MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



Samurai Shodown
copertina

Recensione - Samurai Shodown

Continua il periodo d’oro del genere picchiaduro in questa generazione; gli ultimi mesi hanno visto l’uscita di veri e propri colossi del genere, ma ora con Samurai Shodown è il momento di una produzione più di nicchia ma non meno storica; scopriamo cosa ci può offrire di diverso rispetto ai titoli più blasonati.

Il Gioco

Sarebbe facile bollare la serie di Samurai Shodown, nata nel 1993 su Neo Geo, come un prodotto di nicchia nel genere dei picchiaduro, ma significherebbe non rendere il giusto merito alla creatura di SNK dato che si tratta di uno dei picchiaduro più tecnici visti finora, definibile come un giusto mix tra Street Fighter e King of Fighters pur mantenendo alcune peculiarità molto specifiche, soprattutto in termini di gameplay, che ritroviamo anche in questo Samurai Shodown; quella più evidente è ovviamente, come il titolo stesso fa intuire, il fatto che qui abbiamo a che fare con combattimenti tra samurai (ma non solo), quindi al fil di spada o altri tipi di armi affilate.

img
Il cuore dell'esperienza di gioco è rappresentato, come facile immaginare, dalla modalità Storia nella quale, dopo aver affrontato diversi altri personaggi, ci troviamo a combattere contro il classico boss finale, abbordabile nei primi round ma molto più aggressivo progredendo con il gioco (in pieno stile SNK). Il gioco ci propone inoltre altre modalità come le sezioni dedicate all’allenamento ed al tutorial, le prove a tempo, la modalità Survival (nella quale sfidiamo, fino ad essere eliminati, l'intero roster dei personaggi), il multiplayer (sia offline che online) ed, infine, la novità di questo episodio, lo scontro Ghost. In quest’ultima modalità il gioco salva dei profili IA dei giocatori che, incontro dopo incontro, riescono a carpire lo stile di lotta di ognuno di noi diventando man mano più abili per poi combattere in nostra vece anche quando siamo offline. Ad essere sinceri, al momento, le IA disponibili in rete non sono tante e non sono nemmeno troppo smaliziate, ma si tratta comunque di un’aggiunta particolarmente piacevole ed apprezzabile. Il roster invece non è particolarmente ricco (16 i lottatori presenti al lancio), ma risulta essere notevolmente eterogeneo, aspetto che giova non poco alla longevità del titolo SNK.

MX Video - Samurai Shodown

Elencate le modalità disponibili, vediamo cosa accade una volta scesi nell’arena di gioco esaminando il gameplay che, come anticipato, si avvicina molto a quello di Street Fighter IV, qualità che non è assolutamente un difetto, anzi! Il primo elemento che balza agli occhi è un sistema di combattimento che va a pescare direttamente alle radici dei picchiaduro 2D ma ha la notevole capacità di fare un vero e proprio aggiornamento allo scopo di bilanciare le abilità dei lottatori. E se questa è stata una prerogativa di SF IV, anche la nuova reincarnazione di Samurai Shodown non è da meno, salvo che il titolo SNK mescola il tutto con un ulteriore perfezionamento del sistema di combattimento presente in quel capolavoro che era il titolo originale della serie, perso nella notte dei tempi.

Partiamo dalle basi ricordando che i Samurai Shodown si sono sempre distinti dalla massa per alcune caratteristiche intrinseche: gestione della difesa, delle distanze dal lottatore avversario e dei fondamentali del combattimento corpo a corpo. Allo stesso tempo i combattimenti sono sempre stati caratterizzati da danni ingenti e dall’elevata possibilità di scoprirsi durante le fasi di lotta. In questo Samurai Shodown quanto appena descritto ritorna in maniera decisamente fedele ma con un tocco decisamente più moderno, che rende i combattimenti un po’ meno tattici allo scopo di annullare quegli scontri nei quali i lottatori rimanevamo in piedi fermi fino alla fine del round cercando di sfruttare anche un minimo errore di calcolo dell’avversario. Questa cosa potrebbe far storcere il naso ai puristi della tattica, ma si tratta probabilmente del prezzo da pagare per una maggior diffusione del gioco.

