MondoXbox

Live your
passion!

PES 2011 (Pro Evolution Soccer)

Recensione - PES 2011 (Pro Evolution Soccer)

Anche quest'anno Konami arriva puntuale con il consueto appuntamento calcistico autunnale. A detta dei programmatori il nuovo PES 2011 non deluderà le aspettative, anzi farà di tutto per rendere la vita meno facile al diretto concorrente, FIFA 2011. Sarà stato così? Vediamolo nella nostra recensione.

Il Gioco

Sin dai menù iniziali, PES 2011 mostra sostanziali novità rispetto agli anni passati: cose come il controllo della velocità del gioco e la possibilità finalmente giocare alla seguitissima, anche da noi italiani, Copa Santander Libertadores, meglio nota come la Champions del Sudamerica, con all’interno tutte le squadre ufficiali. Non mancano le solite modalità quali Partita veloce, Campionati, Tornei che non presentano però sostanziali cambiamenti rispetto a quelle proposte nelle precedenti edizioni; troviamo poi il consueto appuntamento con Diventa un Mito, con la Master League e con il comparto multiplayer online e in locale.

  • img
  • img
  • img


In Diventa un Mito ci troviamo ad impersonare un giocatore alle prime armi, creato da noi stessi tramite un editor, che dovrà farsi strada nella dura carriera di calciatore. Una volta firmato un contratto con una delle squadre minori inizialmente disponibili, dobbiamo dare il meglio di noi per invogliare i club più prestigiosi a ingaggiarci e aspirare, così, anche a un posto in nazionale. Fondamentale sarà anche rispettare la volontà del mister che all’inizio di ogni partita ci affiderà un ruolo e dei compiti ben specifici da eseguire durante il match. Nella Master League, invece, dobbiamo scegliere un team e condurlo alla vittoria in campionati europei e coppe. Qui è di notevole importanza anche l’aspetto manageriale: dobbiamo far quadrare il bilancio,comprare, vendere e rinnovare i contratti dei giocatori che vorremo mantenere nella nostra rosa, migliorare lo staff tecnico, studiare le strategie in base alla squadra con cui dovremo confrontarci e trovare quei nuovi talenti da inserire nella squadra primavera. All’inizio di ogni campionato ci verranno indicati degli obiettivi che cambieranno a seconda della società che avremo scelto di seguire.

Amore

Simulazione o gioco arcade, a voi la scelta

- Gli sviluppatori hanno pensato bene di darci la possibilità di scegliere la velocità di gioco, un po’ come accadeva nei primi PES su Playstation. Questa scelta è importante e ci permette di dare al titolo una impostazione più simulativa o arcade. Se ci indirizzassimo per un gioco più lento, impostazione preferita della sottoscritta, è chiaro che risulterà più semplice studiare ogni manovra in campo ed effettuare passaggi, traversoni e tiri in porta in maniera più ragionata rispetto ad un settaggio con velocità maggiore. Questa scelta ci permette di adattare il gioco ai nostri gusti personali.

Un’ottima intelligenza artificiale

- La riproduzione delle dinamiche di gioco è esemplare e molto vicina ad una sudatissima partita vista in televisione, questo grazie anche a un notevole passo in avanti che è stato fatto per quanto riguarda l’intelligenza artificiale dei calciatori. Eccezion fatta per degli interventi alle volte fuori luogo dei portieri, che troviamo inspiegabilmente fuori dai pali anticipando una palla in maniera forse alquanto azzardata, tutti i calciatori sia della nostra squadra che di quella avversaria rispettano sempre le posizioni assegnategli e seguono con attenzione tutte le fasi di gioco effettuando passaggi, tiri in porta e cercando di rubare palla con un tempismo eccezionale. Qualsiasi tattica pre-partita impostiamo, o posizioni strategiche particolarissime assegnamo alla nostra rosa, tutto viene rispettato. E’ di notevole importanza abbinare un ruolo ad ogni giocatore perché, nel corso di un incontro, gli avversari cercano continuamente il lavoro di squadra per impedirci di arrivare nella loro metà.

Il sistema di controllo è preciso ed intuitivo

- Dopo già un paio di partite ci si rende conto di come il sistema di controllo sia molto preciso ed intuitivo. La risposta ai comandi risulta davvero precisa e priva di quella sorta di “automatismo” che affliggeva le versioni precedenti. Non si hanno problemi a padroneggiare subito tutti i comandi principali e quelli più complessi, arrivando ad ottenere immediatamente prestazioni eccellenti e azioni che meriterebbero di entrare nel manuale calcistico. Tutto questo grazie anche a delle ottime telecamere che riprendono in maniera perfetta ogni azione in campo e ad una assenza totale di rallentamenti anche nelle fasi più concitate del gioco.

