MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



img Gears 5
copertina

Recensione - Gears 5

A distanza di quasi tre anni dalla sua ultima opera The Coalition si appresta finalmente a pubblicare Gears 5, il nuovo attesissimo capitolo di una delle saghe iconiche di Xbox. E dopo un episodio di transizione, la software house canadese sembra ora aver dato libero sfogo a tutta la propria creatività con lo scopo dichiarato di realizzare il Gears più vasto e profondo di sempre. Ci saranno riusciti? Scopritelo nella nostra recensione!

Il Gioco

Dopo gli eventi narrati in Gears of War 4, la situazione sul pianeta Sera è sull’orlo del baratro. Lo Sciame, l’esercito generatosi dall’esposizione prolungata di Locuste ed esseri umani agli effetti nocivi dei cristalli di Imulsion, è uscito allo scoperto e si sta preparando per attaccare gli Insediamenti e le città gestite dalla Coalizione dei Governi. Una nuova guerra sembra quindi inevitabile e i COG, nonostante il loro esercito, sanno di non poter resistere a lungo senza armi adeguate. L’unica opzione plausibile, per quanto il Primo Ministro Jinn Desai non sia d’accordo, sembra essere legata al Martello dell’Alba, la “vecchia” tecnologia satellitare sviluppata durante le Guerre Pendulum che permise ai Gears di sopravvivere dopo il Giorno dell’Emersione. Su indicazione di Baird la squadra Delta (composta da Marcus Fenix, suo figlio JD, Kait Diaz, figlia della leader degli Estranei rapita dallo sciame nel precedente capitolo, e Delmont “Del” Walker) torna quindi ad Azura per lanciare in orbita un vecchio prototipo di Martello rimasto miracolosamente intatto. Una volta rientrati a Nuova Ephyra i soldati scoprono però che l’arma non sta rispondendo nel modo corretto, solo per scoprire che le cose stanno peggiorando ulteriormente.

img
Le creature si sono infatti evolute, generando nuovi giganteschi abomini e sviluppando la capacità di prendere il controllo dei Dee-Bee, i robot utilizzati dalle forze governative come strumento di difesa e controllo. Una situazione imprevista alla quale si aggiungono l’esuberanza e gli errori di JD, che aveva già rischiato di compromettere l’incursione su Azura, i conflitti interiori di Kait, tormentata da visioni e incubi, e la scarsa affidabilità del satellite appena messo in orbita. La somma di tutti questi fattori influisce in modo irreversibile sull’esito della missione, finendo per creare una profonda frattura all’interno dei Delta. Kait, spalleggiata dagli inseparabili Del e Jack, viene quindi inviata in missione negli angoli più remoti di Sera con l’obiettivo di convincere altri Estranei ad unirsi alle forze COG per respingere definitivamente lo Sciame.

Sono queste le premesse dalle quali prende il via Gears 5, al netto di ogni possibile spoiler. Un titolo che, nelle 10/12 ore necessarie per arrivare ai titoli di coda completando i 4 Atti della Campagna a livello di difficoltà intermedio, mette i giocatori dapprima nei panni di JD, per poi focalizzarsi sulla nuova protagonista. Dopo il primo atto introduttivo l’attenzione si sposta infatti sulla giovane Kait e sulla sua missione, che ben presto si trasforma in un’indagine sul suo oscuro passato e sulle vere origini dello Sciame. Un viaggio pericoloso, che attraverserà biomi e ambientazioni molto differenti e dal quale dipenderà non solo il destino della giovane Kait ma anche quello di tutto il popolo di Sera.

