MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox




Monochroma

Recensione - Monochroma

Nato da un progetto finanziato su Kickstarter e inizialmente destinato al mercato PC, l’ambizioso Monochroma dei turchi Nowhere Studios approda anche su console. Riusciranno due bambini, un aquilone rosso e un oscuro complotto di un’oppressiva metropoli a cambiare le regole del genere puzzle-platform? Scopritelo leggendo la nostra recensione.

Il Gioco

Monochroma nasce nel 2014, frutto di una campagna Kickstarter lanciata dal team indipendente turco Nowhere Studios. L’opera prima dei Nowhere è ambientata in un passato distopico degli anni ’50 e ci racconta di due fratellini che vivono accampati nelle campagne a ridosso di una gigantesca metropoli industrializzata e in crescente espansione. I due piccoli eroi senza nome iniziano la loro avventura nel banale tentativo di far volare un aquilone in un cielo plumbeo, dove all’orizzonte si stagliano grattacieli e dirigibili in orbita costante sulla città tentacolare. Ai comandi del fratello maggiore, sulle prime battute di gioco ci troveremo a rincorrere il più piccolo e paffuto fratello che purtroppo, giunto sul tetto di un granaio con il suo aquilone al guinzaglio, cadrà rovinosamente ferendosi entrambe le gambe, finendo così incapace di camminare. Il nostro compito sarà quindi di caricarci il fratellino in spalla e portarlo in salvo, anche se sarà impossibile fare ritorno sui nostri passi perché il passaggio è ormai bloccato, per cui l’unica possibilità sarà di spingersi verso la città e cercare aiuto lì.

Il titolo inizia così, mettendoci subito ai comandi del ragazzino senza alcun filmato di presentazione, né un’intro, né tantomeno un tutorial che ne illustra il sistema di controllo, composto fondamentalmente da tre tasti: uno per caricarci nostro fratello in spalla, uno per saltare e l’altro per afferrare oggetti o interagire con determinati interruttori. Il primo aspetto che colpisce di Monochroma è il comparto artistico minimalista, assolutamente degno di nota e figlio di altre produzioni di successo, come Limbo e Ico, entrambe opere cui trae chiaramente ispirazione, non solo visivamente ma anche per ciò che concerne alcune meccaniche di gameplay. Come dice il titolo stesso del gioco, Monochroma è prevalentemente in bianco e nero e mostra su schermo pochi altri colori, tra cui il rosso, per evidenziare gli elementi interattivi o particolarmente rilevanti.

MX Video - Monochroma

Il titolo è composto da enigmi ambientali di molteplice fattura: alcuni potranno essere risolti agendo sulla fisica degli oggetti, altri invece richiederanno un pizzico d’ingegno e pazienza per essere compresi e portati a termine, altri ancora pretenderanno dal giocatore un particolare tempismo e riflessi pronti pad alla mano. Alcuni enigmi proposti dal titolo sono anche piuttosto originali e richiedono al giocatore un pizzico di attenzione e di analisi dell’ambiente circostante. Per fare un esempio, in uno dei puzzle che ho particolarmente apprezzato veniva richiesto di spostare un barile infuocato da una stanza ad un'altra per accendere una miccia, passando attraverso un cortile dove pioveva a dirotto, e l’unico modo per preservare la fiamma accesa del bidone, era trascinare quest’ultimo sotto delle passerelle mobili per far si che la pioggia non spegnesse il fuoco. Per quanto diversi tra loro, tutti gli enigmi ambientali presenti nel gioco ci chiederanno di trovare un modo per far proseguire non solo il protagonista ma entrambi i bambini, cosa che potrà avvenire solo caricandoci sulle spalle il nostro fratellino invalido e impossibilitato a camminare autonomamente. Di certo trasportare il piccolo ci rallenterà, ci appesantirà e ci impedirà di raggiungere piattaforme particolarmente elevate, costringendoci a trovare una strada percorribile da entrambi. Questo ci imporrà di parcheggiare ciclicamente il nostro paffuto fratellino per avere accesso agli elementi interattivi dell’ambiente circostante, spostando barili o casse, arrampicandoci su corde o catene e agendo su interruttori che comandano meccanismi, il tutto per ricavare un percorso più agevole una volta che torneremo a caricarci di nuovo il bambino in spalla e condurre entrambi i ragazzi verso l’area successiva. A complicare le cose ci si mette la possibilità di lasciare il piccolo ferito soltanto in zone illuminate da luce elettrica, in quanto il bimbo ha paura del buio e non riusciremo a scrollarcelo di dosso se non in una zona ben illuminata.

