MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox




Sonic Forces
copertina

Recensione - Sonic Forces

Per festeggiare i 25 anni del porcospino blu, SEGA ha deciso di non risparmiarsi rilasciando quest’anno ben due giochi di Sonic. Dopo esserci cimentati quest’estate con il titolo dal sapore retro Sonic Mania, è ora il turno del più fresco Sonic Forces, prodotto direttamente dal Sonic Team e sul quale i fan della serie hanno riposto molta fiducia. Scopriamo se sia stata ben riposta.

Il Gioco

Annunciato l’anno scorso durante i festeggiamenti per il 25mo anniversario del porcospino blu, Sonic Forces è finalmente approdato sulle nostre console e sugli store digitali delle varie piattaforme. Sviluppato direttamente dal Sonic Team, il gioco non si pone come un seguito diretto di uno dei capitoli precedenti quanto come un progetto nuovo con una storia a sé completamente inedita, miscelando le meccaniche dei vecchi Sonic in 2D con livelli in 3D ed introducendo una novità assoluta per la serie: la possibilità di creare personaggi completamente personalizzabili da utilizzare in livelli dedicati.

La storia parte dal nuovo piano malvagio per la conquista del mondo del Dr. Eggman, che ha dato vita stavolta a Infinite, una creatura in grado di manipolare gli accessi fra due diverse dimensioni traendo il suo potere da un manufatto chiamato Rubino Fantasma. Sonic e i suoi amici decidono quindi di allearsi per affrontare il malvagio Eggman e il suo nuovo alleato.

Come dicevamo, Sonic Forces unisce diverse meccaniche di gioco, 2D e 3D. Non appena iniziata una nuova partita ci troviamo subito nei panni del Sonic moderno in un livello 3D, dove in realtà la libertà di movimento è molto limitata e la telecamera è fissa alle nostre spalle. Non ci troviamo quindi di fronte a un platform game in 3D classico, ma in una specie di lungo corridoio che in alcune parti passa da 3D a 2D per poi tornare nuovamente 3D. Gli sviluppatori hanno compiuto questa scelta probabilmente per lasciare inalterata la frenesia e la velocità che da sempre distinguono il porcospino blu, che in livelli aperti avrebbe potuto portare ad esperienze più frustranti. Durante la corsa l’accelerazione è progressiva e non serve premere alcun tasto, ma tramite un pulsante è possibile innescare il turbo una volta che abbiamo raccolto l’apposito bonus che ne ricarica la barra di energia. Per tutta la durata del turbo siamo invulnerabili e travolgiamo uccidendo istantaneamente i nemici.

MX Video - Sonic Forces

Quando passiamo ai (generalmente più brevi) livelli 2D, invece, vestiamo i panni del Sonic Classico e l'azione avviene esclusivamente con visuale a scorrimento laterale. Configurazione dei pulsanti e meccaniche di gioco sono identiche ai Sonic classici. Ci sono poi le sezioni con gli avatar, i personaggi da noi creati e personalizzati: in fase di creazione possiamo scegliere tra un buon numero di razze animali come Cane, Lupo, Coniglio, Orso, Gatto, Uccello ed ovviamente Porcospino, procedendo poi a personalizzarle con tantissime varianti come forma della testa, colore della pelle, forma e colore degli occhi, posa vittoriosa e così via. Una volta ultimata la creazione del personaggio, possiamo inoltre andare in un’apposita sezione chiamata Camerino e trovare tutta una serie di gadget indossabili come magliette, cappellini, guanti, scarpe, occhiali e skin speciali per la pelle, il tutto rigorosamente sbloccabile attraverso le missioni del gioco. Gli avatar sono utilizzabili in livelli dedicati specificamente a loro, che in alcuni casi introducono delle varianti al classico gameplay di Sonic. Gli avatar vengono infatti equipaggiati con i Wispon, speciali armi che ci mettono a disposizione nuove abilità. Andiamo dai Wispon di fuoco ed elettrico, che scagliano fiamme e fulmini sui nemici, passando per quello che trasforma i nemici in cubi, quello che trivella i nemici e via dicendo. I poteri dei Wispon non sono però infiniti: troviamo sparsi abbastanza spesso nei livelli, alcuni speciali oggetti a forma di gabbietta, che contengono l’energia che serve per utilizzarli. Una volta raccolto questo particolare bonus, possiamo sfruttare un’abilità secondaria di ognuno di essi: ad esempio il Wispon elettrico si aggancia automaticamente ai ring vicini e li utilizza come una sorta di pista tramite la quale può percorrere anche lunghe distanze, a patto che la serie di ring non si interrompa. Gli avatar possono poi correre anche in combinazione con il Sonic Moderno, in appositi livelli di coppia tutti in 3D. In questi livelli i due devono cooperare per raggiungere la fine del livello, anche se l’azione è lasciata sempre e solo a uno dei due personaggi.

