MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



Lost Odyssey
copertina

Anteprima - Lost Odyssey

Un campo di battaglia calpestato da soldati, tanti soldati, corazze lucenti e spade sguainate, marchingegni da guerra medievali che si ergono su schiere di cavalieri senza volto e scontri ravvicinati all’ultimo sangue. Tutto sembra seguire la paradossale regolarità di una qualsivoglia battaglia, ma la “quiete” fa ben presto ad essere spezzata; ecco un giovane, un abile guerriero che sfreccia attraverso le linee nemiche affondando colpi letali con la sua possente spada. Lascia i corpi esanimi dei nemici dietro si sè, pronto a spargerne altri sul fangoso e grigio terreno. Il cielo, però, si macchia all’improvviso di nero e una pioggia di lava incandescente si abbatte sulla terra incenerendo tutto ciò a cui va incontro. E’ il caos. I soldati, ora semplici uomini, cercano invano di sfuggire alla morte predestinata. Il nostro coraggioso guerriero è riuscito a salvarsi e osserva da più in alto, poi un’esplosione e tutto scompare... è l’Odissea!
Nato dalla mente geniale di Hironobu Sakaguchi, padre della celeberrima saga di Final Fantasy e fondatore dello studio giapponese Mistwalker, ecco come si presentava esattamente un anno fa uno dei progetti Jrpg più ambiziosi previsti in esclusiva su Xbox 360: Lost Odyssey, l’odissea perduta! Tutti i fan del gioco avranno già visto e rivisto quel video di altissima spettacolarità in computer grafica presentato al TGS 2006 durante la conferenza Microsoft. Ebbene, dopo l’ottimo riscontro di critica e di pubblico ottenuto dal validissimo Blue Dragon, con Lost Odyssey gli sviluppatori di Mistwalker avevano già fatto intendere di voler puntare decisamente più in alto, conferendo a questa loro seconda creatura un aspetto più maturo e di stampo tipicamente classico, entrando perfettamente in sintonia con quelli che sono gli stili e canoni tradizionali del genere fantasy/jrpg.

  • img
  • img
  • img


Una vita interminabile
Lost Odyssey ci proporrà la misteriosa quanto avventurosa vicenda del giovane Argonar Kaim, condannato inspiegabilmente a mille anni di esistenza. Tutto questo renderà il gioco incredibilmente vario, proprio perchè attraverserà per intero la lunghissima e malinconica esistenza del giovane guerriero; di conseguenza, il gioco potrà offrirci ambientazioni di ogni genere e stile architettonico, spaziando dalle epoche antiche e medievali, contraddistinte da forti, enormi castelli ed interminabili distese di campi aperti, fino ad arrivare ai tempi dell’era moderna, dominata invece dal progresso tecnologico e dai fenomeni di massa.

Sotto il profilo della varietà, profondità della trama e degli scenari, dunque, Lost Odyssey sembra promettere davvero bene. Il “malcapitato” Kaim, accompagnato in alcune immagini da una giovane e misteriosa ragazza, considera una terribile maledizione quella di esser costretto a vivere così a lungo, ed è caratterizzato da una personalità ricca e piena di sfaccettature, contraddistinta da emozioni principalmente negative quali la malinconia ed il pessimismo. Tuttavia, sarà la sua grandissima forza di volontà a guidarlo e sostenerlo moralmente. In effetti, pensandoci, ricorda un po’ il pensiero leopardiano nei confronti della vita e della natura umana, che deve essere affrontata con forza di volontà ed istinto di sopravvivenza affinché la totale infelicità non prenda il sopravvento su di essa, spingendo l’uomo all’auto-condanna della propria esistenza. Ovviamente non entreremo nei dettagli della misteriosa trama, perchè come in ogni RPG che si rispetti merita di essere vissuta - e scoperta - di persona.


Un’odissea vestita di “Unreal”
Lost Odyssey è uno dei tanti titoli per Xbox 360 che sfoggia in tutto il suo splendore tecnico-visivo il motore grafico Unreal Engine 3. Già dalle sequenze in tempo reale viste finora (il gioco è già uscito in Giappone), si possono intravedere le peculiarità tecniche del gioco, dotato di una resa grafica che raggiunge già degli ottimi livelli qualitativi generali, dalla cura per le ambientazioni ai dettagli dei personaggi e delle decorazioni architettoniche.

  • img
  • img
  • img


Per quanto concerne, invece, l’aspetto sonoro, Lost Odyssey vanterà la guida artistica del maestro Nobuo Uematsu, il quale si è prodigato nel raggiungere un adeguato equilibrio fra brani di stile fantasy/orchestrali e quelli di stampo moderno, proprio per rendere appieno l’idea di un cambiamento e di un’evoluzione, che andrà di pari passo col progresso storico che offrirà il gioco nel corso dei “mille anni” virtuali.

Come c’è da aspettarsi da un titolo di questo tipo, inoltre, Lost Odyssey vanterà di una longevità piuttosto elevata, ovviamente adeguata se rapportata alla tradizione e agli standard del genere JRPG. Anche la giocabilità seguirà con soffice rigore lo stile del genere, proponendo i classici scontri a turni contro i nemici ed una buona dose di magie e pozioni.

Una novità molto particolare è invece la presenza di 34 racconti brevi, narrati da famosi scrittori giapponesi, che si alterneranno al gioco ed alle sequenze animate per raccontare parti della storia. La peculiarità di questi racconti sta nel fatto che saranno leggibili direttamente a schermo, con una musica di sottofondo di atmosfera. Quanto questa scelta possa rivelarsi efficace lo scopriremo solo all'uscita del gioco.


Insomma, la fiducia nei confronti di Mistwalker per ora è forte, soprattutto dopo l’eccellente dimostrazione del neo-uscito Blue Dragon. In conclusione, le premesse che questo Lost Odyssey possa rivelarsi altrettanto valido ci sono tutte, e si prospetta come una uscita imperdibile per tutti gli amanti dei giochi di ruolo giapponesi. Prepariamoci allora ad affrontare un'avventura intensa e ricca di emozioni: l’Odissea è ormai imminente!

c Commenti

copertina

Xbox Italia, il gruppo Facebook ufficiale di MondoXbox
c

Commenti

x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...