MondoXbox

Live your
passion!

Rayman Legends

Recensione - Rayman Legends (Xbox 360)

Dopo aver avviato una vera rinascita della serie con lo splendido Rayman Origins, Ubisoft è pronta ad accompagnarci nuovamente nella Radura dei Sogni in compagnia di Rayman e i suoi amici. Scoprite le caratteristiche di Rayman Legends nella nostra recensione.

Il Gioco

E' passato ben un secolo da quando Rayman ed i suoi amici hanno salvato la Radura dei Sogni dall'invasione dei Darktoon, ed in tutto questo tempo i nostri eroi non hanno fatto altro che... dormire. Ma mentre questi si prendevano il giusto riposo dalla precedente impresa, gli incubi si sono fatti pian piano strada nei molti mondi della Radura, invadendoli ed imprigionandone i maghetti che li abitano, i Teens. Indovinate a chi toccherà rimediare alla situazione ripulendo i vari mondi?

Come per il precedente titolo della serie, la storia di Rayman Legends non è che un mero pretesto per immergerci nel mondo del gioco e farci completare uno dopo l'altro i molti livelli disponibili. La modalità principale è composta da cinque diversi mondi, accessibili tramite appositi "dipinti", caratterizzati da ambientazioni e meccaniche di gameplay diverse tra loro. Si parte da un classico mondo fantastico caratterizzato da un gameplay più tipicamente platform, passando per quello subacqueo in cui dobbiamo evitare dei laser-sentinella fino ad uno oscuro nel quale veniamo inseguiti da una valanga di malvagie palle di pelo malefiche. Ogni mondo è diviso da più livelli, sbloccabili man mano che completiamo il precedente, e lo svolgimento dei livelli è più o meno simile a quello di Origins: dobbiamo raggiungere la fine del livello passando per diversi stage, cercando di raccogliere più Lum possibile (esserini fluttuanti che fungono da punti) e cercando di liberare i Teens dalle loro gabbie man mano che li incontriamo lungo il percorso. Ogni livello presenta inoltre due sottolivelli nascosti nei quali sono imprigionati il re e la regina Teens di quel livello: opzionalmente dovremo riuscire a trovarli e liberare i regnanti. Alla fine di ogni livello, il numero di Lum e di Teens ottenuti concorreranno a formare nostro punteggio complessivo che ci permetterà di ottenere coppe di bronzo, d'argento o d'oro.

Per quanto riguarda il gameplay vero e proprio, Rayman Legends unisce elementi già visti nel precedente episodio - come la combinazione frenetica di salti, pugni e corse con la possibilità di planare in volo, abbattere barriere, correre sulle pareti e così via - con diverse novità: la più importante è la possibilità, in determinati livelli, di dare ordini a Murfy, la fata-ranocchia vecchia conoscenza della serie. La presenza di Murfy è un'eredità della precedente esclusività Wii U del gioco: sulla console Nintendo il gioco permette infatti ad un giocatore di aiutare il giocatore principale muovendo Murfy sul touch-screen, facendogli tagliare corde, spostare oggetti, infastidire nemici e così via. Qui tali livelli sono rimasti, ma Murfy si posiziona automaticamente sui vari oggetti man mano che procediamo nei livelli e dovremo "attivarlo" premendo il pulsante B al momento giusto; percorrere questi livelli si traduce quindi in una frenetica sequenza di calci, pugni e attivazione dei meccanismi che metterà a dura prova la vostra coordinazione ed il vostro sangue freddo. Oltre a questo vale la pena menzionare alcuni particolari livelli "stealth", con tanto di nemici che fanno il verso a Sam Fisher, nei quali dobbiamo stare alla larga da dei raggi rossi che ci individuano e uccidono all'istante, sfruttando le coperture dell'ambiente o anche l'aiuto di Murfy, quando disponibile, per attivare dei muri che ci terranno al riparo da tali raggi. Ogni mondo poi si conclude con una boss fight, tutte molto divertenti ed ispirate (la mia preferita è quella contro un Luchador gigante), ed un "livello musicale" nel quale dobbiamo correre come dei forsennati senza mai fermarci, saltando e colpendo nemici o ostacoli, il tutto a tempo di musica.

Il tempo di completamento dei cinque mondi principali è più o meno lo stesso di Origins, ossia circa 6-7 ore, ma in Rayman Legends c'è molto, molto di più: man mano che avanziamo e salviamo Teens, vengono sbloccate infatti delle versioni "Invase" di ognuno dei livelli principali, che ci permettono così di rigiocarli in una corsa contro il tempo e contro nemici e ostacoli completamente diversi quelli della prima volta, provenienti dagli altri mondi (da qui, appunto, il termine Invasione); oltre a questo troviamo un mondo bonus raggiungibile solo dopo aver salvato 400 Teens e l'area "Ritorno alle Origini", che ci presenta i mondi di Rayman Origins in versione "rimasterizzata", con le meccaniche di Legends ed ognuno formato da più livelli. Troviamo poi la folle modalità "Kung Foot", che permette a due o più giocatori sulla stessa console di sfidarsi in una partita di calcio in un'arena con due porte ai lati, dove dobbiamo dare violenti colpi alla palla per farla finire nella porta avversaria. Se vi piace poi la competizione, in un'apposita area ci vengono proposte dagli sviluppatori sfide giornaliere e settimanali con la possibilità di confrontare i nostri risultati con quelli dei giocatori di tutto il mondo. Ce n'è infine anche per i completisti e collezionisti, con la possibilità di sbloccare una serie di "Creature", collezionate in un'apposita area, o anche nuovi personaggi da utilizzare alternativamente a Rayman e agli altri personaggi disponibili dall'inizio.

