MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox




Neon Chrome

Recensione - Neon Chrome

I roguelike stanno pian piano invadendo la scena indie grazie alla loro infinità rigiocabilità con tanto di miglioramenti costanti e morte permanente: tra platform games, giochi d'azione e RPG, ogni genere viene pian piano contagiato. Oggi è il turno dei twin stick shooter con Neon Chrome, che mixa un mondo distopico con un gameplay in apparenza molto profondo. Vediamo insieme con quali risultati.

Il Gioco

Come spesso accade per il genere degli sparatutto a scorrimento, Neon Chrome non presenta una trama particolarmente profonda e appassionante: ci basta sapere che il tutto è ambientato in un futuro distopico e più precisamente nel gigantesco edificio chiamato proprio Neon Chrome, che ospita milioni di abitanti. Ad un certo punto il posto viene invaso da nemici di ogni genere, e starà a noi fermarli controllando una ad una delle persone iberante, risvegliate apposta per la battaglia. Una premessa perfetta per un roguelike, dove la morte è solo un passaggio inevitabile e dove si riparte ripetutamente da capo.

Il gigantesco edifico è suddiviso in 6 piani, ognuno dei quali presenta una serie di livelli generati casualmente, e ogni piano finisce con un boss che, invece, è sempre uguale. Il gameplay miscela i classici twin stick shooter a un contesto action game: con visuale dall'alto controlloamo il personaggio di turno armato fino ai denti, attraverso i vari piani dell'enorme Neon Chrome. Si parte dall'inizio e si deve sempre cercare l'ascensore per arrivare al prossimo piano. Nel mezzo, ci si deve destreggiare tra numerosi nemici e trappole, cercando anche di potenziarsi con power-up, aggiornamenti e sblocchi vari. Semplice? Non proprio.

MX Video - Neon Chrome

Si parte sempre con un'arma da fuoco come un fucile a pompa, un mitra o un SMG, e si esplora l'area stanza dopo stanza, con una telecamera che ci aiuta mostrando l'area abbastanza da lontano e senza coprire con la classica "nebbia" le aree inesplorate. Nemici di ogni genere, da minuscoli robot a soldati corazzati e armati fino ai denti si frapporranno tra noi e l'uscita, ogni volta però con una disposizione diversa visto che ogni piano viene sempre generato casualmente. Sia i nemici che le trappole mortali come mine e laser assassini vanno abbattuti o quantomeno evitati per riuscire ad arrivare al livello successivo, schivando una morte che è sempre imminente perché la salute non è tantissima.

Alla base del gameplay c'è una meccanica classica da twin stick shooter, dove si mira con l'analogico destro e ci si muove con quello sinistro, ma con delle varianti. E' infatti possibile trovare armi nuove in giro per i numerosi piani, nonché potenziare le proprie statistiche. E' anche possibile ottenere degli aggiornamenti che hanno dei poteri particolari: da classici come caricatori aumentati, fino ad effetti più bizzarri come i distributori di salute che nell'80% dei casi riforniscono il giocatore fino alla salute massima, nel restante 20% però gli tolgono una quantità consistente di vita. Una vera roulette russa, insomma.

A tutto questo aggiungiamo l'elemento casualità già nel momento delle generazione del personaggio, perché dopo ogni morte si riparte da un hub iniziale dove si può scegliere tra 3 personaggi diversi per la prossima run, ognuno dotato di un armamento, un'abilità e bonus diversi, che poi durante la partita possono essere comunque modificati o aggiornati. In ogni partita, però, oltre ai vari potenziamenti è possibile raccogliere crediti spendibili poi per migliorare le proprie statistiche come salute, attacco, difesa, ma anche per aumentare il numero di slot per i bonus. Non solo: è anche possibile acquistare preventivamente determinati bonus o armi, così da costruirsi fin da subito la classe che più ci aggrada, senza dover sperare nella buona sorte; a un costo, naturalmente.

L'obiettivo? Sopravvivere più a lungo possibile. Ovviamente nelle fasi iniziali, quando il proprio personaggio è abbastanza debole, ciò risulta più complicato, ma spendendo con intelligenza il proprio denaro ci si può migliorare run dopo run, e arrivare al boss di ciascun piano con sempre più chance di batterlo. Battere il boss non solo distribuisce bonus importanti, ma soprattutto permette al giocatore di ripartire, in caso di morte, dall'inizio del suo piano invece che dalla primissima area, dandoci quindi ulteriori chance al di proseguire. Troviamo poi delle aree bonus dove dobbiamo completare determinate sfide come ad esempio completare alcune stanze entro un tempo limite o affrontare gruppi particolarmente numerosi di nemici: sono opzionali ma con buone ricompense, quindi il gioco vale la candela.

