MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox




Indivisible

Indivisible - anteprima hands-on

Gli autori di Skullgirls, uno dei picchiaduro 2D più stilosi degli ultimi anni, hanno deciso di cambiare genere esplorando il mondo degli RPG 2D a scorrimento laterale: è nato così Indivisible, progetto crowdfunded in arrivo nel 2018 e co-finanziato da 505 Games, grazie ai quali abbiamo potuto mettere le mani su una versione di sviluppo del gioco. Eccovi le nostre prime impressioni.
Indivisible è la nuova opera dei Lab Zero Games che, come spesso accade con gli studi indipendenti, sperimentano con il game design proponendoci un atipico mix di generi. Gli ingredienti gettati stavolta nel calderone sono quelli dei platform games 2D, titoli d'azione, giochi di ruolo e metroidvania, con un sistema di combattimento che miscela meccaniche in tempo reale e a turni in maniera simile al Valkyrie Profile di Square Enix. Gli elementi da digerire sono molti, e la build di sviluppo che abbiamo provato (disponibile anche per chi ha supportato il gioco tramite crowdfunding su Indiegogo) ci mostra una versione abbastanza condensata delle principali meccaniche che ci potremo aspettare da Indivisible, in attesa del gioco completo che ovviamente avrà una trama più ricca, un gameplay più bilanciato e così via.

La prima cosa che si fa notare è il look che, come in Skullgirls, presenta uno stile davvero riuscito con coloratissimi e fantasiosi sfondi fantasy tridimensionali sui quali si muovono personaggi bidimensionali curatissimi e disegnati a mano con uno stile che ricorda vagamente i film del maestro Miyazaki, ma con animazioni più "a blocchi" con meno frame che ricordano le serie anime prodotte più velocemente rispetto ai lungometraggi. L'effetto è molto gradevole, sia nei movimenti che nei combattimenti. L'esplorazione la fa da padrona, con un sistema simil-metroidvania con livelli abbastanza lineari ma con diversi bivi o aree accessibili soltanto in un secondo momento, magari dopo aver sbloccato determinate abilità o equipaggiamenti. Il sistema di movimento prevede la possibilità di saltare da terra e dai muri, mentre si possono poi sbloccare abilità aggiuntive come la possibilità di aggrapparsi ai muri conficcandoci un'arma e così via.

MX Video - Indivisible

Nel corso dell'esplorazione si incontrano altri combattenti la cui storia è per ora avvolta dal mistero, al fianco dei quali possiamo combattere contro i mostri che popolano questo mondo fantasy. Questo avviene con un sistema di combattimento simile al già citato Valkyrie Profile, che mischia abilmente sistemi a turni e in tempo reale: il team di combattenti, formato da un massimo di quattro personaggi, può attaccare in tempo reale ma ci sono dei tempi di attesa (cooldown) tra un attacco e l'altro. Sta quindi al giocatore alternare abilmente abilità e poteri del proprio team per rendere i nemici inefficaci: attaccare tutti insieme per cercare di soverchiarli subito ma rischiando di essere rimanere esposti ad un contrattacco, oppure attaccare poco a poco per non rimanere mai senza un "colpo in canna"?

Un sistema molto interessante che prevede sia lo sviluppo dei personaggi, che crescendo di livello possono fare più attacchi consecutivi ed arrecare più danni, che abilità differenti che rispecchiano quanto ci si può aspettare dalle classi dei giochi di ruolo: c'è per esempio un personaggio che invece di attaccare cura i compagni. Si possono poi sbloccare anche abilità da utilizzare in giro per i livelli e non solo nei combattimenti, come per esempio un arco per colpire i nemici con le frecce prima ancora di entrare nella fase di combattimento che, nello stile dei vecchi GdR, è una fase a sé stante, separata dall'esplorazione.

Noterete che non sto menzionando molto della trama. Il motivo è semplice: in questa versione ancora acerba di Indivisible non c'è alcun elemento della storia, visto che gli sviluppatori hanno preferito focalizzare la dimostrazione sul gameplay. Incontriamo altri personaggi, ma ci combattiamo insieme e basta, senza approfondire le loro storie. Della storia del gioco sappiamo per ora solo che la protagonista, Ajna, parte per un viaggio per trovare un senso ai suoi nuovi poteri magici, e nel corso dell'avventura incontra tanti personaggi buoni e cattivi. Una descrizione molto generica (basti pensare che è applicabile anche alla nuova trilogia di Star Wars), ma Lab Zero Games non vuole per ora rivelare nulla di più sulla trama.

Se lo sviluppo procede come previsto, dovremmo vedere il prodotto finito l'anno prossimo, e da quanto abbiamo potuto provare le basi sono molto solide. Il sistema platform è basilare ma abbastanza divertente, e i combattimenti sono profondi e atipici; il tutto è reso più affascinante da uno stile artistico molto curato. Questa versione del gioco non chiarisce tutti i dubbi sul gioco come quelli su trama, durata, modalità ulteriori, e così via, ma possiamo sicuramente affermare che per ora promette bene e siamo curiosi di scoprire di più. Continuate quindi a seguirci per maggiori informazioni su questo interessante titolo indipendente!

c Commenti (1)


L'autore

autore

Prima di saper scrivere a mano, sapeva già immettere i comandi DOS per avviare Doom, ma dopo una lunga vita al PC, il mondo di Halo lo avvicina alle console Microsoft. Non si nega i classici giochi tripla-A, specialmente gli FPS competitivi, ma passa la maggior parte del tempo a scovare gemme nascoste, dagli indie insoliti ai folli shmup giapponesi.

c

Commenti

caricamento Caricamento commenti...