MX Video - Gears 5

Il cambio di protagonista e le nuove ambientazioni non sono però le uniche novità introdotte da The Coalition nel suo nuovo sparatutto in terza persona. Lo studio di Vancouver, dopo essersi fatto le ossa con il 4° capitolo, ha infatti deciso di imprimere con maggiore forza la propria impronta nella saga, apportando alcune importanti modifiche al sistema di gioco originale. La prima, quella che salta subito all’occhio, riguarda la possibilità di affrontare l’intera campagna con altri due amici, sia in split-screen sia tramite Xbox Live, formando una squadra composta dai due protagonisti più il robot di supporto Jack, il quale diventa a tutti gli effetti un personaggio giocabile dotato di caratteristiche proprie che gli consentono di attivare interruttori, di intrufolarsi nei condotti di aerazione, di diventare invisibile per un breve lasso di tempo e di raccogliere/trasportare oggetti quali armi, munizioni o altro. Quando giochiamo in singolo, tutte queste azioni di Jack vengono sempre gestite dalla I.A., liberamente o su nostra specifica indicazione, mentre quando giochiamo in coop sarà un giocatore in carne ed ossa a dover interpretare il ruolo di supporto. Supporto che, in questo 5° capitolo, non si limita solo alle azioni appena citate. La nuova versione di Jack dispone infatti di 11 abilità speciali suddivise in Assalto, Supporto e Passive. Queste ultime sono utilizzabili fin dal primo minuto e influiscono su parametri quali la sua salute, la capacità di curare gli altri o la durata dell’invisibilità. Le altre abilità, che permettono di scansionare le aree per individuare nemici e rifornimenti, di curare o rendere invisibile la squadra, di controllare per un tempo limitato gli avversari, di accecarli e così via, funzionano invece in modo leggermente diverso. Innanzitutto devono essere sbloccate, collegando al robot specifici accessori ottenibili nel corso dell’avventura, e poi vanno equipaggiate sfruttando i due slot disponibili, uno per ogni tipologia di abilità. Solo così possono poi essere utilizzate sul campo di battaglia, tenendo però sempre presenti i tempi di ricarica necessari dopo ciascun utilizzo. Tutte queste skill, così come quelle Passive, possono poi essere potenziate su 4 differenti livelli. I primi 3 sono accessibili consumando Componenti, delle parti elettroniche speciali che i giocatori avranno l’opportunità di raccogliere durante l’esplorazione, mentre l’ultimo livello, denominato Ultimate, può essere sbloccato solo ottenendo specifici moduli, generalmente legati al completamento di missioni principali o secondarie.

img
Già, perché stavolta troviamo anche delle missioni secondarie, altra grande novità di Gears 5. Nel corso dell’avventura, i protagonisti raggiungono infatti due remote regioni open world di Sera che possono essere esplorate liberamente e dalle quali è possibile accedere non solo ai luoghi teatro dei capitoli principali, che mantengono la medesima struttura lineare e guidata dei precedenti episodi, ma anche ad altre aree, di dimensioni più limitate, nelle quali è possibile completare alcuni incarichi opzionali quali missioni di salvataggio o ricerca, utili per raccogliere nuovi potenziamenti o per scoprire importanti retroscena sulle vicende narrate nel titolo. Tutti questi incarichi, così come gli eventuali punti di interesse, vengono memorizzati da Jack, il quale ha anche acquisito la capacità di visualizzare la mappa di queste regioni così da fornici costantemente indicazioni sulla direzione da seguire tramite una pratica bussola visualizzata nella parte superiore dello schermo. Attenzione però a non farsi trarre in inganno: non ci troviamo di fronte ad un titolo open world puro, ma a due grandi “hub” che possono essere esplorati a piedi o, più rapidamente, sfruttando una sorta di slitta trainata da una vela chiamata “Skiff”, sulla quale possono anche essere riposte due armi aggiuntive. Il passaggio da una regione all’altra è inoltre sempre vincolato al completamento del relativo Atto, con punti di non ritorno segnalati chiaramente nel corso dell’avventura.

