MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox




Oh...Sir!! The Insult Simulator

Recensione - Oh...Sir!! The Insult Simulator

Siete a corto di insulti da lanciare alla TV per l'eccessiva difficoltà dei giochi o per il comportamento di altri giocatori? I ragazzi di Vile Monarch vengono in vostro aiuto con Oh...Sir!! The Insult Simulator, nel quale lo scopo è proprio creare gli insulti più… creativi da lanciare al vostro avversario virtuale.

Il Gioco

Prima di partire con la descrizione di questo singolare titolo, una nota piuttosto importante: Oh...Sir!! The Insult Simulator è completamente in inglese, e fa per altro uso di un inglese britannico con termini anche ricercati o arcaici. Per godersi il gioco può bastare anche una comprensione basilare della strutture delle frasi, ma per capire l'umorismo surreale del titolo e alcuni degli insulti più creativi serve avere una buona conoscenza dell'inglese, anche quello letterario.

Fatta questa doverosa premessa, passiamo al fulcro del gioco, che è basilarmente… una gara di insulti. Sia che giochiate contro l'IA o contro un amico in locale o online, Oh...Sir!! The Insult Simulator vede due bizzarri personaggi (inclusi personaggi noti come Lo Wang di Shadow Warrior, Serious Sam, ed il famoso autore H.P. Lovecraft) fronteggiarsi in una sfida a offese pesanti. I personaggi non hanno tra loro solo differenze estetiche e stilistiche, ma ognuno ha il suo modo unico di esprimersi, i sui insulti specifici ed anche debolezze a particolari tipi di insulti; volete ad esempio colpire particolarmente Lovecraft? Provate a dirgli che ha l'alito cattivo!

Ma non corriamo troppo: come si svolge una partita di Oh...Sir!! The Insult Simulator? I due sfidanti possono a turno pescare da un pool condiviso di una decina di parole, scegliendone una a testa ad ogni turno fino alla costruzione di una frase completa. Ogni personaggio ha inoltre due parole (o piccole frasi) che può usare solo lui, utilizzabile al posto di quelle del pool e rigenerabile una volta per round bevendo da una tazzina. Con queste regole in mente, sta ai giocatori creare frasi di senso compiuto e più offensive possibili mettendo insieme soggetti, oggetti e qualsiasi altra parola che possa servire per rendere il tutto sensato.

Con parole limitate e personaggi dotati di punti deboli, più che una sola gara a chi riesce a costruire l'insulto più fantasioso ed emotivamente doloroso, tutto questo diventa una costante battaglia scacchistica per accaparrarsi gli argomenti più letali all'avversario o quelli a cui si è sensibili (per evitare che il nostro avversario li usi contro di noi), ma anche per mettere mano per primi a congiunzioni importanti come "and", che permettono al giocatore di concatenare più di un insulto. Arrivati alla fine del round, il gioco calcola l'ammontare di danno che ciascuno ha apportato al suo avversario utilizzando come fattori la lunghezza delle frasi, le parole più dannose per ognuno e così via.

MX Video - Oh...Sir!! The Insult Simulator

Ci sono inoltre alcuni insulti generalmente rudi che valgono di più degli altri, ma anche continuare ad infierire sullo stesso argomento può portare molti punti, visto che usare lo stesso soggetto o oggetto più volte di fila può creare una combo che moltiplica il danno. Qualora invece la parola scelta sia sgrammaticata o insensata nel contesto della frase si perde il turno, mentre se invece utilizziamo i puntini di sospensione possiamo portare la frase al round successivo per allungarla e renderla più potente come insulto. Attenzione però: se l'avversario riesce a colpire pesantemente il giocatore in questo momento, la lunga frase che ha costruito fino a quel punto viene dimenticata, buttando via così un intero round di lavoro.

Immagino che, a questo punto, siate curiosi sul tipo di insulti che si possono creare. Ovviamente non aspettatevi volgarità eccessive, non è questo lo scopo del gioco, ma è possibile fare di tutto: da attacchi pesanti come battute sulla morte di un parente, fino ad assurdità come "la macchina di tuo cugino era un criceto" o "tuo padre è tua madre". La creatività, come già detto, è sempre premiata, ma il nonsense lo è meno. Ci sono anche numerosi termini inglesi britannici abbastanza ricercati e bizzarri come "nincompoop" (una parola arcaica risalente al 1600 che indica una persona sciocca o folle) nonché frasi di chiusura istantanea atte a ribadire ancora di più il concetto dell'insulto.

Oltre alla varietà dei personaggi troviamo inoltre anche quella dei luoghi: le gare di insulti possono svolgersi in un parco dove è stato ucciso un cacciatore, un negozio di animali oppure bordo di un treno in prima classe. Anche qui non si tratta di sole scelte estetiche: la sfida si apre e si chiude con qualche scenetta collegata al luogo per spiegare perché questi aristocratici inglesi si stanno insultando, ma la zona ha anche un impatto anche sul gioco in sé. Oltre alle debolezze e alle combo, infatti, è possibile introdurre elementi del paesaggio per rendere l'insulto più "realistico", causando così molti più danni del normale. Ci sono addirittura insulti che citano altri film o videogiochi: nulla di meglio che esclamare "fai schifo ad Overwatch" o "a tua madre è piaciuto Batman VS Superman"! Brutale.

