare (e qui si nota il livello di difficoltà basso e chiaramente pensato per figli e nipotini), ma comunque divertenti da giocare per tutti.

I sei mondi che lo compongono sono suddivisi in tre stage ovviamente a tema, colonne sonore remixate comprese. Alla fine del terzo stage di ogni mondo spesso ci aspetta il combattimento con un boss che difende un tesoro che il malvagio HEX ha catturato. In un parco a tema quale potrebbe essere il tesoro più prezioso?. Semplice, la ricompensa sarà la liberazione di uno dei costumi a tema che Disney Universe ci propone. Personaggi amatissimi come Stitch, Nemo, Simba e molti altri aspettano solo noi per essere salvati e successivamente controllati. La longevità è garantita dalla presenza di ben due costumi da sbloccare per mondo, il malvagio virus infatti ci sfida a finire gli stage per due volte se vogliamo prenderli tutti. Essendo un parco virtuale non si può morire: quando un giocatore precipita in un burrone o finisce l’energia, si rigenera e perde qualche moneta d’oro. Attenti a non rilassarvi troppo però, perché le monete svolgono un’azione primaria in Disney Universe visto che ci permettono di proseguire l’avventura e comprare i costumi che abbiamo salvato. Ogni personaggio è in grado di evolversi e potenziarsi. Cercando le chiavi dei tesori (sempre in bella vista) disseminati per i livelli potremo guadagnare una stella che verrà aggiunta al nostro costume e ci farà salire di livello. Sono disponibili fino a quattro slot abbastanza facili da riempire, ed il risultato sarà quello di disporre in maggior potenza negli attacchi. Disseminati nei livelli, troveremo anche dei cubi blu disposti da VIC che ci regaleranno diversi e divertenti potenziamenti temporanei utili per avere la meglio sugli scagnozzi di HEX. Affinando la vista ed a volte l’ingegno, inoltre, sarà possibile collezionare degli oggetti che sbloccano bonus come musiche e bozzetti dei personaggi. In diversi punti e dopo dei combattimenti impegnativi apparirà anche un bonus dalle sembianze simili ad un vecchio cabinato da sala giochi che ci farà accedere a delle divertenti sfide. Se superate, ci regaleranno un bel po’ di oro bonus che non fa mai male.

Amore

Tecnicamente godibile

- Essendo un gioco ispirato alle migliori produzioni disneyane, i programmatori hanno attinto da un catalogo praticamente infinito e qualitativamente eccezionale. Pur non vantando una grafica pari alle recenti produzioni, Disney Universe presenta una caratterizzazione molto buona, con discrete animazioni, mondi ispirati alle più belle produzioni Disney ben fatti e colorati ed un motore grafico che se la cava egregiamente, anche in multiplayer e nelle situazioni più caotiche.

Multiplayer ben realizzato

- Fin dal primo caricamento, Disney Universe mostra al videogiocatore la sua natura di action game pensato in modo simile ad un party game. L’inclusione dei quattro podi, la competizione che cerca di scatenare anche sulla squadra più pacifica, il fuoco amico che genera nervosismo e la possibilità di rubarsi a vicenda l’oro, i power-up ed i tesori sparsi per i livelli e la forzata collaborazione per finire un livello contribuiscono tutti a renderlo un titolo molto divertente in compagnia. E la competizione raggiunge il culmine a fine stage, quando il gioco confronta il punteggio dei giocatori ed annuncia un vincitore.

Giocabile da tutti e duraturo

- Per sbloccare tutti i nostri costumi preferiti bisogna completare ogni stage due volte. Questi sono numerosi ma piuttosto brevi e veloci da superare, ben progettati e conditi da un’ ironia che non guasta mai. Insomma, se amate la Disney non vi stancherete presto di giocare. Che siate padri, figli, nipoti o adolescenti troverete molti stimoli nel continuare l’avventura.

Due regalini che non guastano mai

- Come ogni buon gioco che si rispetti, anche Disney Universe è provvisto di un negozio online. Oltre ad oggetti per Avatar da acquistare con Microsoft Points, Disney Interactive ci omaggia con i costumi del Brucaliffo e Paperina da scaricare gratuitamente. Successivamente verranno rilasciati a pagamento altri costumi e forse stage ispirati ad altre produzioni.

Odio

La voce di V.I.C.

- Disney Universe è completamente doppiato in italiano ma, sfortunatamente, la scelta del doppiatore del simpatico guardiano non è stata delle più felici. Unita ad una sorta di sintetizzatore robotico, la voce di V.I.C. sembra più un robot raffreddato con un forte accento non definibile; l’ho trovato decisamente fastidioso. Fortunatamente è l’unico personaggio dotato di parola.
.

E il multiplayer online?

- Disney Universe dà il meglio di sé quando si gioca in compagnia, inspiegabilmente però Eurocom non ha incluso una modalità online. E’ un vero peccato, perché ci preclude la possibilità di divertirci con amici lontani per delle vere e proprie sfide anche competitive.

Telecamera pigra

- Piccolo difetto che a volte snerva. La telecamera non sembra così pronta come dovrebbe, soprattutto quando il giocatore si avvicina al bordo in primo piano sullo schermo. Spesso, il design del livello prevede l’inclusione di oggetti utili per sbloccare extra da collezionare proprio nel bordo, se non sotto. La telecamera, unita ad un sistema di gestione dei salti non propriamente impeccabile, fa perdere vite preziose ai meno pazienti. Giocando in più persone, per forza di cose il caos su schermo aumenta e le cose peggiorano: niente di particolarmente grave, ma sarebbe stato gradito un sistema di gestione manuale della visuale.

Tiriamo le somme

Disney Universe è stato una piacevole sorpresa: ammetto di avere un debole per alcuni personaggi Disney, Stitch in primis, però non mi aspettavo un gioco così fresco e divertente. Chiunque sia stato contagiato dalla magia Disney non rimarrà indifferente di fronte a questa produzione: tutti avranno il loro costume preferito e di personaggi carismatici ne sono stati inseriti molti. Alcuni difetti come una telecamera lontana dalla perfezione non rovinano eccessivamente l’esperienza e grazie alla semplicità generale adulti e bambini si divertiranno di sicuro. L’unica grossa pecca è l’assenza di multiplayer online, soprattutto quando c’è la sensazione così forte che il gioco sembra essere stato ideato proprio per sfruttare questa componente. 7.5

c Commenti (8)


L'autore

Nasce nel 1979, dopo qualche mese vede Galaxian e da allora è amore per i vg. Da quando negli anni 80 il fratello maggiore acquista un Commodore 64, ha comprato praticamente tutti i videogiochi e le console che poteva permettersi e che ancora conserva gelosamente. Nel 2005 conosce Neural proponendosi come recensore, e da lì in poi oltre ad una collaborazione è nata una grande amicizia.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Caricamento commenti...