img
Queste sono le novità principali presenti in Gears 5, che rimane però a tutti gli effetti uno sparatutto in terza persona basato sul sistema di copertura e sul gameplay fatto di esplorazione, sequenze d’azione e sparatorie al cardiopalma diventati ormai un vero e proprio marchio di fabbrica della serie. Da questo punto di vista, The Coalition si è limitata quindi a perfezionare ulteriormente le meccaniche originali e ad introdurre solo alcune piccole novità, che si sommano a quelle già analizzate parlando delle abilità di Jack . Ora abbiamo ad esempio la possibilità di cogliere di sorpresa gli avversari con un’uccisione silenziosa, il che permette di superare alcune sezioni senza sparare nemmeno un colpo, e possiamo sfruttare nuove armi come il mitragliatore leggero Claw, la cui precisione aumenta con il fuoco continuato, la pistola automatica Talon e il cannone Criogenico, che congela gli avversari lasciandoli alla mercé dei nostri colpi o delle altre creature. A queste si sommano poi alcune armi uniche dotate di caratteristiche speciali, che possono essere raccolte nel corso dell’avventura. L’esercito nemico, dal canto suo, non resta certo a guardare e riversa sul campo di battaglia la consueta varietà di creature che vanno dalle minuscole sanguisughe ai giganteschi Swarmack, passando per un paio di classi inedite come i pericolosi Sorveglianti o i fastidiosi robot corrotti dallo Sciame, denominati Bastion. La casa di sviluppo guidata da Rod Fergusson ha poi modificato alcune delle meccaniche originali, come quelle relative ai percorsi separati. Il nuovo capitolo ci offre sempre l’opportunità di seguire strade diverse, ma il numero di occasioni nelle quali dobbiamo effettuare a priori una scelta precisa si contano sulle dita di una mano.

img
Un Gears non potrebbe però essere lo stesso senza la consueta offerta multigiocatore e, anche da questo punto di vista, Gears 5 tiene fede alle sue origini proponendoci una serie di modalità di gioco differenti pensate per accontentare quanti più giocatori possibili. A partire dalla classica modalità competitiva Versus, che racchiude al suo interno varie tipologie di partite suddivise tra Arcade, Classificate, Coop vs I.A. e Personalizzate; la prima rappresenta un’assoluta novità e propone ai giocatori deathmatch tra squadre di 5 elementi scelti in un roster di 11 personaggi diversi, tutti dotati di skill peculiari e di un equipaggiamento iniziale fisso, che può poi essere modificato spendendo i punti ottenuti uccidendo gli avversari. Tra le Classificate, che permettono di selezionare gli stessi personaggi, troviamo invece una selezione delle 8 modalità di gioco distinte presenti nel gioco, che vanno dal classico deathmatch a squadre al sempreverde Re della Collina, passando per una buona varietà di tipologie di match differenti già presenti nel precedente capitolo. Coop Vs I.A. permette invece, come facilmente intuibile, di affrontare squadre controllate dalla CPU insieme ad altri 4 giocatori umani, mentre il menu delle sfide Personalizzate consente di creare liberamente le proprie partite, anche in LAN, selezionando non solo la modalità di gioco, ma anche su quale delle 12 mappe presenti al lancio disputarla e quali opzioni specifiche attivare.

In Gears 5 fa poi ritorno la leggendaria modalità Orda, che vede una squadra formata da 5 componenti, umani o bot, scontrarsi con 50 ondate di nemici di difficoltà crescente sulle stesse mappe pensate per le sfide Versus. Ogni 10 ondate si affronta un boss, e per ogni nemico abbattuto si ottiene energia da spendere per fabbricare e/o potenziare le proprie difese, per acquistare equipaggiamenti o, novità assoluta, per incrementare le caratteristiche del proprio personaggio. La nuova struttura dell’Orda permette infatti ai giocatori di selezionare i rispettivi alter-ego da una selezione che al lancio includerà 9 personaggi differenti, tra i quali anche il robot Jack, suddivisi in 5 categorie: Scout, Ingegnere, Attacco, Tank e Supporto. Ogni categoria è specializzata in uno specifico aspetto, ma questo non significa che due Tank siano identici perché ogni singolo personaggio dispone di una propria abilità passiva, di una Ultimate, che si ricarica con il passare del tempo e che potrebbe influenzare anche gli altri membri della squadra, e di 4 diverse caratteristiche base, ciascuna delle quali può essere potenziata attraverso 10 differenti livelli consumando energia.

