MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox




The Solus Project

Recensione - The Solus Project

Dopo una promettente versione in Game Preview è da poco uscita la versione completa di The Solus Project, survival game fantascientifico in prima persona che punta su una trama misteriosa e appassionante piuttosto che sulla sopravvivenza fine a sé stessa. Saprà farsi strada tra la competizione spietata di un genere ormai ampiamente sfruttato, o si perderà nell'anonimato? Scopriamolo insieme.

Il Gioco

Futuro remoto: la Terra se l'è vista proprio brutta per via di un meteorite che ha distrutto il nostro carissimo pianeta natale, ma per fortuna l'umanità è riuscita a mandare diverse flotte di astronavi con relativi equipaggi in giro per lo spazio, alla ricerca di pianeti abitabili. Il protagonista di The Solus Project è uno di questi esploratori, chiamato insieme al resto dell'equipaggio a valutare le condizioni di un pianeta. Qualcosa però va storto, perché la loro navicella va a schiantarsi sul pianeta e il protagonista è l'unico sopravvissuto. Da soli su un pianeta apparentemente disabitato, la nostra prima preoccupazione è quella di sopravvivere raccogliendo le risorse necessarie per resistere all'ambiente ostile; se inizialmente è tutto abbastanza facile perché sul luogo dello schianto ci sono diverse provviste e oggetti utili sparsi ovunque, il tutto diventa più complesso esplorando le zone più lontane, come il complicato sistema di tunnel che collega tra loro le molte aree del pianeta. Senza contare che, oltre alla sopravvivenza, dovremo presto iniziare ad indagare su una misteriosa forma di vita che sembra aver abitato il pianeta in passato.

The Solus Project si presenta come un esplorativo in prima persona basato su un sistema survival classico, con un pratico aggeggio simile a un palmare che indica tutto ciò di cui dobbiamo tener conto: fame, sete, temperatura, vento, stanchezza e così via, poiché per poter proseguire è indispensabile soddisfare le proprie esigenze come il mangiare, il bere, il dormire, ma anche riscaldarsi. Nel mondo di gioco è possibile trovare cibo, bere dalle fonti d'acqua sorgente, dormire (e salvare così la partita) qualora ci si trova in un posto sufficientemente caldo e sicuro (altrimenti si rischia di morire nel sonno), e usare un semplice ma efficace sistema di crafting per creare oggetti di ogni genere: da armi a torce e così via.

MX Video - The Solus Project

La visuale in prima persona è parzialmente coperta dai bordi del casco della tuta indossata, cosa che ci dà un senso di claustrofobia nonostante un mondo davvero ampio, che però a differenza dei classici titoli di sopravvivenza è lineare e disegnato manualmente, quindi niente generazione procedurale. E' tutto davvero affascinante tra l'altro: molto del merito va al potentissimo Unreal Engine 4, usato egregiamente per creare illuminazione e giochi d'ombre convincenti su un pianeta davvero accattivante, pieno di strane forme di vita con colori vibranti e con panorami mozzafiato, grazie al cielo dinamico che mostra anche i pianeti che orbitano nelle vicinanze. Non è raro assistere a scenari che non sfigurerebbero sulla copertina di un libro di fantascienza.

Come già accennato, il gioco non ci chiede però di sopravvivere unicamente sul pianeta alieno, ma di vivere un'avventura con un buon elemento di mistero. La struttura delle aree incontrate è lineare, ma ci sono spesso strade alternative e capita di incontrare zone molto aperte, tutte da esplorare man manco che scopriamo un'intrigante trama che coinvolge sia il passato dell'equipaggio deceduto attraverso il ritrovamento dei loro diari e oggetti personali, sia bizzarre tecnologie aliene presenti sul pianeta. Il tutto è facilitato dai mezzi costruibili o trovati in giro, prima tra tutti una pratica arma per teletrasportarsi.