img
Questo non significa però che il nuovo Samurai Shodown abbia perso quel tecnicismo che tanto piaceva ai suoi fan, ma appare essere solo un po’ più "rilassato". Infatti le combinazioni particolarmente complesse e l’eccessiva mobilità dei combattenti tipiche di altri esponenti del genere, sono state sostituite qui da un approccio particolarmente tattico per quanto riguarda gli attacchi, e da una gestione perfetta della difesa. Dovrete essere in grado di ragionare e di pazientare senza farvi prendere dall’ansia di schiacciare tasti a caso: l’importante è saper gestire alla grande le parate difensive, perché quelle perfette saranno in grado di farvi vincere la partita. Per quanto riguarda le meccaniche d’attacco, invece, Samurai Shodown non è adatto a chi cerca combo spettacolari ma questo non vuol dire che non si possano effettuare attacchi di particolare spettacolarità. Il sistema di combattimento si basa su quattro tipologie d’attacco divise tra leggere, medie e potenti, con i calci a chiudere il tutto. La peculiarità di questo Samurai Shodown sta nel fatto che i 4 tipi di attacco non si concatenano in modo automatico, ma ogni combinazione si basa sull’eseguire specifici attacchi speciali dopo averne effettuati alcuni di normali. Questo sistema, apparentemente debole, è assolutamente funzionale a questa tipologia di picchiaduro in quanto bastano 2-3 attacchi ben congegnati per produrre danni che nemmeno la più letale combo di Mortal Kombat potrebbe causare.

img
Una delle caratteristiche del titolo SNK è quella di far credere al giocatore che correre troppi rischi possa risultare in una sconfitta fatale. Inoltre, ad aumentare questa sensazione di paura, contribuisce il fatto che il gioco permette di utilizzare delle super mosse capaci di disarmare l’avversario nel momento in cui viene riempito l’indicatore della “rabbia” con specifiche “special moves” che si potenziano una volta che il suddetto indicatore si infuoca (quasi in stile NBA Jam). Tutto questo, capirete bene, fa sì che gli incontri di Samurai Shodown diventino assolutamente imprevedibili; proprio per questo motivo qui gli incontri si vincono soprattutto se si è in grado di prevedere le mosse dell’avversario, come in un vero scontro tra nobili Samurai.

Particolarità dei lottatori di Samurai Shodown è poi quella relativa all’esecuzione di rapidi scatti avanti e indietro: la corsa risulta decisamente utile per accorciare rapidamente le distanze con l’avversario, permette di eseguire quattro attacchi specifici e può essere interrotta quando si vuole per mandare a vuoto gli attacchi dell’avversario. Il pad risulta essere perfettamente funzionale con le levette analogiche deputate al movimento del giocatore ed i tasti frontali dedicati ai colpi base da integrare con la croce direzionale ed i tasti dorsali per l’attivazione dei colpi complessi.

img
Ma come si presenta il titolo SNK dal punto di vista grafico ? Anche qui non abbiamo critiche particolari da muovere. Pur non evidenziando un’impeccabile gestione del 3D, risulta essere sicuramente più godibile dell’ultima versione di The King of Fighters, troppo prigioniero dell’eredità 2D, e trasuda Giappone da ogni pixel. Samurai Shodown non è certo il picchiaduro più bello da vedere, ma ha una grafica assolutamente funzionale e, ciò che conta di più, è decisamente fluido con un suo stile peculiare che mi è particolarmente piaciuto. Buono il sonoro con ottimi effetti di tipo nipponico, e buona anche la colonna sonora che affonda pienamente nella tradizione del Giappone Feudale.

Amore

Un gran bel roster

- La varietà è garantita anche dal roster iniziale, che presenta aspetti negativi e positivi: se, da un lato, si notano alcune assenze eccellenti, dall’altro offre diverse tipologie di lottatori. Sono 16 i personaggi presenti al lancio con due new entry davvero interessanti: Darli Dagger e Wu-Ruixiang, entrambre caratterizzate da abilità quanto mai peculiari. Darli può essere letale anche se disarmata, grazie a una mossa speciale che ricorda molto da vicino la Galactica Phantom di Ralf di The King of Fighters e che, con tutta probabilità, verrà rimodulata con le prossime patch, visto che al momento è fin troppo devastante. Ruixiang, invece, è una lottatrice in grado di posizionare a terra trappole molto insidiose, soprattutto all'angolo, e dotata di uno velocità di spostamento notevole che le permette di destreggiarsi su più terreni rendendola sia imprevedibile che particolarmente letale. Ci saranno dei fighter pack acquistabili in seguito ma il primo, gratuito per chi ha acquistato il gioco prima del 30 giugno, ha già ampliato in maniera considerevole il numero dei lottatori.

Un gameplay tattico ma non troppo

- Il gameplay del gioco è molto tattico, ma non ai livelli delle primissime edizioni del titolo SNK pur permettendoci di giocare con una tipologia di picchiaduro che esula dal contesto della massa di titoli simili. Si tratta di una tipologia di combattimento che, probabilmente, non è adatta a tutti i videogiocatori ma che, per quanto mi riguarda, viene promossa a pieni voti. La gestione delle mosse difensive e l’interpretazione di ciò che farà il vostro avversario vi garantirà un livello di sfida di primissimo livello e vi farà venire continuamente la voglia di fare quel passo in più nel combattimento successivo. L’assenza di combo lunghe e complesse non è un male e la vecchia scuola del colpo singolo è affascinante nella sua riscoperta: spesso e volentieri il processo necessario a superare la guardia avversaria è molto più complicato degli eventuali attacchi da portare a segno.