img
Come detto, l'energia può comunque anche essere utilizzata per costruire o potenziare le difese, ma in modo leggermente diverso rispetto al passato. Nel nuovo capitolo ogni classe, e non solo gli Ingegneri, può infatti costruire un paio di elementi usando il Fabbricatore, mentre gli Ingegneri conservano la possibilità di accedere all’intero catalogo di elementi. Le novità però non finiscono qui. The Coalition ha infatti pensato di introdurre altri due elementi inediti, così da rendere ancor più vivace questa modalità. Il primo prevede la possibilità di “skippare” il periodo di pausa tra un’ondata e l’altra ricevendo in cambio energia bonus, mentre il secondo riguarda la comparsa di “fonti di energia” dopo ogni boss-fight. I Sifoni, così vengono chiamati nella versione italiana, appaiono in aree più o meno casuali della mappa e sta ai giocatori decidere se tentare di occuparli per raccogliere nuova energia ad ogni ondata, lasciando magari sguarnita la propria base, o se ignorarli. L’ultima peculiarità di questa modalità riguarda la progressione dei vari personaggi, che salgono di livello sulla base dei risultati ottenuti sbloccando 13 carte abilità diverse per ciascuno, che possono essere inserite nei 5 slot, anch’essi sbloccabili salendo di livello, per differenziare ulteriormente i propri combattenti.

La modalità Fuga, infine, rappresenta invece un’altra novità assoluta per la serie, sia per la tipologia di match sia per quanto riguarda il numero di giocatori coinvolti. Si tratta infatti di una modalità cooperativa pensata per un massimo di tre giocatori nella quale l’obiettivo finale non è quello di uccidere il maggior numero di avversari ma piuttosto di uscire indenni, o quasi, da un Alveare dello Sciame, il tutto senza dimenticarsi di lasciare in pegno una discreta quantità di gas velenoso. Il funzionamento di questa tipologia di scontri è molto semplice: all’avvio i giocatori fuoriescono da uno dei bozzoli dello Sciame e posizionano delle granate, le quali inizieranno a rilasciare gas dopo un certo lasso di tempo riempiendo progressivamente ogni parte dell’alveare, composto generalmente da un'alternanza di corridoi stretti, svincoli e stanze di varie dimensioni. Mentre ciò accade, i giocatori devono avanzare verso l’uscita per non rischiare di finire soffocati dal loro stesso veleno, affrontando nel frattempo i nemici che incontrano sfruttando al meglio le poche armi che riescono a recuperare durante il percorso. Una volta raggiunta l’uscita devono sigillarla per massimizzare l’effetto del gas, e procedere con l’estrazione. In questo caso i personaggi selezionabili al lancio del gioco sono solo 6, con modalità di suddivisione, progressione e personalizzazione identiche a quelle della modalità Orda. Le mappe invece sono 4, create specificatamente per questa modalità. Un numero effettivamente ridotto, ma destinato a crescere rapidamente vista la presenza di un editor tramite il quale è possibile creare le proprie mappe, che possono poi essere giocate o condivise con l’intera community.

img
Un’ulteriore novità è rappresentata dalla gestione della difficoltà per le modalità Orda e Fuga, che passa dai classici livelli che influenzavano in modo generico una serie di parametri ad una selezione più mirata basata su 7 diversi modificatori, che nei match personalizzati possono essere attivati a piacimento per affinare il livello di sfida e ottenere sempre la giusta quantità di punti esperienza. Questa, come da tradizione, consente al giocatore di aumentare il proprio Rango e ai personaggi di salire di livello, sbloccando così nuovi oggetti, nuove carte o nuove personalizzazioni quali skin, emote, animazioni e “design” speciali per i propri schizzi di sangue. Ricompense simili possono poi essere ottenute completando le classiche Missioni settimanali, sulla base di un sistema di stagioni, denominate per l’occasione Operazioni, che varieranno ciclicamente dopo l’uscita introducendo costantemente nuove sfide, nuove personalizzazioni e nuovi contenuti. Gears 5 propone inoltre ai giocatori il Ferro, una valuta “Premium” acquistabile tramite microtransazioni o ottenibile in-game, seppur in quantità molto ridotte. Questa moneta può essere spesa per acquistare personalizzazioni estetiche che, almeno a quanto ci è dato sapere, non possono essere ottenute completando missioni o salendo di livello. L’unica eccezione, confermata proprio da The Coalition alla gamescom, riguarderà eventuali nuovi personaggi Premium, che potranno essere sbloccati sia in-game sia con la valuta dedicata, così da consentire a chiunque di poterli ottenere. Il titolo include infine un sistema di Punti Ricompensa che si accumulano giocando le varie modalità multigiocatore e che possono essere utilizzati per ricevere pacchetti di personalizzazioni specifici, e una sorta di gestione delle Alleanze, che premia i giocatori con esperienza aggiuntiva per ogni match disputato con gli amici.

