MondoXbox

Live your
passion!

Might & Magic: Clash of Heroes HD

Recensione - Might & Magic: Clash of Heroes HD

Dopo averlo potuto provare brevemente in anteprima, siamo finalmente in grado di valutare nella sua completezza Might & Magic: Clash of Heroes HD, puzzle-gdr fantasy di Ubisoft che ci vede affrontare, nei panni di uno sparuto gruppetto di eroi, ogni sorta di ostilità nel tentativo di salvare il reame da una demoniaca invasione. Scopriamo quindi se questo nuovo Live Arcade valga l’esborso dei nostri preziosi Microsoft Points.

Il Gioco

Per coloro si fossero persi la nostra anteprima, un riepilogo delle caratteristiche salienti di Might & Magic: Clash of Heroes HD è più che doveroso. Il gioco, rivisitazione in HD di un titolo per Nintendo DS, è un crossover tra in gioco di ruolo e un puzzle game, ed è ambientato in un mondo dalle tinte fantasy nel quale cavalieri , elfi, stregoni e demoni si danno battaglia per il controllo delle terre del regno e per il possesso di un prezioso e potente artefatto. Il gioco, nella sua modalità per giocatore singolo, prevede due fasi ben distinte: quella esplorativa e quella relativa agli scontri, punto nevralgico del gioco che lascia trapelare la natura palesemente puzzle del gameplay.

  • img
  • img
  • img


Durante la fase di esplorazione “libera” (virgolettato, dato che dovremo percorrere dei percorsi prestabiliti e ben definiti) abbiamo la possibilità di parlare con numerosi personaggi, alcuni dei quali ci daranno man forte nel proseguo della nostra quest mentre altri potrebbero offrirci preziose informazioni in merito agli eventi che stanno accadendo nel reame e, naturalmente, altri ancora potrebbero opporsi fermamente alla nostra causa, costringendoci ad incrociare le spade. Potremo anche venire in contatto con nuovi alleati, nuove unità che torneranno utilissime in battaglia, e potremo spendere i nostri denari, reperiti in scrigni sparsi qua e la per le location e solitamente ben sorvegliati, per assoldare le più potenti unità di Eroi di cui vi parlerò più diffusamente in seguito. Oltre a gironzolare per le ambientazioni in cerca di avventure, questa fase di gioco prevede anche l’organizzazione del nostro esercito attraverso la selezione dei tipi di milizie da utilizzare sui campi di battaglia, unità che naturalmente presentano caratteristiche molto diverse le une dalle altre e che conseguentemente possono influenzare pesantemente le strategie di combattimento.

Gli scontri, come accennato, si svolgono sfruttando meccaniche piuttosto classiche per i puzzle game e vengono svolti a turni alterni. L’area di gioco, divisa orizzontalmente in due parti, ospita gli opposti schieramenti costituiti da diverse unità e lo scopo è quello di neutralizzare il generale avversario azzerandone gli HP, superandone gli schieramenti di unità e colpendo la parte superiore dello schermo. Ogni classe di soldato presenta una determinata colorazione e per poter lanciare il proprio attacco deve prima essere “attivata”. Per far ciò bisognerà allineare verticalmente tre unità dello stesso tipo (e colore) ed una volta compiuta tale operazione sarà necessario attendere il numero di turni di cui l’unità necessita per lanciarsi all’attacco. Ogni tipo d’unità dispone di un tempo di carica differente e questo influenza molto la scelta di quelle da impiegare: si preferisce un esercito che colpisca con rapidità ma con meno potenza, o uno schieramento meno dinamico ma dagli attacchi devastanti? A voi l’ardua decisione.

Oltre alle unità di base, caratterizzate da tempi di ricarica e potenza relativamente esigui, esistono anche le cosiddette unità di Eroi, molto più difficili da caricare in quanto necessitano di un maggior numero di truppe da allineare ed estremamente lente nel numero di turni d’attesa per l’attacco, ma dalla potenza assolutamente spaventosa. Tali personaggi vanno impiegati con saggezza, in quanto ne disporremo solo in un numero limitato ed una volta esauriti dovremo impiegare un bel po’ di denari per riacquistarne di nuovi. Oltre a tali manovre offensive è possibile ed essenziale anche approntare sistemi difensivi, erigendo muri e barriere allineando, questa volta orizzontalmente, tre unità dello stesso tipo. Al termine di ogni battaglia, in caso di vittoria, verranno attribuiti dei punti esperienza che aumenteranno il livello del nostro personaggio e delle unità che hanno preso parte allo scontro.

Amore

Campagna single-player

- La modalità per giocatore singolo risulta senza dubbio molto ben strutturata, appagante, longeva ed impegnativa. I moltissimi scontri che dovremo affrontare si riveleranno spesso molto ostici, anche in virtù del livello del nostro avversario. In molti casi, specialmente nel corso delle brevi sub-quest che potremo affrontare, avremo la possibilità di decidere se evitare lo scontro con un rivale particolarmente coriaceo, salvo poi fronteggiarlo in seguito una volta acquisito un livello sufficientemente alto. I classici scontri testa a testa saranno spesso intervallati da combattimenti nei quali soddisfare particolari condizioni, come colpire determinati bersagli, o con particolari puzzle da risolvere con in determinato numero di mosse, fattore che scongiura il senso di ripetitività che potrebbe celarsi dietro alla moltitudine di battaglie da affrontare. La stessa trama, per quanto lineare, spinge ed invoglia il giocatore nel proseguo dell’avventura che tra l’altro vanta una lunghezza ragguardevole, superando tranquillamente le 20 ore di gioco.

Scontri multigiocatore

- Anche se la modalità in giocatore singolo è molto curata, uno scontro con un avversario umano ha sempre un fascino maggiore e il comparto multiplayer del gioco viene incontro all’esigenza dei players più competitivi con alcune modalità sia on che off-line. Purtroppo nel momento in cui stilo questa recensione il gioco deve essere ancora rilasciato sul Marketplace ed i server appaiono deserti, impedendomi di poter valutare il comparto online, ma vi garantisco che già il poter sfidare degli amici sulla mia console mi ha regalato momenti di gran divertimento e, salvo gravi errori di programmazione del codice online (cosa di cui dubito visto che si tratta di un gioco a turni), il divertimento dovrebbe aumentare esponenzialmente negli scontri sul Live. Una grande implementazione rispetto alla versione originale per DS, che dimostra come un porting di questo tipo possa essere migliorato, oltre che nella grafica, anche nei contenuti.

  • img
  • img
  • img


Odio

Molto puzzle, poco GDR.

- L’unica osservazione che mi sento di muovere ad un arcade che, per il suo genere, appare solidissimo, consta nel fatto che il fattore ruolistico è molto sacrificato. Le unità possono essere potenziate fino a cinque livelli ma non possono, ad esempio, essere equipaggiate con artefatti particolari tali da modificarne drasticamente le caratteristiche, fattore che avrebbe accresciuto ulteriormente la vena tattica del gioco. Il generale è afflitto dal medesimo problema e, sebbene possa essere equipaggiato con un solo artefatto, vede la propria crescita unicamente attraverso l’aumento dei propri hit points.

Tiriamo le somme

Il tentativo di portare Might & Magic: Clash of Heroes HD nel panorama delle console casalinghe può considerarsi riuscito e gli amanti dei puzzle game troveranno pane per i loro denti, grazie ad un gameplay molto divertente inserito in una cornice interessante ed affascinante. I cultori dei GDR puri invece potrebbero non gradirlo, a causa di una eccessiva semplificazione delle meccaniche in tal senso. 8.5

c Commenti


c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...