Oh...Sir!! The Insult Simulator ci offre diversi modi per mettere in gioco la nostra creatività negli insulti: possiamo giocare contro un'IA sia in partita veloce che in un torneo dove combattiamo per 5 volte in altrettanti luoghi fino ad arrivare allo scontro finale nientemeno che contro Dio stesso, oppure possiamo sfidare altri giocatori sia in locale che online tramite un robusto sistema di matchmaking. Vale peraltro la pena di menzionare il prezzo estremamente contenuto del gioco: a soli 2,99 Euro potrete lanciare insulti anglofoni ad IA permalose ed amici rosiconi.

Amore

Insultare con gusto

- Giocando contro altre persone è facile finire per insultarsi, ma ciò fa parte del gioco: in Oh...Sir!! The Insult Simulator lo scopo del gioco è proprio questo, ed è una delle idee più originali e surreali realizzate per le nostre console. In una formula che sembra combinare le barre di vita dei picchiaduro e il sistema a turni di giochi come Worms, i giocatori sono chiamati a formare la combinazione di parole più letale per il proprio avversario, con punti bonus per le frasi rudi, per quelle che coinvolgono debolezze dell'avversario o che si appoggiano allo scenario. A dir poco assurdo, ma altresì spassoso.

Contro tutto e tutti

- Nella modalità torneo, che è di fatto la storia del titolo, si va ad affrontare chiunque, da un soldato che più russo non si può fino addirittura al Padre Eterno, da buttare giù a suon di insulti fantasiosi. Si possono anche sbloccare cameo di altri giochi, come Lo Wang di Shadow Warrior e Serious Sam, e le opzioni di gioco non mancano con la possibilità di scontrarci anche con amici e giocatori online.

Umorismo surreale

- Uno dei punti forti della creazione di insulti in Oh...Sir!! The Insult Simulator è il fatto di poterlo fare costruendo parola per parola le proprie frasi ingiuriose, potendo così mettere insieme scemenze come "la tua aeronave ha scoreggiato sul tuo cappello" o "il tuo insegnante di matematica ammira le fotografie di un cane". Non finisce qui, perché anche le scenette che si svolgono in ogni livello sono a dir poco folli. Un esempio? Nel livello del parco c'è un cacciatore ucciso perché uno dei personaggi si possa impossessare dei suoi biglietti in prima classe, ed è posizionato in maniera tale da poter essere utilizzato come portatazzine per i due sfidanti. Macabro.

Odio

Limitato

- Certo, con un gioco da 2,99 Euro è difficile aspettarsi una durata surreale o contenuti a non finire, ma è innegabile che dopo poche partite si imparino le strategie migliori per prevalere: accaparrarsi le congiunzioni, prendersi le tematiche chiave e così via. Con un vocabolario non particolarmente ampio, soli 5 luoghi in totale e meno di 10 personaggi, la varietà non è certo molto alta e purtroppo anche le scenette di apertura e di chiusura sono quasi identiche per qualunque personaggio selezionato. Aggiungiamo anche la mancata localizzazione italiana, e diventa chiaro che c'è più di una mancanza importante in Oh...Sir!! The Insult Simulator.

Punteggi incoerenti

- Si può imparare a sfruttare al meglio il sistema di combo, delle debolezze e dei riferimenti al luogo in cui ci si trova per fare insulti che fanno molti più danni, ma a volte il sistema va un po' in tilt, dato che non prevede ogni possibile insulto ma usa dei calcoli per determinare cosa fa più male. Questo a volte crea situazioni contraddittorie e difficilmente spiegabili, dove frasi anche abbastanza pesanti come "tua madre è morta" in alcuni casi fanno danni minuscoli, mentre delle totali idiozie come "la macchina di tuo cugino è stata sconfitta dal sambuco" possono fare tanto male.

Tiriamo le somme

Oh...Sir!! The Insult Simulator è senza dubbio uno dei giochi più originali usciti da diverso tempo, proponendoci un'assurda sfida di insulti tra personaggi stravaganti o "ospiti" più noti, il tutto sia contro l'IA che altri giocatori. La sua pecca maggiore è la mancanza di localizzazione italiana, probabilmente impossibile visto che gli sviluppatori avrebbero dovuto adattare alla nostra lingua non solo le parole ma anche la grammatica e la logica costruttiva delle frasi, ma se avete una buona conoscenza dell'inglese l'umorismo esilarante che ne deriva è tale da rendere il gioco un acquisto sicuramente consigliato al prezzo di 2,99 Euro. E se non lo prendete, vostra madre è vostro padre!
8.0

c Commenti (8)


L'autore

autore

Prima di saper scrivere a mano, sapeva già immettere i comandi DOS per avviare Doom, ma dopo una lunga vita al PC, il mondo di Halo lo avvicina alle console Microsoft. Non si nega i classici giochi tripla-A, specialmente gli FPS competitivi, ma passa la maggior parte del tempo a scovare gemme nascoste, dagli indie insoliti ai folli shmup giapponesi.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...