img
A sorreggere tecnicamente Gears 5 ci pensa, come da tradizione, l’Unreal Engine di Epic. Il potente motore grafico si è comportato egregiamente sulla Xbox One X utilizzata per la prova, raggiungendo senza difficoltà i 4K a 60 fps con pieno supporto alla tecnologia HDR in tutte le modalità, ad esclusione di quelle in split-screen. Il frame-rate si è dimostrato stabile in quasi tutte le occasioni, anche grazie alla presenza di una risoluzione dinamica molto ben ottimizzata, capace di ridurre temporaneamente il numero di pixel renderizzati (ma non quelli a schermo, riscostruiti con tecniche avanzate) quando necessario senza mai compromettere il colpo d’occhio generale. Ottimo anche il comparto audio, che include una colonna sonora originale di pregevole fattura e una localizzazione completa in lingua italiana, dalla quale sono però rimaste inspiegabilmente fuori le voci dei personaggi bonus legati ai franchise di Halo e Terminator. Gears 5, come il suo predecessore, è un titolo Play Anywhere e supporta il cross-play con la versione PC, che può però essere disabilitato quando si disputano i match nella modalità Versus classificate.

Amore

Un Gears “diverso”, ma senza troppe distrazioni

- Come promesso dagli sviluppatori, Gears 5 è un titolo che prende sensibilmente le distanze dal passato, soprattutto per quanto riguarda la Campagna. Le nuove meccaniche di gioco, la possibilità di personalizzare simil-RPG le abilità di Jack e l’esplorazione meno lineare rappresentano infatti un cambio di rotta importante per una serie che, storicamente, è sempre rimasta molto fedele alle proprie origini, anche per via del passaggio di testimone da Epic a The Coalition che andava gestito in modo quanto più possibile indolore. Con Gears 5 lo studio ha invece potuto osare, dando vita ad un mix di tradizione ed innovazione che mi ha lasciato piacevolmente stupito. Tutti i nuovi elementi si integrano infatti in modo praticamente perfetto alle meccaniche tradizionali della serie, andando ad espandere la giocabilità originale. Uno dei meriti principali del team guidato da Rod Fergusson è proprio quello di non aver modificato radicalmente il gioco avvicinandolo agli RPG o agli open world, ma di aver piuttosto “disciolto” all’interno di un TPS focalizzato sugli scontri a fuoco alcune meccaniche prese in prestito da questi generi, come la possibilità di modificare il proprio stile di gioco o di esplorare in maniera più libera alcune aree. Il risultato finale, come spesso accade, è superiore alla somma delle singole parti e rappresenta senza ombra di dubbio la giusta evoluzione di una saga capace di sorprendere ed appassionare i giocatori sin dal lontano 2006.

