MondoXbox

Live your
passion!

The BIGS 2

Recensione - The BIGS 2

2K Sports e Blue Castles Games portano in Europa il loro nuovo gioco di baseball The BIGS 2: scopriamo insieme se si tratti di un titolo in grado di farsi apprezzare sia dagli amanti di questa disciplina sportiva che dai neofiti.

Il Gioco

The BIGS 2 si basa sulla licenza MLB e contiene tutte le squadre reali della lega professionistica americana, con le rose aggiornate alla nuova stagione e le riproduzioni fedeli delle più famose arene statunitensi. Il gioco ci mette inoltre a disposizione vari scenari scaturiti dalla fantasia degli sviluppatori. Come sempre troviamo una sessione di tutorial utile per imparare a padroneggiare tutti i comandi ed eseguire le tantissime combinazioni di tasti per l’esecuzione delle varie tipologie di tiro: questa modalità è indispensabile anche per capire bene come muovere i nove giocatori che compongono la nostra squadra. Una volta impratichiti sul sistema di controllo e presa confidenza con le regole del gioco, siamo pronti ad affrontare le varie modalità offerte. Oltre alla consueta partita di esibizione ed al comparto multiplayer online, la spina dorsale di The BIGS 2 è costituita dalle modalità “Become a Legend”, “Home Run Pinball”, “Season” e “Mini-Games”.

  • img
  • img
  • img


In Become a Legend dobbiamo creare un nostro alter ego lavorando su un editor che ci consente di personalizzarlo in ogni suo aspetto: taglio dei capelli, lineamenti del viso, altezza, robustezza del corpo e così via. Fatto questo, la nostra carriera inizia in Messico con la squadra minore dei San Guerrero Pollos: sta alla nostra bravura raggiungere il circuito MLB dove finalmente verremo ingaggiati dall’allenatore di uno dei più prestigiosi team americani presenti. Home Run Pinball ci permette invece di giocare in una varietà di luoghi cittadini, da Times Square a New York a Shibuya a Tokyo. Lo scopo di questa modalità è quella di colpire con la palla dei bersagli nella zona (come un’intera fila di automobili) per ottenere dei bonus che serviranno a sbloccare nuove aree di gioco e attrezzatura per i giocatori. Infine la modalità Season ci mette alla guida della nostra squadra preferita MLB per un’intera stagione mentre Mini-Games ci fa affrontare una serie di prove per testare le nostre abilità anche contro un amico in locale.

Amore

Tattica del diamante

- La complessità delle strategie e delle tattiche che dovranno essere pianificate ed elaborate per vincere una partita è una delle cose che ci fanno apprezzare The BIGS 2, rendendolo uno dei fiori all'occhiello delle produzione 2K Sports. La riproduzione delle dinamiche di gioco è esemplare, ed il gameplay è molto vicino ad una sudatissima partita vista sulle emittenti televisive americane. Dà grande soddisfazione riuscire a raggiungere, grazie a schemi ben organizzati, il massimo punteggio già dal settimo inning per concludere anticipatamente la partita con successo.

Giocatori realistici

- L’intelligenza artificiale dei giocatori si è mostrata veramente buona: ogni inserimento avviene sempre al momento giusto, ed abbiamo notato come i giocatori non eseguano mai un lancio azzardato o un movimento insensato sulle basi. Gli atleti tendono sempre a proteggerle staccandosi solo quando effettivamente l’azione conclusiva potrebbe portare alla conquista di una nuova base. Da mettere in evidenza inoltre come le linee o le aree di foul vengano costantemente coperte dagli atleti in relazione alla strategia che abbiamo impostato inizialmente. Nel corso delle varie partite, si nota davvero con piacere come anche gli outfielders siano sempre attenti a ricoprire le loro tre zone lontane dalla casa base.

