MondoXbox

Live your
passion!

LEGO Harry Potter: Anni 5-7

Recensione - LEGO Harry Potter: Anni 5-7

Warner Bros. e TT Games ci riportano nella ella versione cubettosa del mondo di Harry Potter per accompagnare il famoso maghetto verso l’agognato diploma: eccovi la nostra recensione di LEGO Harry Potter: Anni 5-7.

Il Gioco

LEGO Harry Potter: Anni 5-7 vede tornare nella famosa scuola di magia di Hogwarts per far completare il ciclo di studi al nostro mago e contemporaneamente debellare definitivamente la minaccia causata dall’innominabile Voldemort. La struttura di gioco è quella tipica della serie, ovvero quella del platform game in terza persona che si dipanerà per quattro episodi (divisi esattamente come i film) ognuno contenente sei livelli di gioco, il tutto condito ovviamente dal tipico humor muto che da anni ormai accompagna la serie. Come sempre sono i numeri a fare la parte nel leone nel titolo: oltre al discreto numero di livelli presenti, troviamo la possibilità di utilizzare ben oltre 200 personaggi tutti tratti appartenenti all'universo di Harry Potter e rivisitati nelle loro versioni LEGO. Come da tradizione, ogni personaggio ha la propria peculiarità e l’unione e la collaborazione tra di loro sarà fondamentale per accedere a tutte le aree dei diversi livelli, raccogliere tutti gli oggetti e completare ogni missione al 100%. Presente come sempre la modalità “partita libera” che permetterà al giocatore, una volta completato il livello, di riaccedervi utilizzando i personaggi da lui preferiti per poter raggiungere parti prima inesplorabili, aggiungendo così un fattore rigiocabilità non indifferente e da sempre fiore all’occhiello di qualsiasi titolo LEGO.

Anche le novità, seppur marginali, non mancano, come l’aumento dell’ampiezza dell’hub centrale del gioco in cui potremo scegliere il livello da giocare, ora molto più ricco di curiosità e segreti da svelare, e sopratutto l’introduzione dei duelli: sfide uno contro uno a suon di magie, che si basano su un'associazione di colori fatta col giusto tempismo. Tecnicamente il titolo offre il solito e apprezzabile level design che sfrutta sapientemente anche le meccaniche cooperative; durante lo svolgimento della storia andiamo a visitare tutti i luoghi visti nei film, perfettamente ricreati sotto forma di mattoncini colorati. Inoltre tutte le scene più importanti sono riportate in maniera fedele anche nel gioco, rendendole però meno cupe e mature (specialmente quelle degli ultimi due film) e più vicine allo stile LEGO.

Amore

Il fascino di LEGO

- Nonostante ormai siano stati realizzati un quantitativo incredibile di titoli ispirati al mondo LEGO, il fascino che i cubetti colorati riescono ancora a dare è quanto mai tangibile e appagante. Le ambientazioni e il design dei livelli sono come sempre ben ispirati e spingono il giocatore a proseguire nella sua avventura oppure semplicemente girovagare a caso alla ricerca di segreti e oggetti speciali da raccogliere. Inoltre, cosa molto importante, il mondo di Harry Potter è senza dubbio uno di quelli che meglio si adatta alla filosofia LEGO aiutato, ovviamente, dalla magia.

Cooperativa

- Altro punto a favore del titolo è sicuramente il livello di cooperazione che si riesce a raggiungere all’interno dei diversi livelli di gioco. La struttura spinge più di una volta i giocatori a collaborare rendendo il titolo estremamente godibile in due, aiutati anche dalla possibilità di entrare ed uscire in partita in qualsiasi momento. Non per questo però il gioco in singolo viene sminuito, grazie ad un IA che, seppur non eccelsa, risulta sempre utile e efficace.

