MondoXbox

Live your
passion!

Shoot Many Robots

Recensione - Shoot Many Robots

Sviluppato da Demiurge Studios e pubblicato da Ubisoft, Shoot Many Robots è un Live Arcade appartenente al genere degli sparatutto a scorrimento che hanno spopolato nelle sale giochi degli anni '90. La concorrenza è dunque agguerrita, soprattutto visto che il punto di riferimento del genere è un certo Metal Slug. Vediamo se il prodotto finale può dare filo da torcere anche ai mostri storici.

Il Gioco

Shoot Many Robots è uno shooter a scorrimento orizzontale con elementi platform dei più classici. Di giochi di questo tipo ce ne sono a bizzeffe, dal primo Duke Nukem al mitico Metal Slug, passando per Shadow Complex. Il gioco è ambientato in una futuribile wasteland con diverse scenografie, dal deserto alla metropoli decadente. Lo scopo è semplicissimo e in linea con il titolo del gioco: sopravvivere uccidendo decine e decine di robot di ogni taglia, forma e colore. Il gioco non ha una vera e propria trama: il protagonista (che potrebbe benissimo essere una versione romanzata di Chuck Norris), dopo un breve e spassoso filmato si vede privato del proprio furgone pickup e decide quindi di intraprendere una campagna di devastazione e vendetta contro gli odiati robot. Per farlo, si ha una vastissima scelta di armi ed equipaggiamento, che rende l'esperienza quasi unica da giocatore a giocatore.

Le possibilità di personalizzazione sono veramente tantissime, il vestiario e le armi disponibili sono divise in diverse categorie: arma principale e secondaria per quel che riguarda l'armamento, e testa, torso e pantaloni per quanto riguarda gli indumenti. Ognuna di queste categorie ha decine di oggetti sbloccabili durante l'avventura, ognuna con le sue caratteristiche e miglioramenti unici che il giocatore può usare per adattare il protagonista al proprio stile di gioco preferito. Tutti gli oggetti sono acquistabili spendendo i dadi raccolti durante l'avventura, tramite un apposito store presente in un camper. Uccidendo i robot, infatti, si raccolgono i dadi che lasciano cadere; compiendo uccisioni in serie inoltre si sblocca un moltiplicatore che permette di raccogliere ancora più dadi. Chi volesse partire già avvantaggiato, può acquistare alcuni “pacchetti dado” direttamente sul Marketplace a prezzi che vanno da 80 a 800 MSP. I dadi hanno anche la funzione di “punti esperienza”, tramite i quali il giocatore avanzerà di livello e sbloccherà nuove missioni e oggetti acquistabili.

Shoot Many Robots è dotato infine di un comparto multiplayer cooperativo e competitivo, per due giocatori sulla stessa console oppure fino a quattro giocatori online: le missioni sono le stesse della campagna a giocatore singolo con la differenza sostanziale che i nemici sono molto più numerosi e resistenti. Al momento in cui scrivo, purtroppo, il gioco non è ancora uscito e quindi mi è impossibile testare con accuratezza il comparto online in quanto non è possibile trovare partite. Il lato competitivo del multiplayer è caratterizzato invece dalle classifiche online, scalabili grazie ai risultati ottenuti e ai dadi raccolti in ogni singolo livello.

Amore

Quattro risate da soli o in compagnia

- Shoot Many Robots è completamente infarcito di frasi, situazioni e citazioni esilaranti. Partiamo dal protagonista, un clone di Chuck Norris con un livello di tamarraggine senza eguali, fino ad arrivare addirittura ai messaggi che compaiono durante la ricerca di partite online. L'ingrediente fondamentale di alcuni tipi di giochi (soprattutto dei Live Arcade) è il divertimento, e in questo i Demiurge Studios ci hanno azzeccato in pieno.

Co-op offline e online

- Un altro punto a favore del gioco è la sua co-op. Fornisce tanto divertimento supplementare e variazioni sul tema. Peccato però per il limite di soli 2 giocatori sulla stessa console. in fondo se c'è riuscito Rayman a supportare una modalità offline a 4, poteva essere fatto un piccolo sforzo in più.

Odio

Né carne, né pesce

- Purtroppo il titolo non si dimostra essere nulla di che, non rappresenta né un baluardo dell'innovazione, né un gioco che primeggi in un qualche campo. È un puro e semplice arcade senza infamia né lode.

Le microtransazioni

- Reputo alcuni tipi di microtransazioni un male per i videogiochi. Personalmente reputo scorretto che chi disponga di soldi in eccesso possa partire in vantaggio rispetto al giocatore “onesto” e magari anche più bravo; fortunatamente non siete obbligati ad acquistare i potenziamenti e i dadi extra a pagamento, ma chi lo farà avrà un indubbio vantaggio sugli altri per quanto questo possa significare in un gioco co-op, chiaramente.

Tiriamo le somme

Shoot Many Robots è un chicco di sabbia nel deserto, un gioco che non verrà probabilmente ricordato negli annali dei Live Arcade e sicuramente nemmeno di quello dei giochi in generale. Raggiunge sicuramente la sufficienza, ma è consigliato solo ai maniaci degli sparatutto a scorrimento. 6.5

c Commenti (1)


L'autore

autore

Quando gli hanno chiesto di comporre una Bio, ha pensato subito alla natura e all’ambiente. Una volta rinsavito, ci ha raccontato di essere un appassionato di Basket e Calcio, videogiocatore accanito, predilige RPG, FPS e TPS. In generale però non si tira indietro di fronte a nulla. A tempo perso è anche speaker in una Web Radio.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...