MondoXbox

Live your
passion!

Shadow Complex

Recensione - Shadow Complex

Grazie all'acquisizione di Chair Entertainment, Epic Games inizia ad esplorare le potenzialità di Xbox Live Arcade con Shadow Complex, gioco che sfrutta l'Unreal Engine 3 e realizzato con la supervisione del papà di Gears of War, Cliff Bleszinski: abbiamo potuto giocarlo prima dell'uscita ufficiale e siamo quini pronti ad offrirvi il nostro giudizio sul titolo.

Il Gioco

Nel corso di una apparentemente innocua scampagnata in montagna con la sua ragazza Claire, Jason Fleming si perde tra le grotte del posto solo per scoprire presto che Claire è stata rapita da degli strani individui in uniforme e condotta in un misterioso complesso militare sotterraneo. Inizia così la nostra avventura all'interno dello Shadow Complex nel tentativo di liberare Claire, impresa che si trasformerà presto in un vero atto eroico tra agenti superaddestrati e enormi robot per salvare il destino degli Stati Uniti.

  • img
  • img
  • img


Come accade spesso per i titoli Live Arcade, Shadow Complex presenta un gameplay molto semplice, cosa che però non si traduce necessariamente in una struttura semplificata, anzi. Si tratta essenzialmente un mix tra sparatutto e platform game, realizzato in grafica 3D ma con un gameplay bidimensionale a scorrimento: quello che rende interessante il titolo è la struttura della mappa, un nugolo di stanze, hangar, laboratori e grotte interconnessi tra loro e separati da porte che, quando bloccate, possono essere aperte solo grazie a determinate armi come granate, lanciamissili e una particolare pistola schiumogena, che verranno reperite un po' alla volta nel corso della storia. Se avete mai giocato a qualche titolo della serie Metroid per NES e Super NES, la struttura vi risulterà piacevolmente familiare.

Gli spostamenti nella mappa avvengono come in un classico action-platform a scorrimento orizzontale, con la possibilità di far correre a sinistra e a destra il protagonista e saltando sulle varie piattaforme quando necessario. Il sistema di mira ci vede invece impiegare lo stick destro per mirare a 360 gradi intorno al protagonista: questo ci permette di mirare senza problemi anche a nemici più lontano in profondità rispetto a noi. Immancabili poi le armi secondarie come le già citate granate, missili o un rampino per agganciare pareti altrimenti irraggiungibili, inoltre c'è anche la possibilità di effettuare attacchi corpo a corpo che danno vita a belle animazioni con telecamera ravvicinata in cui vediamo protagonista abbattere i nemici in modi diversi.

Amore

Mappa

- Assieme a Jason, co-protagonista del gioco è sicuramente la vastissima mappa, della quale ci vengono rivelate nuove parti man mano che la esploriamo e guardabile nella sua interezza in un apposito menu di pausa: la mappa è fatta in modo da permetterci di accedere a nuove aree man mano che otteniamo nuovi potenziamenti, incoraggiando molto all'esplorazione di tutte le sue parti, anche quelle già visitate. Se all'inizio del gioco ci capita di vedere delle strane grate che, illuminate dalla torcia mostrano un colore rosso, molto più avanti nel gioco capiremo come aprirle e ci verrà voglia di tornare all'inizio per scoprire cosa celassero. Si, perchè il design della mappa ci offre sempre la possibilità di tornare prima o poi nelle aree già visitate, per esplorarle più a fondo.

Potenziamenti e varietà

- Una cosa che non si può certo dire di Shadow Complex è che ci si annoi: man mano che si avanza nella storia troviamo nuovi potenziamenti che danno al protagonista nuove abilità, come la possibilità di saltare più in alto, respirare sott'acqua e altri ancora. Ogni volta che scopriamo uno di questi potenziamenti si sblocca un nuovo modo di giocare il titolo che va oltre i normali salti tra piattaforme e scontri a fuoco, rendendo l'esperienza sempre varia dall'inizio alla fine, e capace di donare diversi momenti di puro stupore.

Produzione "da negozio"

- Ci sono già stati su Live Arcade titoli che hanno usato l'Unreal Engine 3, ma questo è il primo capace di offrire un comparto grafico che potrebbe rivaleggiare con tanti titoli usciti nei negozi. Ottimi effetti visivi, illuminazione dinamica e un alto livello di dettaglio (tranne per qualche texture sfocata ogni tanto) uniti ad ambientazioni ottimamente disegnate donano a Shadow Complex una grafica di estrema qualità. A questo aggiungiamo anche il doppiaggio completamente in italiano, una cosa rarissima se non unica sul Live Arcade, a dimostrazione di quanto Microsoft, editore del titolo, abbia voluto investirvi.

Statistiche sociali

- Il gioco conta il numero di uccisioni con colpi alla testa, con granata, corpo a corpo e così via, sbloccando i relativi obiettivi quando si raggiungono determinati livelli, ma facendo anche di più: man mano che compiamo queste azioni ci vengono mostrati dei messaggi in cui sono messi a confronto i nostri numeri con quelli dei nostri amici, incitandoci così a dare sempre il meglio per rivaleggiare con loro. Un bel modo per incoraggiare la competitività in un gioco privo di comparto multiplayer.

  • img
  • img
  • img


Odio

Niente da dichiarare

- Sono molto rari i casi di giochi in cui non abbiamo nulla di cui lamentarci, e questo è uno di quelli: dopo averlo provato dall'inizio alla fine ci è sembrato tutto eseguito ottimamente, ben bilanciato e senza sbavature o incertezze. Davvero un ottimo prodotto videoludico, ovviamente tenendo sempre presente che si tratta di un Live Arcade e senza pretendere caratteristiche tipiche di giochi ben più costosi.

Tiriamo le somme

Per completare la storia del gioco, Shadow Complex ci ha tenuti impegnati per circa sette ore a livello normale e abbiamo lasciato inesplorate molte aree, senza impegnarci nel recuperare il 100% degli oggetti nascosti. Considerata l'alta qualità del titolo, probabilmente uno dei più bei giochi presenti su Live Arcade e il prezzo di 1200 MP, equivalenti circa a 14 Euro, ci sembra un ottimo risultato: da comprare ad occhi chiusi. Arrivo previsto sul Marketplace per la mattina del 19 agosto. 9.2

c Commenti


L'autore

Classe '72, dall'animo geek e appassionato da sempre di videogiochi e informatica, nel 2002 è cofondatore di MX. Il sito parte per gioco ma diventa una parte sempre più importante della sua vita insieme a lavoro, famiglia e troppi altri interessi: questo lo costringe a rimandare continuamente i suoi piani di dominio sul mondo.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.