MondoXbox

Live your
passion!

img Lost Planet 3

Recensione - Lost Planet 3

Con Lost Planet 3 Capcom ci conferma l’appuntamento a cui ci ha abituati ogni tre anni con una nuova versione di Lost Planet. Così come era successo con Lost Planet 2 che, pur mantenendo alcuni elementi comuni, era diverso dal primo, anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un prodotto che si smarca dai due episodi precedenti anche grazie ad un cambio di sviluppatore. Vediamo insieme cosa ci riserva lo sforzo di Spark Unlimited, il nuovo studio incaricato di sviluppare il titolo.

Il Gioco

Lost Planet 3 è un prequel che ci riporta 30 anni indietro rispetto al primo episodio, LP: Extreme Contidion, quando E.D.N. III era ancora completamente coperto dai ghiacci. Nello specifico impersoniamo il colono Jim Peyton, che arriva sul pianeta come minatore per raccogliere minerali da sotto il ghiaccio che gli permetteranno di guadagnare soldi da inviare a casa per mantenere la moglie e il neonato figlio. Il tutto sarebbe una passeggiata se il lavoro non fosse disturbato continuamente dagli Akrid, creature aliene di diverse dimensioni e soprattutto se il povero Jim non venisse coinvolto in una battaglia per il futuro del pianeta. La storia del gioco si basa sulla narrazione di Jim stesso che, invecchiato e in fin di vita, racconta le sue avventure alla nipote. Da subito si nota il grande sforzo fatto da Spark Unlimited per sviluppare il gioco su una grande storia disegnata intorno al protagonista ed alla sua umanità: ci troviamo coinvolti nella vita personale di Jim fino a farci immedesimare nella realtà dell’uomo alla prese con i suoi problemi quotidiani e alla lontananza dai propri cari. Toccanti ed emozionanti i messaggi che si scambia con la moglie sulla Terra, che costituiscono una specie di colonna sonora per tutto il gioco con l’obiettivo sia di spezzare il ritmo del gioco (a volte troppo) ma in particolare di farci immedesimare con il protagonista.

La maggior parte del gioco si svolge in terza personam, tranne quando ci muoviamo con l’Utility Rig, un grosso mech minerario utilizzato come veicolo per le nostre missioni nelle lande desolate del pianeta, una volta saliti in cabina, la visuale passa alla prima persona. Il Rig è dotato di due braccia con cui lavorare ma saranno più le volte che le useremo per aprirci dei varchi nelle caverne di ghiaccio e soprattutto difenderci dagli Akrid. Via via che si procede nella storia il Rig ricopre un ruolo sempre più importante, non solo perché è lo strumento di lavoro e di combattimento dove passiamo gran parte del gioco, ma diventerà per Jim il suo contatto diretto con la famiglia, il suo rifugio, il luogo dove sognare ad occhi aperti e, perché no, anche il luogo in cui ascoltare tranquillamente la compilation musicale inviatagli dalla moglie.

La storia di dipana inizialmente attorno alle missioni lavorative standard che completeremo soprattutto con il Rig muovendoci in meravigliosi scenari esterni. Il gameplay è molto lineare, i pochi spazi semi-liberi sono lasciati ad alcuni spostamenti esterni con il Rig. La maggior parte delle missioni si svolgono nel deserto di ghiaccio di E.D.N. III, in grandi aree che si diramano da un hub centrale; ci saranno riparazioni, attivazioni di interruttori e sparatorie con Akrid che diventano dopo un po’ ripetitive perché molto simili ed a volte anche fastidiose a causa del mirino che con i piccoli e veloci Akrid non è precisissimo. Gli alieni importanti, come nei giochi precedenti, hanno le solite zone arancioni che ne indicano i punti deboli.Gli scontri con i grossi Akrid si riducono a sequenze di attacco sempre molto simili: si spara alle zone arancioni e si schiva, intercalate da QTE, concludendosi a volte con uno scontro finale a bordo del Rig..

In Lost Planet 3 c’è il grande ritorno del rampino, limitato però a zone scriptate dove ci serve come teleferica per salire e scendere da grossi massi o strutture: non è possibile quindi usarlo ovunque. Oltre alle missioni primarie vi sono poi molte missioni secondarie che ci danno la possibilità di recuperare l’energia termica che, utilizzata come valuta, ci permette di acquisire nuovi potenziamenti per le nostre armi o per il Rig. Bisogna superare almeno la metà del gioco per trovarsi di fronte alla svolta nella trama, con il colpo di scena che ci spiazzerà un po’ portandoci ad affrontare nuovi obiettivi e nuovi nemici. Finalmente, dopo aver passato la maggior parte del gioco con armi standard, qui avremo anche la possibilità di migliorare il nostro equipaggiamento con il quale saremo in grado di dar vita a scontri più elettrizzanti. Nelle ultime due ore di gioco il ritmo riparte decisamente e si ha l’impressione di vivere una storia diversa. Forse l’entrata in gioco di certe componenti andava anticipata.