Amore

Murfy

- La ranocchia volante Murfy introduce un elemento di complessità ai livelli nei quali è presente, costringendoci non solo a tenere d'occhio il percorso, i nemici e gli ostacoli ma anche ad azionare a tempo i molti meccanismi presenti. Questo dà vita, nei livelli più difficili, a sequenze che ci vedono saltare, attivare una piattaforma, poi saltare per attivare la successiva, mentre siamo in aria spostare una pedana e così via, rendendo il gioco più impegnativo ma anche molto più soddisfacente. Alcuni livelli ci chiedono poi di muoverci in una ruota-labirinto mentre con i pulsanti dorsali la dobbiamo girare in senso orario o antiorario per cambiare la disposizione delle pareti e riuscire così a superare gli ostacoli: davvero molto ben fatti.

Una sfida per amanti dei platform

- Non fatevi trarre in inganno dall'aspetto cartoonoso dei protagonisti: Rayman Legends è un gioco tosto, che parte in maniera semplice ma richiederà sempre più impegno soprattutto se siete determinati a completarlo salvando tutti i Teens e sbloccando tutti i contenuti. Il livello di coordinazione richiesto dai livelli di Murfy e la difficoltà dei livelli da eseguire di corsa, tutti d'un fiato, alzano molto il livello di sfida rendendolo però le vittorie più gratificanti. Resistete però all'occasionale tentazione di tirare il pad contro la TV!

Livelli musicali

- I livelli musicali sono la vera genialata di questo Rayman Legends, non tanto per la difficoltà, anche se quelli degli ultimi mondi sono sicuramente impegnativi, ma per il modo in cui fondono musica e gameplay in un sinestetico insieme: correre tra i livelli mentre scandiamo le note con i nostri salti e pugni è un'esperienza divertente ed esaltante. Peccato solo che ce ne siano così pochi.

Co-op

- Anche stavolta torna la co-op locale già presente in Origins, un bellissimo modo per godersi il gioco in due e soprattutto per aiutarsi ad attraversare le aree più ardue. Quando uno dei due giocatori muore, infatti, diventa un palloncino che l'altro può colpire per far rinascere il compagno; in questo modo i due giocatori possono aiutarsi a vicenda nelle aree più difficili, aumentando le possibilità di riuscita. Essendo poi una co-op di tipo drop-in/drop-off, si può entrare ed uscire dalla partita di qualcun altro in ogni momento.

Una marea di contenuti

- Tra livelli principali, varianti Invasione e mappe Ritorno alle Origini il gioco ci propone un totale di ben 123 mappe, davvero un'enormità: considerando poi il fattore rigiocabilità co-op e le sfide degli sviluppatori (ovviamente accessibili solo se connessi online), di sicuro le attività non mancano in Rayman Legends, tenendovi potenzialmente occupati per molte ore.

Design artistico

- Rayman Origins ci aveva stupito per lo splendido design dei livelli e qui ritroviamo tale splendore artistico che ci presenta i livelli come dei grandi dipinti in alta definizione, ancora una volta arricchiti da uno splendido comparto audio che trova il suo culmine nei già citati livelli musicali. Questo è il futuro dei platform game 2D, non v'è dubbio.

Odio

Quel senso di già visto

- Rayman Legends introduce una serie di mondi completamente nuovi, ma per quanto riguarda le meccaniche solo quello "stealth" riesce davvero a proporre qualcosa di diverso rispetto al passato, mentre gli altri danno troppo la sensazione di una riproposizione di quanto visto in passato. Non fraintendetemi, si tratta solo di una leggera sensazione che ogni tanto sovviene mentre si gioca e il titolo è assolutamente godibilissimo, ma personalmente avrei apprezzato l'introduzione di novità, a livello di gameplay, in un po' tutti i livelli, così da far risultare il pacchetto complessivo più fresco rispetto al suo predecessore.

Niente co-op online

- L'unica nota negativa che avevo avanzato durante la recensione di Rayman Origins rimane valida anche per questo Rayman Legends. Il gameplay cooperativo è così divertente e ben studiato che è un vero peccato che sia limitato unicamente al gioco in locale; la modalità Kung Foot poi potrebbe essere perfetta per i gruppi d'amici che vogliono divertirsi con una modalità "caciarona" tanto per stare un po' insieme online.

Tiriamo le somme

Livelli che sono vere opere d'arte, un gameplay frenetico ed impegnativo, una modalità co-op azzeccatissima ed una marea di contenuti accompagnano Rayman ed i suoi simpatici amici in questa nuova avventura: se amate i platform game, non ci pensate due volte! 8.6

c Commenti (8)


L'autore

Classe '72, dall'animo geek e appassionato da sempre di videogiochi e informatica, nel 2002 è cofondatore di MX. Il sito parte per gioco ma diventa una parte sempre più importante della sua vita insieme a lavoro, famiglia e troppi altri interessi: questo lo costringe a rimandare continuamente i suoi piani di dominio sul mondo.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Caricamento commenti...