I livelli disponibili nel gioco base sono 30, includendo anche numerose boss fight. Ad arricchire ulteriormente il piatto, un DLC gratuito disponibile dal day one ha aggiunto alcuni livelli dedicati a Shadow. Graficamente il gioco si assesta su ottimi livelli, con un frame-rate granitico che scende raramente (e comunque di poco) sotto i 60fps, anche nelle aree con più effetti da elaborare. L'ho giocato sia su Xbox One standard che X, e nonostante le differenze di risoluzione in termini pratici non si nota assolutamente nessuna differenza tra le due versioni, a parte un po’ di tearing durante il gameplay sulla console meno potente, mentre su X solo le cutscene presentano un minimo tearing.

Amore

Frenetico e divertente

- Non sarebbe stato un vero gioco di Sonic se il suo primo punto di forza non fosse stata la frenesia. Tutte le ambientazioni sono velocissime e scorrevoli, e possono essere superate in un batter d’occhio con la giusta dose di tempismo. Al livello di difficoltà più elevato è poi possibile registrare i record di velocità e andare a competere con i giocatori di tutto il mondo nelle classifiche online.

Molte personalizzazioni… del tutto gratuite

- Personalizzare il nostro avatar non è mai stato così semplice. In Sonic Forces sono presenti un gran numero di obiettivi da raggiungere, che sbloccano vari capi di vestiario, oggetti, accessori e nuovi Wispon. E complimenti a SEGA per aver resistito alla tentazione di renderle acquistabili con microtransazioni!

Colonna sonora al top

- La colonna sonora di Sonic Forces è una delle cose che ho apprezzato di più di tutto il gioco. Le musiche rendono ottimamente l’idea della velocità e della frenesia, e si amalgamano perfettamente con lo spirito del gioco. In alcuni frangenti, come quando si attiva il turbo doppio, le ho trovate addirittura quasi esaltanti.

Odio

Un po’ troppo breve e semplice

- Ho portato a termine Sonic Forces in circa 6 ore. Un po’ pochino, vista soprattutto la quasi totale mancanza di rigiocabilità. L’unico stimolo a continuare è dato dalle classifiche online di velocità sui vari livelli, che sono disponibili solo al livello di difficoltà più elevato, oltre ad achievements e missioni per sbloccare nuovo vestiario. Altro tallone d’Achille è il livello di difficoltà davvero bassino. Tra la difficoltà “facile” e “normale” la differenza è davvero poca, come poche sono le sezioni che ho dovuto ripetere più di quattro o cinque volte. Dato il prezzo abbastanza budget era ipotizzabile che il Sonic Team avrebbe tagliato da qualche parte, peccato però.

Avatar poco caratterizzato

- E’ la più grande novità introdotta da Sonic Forces, ma serviva davvero? Ho trovato la caratterizzazione dei vari avatar, la loro collocazione nel gioco (sono gli unici personaggi che non parlano) e in generale tutto ciò che li riguarda, estremamente insipido. Non è qualcosa che mi ha fatto pensare “che bella idea hanno avuto!”, ma qualcosa di cui si poteva tranquillamente fare a meno.

E gli altri personaggi?

- Sonic Forces racchiude all’interno della storia principale un po’ tutti i personaggi che ci hanno accompagnati nella storia di Sonic. Di tutti questi l’unico veramente utilizzabile è Shadow, grazie a un DLC gratuito disponibile per tutti al day one. Shadow ha però a disposizione solo tre livelli in un episodio a lui dedicato, da giocare dopo aver finito il gioco onde evitare spoiler. La mia speranza è che anche gli altri personaggi vengano introdotti così. Si vociferava ci fosse la possibilità di trasformarsi in Super Sonic sin dal day one, ma non è così.

Tiriamo le somme

In generale Sonic Forces si è dimostrato essere un valido episodio della serie, alla pari di Sonic Mania. Non è però esente da lacune e imperfezioni, che spero vengano sanate con futuri DLC e patch. La cosa che lascia più perplessi è l’assoluta assenza di carisma delle sezioni Avatar e la durata complessiva troppo breve. Grazie al prezzo budget il rapporto qualità/prezzo si mantiene però buono, ed è quindi sicuramente consigliato a tutti i fan di Sonic e agli amanti dei platform games frenetici.
8.5

c Commenti

copertina

L'autore

autore

Quando gli hanno chiesto di comporre una Bio, ha pensato subito alla natura e all’ambiente. Una volta rinsavito, ci ha raccontato di essere un appassionato di Basket e Calcio, videogiocatore accanito, predilige RPG, FPS e TPS. In generale però non si tira indietro di fronte a nulla. A tempo perso è anche speaker in una Web Radio.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
caricamento Caricamento commenti...