Gestire le risorse fa bene alle risorse

- Un altro elemento interessante risiede nel fatto che con Samurai Shodown, SNK è riuscita a rimettere in piedi un gioco in cui la vittoria dipende fondamentalmente dalla gestione delle risorse a disposizione dei lottatori. Nel titolo SNK sono presenti le consuete meccaniche di Comeback presenti in tutti i picchiaduro moderni in grado di rientrare in gioco anche quando tutto sembra compromesso. Qui ne abbiamo fondamentalmente tre: la prima è la Furia Massima, legata a una barra della rabbia situata nella parte bassa dello schermo. Quando si subiscono dei danni l’indicatore si riempie e una volta pieno, garantisce bonus al danno ricevuto e mosse speciali. La seconda meccanica è la tecnica più dannosa del gioco e può ribaltare le sorti dello scontro, ma viene bilanciata da una serie di limitazioni: parte lentamente e non è invincibile (va usata solo a colpo sicuro); inoltre, può essere sfruttata una sola volta a incontro. Abbiamo poi la terza e ultima risorsa, l’Esplosione di Furia, una tecnica che forza l’attivazione della Furia massima rendendola più devastante della versione standard. L'Esplosione si attiva premendo contemporaneamente i tre tasti dell'arma e l'attivazione interrompe qualsiasi attacco si stia subendo, spingendo lontano l'avversario e garantendo un po' di spazio. Una volta azionata, questa tecnica garantisce un bonus al danno doppio rispetto a quello della Furia massima, per un periodo di tempo che varia a seconda del riempimento della barra della Rabbia.

Un buon netcode

- E’ chiaro che il gioco online avrà bisogno di ulteriori verifiche quando i giocatori virtuali saranno decisamente di più, ma posso già dire che, anche se ho incontrato solo giocatori europei, il lag è quasi assente (provato con fibra mista Fastweb) e gli scontri procedono senza intoppi sia negli incontri singoli che in quelli che prevedono più serie eliminatorie.

Odio

Un titolo dai contenuti ridotti

- Se vogliamo trovare un difetto alla nuova versione di Samurai Shodown, questo risiede probabilmente in una certa povertà di contenuti offerto al giocatore. Le modalità di gioco non brillano per quantità e la stessa modalità Storia non ha nulla di peculiare, né tantomeno possiede quel background, a livello di sceneggiatura, tipico di altre produzioni di alto budget. La stessa modalità Dojo poteva essere implementata in modo migliore: si tratta di una serie di incontri pensati per addestrare un’IA in base al modo di giocare dell’utente, creando avversari gestiti dalla CPU in grado di contrastare sempre meglio le azioni del giocatore. L’idea è sicuramente buona, ma non sono riuscito a trovare delle IA particolarmente ostiche nella progressione del gioco.

Un picchiaduro troppo catenacciaro?

- Volendo fare un paragone calcistico, il titolo SNK può essere assimilato ad squadra trapattoniana per la quale la prima regola è “non prenderle”. Questo può non piacere a tutti, ma è indubbio che ha il suo perché; a volte, però, l’attesa può diventare fastidiosa e potrebbe allontanare diversi potenziali acquirenti.

Tiriamo le somme

Samurai Shodown soffre il fatto di essere arrivato nei negozi dopo una serie di mostri sacri dal grande budget, e non ha quindi potuto sfruttare l’effetto sorpresa che ebbe, ad esempio, Street Fighter IV. Allo stesso tempo, però, è stata portata a termine una grande operazione di restyling con la gestazione finale di un picchiaduro che vuole mantenere una sua posizione di rilievo nell’ambito dei giochi tattici e dalla grande tecnica di base. Non è un prodotto per tutti, ma anche chi si avvicina per la prima volta ad un picchiaduro “diverso”, lo troverà affascinante e completo da quasi tutti i punti vista. Dispiace per la pochezza delle modalità di gioco a disposizione, elemento che potrebbe allontanare diversi potenziali acquirenti.
8.0

c Commenti

copertina

L'autore

autore

Da sempre grande amante di tutti gli sport, ha trasferito questa passione nel mondo dei videogiochi non disdegnando però anche gli altri generi. Ama il nostro calcio quanto sport come il football e l'hockey, ma è sempre pronto a blastare qualche alieno quando ce n'è il bisogno!

Xbox Italia, il gruppo Facebook ufficiale di MondoXbox
c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...