MondoXbox

Live your
passion!

Yoostar 2: In the Movies

Recensione - Yoostar 2: In the Movies

Se siete appassionati di cinema al punto dal voler recitare voi stessi le scene dei film che vi sono piaciuti di più, Xbox 360 e Kinect vengono in vostro aiuto con Yoostar 2: In the Movies, party game pensato per l'attore che è in ognuno di noi. Scopriamone le caratteristiche.

Il Gioco

Il concetto alla base di Yoostar 2: In the Movies è estremamente semplice: farci diventare dei veri attori, inserendoci nelle scene dei film più famosi di sempre. Per fare ciò, il gioco sfrutta la telecamera di Kinect per catturare e scontornare la nostra immagine, inserendola poi al posto dei vari attori coinvolti nelle scene proposte. Una volta scelta la scena da interpretare tra le molte disponibili, ci viene mostrata la clip per permetterci di memorizzare le battute da ripetere e poi sta a noi: ci si mette in posa e si recita al meglio delle proprie capacità, cercando di rispettare i tempi tra una frase e l'altra, aiutati anche da un tracciato stile karaoke con tutte le parole da pronunciare.

Il gioco è strutturato in due modalità principali: troviamo una sorta di modalità carriera, in cui ci vengono proposte scene di difficoltà sempre crescente che dobbiamo sbloccare una dopo l'altra vincendo nel contempo premi ed extra vari, ed una modalità di gioco rapido che ci permette di scegliere la scena da interpretare tra tutte quelle disponibili, o di creare una playlist di scene da recitare una dopo l'altra. In molte delle scene in cui sono presenti due attori possiamo inoltre scegliere quale ruolo interpretare tra i due: Jake o Elwood in Blues Brothers, Leonida o il messaggero persiano in 300 e così via. Troviamo poi una serie di scenografie prive di una storia di sottofondo, sempre tratte da film famosi, in cui possiamo dare sfogo alle nostre doti recitative improvvisando e creando il nostro cortometraggio.

Trattandosi basilarmente di un party game, non mancano le capacità multiplayer: è possibile recitare in coppia tutte le scene pensate per due attori, oppure semplicemente alternarsi davanti alla telecamera per scoprire chi è l'attore migliore. Gli sviluppatori hanno poi inserito anche delle caratteristiche sociali: oltre a poter registrare ogni nostra performance per poterla poi riprodurre sulla console, possiamo ahche uploadarle sui server del gioco per mostrarle agli utenti di tutto il mondo. Visionando le recitazioni degli altri possiamo valutarle con dei voti e premi (miglior espressione, miglior costume, ecc).

Amore

Movie list

- Partendo dal presupposto che sarebbe stato impossibile inserire ogni singolo capolavoro cinematografico, il gioco può comunque vantare un'ottima lista di film, con presenze importanti e generi che spaziano tra commedia, drammatico, azione e fantascienza: troviamo scene famose di film come 300, The Matrix, Star Trek, Il Padrino, Blues Brothers, Zoolander e così via. Sicuramente una scelta in grado di accontentare tutti i palati, con l'eccezione degli amanti del cinema italiano che non troveranno in Yoostar 2: In the Movies nessuna nostra produzione. I film sono comunque tutti presenti con il loro doppiaggio italiano, eccezion fatta per pochi casi proposti in lingua originale.

Divertimento idiota

- Soprattutto in compagnia di amici, vi stupirete di quanto sia divertente fare gli idioti davanti alla telecamera, magari stravolgendo completamente una scena creando dialoghi improbabili, per poi rivedere e ridere insieme del risultato finale. Purchè si possegga ovviamente una buona dose di autoironia e spirito buffonesco!

Condivisione

- Inizialmente non pensavo che la possibilità di condividere i filmati con gli altri giocatori fosse particolarmente interessante, ma poi mi sono trovato a passare decine di minuti scorrendo tutte le performance uploadate dagli altri utenti: tra chi le ha prese seriamente mostrando anche ottime doti recitative, chi le ha completamente stravolte e chi si è calato talmente nella parte da improvvisare anche un costume appropriato alla scena, mi sono divertito molto nel vedere come ognuno ha sfruttato il proprio tempo davanti alla telecamera. Unico lato negativo è il fatto che, al momento, i filmati presenti sono tutti di giocatori americani e le loro parole non sono sempre comprensibilissime anche per chi ha un po' di dimestichezza con l'inglese.

Odio

Pose impossibili

- Il difetto principale di Yoostar 2: In the Movies, che sottrae molto al valore del gioco. A differenza di molti titoli Kinect, nei quali la telecamera è in grado di seguire il volto del giocatore zoomando in primo piano, a mezzo busto o su tutto il corpo, in questo gioco tale funzionalità non è presente e spesso ci viene proposto di assumere pose estremamente scomode per rientrare nel profilo del personaggio da interpretare, cosa che rende difficile poi tutta l'interpretazione: questo avviene anche quando si è alla distanza ottimale dalla telecamera, indicata ad inizio gioco dal classico rettangolo verde. Ad esempio, per scene in cui dobbiamo apparire a mezzo busto, ci dobbiamo avvicinare molto alla telecamera mettendoci in ginocchio oppure sorreggendoci a metà altezza con le gambe (il mio Kinect è posizionato sotto la TV, a 50 cm dal pavimento, e se mi avvicino inquadra solo la parte inferiore del corpo): ci voleva tanto a fare in modo che la telecamera zoomasse su di noi, invece di doverci noi incastrare nella posa imposta dal gioco? Questo è purtroppo un problema che vi farà perdere velocemente interesse nel titolo, rendendolo molto scomodo da utilizzare.

Interfaccia

- Anche l'intera interfaccia di gioco, la selezione delle modalità e dei film, non è il massimo: è facile sbagliarsi e fare scelte errate muovendo le braccia. Inoltre, una volta avviata una scena da recitare, non è possibile interromperla per tornare al menu. Altri titoli per Kinect hanno interfacce migliori e più funzionali.

No hard disk, no party!

- Se avete una Xbox 360 Arcade priva di hard disk, usando la memoria flash integrata o una chiavetta USB, il gioco non vi permette di salvare le vostre performance e non potete neanche rivederle subito dopo averle recitate. Questo ovviamente sottrae moltissimo al valore del gioco, ed è inscusabile il fatto che non sia chiaramente indicato sulla copertina. Sul retro della confezione c'è una scritta in piccolo che spiega che l'hard disk è obbligatorio per poter salvare i filmati, ma chi è che legge tutte le scrittine in piccolo quando acquista un gioco? Portare a casa un titolo da 49 Euro e scoprire che per usarlo bisogna comprare anche un accessorio aggiuntivo da 80 Euro non dev'essere proprio piacevole.

Tiriamo le somme

Il concept di Yoostar 2: In The Movies ha il potenziale per divertirci molto, soprattutto quando si è tra amici e ci si vuole scatenare senza paura di fare figuracce davanti alla telecamera: purtroppo alcuni difetti di usabilità lo rendono estremamente scomodo e rischia di essere accantonato velocemente a favore di titoli Kinect più immediati e di facile utilizzo. L'assenza di una comunicazione adeguata in copertina sull'obbligatorietà dell'hard disk per goderlo appieno è inoltre inscusabile. 6.0

c Commenti (10)


L'autore

Classe '72, dall'animo geek e appassionato da sempre di videogiochi e informatica, nel 2002 è cofondatore di MX. Il sito parte per gioco ma diventa una parte sempre più importante della sua vita insieme a lavoro, famiglia e troppi altri interessi: questo lo costringe a rimandare continuamente i suoi piani di dominio sul mondo.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.