Fin qui vi ho parlato della campagna a giocatore singolo: la modalità multigiocatore online è tutt’altra storia, sembra un altro gioco. Qui troviamo la Modalità Scenario, un match standard 5 contro 5 dove il Team Nevec e gli Snow Pirates si affrontano per portare a termine un obiettivo e cercare di farsi fuori a vicend, poi c'è Akrid Survival dove i team combattono contro orde di alieni per poi combattere tra loro per il controllo di un punto centrale. Nel multiplayer fanno la comparsa nuove possibilità di personalizzazione del personaggio, slegandolo dalla classe che riveste. Il percorso di upgrade è rappresentato da una sfera e, selezionando gli aggiornamenti in una sola direzione, ci si specializzerà in ruoli come cecchino piuttosto che tecnico. Se invece si selezionano aggiornamenti in più direzioni avremo un personaggio con caratteristiche versatili. In alcune mappe appaiono poi piccoli mech armati di mitragliatrice e lanciarazzi, ma soprattutto il nostro rampino è libero di agganciarsi ovunque per scappare o rincorrere nemici. Molto divertente!

Amore

Ambientazioni

- E.D.N. III è disegnato molto bene, fondali che lasciano a bocca aperta e scenari esterni stupendi. Non sono da meno i corridoi interni e le stazioni spaziali abbandonate che incontriamo durante la storia. Tali ambientazioni meriterebbero di essere valorizzate da una trama che non le sfrutta al meglio.

Protagonista

- Non c’è che dire, il nostro anti-eroe Jim Peyton è uno dei personaggi di videogiochi meglio riusciti nel rappresentare “l’uomo di oggi” con i suoi problemi e le sue preoccupazioni. I messaggi tra Jim e sua moglie sono così normali che emozionano rendendo il personaggio del gioco una persone reale. Forse non sarà il massimo come grafica, ma se l’obiettivo del videogioco era rendere realistica la sua umanità credo che ci siano riusciti benissimo.

Multiplayer

- Niente di stravolgente, ma è sicuramente un punto a favore di Lost Planet 3. Ci ripaga della lentezza estrema della campagna single player, aggiungendo alcune chicche che pesano a favore dell’acquisto del titolo per coloro che sono indecisi.

Doppiaggio

- Pttimo doppiaggio italiano e sonoro sopra la media dei videogiochi in commercio.

Odio

Storia

- Sembra davvero che sia stato fatto una grande sforzo nello scrivere la sceneggiatura di Lost Planet 3, ma purtroppo il colpo rimane in canna, senza riuscire mai a coinvolgere completamente il giocatore. Non riesce a creare quella tensione che ti incolla davanti allo schermo e che ti fa venir voglia di procedere per sapere come finirà.

Interruzioni

- L’intero gioco è pervaso da innumerevoli cut scene, caricamenti, tempi morti e piccole sequenze scriptate che non fanno che abbattere la già poca tensione creata dal gioco. Frustrante!

Grafica

- Se da un lato vi sono scenari mozzafiato, dall’altro i personaggi sono molto piatti ma soprattutto il gioco non è privo di bug su texture e cali di frame-rate, in particolare nei combattimenti con i boss.

Tiriamo le somme

Lost Planet 3 non è esattamente come lo si aspettava. O meglio, le premesse e le idee da cui Spark Unlimited è partita sono in realtà molto buone, peccato che l’implementazione non sia stata da manuale. Si parte da uno script degno di un ottimo film, con un incredibile sforzo nel caratterizzare il protagonista principale in modo da farci coinvolgere dalla sua umanità e storia famigliare, si aggiungono location ben fatte ma poi non si sfrutta il tutto. La trama si addormenta con missioni ripetitive ma soprattutto con continue interruzioni e i frequenti caricamenti che ne spezzano il ritmo. I combattimenti sono troppo teleguidati, ed è onestamente difficile per un giocatore a rimanere concentrato ed avvinto. Il sussulto finale forse non merita le prime 10 ore passate a “spalar neve”. 6.5

c Commenti (7)


L'autore

autore

Amante degli animali, tecnologo, videogiocatore da sempre, passa dai Laboratori di Ricerca in Biologia Molecolare alle Multinazionali IT Americane nei gloriosi anni ‘90. La giornata perfetta: un paio di Martini molto secchi, Frank Zappa nelle orecchie, 3-4 ore divise tra Doom e Half-Life e al fianco la sua "ferocissima" bassottina a pelo duro.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...