Durante l'avventura possono piombare dal cielo casse di rifornimento con cibo o utensili vari, mentre un potente sistema meteo gestisce sia il ciclo giorno e notte che i cambiamenti di temperatura, il vento e l'umidità. Possono inoltre capitare cataclismi di ogni genere come terremoti, inondazioni e uragani, creando così tremendi imprevisti ai quali sopravvivere. Per fortuna, come detto, è possibile salvare andando a dormire ma anche in alcuni punti specifici.

Per il resto The Solus Project presenta esplorazione, enigmi, segreti e misteri per una decina d'ore circa. Per completare il tutto però può volerci tranquillamente il doppio del tempo tra i tantissimi segreti e collezionabili che si vanno a trovare, per non parlare dell'elemento survival che può rallentare molto i giocatori. Segnalo la completa mancanza di una traduzione italiana, che un tempo gli sviluppatori dicevano avrebbero aggiunto ma che al momento risulta assente.

Amore

Il fascino di un mondo alieno

- La prima volta che sono uscito dai rottami e ho osservato il cielo, sono rimasto a bocca spalancata: luci surreali, nuvole dettagliatissime, pianeti enormi che si stagliano sull'orizzonte… il tutto mentre esploravo una spiaggia piena di bizzarre piante aliene tra strane rocce esagonali. The Solus Project è pieno di simili momenti capaci di lasciare senza fiato, e sono senza dubbio tra gli aspetti più belli del gioco.

Misteri

- Per fortuna il gioco non è solo paesaggi da sogno, e sotto il cofano c'è un gameplay magari non innovativo ma comunque curato e divertente. Ma soprattutto, a differenza di molti titoli survival, abbiamo un percorso da seguire, una trama da scoprire, un mistero da decifrare. A ogni passo ed oggetto rinvenuto i misteri del pianeta si infittiscono, risultando in un'esperienza molto coinvolgente anche grazie all'ottima atmosfera. Saprà catturarvi.

Odio

Il classico survival

- Purtroppo l'elemento survival del titolo non offre nulla di nuovo: praticamente si tratta di cose che avete probabilmente già fatto in tanti titoli simili anche Xbox One come ARK: Survival Evolved e The Long Dark. Cercare cibo e acqua, coprirsi da caldo e freddo estremo, usare il crafting per crearsi armi da taglio, torcie e così via: l'unica reale variazione è l'aspetto sci-fi che porta alcune novità carine come il teletrasporto, e il meteo estremo che può stravolgere i nostri piani. Di certo è un genere che ha un disperato bisogno di cambiamenti importanti, e purtroppo non è The Solus Project a portarli.

Longevità limitata per il genere

- La linearità del gioco porta una piccola ventata d'aria fresca, dato che permette agli sviluppatori di proporre uno sviluppo costante del personaggio e il susseguirsi di eventi che portano alla risoluzione di uno strano mistero, attraverso enigmi e scoperte affascinanti. Questo però limita molto la longevità rispetto agli standard del genere, portandoci alla conclusione in una decina d'ore.

Tiriamo le somme

The Solus Project offre un'esperienza di sopravvivenza abbastanza basilare ma decisamente affascinante, grazie soprattutto al misterioso mondo alieno in cui ci immerge, capace di dar vita a paesaggi mozzafiato ed ospitante una storia ricca di misteri. La linearità dell'esperienza offre una gradita alternativa ai soliti survival che finiscono per diventare troppo presto ripetitivi, ma l'altro lato della medaglia è una longevità limitata a circa 10 ore. Gli amanti di fantascienza alla ricerca di un titolo survival ben curato avranno comunque pane per i loro denti.
7.5

c Commenti (3)


L'autore

autore

Prima di saper scrivere a mano, sapeva già immettere i comandi DOS per avviare Doom, ma dopo una lunga vita al PC, il mondo di Halo lo avvicina alle console Microsoft. Non si nega i classici giochi tripla-A, specialmente gli FPS competitivi, ma passa la maggior parte del tempo a scovare gemme nascoste, dagli indie insoliti ai folli shmup giapponesi.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...