La nostra avventura con i due piccoli eroi comincerà dalle placide campagne alle porte della città, per poi farci addentrare via via nei meandri della metropoli tentacolare dove le industrie e il progresso la fanno da padrone. La visione distopica e molto personale degli anni ’50 immaginata dai Nowhere Studios non si compone solo del timore di due bimbi sperduti verso il progresso e l’invadente industrializzazione, bensì cova anche un oscuro mistero celato dietro la rassicurante facciata di una fabbrica di robot domestici, che è in realtà coinvolta nella sparizione di bambini della stessa età dei due protagonisti. Questo mistero purtroppo diventerà ben presto un nostro problema, infatti, durante le nostre peripezie ci capiterà di trovarci nel posto sbagliato al momento sbagliato e di vedere più del dovuto. Per questo saremo braccati per quasi l’intera durata dell’avventura da un omone misterioso apparentemente indistruttibile che vuole catturarci. Inutile dire che l’unica difesa possibile sarà la fuga, in quanto nessuno dei due fratelli dispone di abilità offensive. L’avventura dei due fratelli ci condurrà inevitabilmente a sbrogliare l’intera matassa e far luce sul mistero che attanaglia la metropoli, culminando poi in un tragico finale che imporrà un sacrificio estremo.

La durata di Monochroma si attesta intorno alle 3-4 ore e si compone di 4 capitoli che intensificheranno gradualmente la difficoltà degli enigmi o richiederanno una manualità dei comandi sempre maggiore al giocatore. Interessante poi la scelta di rinunciare alla localizzazione vocale o testuale per far comunicare tra loro i personaggi, cosa che avviene mediante il solo linguaggio corporeo. Infatti, il racconto dell’intera avventura di Monochroma avviene esclusivamente attraverso i suoni ambientali e le malinconiche basi musicali.

Amore

Artisticamente sublime

- Il comparto artistico dell’opera videoludica dei Nowhere Studios è bello ed evocativo e trae libera ispirazione da altre produzioni di spessore, tra cui Limbo e Ico. Gli ambienti dove muoveremo i nostri passi con i due fratellini non sono mai banali e sempre ricchi di elementi che popolano lo schermo e avvalorano l’atmosfera cupa e nostalgica. L’intera avventura di Monochroma trasuda malinconia e poesia, attraverso i chiaroscuri della palette monocromatica pennellata di essenziali elementi in rosso e di pochi altri colori. A chiudere l cerchio ci pensano al musica e il comparto sonoro che intervalla silenzi assoluti a struggenti melodie strumentali.

Enigmi stimolanti

- Gli enigmi ambientali presenti in Monochroma sono ben realizzati e la maggior parte di essi sono anche particolarmente originali. Alcuni ci chiederanno di armeggiare con la fisica degli elementi presenti su schermo, spostando casse o barili per creare contrappesi al fine di raggiungere passerelle elevate, altri invece richiederanno una buona dose di tempismo per dosare salti o agire su meccanismi a tempo. In linea generale non risultano mai troppo complessi e stimolano il giocatore ad analizzare l’ambiente circostante e sfruttarne al meglio gli elementi interattivi.

Odio

Sistema di controllo, frustrazione e bug

- L’altra faccia della medaglia del progetto videoludico dei Nowhere Studios ci mostra le sue debolezze, composte da di un sistema di controllo che fin troppo spesso non riesce a stare la passo della precisione richiesta per effettuare determinati salti o per portare a termine determinate prove a tempo, trasformando delle sessioni di gioco realtivamente semplici in frustrazione pura, scadendo in un tedioso labirinto di trial and error portatore di male parole. Ad arricchire il carico di anatemi ci si mettono anche i bug, problema di cui purtroppo il titolo soffre abbondantemente. Ce ne sono davvero per tutti i gusti: alcuni non permettono di proseguire nell’avventura, mentre altri compromettono addirittura i salvataggi e costringono a ricominciare l’avventura svariati checkpoint prima rispetto a dove si era arrivati. Durante la mia prova ho potuto, ahimè, sperimentare entrambi i bug e vi assicuro che non ne sono stato affatto contento.

Tiriamo le somme

Nel complesso il titolo dei Nowhere Studios ha tanti pregi quanti difetti. A suo favore c’è sicuramente il comparto artistico, splendido ed evocativo, e un gameplay intriso di enigmi ambientali che necessitano di ragionamento e di una buona dose di tempismo pad alla mano. Purtroppo però pesano negativamente i numerosi bug presenti nel titolo capaci di minare profondamente l'esperienza di gioco, e un sistema di controllo insufficiente rispetto all’impegno richiesto in alcuni frangenti. Nonostante tutto, ho trovato Monochroma un’opera prima di tutto rispetto e mi auguro vivamente che i ragazzi di Nowhere Studios a Istanbul continuino il loro coraggioso percorso videoludico, migliorandosi e sfornando altri progetti simili, magari vincolandoli ancora a nobili iniziative di beneficenza, proprio come hanno fatto con questo titolo che ha raccolto preziosi proventi per Save The Children.
7.0

c Commenti


L'autore

autore

Classe '79, sound designer di professione. La sua incrollabile passione per i videogiochi nasce solo all'inizio degli anni '90 e viene presto affiancata da quella per il doppiaggio. Col passare del tempo la sua carriera di videogiocatore onnivoro si focalizza sulla scena PC, ma poi assume sembianze più mature con l'avvento di PlayStation e di tutte le successive console che prenderanno lentamente possesso di casa sua.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...