Tiri spettacolari

- The BIGS 2 si rivela estremamente divertente anche perchè permette di sbizzarrirsi in tiri spettacolari che travalicano i limiti di qualsiasi legge fisica. Durante ogni match, grazie ad una barra “Turbo” che si riempirà gradualmente dopo ogni battuta, potremo effettuare degli outrun addirittura da duecentocinquanta chilometri orari di velocità. Con la palla ci è capitato di riuscire spesso a rompere le luci dello stadio o a frantumare i cartelloni pubblicitari delle arene, o altri lanci che avrebbero fatto morire di invidia anche il più talentuoso dei battitori. E nelle locations cittadine dà una certa soddisfazione colpire con violenza le numerose automobili in transito, distruggere lettera per lettera le insegne degli hotel e far cadere cartelli stradali. Gli sviluppatori sono riusciti a dare quel tocco in più al titolo per renderlo più divertente rispetto ad una fredda simulazione.

Resa visiva

- Tranne che per gli ambienti cittadini che potevano essere curati maggiormente, The BIGS 2 sfoggia un’ottima riproduzione di tutte le arene con colori vividi e realistici, mentre gli atleti sono modellati con una grande cura per i particolari, presentando una mole di animazioni tale da far impallidire qualunque concorrente di questa generazione. E’ interessante notare come i campi, sotto i piedi degli atleti, si rovinino in maniera realistica, così come le divise dei giocatori si sporcano sempre di più nel corso di una partita contribuendo a rendere il tutto ancor più bello da vedere.

Sonoro

- Anche il sonoro è semplicemente perfetto, dagli effetti in campo alle url< dei giocatori, alle esortazioni dei compagni che vorrebbero avanzare in seconda e terza base, alle musichette di sottofondo sempre pertinenti e mai fuori luogo.

  • img
  • img
  • img


Odio

Un online fuori tempo

- Purtroppo per quanto concerne il comparto multiplayer online, The BIGS 2 non offre modalità capaci di tenere il giocatore incollato al pad per molto tempo: oltre alla consueta partita in cooperativa o uno contro l’altro, il gioco non ha nient’altro da offrire. Inoltre, ogni partita è afflitta da un lag onnipresente che rende lanci, battute e spostamenti di base impossibili da eseguire in maniera precisa. Le partite online si rivelano quindi, e purtroppo, una vera tortura.

Non per tutti

- Se avete poca dimestichezza con questa disciplina sportiva, i primi approcci con il gioco saranno alquanto traumatici: avremmo preferito una personalizzazione maggiore nei settaggi pre-partita in modo tale da rendere il gioco adatto anche ai neofiti, i quali dovranno sudare le proverbiali sette camicie per capire inizialmente come muoversi in campo. Inoltre il gioco è completamente in inglese, testi compresi, quindi consideratene l'acquisto solo se avete una buona padronanza della lingua.

Telecamera

- Abbiamo sentito la mancanza di un’ inquadratura che mostrasse tutto il campo per avere un completo controllo sul gioco. In alcuni momenti, pur selezionando la telecamera più lontana, non siamo riusciti a renderci conto di cosa stesse accadendo in seconda o terza base.

Tiriamo le somme

Anche se non siete appassionati di baseball, potreste comunque dare una chance a The BIGS 2 a patto però di dedicargli inizialmente del tempo per capire le particolari regole di questo sport. Gli amanti di questo sport invece non ci pensino due volte: prendere parte a match al limite della credibilità, effettuare battute inverosimili, lanci ed acrobazie spettacolari e strisciate in base ubriacanti ed imprevedibili e, nel contempo, dover pianificare accurate strategie per ogni azione è un’esperienza che chiunque ami il baseball troverà estremamente divertente. Peccato solo per l'online, povero di modalità ed afflitto da gravi problemi tecnici. 8.5

c Commenti


L'autore

Appassionata da sempre di videogiochi e modellismo, nel 2007 entra a far parte dello staff di MX iniziando a scrivere news e articoli in maniera sempre più passionata. Divide questa passione con l'amore per la musica e per la sua famiglia, gattina inclusa.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Caricamento commenti...