Tecnicamente impressionante

- Gears 5, specie nella sua versione Enhanced, rappresenta probabilmente il picco di qualità grafica più elevata raggiunto finora su Xbox. Modelli poligonali estremamente dettagliati, texture in alta risoluzione, ombre realistiche, distanza visiva eccellente, riflessi, giochi di luce, effetti particellari e molto altro ancora, il tutto “sparato” a schermo, su Xbox One X, nella maestosità del 4K a 60fps. Mescolando con maestria tutti questi elementi, il nuovo capitolo della saga di Gears of War delizia costantemente lo sguardo del giocatore dando vita ad una vasta gamma di panorami differenti, resi ancora più vivi da una gestione dei colori allo stato dell’arte e dalla presenza di cataclismi capaci di lasciare letteralmente a bocca aperta chi impugna il pad. Al comparto grafico si affianca poi la componente audio, anch’essa di altissima qualità sia per quanto riguarda i suoni, sia se si considerano la colonna sonora, praticamente perfetta, ed il doppiaggio in lingua italiana, non impeccabile ma comunque ben al di sopra della media in quasi tutte le situazioni. Un risultato prevedibile viste le capacità del team di sviluppo, ma comunque straordinario, che sottolinea ancora una volta l’impegno profuso dal team nello spremere al meglio il motore grafico e l’hardware a disposizione per garantire alla loro opera la presentazione adeguata.

Gameplay immediato e coinvolgente

- Se con il gioco precedente The Coalition aveva dimostrato di poter raccogliere in modo adeguato l’eredità lasciata da Epic, con Gears 5 il team si è spinto ancora più in là confezionando un'esperienza di gioco più profonda, ma allo stesso tempo ancora più immediata. Le meccaniche di gioco originali sono rimaste intatte e sembrano aver beneficiato in modo sensibile delle numerose novità introdotte, che di fatto espandono le possibilità di approccio a disposizione dei giocatori. Sia ben chiaro però: Gears 5 è uno sparatutto e, in quanto tale, si basa sempre su sparatorie e scontri a fuoco, ma ora si può decidere con maggiore libertà come affrontare queste situazioni, optando per un approccio più ragionato o per una carica a testa bassa in base al momento, ai propri gusti personali o alle capacità dei nostri compagni. Profondità e immediatezza sembrano inoltre le due parole chiave quando si analizzano le varie modalità multigiocatore, rese decisamente più articolate, ma anche molto più accessibili, grazie all’introduzione di nuove modalità, come i match Arcade, e di tante opzioni con le quali personalizzare la difficoltà degli incontri, le caratteristiche dei match ed i controlli, così da adattarli con facilità alle proprie esigenze.

Tamarro è bello

- La saga di Gears, sin dalla sua prima apparizione, si è sempre distinta per il suo approccio sopra le righe e il nuovo capitolo non fa eccezione, proponendoci la consueta dose di violenza, esecuzioni brutali e scambi di battute pungenti per cui la serie è famosa. L’avvicendamento dei team di sviluppo per fortuna non ha intaccato questo aspetto ma, anzi, sembra che con Gears 5 The Coalition abbia deciso di rendere ancora più marcati alcuni elementi, soprattutto nelle modalità multigiocatore. Ogni scontro è un tripudio di sangue ed uccisioni efferate, rese ancora più convincenti da una lunga serie di animazioni perfettamente realizzate e sottolineate con puntualità dai commenti “coloriti” dei vari protagonisti. A questo si sommano poi alcune chicche, come la possibilità di sbloccare ed equipaggiare una vasta gamma di design per le tracce di sangue lasciate sul campo di battaglia dopo ogni uccisione, che amplificano l’anima “tamarra” del titolo rendendolo davvero unico nel suo genere.

Multigiocatore molto promettente

- Allo stato attuale è difficile dare un giudizio completo sulle varie modalità multigiocatore presenti in Gears 5: durante la mia prova i server non erano particolarmente popolati e il matchmaking non era attivo, il che ha ridotto notevolmente le possibilità di testare questa componente in condizioni simili alla realtà. Nonostante ciò, l’impressione generale è comunque molto positiva. L’offerta, in termini prettamente numerici, appare sin da subito più che adeguata e visto quanto fatto con la campagna, non credo si possano avere particolari dubbi sulla bontà del lavoro svolto dagli sviluppatori sulle meccaniche di gioco generali. Come sempre, solo il tempo potrà dirci se il bilanciamento si rivelerà adeguato e se il supporto post-lancio saprà garantire il giusto flusso di nuovi contenuti, ma allo stato attuale il team sembra avere le idee molto chiare e questo non potrà che influire positivamente sulla qualità generale del titolo.

