MondoXbox

Live your
passion!

Virtua Tennis 2009

Recensione - Virtua Tennis 2009

SEGA torna a proporci, puntuale con la bella stagione, una nuova edizione del suo classico del tennis. Abbiamo provato a fondo il gioco per scoprire quali novità la casa giapponese abbia inserito in Virtua Tennis 2009 e per parlarvene nella nostra recensione.

Il Gioco

Al primo avvio di Virtua Tennis 2009, ci vengono proposte le classiche opzioni che ci si aspetterebbe da questo tipo di gioco: è possibile avviare una nuova carriera, partecipare ad una esibizione oppure accedere alle sfide online. Per quanto riguarda la modalità carriera, o "licenza" com'è chiamata nel gioco, è possibile creare il proprio giocatore dettagliandone tutte le caratteristiche fisiche in modo da poter creare il nostro alter-ego ideale. Volto, zigomi, naso e tutte le altre caratteristiche fisiche sono facilmente e velocemente personalizzabili fino a creare il giocatore che volete. Oltre alla morfologia è possibile agire anche su caratteristiche come gli stili per il diritto, rovescio, per la risposta e il servizio, scegliendoli tra una discreta quantità di varianti.

  • img
  • img
  • img


Completata la costruzione del proprio atleta inizia il tour mondiale, in cui oltre a giocare le classiche partite è possibile aumentare i propri crediti partecipando ai minigiochi sparsi per il globo. Questi sono interpretazioni tennistiche di alcuni classici arcade come, ad esempio, il primissimo con cui abbiamo modo di giocare che consiste in una sorta di "Arkanoid" a tempo contro un muro di mattoni di diversa taglia (e di diverso valore) che è necessario distruggere a pallettate per arrivare alla soglia di punti prefissati entro un tempo limite. Non possono mancare, in questo tipo di gioco, gli allenamenti: è possibile provare (e quindi migliorare) specifici colpi o tecniche in modo da padroneggiarle al meglio.

Nella carriera lo scopo principale rimane ovviamente salire la classifica, partendo dai tornei più facili fino a quelli sempre più importanti guadagnando man mano posizioni: vincendo i tornei inizieranno ad arrivare gli inviti per incontri amichevoli e allenamenti con altri giocatori, che ci permettono di sbloccare elementi acquistabili nel negozio, sia di abbigliamento che di materiale tecnico. Dunque, proprio come nel circuito tennistico reale, si gira il mondo, si giocano tornei, si migliora il proprio tennis, si guadagno soldi e si fatica. E se giocare contro la CPU non ci soddisfa, è posttibile prendere parte ai tornei online del circuito mondiale di SEGA, partecipando contro altri giocatori connessi via Xbox Live.

Amore

Minigiochi

- A meno che non siate dei puristi per i quali un gioco di tennis deve riprodurre fedelmente e realisticamente lo sport del mondo reale, troverete molto divertenti e simpatici i minigiochi di Virtua Tennis 2009, che rappresentano un valido mezzo per spezzare la routine dei classici incontri tennistici.

Immediatezza

- Virtua Tennis 2009 si lascia giocare facilmente con una curva di apprendimento pari a zero: ci si diverte dal primo istante. E' quindi l'ideale per partite occasionali con amici e parenti.

Telecamera

- Molto bella la nuova visuale “sulle spalle”, che riteniamo una delle migliori gestioni della telecamera viste in un gioco del tennis. Anche la modalità di commutazione tra le varie visuali disponibili è una novità per il genere tennistico, e sembra ispirata al mondo dei racing game: è infatti possibile farlo durante il gioco con la semplice pressione di un tasto, senza dover mettere in pausa il gioco ed entrare nei menu.

  • img
  • img
  • img


Odio

Stupidità artificiale

- Purtroppo l'intelligenza artificiale degli avversari in Virtua Tennis 2009 è assolutamente risibile, e questo rappresenta una pecca difficilmente trascurabile per il gioco, a meno che non siate intenzionati a sfidare amici con un cervello fatto di veri neuroni. Capita con regolarità imbarazzante di prendere in contropiede un avversario anche durante un regolare scambio di colpi da fondo campo, e non è necessario neanche doversi prendere la briga di lavorarlo con colpi incrociati o di ritmo diverso: l’esagerato anticipo che spesso tentano gli avversari ci spalanca le porte per un semplice tiro dritto che per loro risulterà in un clamoroso contropiede. Senza contare l’innata predisposizione al tuffo di un po’ tutti i giocatori non appena la palla si trova al di fuori della portata di un tiro normale, neanche fossero tutti dei cloni di Boris Becker il quale, peraltro, si tuffava solo a rete.

Scarsamente simulativo

- Scordatevi qualunque tatticismo oppure lavori sugli effetti delle palle sulle diverse superfici: il gioco non riproduce neanche in minima parte quella che è la parte più affascinante del tennis agonistico.

Flop grafico

- Dal punto di vista tecnico, il titolo di SEGA non brilla soprattutto se confrontato con quel mostro di rifinitura che è Top Spin 3: le texture piatte e sgradevoli e la grafica abbastanza semplice e poco curata sia nel gioco che nelle sezioni dei menu lo fanno sembrare un buon gioco per le console di vecchia generazione piuttosto che un titolo al livello dei migliori titoli odierni.

Tiriamo le somme

L’unica ragione per comprare questo gioco è la possibilità di fare una partita con gli amici a casa o online, soprattutto se questi non sono giocatori assidui: l’estrema semplicità dei controlli lo rende accessibile a tutti. Ma a causa di una IA deludente, di una mediocre realizzazione tecnica e della mancanza di una simulatività particolarmente profonda, Virtua Tennis 2009 è sconsigliato ai tennisti virtuali super-appassionati. 6.0

c Commenti


L'autore

autore

Nato nel 72, cresciuto ad insalate di matematica e libri di cibernetica non poteva che sviluppare una naturale inclinazione verso tutto quello che è tecnologia. Ha iniziato a giocare a Radar Rat Race sul Vic-20, a International Soccer su C64 e da quel momento in poi non ha mai tradito la sua passione, passando per quasi tutte le piattaforme di gioco e finendo ancor oggi per consumare tutto il suo tempo libero tra hobby e lavoro. Sperando che prima o poi coincidano perfettamente: ci siamo quasi.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...