Grafica

- Il comparto grafico oggi è fondamentale e PES 2011 sotto questo aspetto non ha nulla da invidiare a nessun’altra simulazione attualmente disponibile sul mercato. I vari stadi sono ricalcano perfettamente i modelli ai quali si ispirano, alcuni di essi sono stati riprodotti in maniera davvero eccellente e con un numero di dettagli impressionante. Anche il sistema di illuminazione è stato curato all’estremo: lo si nota principalmente quando si disputano partite in notturna. Gli sviluppatori hanno apportato sostanziali modifiche anche ai modelli poligonali di ogni singolo giocatore, che appaiono rivisti, migliorati e con texture davvero di alto livello. I volti dei calciatori più famosi si avvicinano in modo impressionante alle controparti reali e le loro divise sono state disegnate magistralmente, regalando l'emozione di giocare le partite al fianco dei nostri beniamini. Piccolo appunto, però, va alla resa grafica del pubblico che risulta ancora anonimo e costituito da persone quasi tutte uguali tra loro: un problema tuttavia marginale, che non intacca il grande lavoro svolto quest’anno da Konami.

Divertimento in rete

- Le partite online si rivelano divertentissime e capaci di tenerci incollati al video per parecchie ore in compagnia dei nostri amici. In qualsiasi modalità non si presentano rallentamenti o disconnessioni e anche la ricerca di una partita veloce, finalmente, non risulta estenuante come nelle precedenti edizioni. Il gioco non balbetta mai neanche nelle fasi più concitate dell’azione di gioco o nei cambi di tattica repentini, rendendo l’esperienza davvero appagante e soddisfacente. Utilissima poi la funzione di scegliere le lobby di gioco in cui si trovano i nostri connazionali: è chiaro che giocare con chi parla la nostra lingua regala soddisfazioni maggiori. Interessantissima anche la possibilità di poter disputare tornei personalizzati e una modalità Master League che non è da confondersi con quella proposta nel comparto a singolo giocatore: in questa dobbiamo affrontare una serie di tornei cercando, nel contempo, di costruire, partita dopo partita, la nostra squadra del cuore.

  • img
  • img
  • img


Odio

Palla contro i pali

- Mi ha lasciata perplessa in un paio di casi la reazione della sfera, probabilmente un bug del gioco che spero venga eliminato tramite una futura patch: calciando la palla in direzione della porta capita che, urtando alla traversa o a uno dei pali, la si veda proiettarsi a metà campo ad una velocità incredibile nonostante il tiro fosse poco potente. Ciò chiaramente impedisce un recupero immediato della palla per ritentare un gol su rimbalzo. Poco credibile e ridicolo a vedersi.

Sonoro fastidioso e telecronaca irritante

- Nonostante sia apprezzabile la quantità e la varietà di brani musicali che compongono la colonna sonora, sono gli effetti sul terreno di gioco che mi lasciano perplessa. Il rumore che si sente quando si calcia la palla rimane ancora alquanto lontano dall’effetto che sentiremmo in una vera partita di calcio. La telecronaca del duo Pierluigi Pardo - Josè Altafini risulta poi irritante causa di frasi e citazioni sempre uguali che annoiano prestissimo. Per non parlare del tifo indiavolato degli spettatori, che urlano sempre gli stessi cori sia che la squadra di casa perda o che vinca.

Tiriamo le somme

PES 2011 si dimostra essere un gioco molto divertente e longevo per le tante modalità che mette a disposizione del giocatore e per un online finalmente esente da difetti. Il gameplay è migliorato parecchio rispetto alle precedenti edizioni: la buona riuscita di ogni passaggio, tiro in porta e qualsivoglia azione sul terreno di gioco dipende esclusivamente dalla nostra bravura e da quanto tempo avremo dedicato al titolo. Non è da meno anche il livello grafico, capace di regalare effetti visivi notevoli. Un acquisto sicuramente consigliato per tutti gli amanti delle simulazioni sportive e l'inizio di un vero riscatto per il calcio made in Konami. 9.0

c Commenti (39)


L'autore

autore

Appassionata da sempre di videogiochi e modellismo, nel 2007 entra a far parte dello staff di MX iniziando a scrivere news e articoli in maniera sempre più entusiasta. Divide questa passione con l'amore per la musica e per la sua famiglia, gattina inclusa.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...