Un’offerta smisurata

- Da qualunque parte lo si guardi, Gears 5 è un titolo dannatamente denso di contenuti. Una Campagna da almeno 10/12 ore, che possono arrivare o superare facilmente le 15 ore se si decide di completarla al 100%, 4 livelli di difficoltà differenti, una co-op a 3 giocatori con un personaggio giocabile completamente inedito, una componente multigiocatore ricca e stratificata, che abbraccia sia i giocatori più esigenti sia quelli occasionali con un catalogo di proposte PvP e PvE ampio e personalizzabile, un editor di mappe con possibilità di condividere le proprie creazioni e giocare quelle degli altri, un catalogo di personalizzazioni completo, missioni a tempo e tanto altro. Già così, il quinto capitolo della saga di Gears of War potrebbe fagocitare tutto il vostro tempo libero, ma non è ancora abbastanza. The Coalition ha infatti promesso un supporto post-lancio costante, così da soddisfare anche le richieste dei fan più esigenti e incrementare ancora di più la longevità della sua ultima fatica.

Odio

Trama un po’ troppo prevedibile

- Ebbene sì nonostante l’ottimo lavoro svolto dagli sceneggiatori con la trama di Gears 5, alcuni passaggi e alcuni colpi di scena mi sono sembrati fin troppo scontati. La Campagna rivela molti retroscena importanti sui protagonisti e sul mondo di gioco, fa luce su alcuni avvenimenti passati e tiene il giocatore con il fiato sospeso dall’inizio alla fine grazie ad un ritmo sempre molto elevato e ad alcuni avvenimenti drammatici, ma da questo punto di vista The Coalition avrebbe sicuramente potuto spingersi oltre, rendendo alcune situazioni più imprevedibili e creando un intreccio narrativo capace di sorprendere anche i giocatori più smaliziati.

Combattimento finale

- Non voglio assolutamente fare spoiler, quindi mi limiterò a dire che il boss presente nell’ultimo capitolo non mi ha convinto particolarmente, anche dopo averlo affrontato ai livelli di difficoltà più elevati. Lo scontro, che arriva al termine di una sequenza davvero intensa, si risolve infatti in modo abbastanza banale e manca del giusto tasso di adrenalina che ci si aspetterebbe di incontrare al termine di una Campagna fino a quel momento molto coinvolgente.

Tiriamo le somme

Possiamo metterci l’anima in pace: Gears 5 con la sua Campagna 2.0, le tante modalità multigiocatore e le infinite opzioni di personalizzazione messe a disposizione del giocatore, rappresenta senza ombra di dubbio l’esperienza Gears più varia, vasta, completa e profonda di sempre, alla quale si accompagna una giocabilità rispettosa delle tradizioni, ma che strizza l’occhio ai trend più moderni. L’ultima fatica di The Coalition non è però soltanto questo. E’ un titolo d’azione di altissima qualità, supportato da una realizzazione tecnica maestosa e da una sceneggiatura che, seppur con qualche piccola sbavatura, si inserisce alla perfezione nel vasto universo della saga, ponendo di fatto le basi per un finale epico. Uno sparatutto che ha qualcosa da offrire a tutti i possessori di Xbox…e che tutti i possessori di Xbox dovrebbero assolutamente giocare!
9.5

c Commenti (22)

copertina

L'autore

autore

Classe 1985 e cresciuto a pane, Commodore e Amiga, nel 1991 riceve il suo primo NES e da allora niente è più lo stesso. Attraversa tutte le generazioni di console tra platform, GDR, giochi di guida e FPS fino al 2004, quando approda su Xbox. Ancora oggi, a distanza di anni, vive consumato da questo sentimento dividendosi tra famiglia, lavoro, videogiochi, corsa, cinema e serie TV, nell’attesa che qualcuno scopra come rallentare il tempo per permettergli di dormire almeno un paio d’ore per notte.

Xbox Italia, il gruppo Facebook ufficiale di MondoXbox
c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
caricamento Caricamento commenti...