MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



Xbox One - Accessori

Cuffie wireless Turtle Beach STEALTH 600 e 700 - provate

Turtle Beach ci ha permesso di mettere alla prova le cuffie STEALTH 600 e 700, tra le primissime cuffie in commercio ad implementare lo standard Xbox Wireless grazie al quale possono connettersi ad Xbox One senza cavi o basi di connessione. Eccovi quindi cosa ne pensiamo!
Verso la fine del 2016 Microsoft ha introdotto il nuovo standard "Xbox Wireless", per permettere ai costruttori di hardware di creare accessori che potessero comunicare senza fili con Xbox One allo stesso modo dei controller standard (o, viceversa, creare PC capaci di comunicare nativamente e senza bisogno di ricevitori esterni con gli accessori wireless della console). Ora si inizia quindi a vedere l'arrivo dei primi accessori che sfruttano questa tecnologia, e tra questi troviamo le nuove cuffie della linea Ear Force di Turtle Beach: le STEALTH 600 e STEALTH 700.

Le due cuffie presentano un design simile e caratteristiche di base comuni, ma i diversi prezzi di listino (99,99 Euro per le 600 e 149,99 Euro per le 700) sono giustificati da una serie di differenze nelle funzionalità proposte. Partiamo dagli elementi in comune: oltre al già menzionato supporto ad Xbox Wireless, entrambe le cuffie sono basate su altoparlanti da 50 mm, in grado di riprodurre al meglio sia i bassi più profondi che le alte frequenze. Entrambe includono inoltre un elegante microfono basculante con monitoraggio (ossia ritorno in cuffia) della propria voce a volume variabile, per evitare che in caso di audio dei giochi molto alto siamo inconsciamente portati ad urlare perché non sentiamo la nostra voce; l'imbottitura delle coppe presenta inoltre un design pensato per evitare di premere sulle aste degli occhiali. Infine entrambi i modelli presentano diversi profili di equalizzazione per potenziare bassi, alti o voce, e dispongono della funzione "Superhuman Hearing" che mira a distinguere ed amplificare maggiormente i suoni come il rumore dei passi, così da permetterci di capire meglio quando c'è qualcuno vicino a noi.

Veniamo ora alle differenze tra le due. Per prima cosa ci sono le spugnette imbottite sulle coppe, di pelle sintetica per le 700 e di tessuto a rete per le 600; questo rende il modello più costoso maggiormente piacevole da indossare, perché la pelle sintetica dà un effetto più "fresco" rispetto al tessuto. Le 700 presentano inoltre in più il supporto Bluetooth, per poterle connettere a smartphone, tablet e laptop ed usarle sia per ascoltare la musica che per rispondere alle chiamate, e la funzione di riduzione attiva del rumore, che dovrebbe (più avanti capirete perché uso il condizionale) eliminare i rumori ambientali per isolarci completamente nei giochi.

MX Video - Xbox One - Accessori

Una differenza sostanziale tra i due modelli risiede anche nei controlli delle cuffie: mentre entrambe dispongono sulla coppa sinistra delle "rotelline" per controllare il volume di cuffie e microfono, le 700 dispongono anche di un'app da installare sul proprio telefono (Android o iOS), opportunamente connesso alle cuffie via Bluetooth. Questa app ci permette di regolare comodamente, senza dover andare a tastoni sulle cuffie mentre le indossiamo o dovercele levare, le varie modalità di equalizzazione o funzioni aggiuntive (come il Superhuman Hearing). Stranamente dall'app non è invece possibile regolare il volume dell'audio, cosa che sarebbe stata sicuramente utile.

Per quanto riguarda l'autonomia (entrambe le cuffie hanno una batteria integrata ricaricabile tramite cavo Micro-USB), Turtle Beach dichiara per le STEALTH 600 una durata di 15 ore di funzionamento ininterrotto, mentre per le 700 la durata dichiarata è di 10 ore, probabilmente per via del maggior assorbimento dato dalla radio Bluetooth.

A questo punto, sicuramente vi state chiedendo: "ma si tratta di cuffie stereo o surround?" La risposta è "entrambe": le cuffie in sé sono stereo e non dispongono di alcun circuito di virtualizzazione 3D dell'audio, ma questo solo perché fanno affidamento sulle nuove tecnologie audio di Xbox One, ossia Windows Sonic e Dolby Atmos, per ottenere lo stesso effetto surround che altre cuffie implementano con l'elettronica interna.

  • img
  • img
  • img
  • img

Fatta la conoscenza con le nuove cuffie, vediamo ora come si comportano alla prova sul campo. Dopo averle rimosse dalla confezione (spartana ma funzionale in entrambi i casi), un adesivo posto sulla confezione ci informa di aggiornare il firmware collegandole via USB ad un PC sul quale avremo avviato l'applicazione Turtle Beach, scaricabile dal sito ufficiale; è un'operazione insolita per delle cuffie, ma implementando Xbox Wireless anche queste vanno ora occasionalmente aggiornate come accade per i pad della console, così da sistemare eventuali problemi di connessione o di altro tipo che dovessero emergere nel corso del tempo.

Dopo averle aggiornate, iniziare ad usare le cuffie è facilissimo: si preme il pulsante d'accensione, dopo di che si sincronizzano con la console come avviene con qualsiasi controller, premendo l'apposito pulsante sia sulla console che sulle cuffie. Una volta completato questo processo, la console ci segnala con una notifica che le cuffie sono state collegate: ora, premendo il pulsante Xbox sul controller, oltre allo stato di carica del pad possiamo vedere anche quello delle cuffie, tramite un'icona dedicata. Ovviamente la sincronizzazione è necessaria solo la prima volta, dopo di che basterà accendere le cuffie per collegarle automaticamente alla console.

