MondoXbox

Live your
passion!

Transformers: La Vendetta del Caduto

Recensione - Transformers: La Vendetta del Caduto

A distanza di due anni dall’uscita del primo Transformers, Vicarius Visions e Activision approfittano dell'uscita nelle sale del nuovo film per rilanciare la moda dei robottoni. Scopriamo insieme pregi e difetti di questo titolo.

Il Gioco

Come accade quasi sempre per ogni titolo su licenza, Transformers: La Vendetta del Caduto segue da vicino la trama dell'omonimo film, e chi lo giocherà dopo aver visto il film riuscirà a riconoscere i vari luoghi in cui si svolgono le missioni: si passa dalla costa est degli USA fino ad arrivare alla Cina e addirittura all’Egitto. Il gioco ci propone varie missioni sparse per il globo, che richiederanno particolari modelli di Transformer per essere svolte e con tre tipi diversi di obiettivi. Il primo è quello di distruggere tutti i nemici presenti sulla mappa per ripulire la zona, sfociando il più delle volte nello scontro finale con uno dei capi dei cattivi. Un altro tipo di missione consiste nel dover scortare dei convogli o mezzi militari da un punto A ad un punto B, assicurandosi di farli arrivare intatti alla fine del percorso, e il terzo invece ci richiede di dover portare in salvo dei civili in una zona sicura.

  • img
  • img
  • img


Per aggiungere un po’ di competizione alle sfide – molto brevi – troviamo un contatore che, in base al tempo impiegato per portare a termine il nostro compito, ci assegna una medaglia che va dal bronzo fino al platino. Queste verranno poi tramutate in Punti Esperienza, che serviranno per potenziare i nostri Transformers. Novità di questo episodio è poi la possibilità di intraprendere la storia principale sia dalla parte dei buoni che con i cattivi: durante il gioco abbiamo quindi modo di utilizzare praticamente tutti i Decepticons e gli Autobot presenti nel film, compreso un Optimus Prime molto speciale, che non sveliamo per non rovinare la sorpresa a chi ancora deve gustarsi la pellicola. Il gioco dispone anche di una componente multiplayer, con le classiche modalità di gioco: deathmatch, team deathmatch con squadre di Autobots contro Decepticons e infine una modalità particolare, in cui per vincere bisognerà uccidere il leader della squadra avversaria. In ogni partita possono scontrarsi fino ad un massimo di dieci giocatori.

Amore

Decepticons, che passione!

- E' innegabile come molti dei fan di questa saga tifino per i cattivi, grazie al loro particolare fascino: questa volta Activision ha voluto accontentare anche gli amanti del “lato oscuro”, costruendo una storia solo per loro. Indubbiamente è piuttosto appagante fracassare di botte Bumblebee o Optimus Prime!

Extra sbloccabili

- Ogni volta che portiamo a termine una missione, ci verranno regalati come dei gettoni che potremo spendere per sbloccare filmati, potenzialità e altri tipi di extra che faranno sicuramente la gioia degli amanti di questa saga. Per i fan del cartone, inoltre, è possibile anche sbloccare delle puntate delle serie, purtroppo solo in inglese.

Trasformazioni

- Essendo un gioco sui Transformers, è indubbio come le trasformazioni dei vari robottoni possano esercitare un certo fascino sul giocatore. Queste ci permettono, oltre a giocare nei panni dei vari robot, di guidare diversi mezzi per le strade della città, sia terrestri che aerei.

  • img
  • img
  • img


Odio

Grafica

- Protagonisti a parte, visivamente il titolo è molto indietro rispetto a quello che abbiamo potuto ammirare ultimamente sulla nostra console: i modelli poligonali dei palazzi sono molto semplici e praticamente privi di dettagli, e l'illuminazione dinamica è praticamente inesistente, mentre gli effetti particellari sono gli unici che si salvano. Data anche la grandezza piuttosto ristretta dei vari livelli, si sarebbe potuto fare molto di più.

Troppo facile

- La difficoltà del gioco tende verso il basso, probabilmente una scelta degli sviluppatori per aprire il titolo a più giocatori possibili compresi quelli alle prime armi, ma un livello di sfida maggiore, magari a livelli più alti di difficoltà, sarebbe stata cosa gradita.

Longevità

- Nonostante le sfide aggiuntive e i punti per sbloccare gli extra, una volta finita la breve campagna - circa sei ore completando sia Autobots che Decepticons - difficilmente vorrete rigiocarla, complice anche il basso livello di sfida di cui abbiamo parlato. Il multiplayer è d'aiuto se avete amici che possiedono il gioco, ma se non giocate online vi ritroverete con un titolo molto breve.

Tiriamo le somme

Transformers: La Vendetta del Caduto si è rivelato essere il classico tie-in a basso budget che cerca di sfruttare l’effetto scia del film. I videogiocatori smaliziati difficilmente troveranno delle motivazioni per comprarlo, risultando quindi appetibile ai soli fan della saga, che grazie agli extra di sicuro interesse per gli appassionati. 6.0

c Commenti


L'autore

Nel 1990 gli viene regalato un commodore 64 e da quel giorno capisce che i videogiochi saranno il suo futuro. A distanza di anni, nonostante ripetute richieste di "trovarsi un lavoro serio", continua a barcamenarsi nel campo del giornalismo videoludico. Collaboratore di MX dal 2006 è uno strenuo sostenitore della filosofia "il primo amore non si scorda mai".

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Caricamento commenti...