Oltre alla sfida costituita dall'arrivare alla fine del palazzo e battere il boss finale, ci sono anche una serie di obiettivi molto complessi da raggiungere come il finire un'area in 20 secondi, o senza mai sparare, o quello per terminare senza essere mai individuati! Non ci sono altre modalità di gioco, in compenso però è possibile affrontare le run anche in cooperativa locale fino a 4 giocatori, facilitando di molto il progresso essendoci 4 personaggi che sparano, nonché 4 bersagli mobili per i nemici che quindi non importunano un solo giocatore. Infine Neon Chrome è interamente in inglese, che non è grave per la trama che è piuttosto semplice, ma può essere più complicato per alcuni bonus e potenziamenti. Nulla di eccessivamente difficile, comunque, a livello grammaticale e di lessico.

Amore

Gameplay frenetico e divertente

- Dagli autori di Crimsonland era lecito aspettarsi un gameplay curato ed appassionante, e infatti a livello di giocabilità Neon Chrome tocca tutte le note giuste con una velocità di movimento piuttosto elevata, una rapidità di fuoco ottima, comandi intuitivi sia per i movimenti che la gestione dei potenziamenti, nemici e power-up ben visibili anche dalla distanza e pochissimi problemi tecnici. Ciò che succede a schermo è raramente riconducibile a errori di design o bug: il giocatore ha il controllo totale, e questo risulta in un'esperienza piuttosto appassionante.

Profondità sorprendente

- Dal look abbastanza classico al gameplay all'apparenza da normale twin stick shooter, ci si sarebbe aspettata una giocabilità ripetitiva e poco profonda, ed invece il livello di progressione di Neon Chrome se la gioca coi migliori roguelike in circolazione come Rogue Legacy e Spelunky. Ogni area è generata casualmente con una varietà notevole di nemici, trappole e situazioni, e ogni partita porta soldi, spendibili in centinaia di potenziamenti, armi e bonus diversi, ognuno dei quali porta il giocatore un passo più vicino al prossimo obiettivo. E visto che i vari equipaggiamenti possono cambiare anche molto lo stile di gioco, c'è motivo per perdere tante ore con Neon Chrome.

Distruzione totale!

- Neon Chrome offre un gameplay soddisfacente pieno di sparatorie enormi, esplosioni spettacolari ed efficaci e velocità alta. Ma non finisce qui, perché anche i livelli stessi sono molto dinamici e completamente distruggibili. Scordatevi di dover attendere il passaggio di nemici o dover fare percorsi labirintici per arrivare dove volete: ad eccezione di alcune aree dove si deve usare una chiave, ogni copertura è distruttibile e l'unico limite è la vostra fantasia sul come irrompere in mezzo ai nemici.

Odio

Look anonimo

- Nonostante una premessa abbastanza intrigante con uno stile che evoca classici della fantascienza come Blade Runner, Neon Chrome purtroppo non riesce a distinguersi molto dal look "neon sci-fi" tanto di voga di questi tempi presentandoci nemici robotici abbastanza generici, stanze scure e poco dettagliate, sfondi abbastanza classici e nulla di particolarmente memorabile. Peccato, perché il gameplay è curato e appassionante, e guardando solo gli screen e i video è facile non notarne i numerosi pregi.

La cara vecchia dea bendata

- E' un elemento a dir poco scontato in un roguelike, ma in Neon Chrome il fattore fortuna si fa sentire fin troppo. Alcune aree sono completabili in pochi secondi perché l'uscita (o l'area segreta che porta a quella successiva) è vicinissima all'entrata, in altre invece si deve lottare per 5-10 minuti prima di avere una chance di uscire, rischiando di perdere tanta salute o addirittura la vita. Lo stesso vale per le armi e i bonus, con alcuni nettamente più efficaci di altri. Insomma, ci sono run praticamente impossibili e altre dove si passa facilmente attraverso i vari boss. Basta pazientare e arriva il turno di tutti, ma forse alcuni aspetteranno troppo indipendentemente dalla propria bravura.

Tiriamo le somme

Neon Chrome non avrà un look originalissimo o un gameplay rivoluzionario, ma ciò che c'è funziona alla grande e offre una profondità inaspettata con una giocabilità varia, un alto livello di sfida ed un soddisfacente senso di progresso costante. E i contenuti non mancano di certo, compresa anche la buona modalità co-op a 4 giocatori che facilita pure il compito. Insomma, gli appassionati di twin stick shooters e roguelike non dovrebbero perdersi Neon Chrome: è tra i titoli migliori che i due generi abbiano offerto negli ultimi tempi.
8.0

c Commenti


L'autore

autore

Prima di saper scrivere a mano, sapeva già immettere i comandi DOS per avviare Doom, ma dopo una lunga vita al PC, il mondo di Halo lo avvicina alle console Microsoft. Non si nega i classici giochi tripla-A, specialmente gli FPS competitivi, ma passa la maggior parte del tempo a scovare gemme nascoste, dagli indie insoliti ai folli shmup giapponesi.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...