Una nota importante a proposito del processo di sincronizzazione: usando le stesse frequenze dei router wi-fi, tutte le cuffie di questo tipo potrebbero ricevere interferenze da altre fonti radio vicine, che usano le stesse frequenze. Qualora, dopo averle connesse, doveste notare interruzioni dell'audio o disturbi, per risolvere la cosa vi basterà rieffettuare nuovamente la procedura di sincronizzazione con la console, che porterà le cuffie a selezionare un diverso canale radio e tutto si risolverà definitivamente. Ovviamente per assicurarvi la miglior connettività, è importante che il firmware delle cuffie sia aggiornato all'ultima versione.

L'ultimo passo da fare prima dell'utilizzo è configurare l'audio surround: si va nelle impostazioni audio della console e da qui è possibile selezionare l'algoritmo Windows Sonic oppure il Dolby Atmos, che però necessita del download sulla console dell'apposita app e del pagamento di 17,99 Euro per poterlo sbloccare. Potete comunque testarlo gratuitamente per un mese, per verificare la qualità dell'audio.

  • img
  • img
  • img
  • img

Una volta indossate, entrambe le cuffie si sono rivelate molto comode e leggere, con coppe larghe che non costringono le orecchie ed una conformazione dell'archetto (ovviamente regolabile in lunghezza) molto comoda; come già accennato le 700 risultano più "fresche" e morbide sulla pelle grazie alla copertura in pelle sintetica, mentre le 600 sono più ruvide e calde. La resa sonora è ottima in entrambi i casi con un buon livello del volume massimo, bassi molto profondi ed alti brillanti; ho testato l'audio con Dolby Atmos ed ho trovato la resa del surround molto soddisfacente in tutti i giochi testati; in quelli più atmosferici, come i giochi horror ed i walking simulator, è possibile percepire in maniera molto nitida tutti i suoni ambientali riuscendo a collocarli nello spazio, mentre negli sparatutto e titoli d'azione gli spari e le esplosioni sono resi con una grande potenza e definizione. Non ho notato differenze, nella resa dell'audio, tra le due cuffie; se non siete interessati a tutte le caratteristiche extra, con le 600 non verrete quindi penalizzati dal punto di vista qualitativo.

Una cosa che non ha invece funzionato come promesso è la riduzione attiva del rumore sulle 700: ho fatto diverse prove ma, attivando questa modalità, non ho notato alcuna diminuzione nei rumori ambientali nella casa (lavatrice, televisione accesa nell'altra stanza, ecc). Forse non ho compreso appieno come funziona questa feature, ma c'è da dire che Turtle Beach non ne spiega il funzionamento. Ma non è comunque molto importante, perché l'imbottitura di entrambe le cuffie garantisce un buon isolamento acustico e, una volta che inizierete a giocare a tutto volume, difficilmente percepirete altri suoni all'esterno.

Un'occasione persa è, invece, l'assenza su entrambe le cuffie di una presa per mini-jack audio così da poterle collegarle via cavo al PC: è vero che le 700 hanno il Bluetooth, ma non tutti i PC ne sono dotati e l'unica alternativa per poterle usare anche sui nostri computer è utilizzare il ricevitore Xbox Wireless USB prodotto da Microsoft. Aggiungere una simile possibilità ne avrebbe incrementato il valore, rendendole facilmente utilizzabili anche per il PC gaming.

Da notare peraltro che, se volete utilizzare le 700 per ascoltare la musica o fare telefonate col vostro smartphone e siete a casa o comunque vicino alla vostra console, l'accensione delle cuffie accende anche l'Xbox, esattamente come avviene quando accendete un controller. Questo vi costringe ad andare poi a spegnere la console, rendendo il tutto un po' scomodo. La cosa sarebbe stata risolvibile permettendoci di accendere le cuffie anche tramite il pulsante Bluetooth presente sulle stesse, andando così ad attivare solo la parte di connessione con i device esterni ed escludendo invece quella di collegamento alla console. Ovviamente questo problema non esiste se le usate invece quando siete fuori casa, dove possono collegarsi unicamente al vostro telefono/tablet/laptop.

Tirando le somme, sia le STEALTH 600 che le STEALTH 700 si sono dimostrate essere delle ottime cuffie: la possibilità di collegarle direttamente alla console senza ulteriori cavi o unità di ricezione è sicuramente la loro caratteristica distintiva, ma anche sul fronte audio si difendono bene con un'ottima resa dell'audio, sia dei giochi che della chat vocale. Per feeling sulla pelle e features aggiuntive, in primis la possibilità di utilizzarle anche con altri dispositivi, le STEALTH 700 sono senza dubbio preferibili (ho infatti deciso di impiegarle come mie cuffie da gaming da qui in poi, sostituendo le Razer Kraken che ho usato finora). Ma se volete risparmiare una cinquantina d'Euro, a mio avviso le STEALTH 600 rappresentano il perfetto rapporto qualità/prezzo: per 99 Euro offrono una qualità dell'audio e comodità d'uso che trova difficilmente rivali in questa fascia di prezzo. Sono sicuramente entrambe tra le cuffie più consigliate ad oggi per i possessori di Xbox One, almeno in questa fascia di prezzo.

c Commenti (18)


L'autore

autore

Classe '72, dall'animo geek e appassionato da sempre di videogiochi e informatica, nel 2002 è cofondatore di MX. Il sito parte per gioco ma diventa una parte sempre più importante della sua vita insieme a lavoro, famiglia e troppi altri interessi: questo lo costringe a rimandare continuamente i suoi piani di dominio sul mondo.

c

Commenti

caricamento Caricamento commenti...