Per tutte le età

- Una delle caratteristiche da sempre più importanti della serie riguarda l’estrema trasversalità in termini di età a cui il titolo riesce a adattarsi. Tutto questo è ancora più apprezzato se si pensa che il titolo conta in particolare gli ultimi due capitoli della saga molto cupi e maturi. Gli sviluppatori sono comunque riusciti nell’impresa di rendere divertente e di dipingere con le tipiche tinte di humor anche le scene più cupe, rendendo il gioco adatto anche ai bimbi più piccoli affascinati da Harry e dalla magia.

Un castello vastissimo

- Una delle novità sicuramente più interessanti riguarda l’ampliamento dell’hub centrale di gioco che, oltre al castello di Hogwarts, conta anche zone limitrofe inaccessibili nei capitoli precedenti. Un ottimo modo per avventurarsi nei posti più reconditi dell’universo creato dalla mano della Rowling e sopratutto per scovare i segreti più celati, che vi assicuro all’interno di LEGO Harry Potter: Anni 5-7 sono presenti in grande quantità.

Odio

La storia continua, o forse no?

- Una cosa che mi ha leggermente infastidito del titolo riguarda la perdita totale delle magie e l’obbligo di doverle studiare nuovamente tutte dall’inizio. Passi per quelle nuove, ma trovo assurdo che se il gioco si pone come semplice continuazione della storia raccontata nel primo capitolo, il giocatore si ritrovi a partire totalmente da zero. Non ha senso e sopratutto rischia anche di annoiare il giocatore che aveva completato parzialmente o totalmente il precedente LEGO Harry Potter.

Duelli

- I duelli sono un'aggiunta che mostra più ombre che luci. Se da una parte le prime due o tre volte che li affronterete saranno anche divertenti, alla quarta già iniziano a stufare per via di una struttura sempliciotta e abbastanza elementare. Un'aggiunta del tutto irrilevante non tanto per la varietà offerta in termini di contenuti, quanto per un incisività che non è pervenuta relegando queste sezioni ad un qualcosa in più ma che non entusiasma.

Qualcosa bisogna cambiare

- Prima o poi sarebbe dovuto succedere anche a questo brand, che sembrava tra i più resistenti all'invecchiamento: se la formula di gioco rimane estremamente divertente da giocare e il titolo non soffre fortunatamente di eccessivi sbalzi di noia, dopo anni e titoli macinati sulla stessa identica formula è ora che la serie intraprenda una prepotente via innovativa che non smuova le solide fondamenta di gioco ma cerchi di inserire, magari gradualmente, qualche nuovo elemento che vari il gameplay e tutto quello che ne consegue. Gli anni, purtroppo, passano per tutti.

Niente online

- Se avete letto le altre nostre recensioni LEGO, saprete che questa è una cosa di cui ci siamo sempre lamentati e che sempre faremo finché i ragazzi di TT Games non ci soddisferanno. Manca totalmente la possibilità di giocare la cooperativa online, una mancanza ormai quasi imbarazzante visto soprattutto la bontà di tale modalità in locale. Abbiamo aspettato e pazientato, ma sembra proprio che sia una cosa destinata a non approdare mai in un titolo della serie. Un vero e grosso peccato.

Tiriamo le somme

LEGO Harry Potter: Anni 5-7 è un gioco solido che può contare su un collaudatissimo e solido gameplay, ma che non aggiunge davvero nulla di nuovo a quanto il brand ci ha già fatto vedere. Chi ama la serie e in particolare il maghetto con la cicatrice può comprarlo tranquillamente ad occhi chiusi, per tutti gli altri consigliamo quantomeno una prova. 7.5

c Commenti (12)


L'autore

Nel 1990 gli viene regalato un commodore 64 e da quel giorno capisce che i videogiochi saranno il suo futuro. A distanza di anni, nonostante ripetute richieste di "trovarsi un lavoro serio", continua a barcamenarsi nel campo del giornalismo videoludico. Collaboratore di MX dal 2006 è uno strenuo sostenitore della filosofia "il primo amore non si scorda mai".

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.