MondoXbox

Live your
passion!

Kinect Disneyland Adventures

Recensione - Kinect Disneyland Adventures

Uno dei più grandi sogni di molti bambini è quello di poter visitare Disneyland, il parco giochi per antonomasia in cui, oltre a divertirsi con le molte attrazioni, possono anche incontrare dal vivo i tantissimi personaggi dell'editore californiano. Ma per chi abita lontanto da uno dei sei Disneyland Resort sparsi per il globo, non è sempre facilissimo soddisfare questo sogno: ecco quindi che Microsoft e Disney ci vengono incontro portando i parchi direttamente nei nostri salotti. Scoprite con noi le caratteristiche di Kinect Disneyland Adventures.

Il Gioco

Kinect Disneyland Adventures è un gioco per Kinect che si pone l'obiettivo di far vivere ai nostri bambini la magia dei parchi Disneyland, permettendo loro di visitare una rappresentazione virtuale di un parco, interagire con i molti personaggi Disney presenti e di partecipare a numerosi giochi ispirati alle attrazioni più classiche e conosciute. Dopo averci fatto creare il personaggio che rappresenta il giocatore, un bambino o una bambina personalizzabile sia nell'aspetto che nell'abbigliamento, il gioco ci pone all'inizio del parco, nella famosa Main Street. Da qui possiamo esplorare liberamente tutto il parco, vastissimo e strutturato in maniera identica alla realtà, quindi se avete già visitato uno dei veri Disneyland non faticherete ad orientarvi: da Main Street si accede alla piazza principale, con la statua di Walt Disney e Topolino ed il castello della Bella Addormentata sullo sfondo, con la possibilità poi di procedere in tutte le direzioni verso le zone più famose come Frontierland, Adventureland, Fantasyland, Tomorrowland e così via. Ogni area a sua volta è costruita come nella realtà: è possibile vedere le varie attrazioni o luoghi caratteristici, con tanto di pubblico che ne affolla le strade.

Il giocatore può esplorare liberamente il parco portando leggermente il braccio in avanti per camminare e spostandolo a destra e sinistra per girare, ma ha anche la possibilità di aprire la mappa alzando entrambe le braccia per poter così selezionare velocemente la zona in cui spostarsi o le attrazioni con le quali giocare, funzionalità peraltro disponibile anche tramite controlli vocali. Per evitare però che i più piccoli si "perdano" senza sapere cosa fare, il gioco dispone anche di una sorta di "modalità storia" che vede i personaggi del parco - Topolino, Paperino, Pippo, Minni, Woody e così via - assegnargli compiti specifici che riguardano quasi sempre il recuperare oggetti nascosti per il parco o all'interno delle attrazioni stesse: ogni volta che riceve un compito, il giocatore vedrà una scia luminosa che gli indica la strada per raggiungere l'obiettivo o il prossimo personaggio con cui parlare, in un'avventura che lo porterà man mano ad esplorare tutto il parco ed interagire con tutti i personaggi, costantemente accompagnato peraltro da un biglietto magico che gli fa da cicerone.

Le attrazioni rappresentano i veri e proprio giochi con i quali possiamo intrattenerci e non sono riproduzioni esatte di quelle dei parchi ma ne sono ispirate: ad esempio la famosa Space Mountain invece di una corsa in ottovolante è rappresentata come un viaggio nello spazio a bordo di una sorta di scooter volante, schivando asteroidi e raccogliendo monete. Tra le molte abbiamo quindi la possibilità di combattere contro Zurg insieme a Buzz Lightyear, sfrecciare tra piste innevate e tra gli yeti del Matterhorn, giocare a nascondino con Nemo tra pesci e coralli, precipitare nel Paese delle Meraviglie di Alice, giocare con Winnie the Pooh e Tigro, volare verso l'isola che non c'è con Per Pan e Trilli o esplorare la terrorizzante Haunted Mansion. Ogni attrazione è composta da due o tre stage sbloccabili uno dopo l'altro, corrispondenti ad altrettanti capitoli di una storia legata all'attrazione stessa. Gli amanti di Disneyland ritroveranno quasi tutte le ambientazioni che hanno reso popolare la catena di parchi, anche se è impossibile non notare assenze eccellenti come Star Tours e Indiana Jones, probabilmente omesse per un motivo di diritti visto che appartengono a LucasArts piuttosto che a Disney. Tra i personaggi mancano anche alcuni di quelli più recenti come i protagonisti di Cars, Wall-E o Monsters & Co, ma è plausibile immaginare che gli sviluppatori non abbiano voluto sparare tutte le cartucce riservandole per un eventuale sequel: anche così il gioco è comunque pieno di personaggi, attrazioni e cose da fare, in grado di mantenere vivo l'interesse dei nostri bambini per molte ore e sessioni di gioco.

Amore

La magia di Disneyland

- Almeno per i più piccoli, Kinect Disneyland Adventures riesce a riprodurre efficacemente la magia dei parchi Disney: la possibilità di interagire, seppur in maniera limitata, con i personaggi più famosi, l'esplorazione del parco ed i vari giochi-attrazione restituiscono il tipo di sense of wonder che si ha visitando una di queste strutture. Ci sono persino la famosa parata, in cui i bambini possono interagire ballando con i personaggi e dirigendo la banda con le mani, ed il caratteristico spettacolo di fuochi d'artificio. Certo, non sarà mai come l'esperienza di una vera visita ai parchi, ma se cercate un gioco per i più piccoli questo è sicuramente tra i più adatti usciti quest'anno.

Attrazioni

- Molto belle e varie le diverse attrazioni proposte, e soprattutto risulta vincente l'idea di legare ognuna di esse alla narrazione di una mini-storia che si sviluppa in più capitoli: questo riesce a coinvolgere i piccoli giocatori spingendoli ad esplorare ogni attrazione portando a termine tutte le storie.

Doppiaggio

- Essendo un titolo per i più piccoli, era scontato che fosse completamente doppiato in italiano: il doppiaggio si è rivelato anche di ottima qualità con l'impiego di voci già molto note come quelle di Topolino e Paperino, prese dal cartone animato La Casa di Topolino, o quella di Buzz Lightyear che, almeno ad orecchio, m'è sembrata la stessa del doppiatore ufficiale del personaggio, Massimo Dapporto. Un ottimo lavoro.

Tante cose da fare

- Oltre alle attività principali, Kinect Disneyland Adventures offre tante possibilità aggiuntive ai giocatori: lungo il parco incontriamo delle guide che ci raccontano la storia delle varie attrazioni, è possibile poi collezionare autografi e spillette da tutti i personaggi incontrati oppure acquistare accessori e vestiti per il nostro personaggio nei vari negozi sparsi per la mappa, oltre a scattare e conservare foto dei personaggi o dei posti più caratteristici. Per i bambini amanti del collezionismo questo sarà uno stimolo in più per trarre il massimo dal gioco.

Divertimento per due

- Ottima la possibilità per qualsiasi giocatore di inserirsi in ogni momento nel gioco, semplicemente posizionandosi davanti al Kinect accanto al giocatore principale. Questo permette ai fratellini o amichetti di non doversi litigare il posto davanti allo schermo, o ai genitori di partecipare all'esplorazione e ai giochi insieme ai loro bambini.

Odio

Navigazione

- Il sistema di navigazione all'interno del parco presenta qualche problema: tenere il braccio davanti a sé per camminare diventa dopo un po' stancante, ed i movimenti non sono precisi richiedendo qualche manovra extra soprattutto quando dobbiamo raccogliere oggetti posizionati nello scenario. Certo, è possibile spostarsi velocemente usando la mappa, ma questa ci porta solo all'ingresso di ogni area dopo di che dobbiamo comunque esplorare manualmente la zona. Una modalità che ci permettesse di impostare una destinazione e raggiungerla automaticamente, con la possibilità magari di sganciare in ogni momento il "pilota automatico", sarebbe stata sicuramente gradita.

Ora ci sono, ora non ci sono più

- Non ho gradito molto il fatto che, ogni volta che il giocatore esce dalla visuale del Kinect perchè vuole magari riposarsi o fare altro, il gioco scollega il suo profilo forzando un nuovo riconoscimento utente quando riappare davanti al sensore. Spesso e volentieri il riconoscimento del volto non funziona (vi sfido a tenere un bambino di 5 anni immobile davanti alla TV per farsi riconoscere) ed il titolo identifica il giocatore, che stava magari giocando fino a pochi secondi prima, come ospite assegnandogli un personaggio casuale. Per correggere ciò, è necessario quindi entrare nel menu di pausa e selezionare manualmente il profilo del giocatore. Fastidioso.

Personaggi senza voce

- C'è una pecca nell'ottimo doppiaggio: sembra che Microsoft si sia dimenticata di far doppiare alcuni personaggi, visto che Jesse e Woody di Toy Story appaiono completamente muti. Per i bambini che non sanno ancora leggere i sottotitoli, questo è un bel problema anche se ridotto solo a pochi personaggi.

Tiriamo le somme

Kinect Disneyland Adventures è un'ottima esperienza di gioco per i più piccoli, capace di trasportare nei nostri salotti un assaggio della magia dei parchi Disney. Se state cercando un gioco per Kinect che abbia sui vostri piccoli lo stesso appeal che ebbe l'anno scorso Kinectimals, questa è la scelta migliore che possiate fare quest'anno. 8.5

c Commenti (13)


L'autore

Classe '72, dall'animo geek e appassionato da sempre di videogiochi e informatica, nel 2002 è cofondatore di MX. Il sito parte per gioco ma diventa una parte sempre più importante della sua vita insieme a lavoro, famiglia e troppi altri interessi: questo lo costringe a rimandare continuamente i suoi piani di dominio sul mondo.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.