MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox




Slain: Back from Hell

Recensione - Slain: Back from Hell

Che succede quando uno sviluppatore unisce l'amore per l'heavy metal e le atmosfere gotiche con un gamplay da action-platform game 2D vecchio stile, condendo tutto con una difficoltà infernale? Nasce Slain: Back from Hell dei texani Wolfbrew Games. Analizziamolo insieme.

Il Gioco

Slain: Back from Hell ci mette nei panni del guerriero Bathoryn, chiamato a sconfiggere demoni infernali in un mondo di stampo gotico e satanico, pieno di trappole mortali e nemici sanguinari, il tutto accompagnato da una colonna sonora heavy metal potente ed atmosferica. Il gioco si propone con una grafica 2D vecchio stile che ricorda molto i primi Castlevania dell'era NES e SNES, ma non certo povera di dettagli: pozze di sangue, spuntoni, statue, l'atmosfera infernale c'è tutta. Inoltre nonostante l'aspetto old school, le animazioni estremamente fluide tradiscono la genesi moderna del titolo, così come la colonna sonora non era certo realizzabile in questo modo con le tecnologie dell'epoca.

Al posto di semplici sequenze MIDI o chiptune, Slain: Back from Hell ci propone infatti una colonna sonora realizzata nientemeno che da Curt Victor Bryant, ex-membro della nota band metal Celtic Frost, che coi suoi splendidi arrangiamenti dà un'atmosfera davvero infernale ad ambientazioni che già sono piuttosto macabre e brutali, ma che con queste musiche diventano davvero complete. E con una simile "cattiveria" nelle musiche, il gameplay stesso non poteva che risultare brutale e sanguinolento, non trovate?


MX Video - Slain: Back from Hell

Ed è così infatti. Il gioco prende spunto da classici come Ghosts 'n Goblins e Castlevania e porta il protagonista dotato di una grande ascia in giro per ambientazioni bidimensionali a combattere contro demoni, scheletri, e pericoli di ogni genere. Il sistema di combattimento è abbastanza semplice: si attacca con un solo tasto per creare attacchi singoli o concatenati, ma si possono anche parare colpi e schivare, nonché sferrare colpi critici contrattaccando proprio prima di essere colpiti. E' anche possibile usare qualche semplice magia per dei colpi a distanza quando il mana è sufficientemente carico, ma anche qui nulla di complicato. La semplicità di gameplay però non si traduce in una difficoltà bassa, anzi!

I nemici sono infatti tostissimi. A parte pochi nemici più deboli, tutti richiedono numerosi colpi per essere abbattuti, e non basta spammare attacchi perché anche loro possono attaccare in qualunque momento facendoci fuori con pochi colpi, quindi diventa essenziale alternare parate e schivate agli attacchi. Tutti gli avversari che hanno punti deboli e strategie diverse per sconfiggerli, quindi ogni combattimenti diventa una piccola sfida scacchistica alla ricerca del momento giusto per affondare e non subire un attacco: un po' come Dark Souls insomma, con le dovute proporzioni ovviamente. Troviamo comunque dei checkpoint che ci permettono di ricaricare la vita e da dove si può ripartire tutte le volte che si vuole dopo essere morti.

Oltre ai nemici, in Slain: Back from Hell troviamo anche altri ostacoli a sbarrarci a strada come piccoli enigmi da risolvere, sezioni platform dove schivare spuntoni, sangue bollente mortale o dardi sparati da statue. Queste sezioni spesso risultano essere più complicate dei combattimenti stessi, perché basta essere colpiti una sola volta da un proiettile o da un nemico mentre saltiamo da una piattaforma per cadere irrimediabilmente in un'area mortale. Per fortuna comunque i checkpoint sono abbastanza numerosi.

Il gioco si completa in circa 3 ore che volano via che è un piacere, anche se non manca qualche morte un pochino frustrante. Il gameplay di base non cambia mai molto dall'inizio alla fine, anche se è possibile dopo qualche livello sbloccare nuove armi e trovare segreti, ma la sostanza raramente cambia. E non c'è molto altro nemmeno come endgame: nessuna difficoltà ulteriore, niente modalità aggiuntive, zero multiplayer o classifiche. Il tutto si riduce a dover rigiocare il gioco cercando di completare obiettivi difficili come il superamento di interi livelli o sezioni boss senza mai perdere vita, o finire tutto il gioco senza mai morire (buona fortuna con questo!). E' bene infine segnalare che tutti i testi del gioco che sono in inglese: anche se la trama non è certo uno degli elementi chiave, una buona comprensione della lingua anglosassone è consigliata.

Amore

Sfide toste e creative

- A rischio di fare un confronto scontato e non del tutto corretto, Slain: Back from Hell è tranquillamente paragonabile a Dark Souls, seppure in 2D. Del resto, i due titoli hanno molto più in comune di quanto possa sembrare: lotte toste, trappole e sorprese a ogni angolo, nemici sempre più potenti e boss che vanno superati provando e riprovando diverse strategie, checkpoint che rigenerano la vita come i falò... il margine di errore sarà anche più basso, ma la sostanza non cambia tanto. Morirete ripetutamente e ci farete l'abitudine molto presto, ma quando finalmente avrete successo la soddisfazione sarà tanta.

Colonna sonora potente

- La colonna sonora metal, realizzata interamente dall'ex-Celtic Frost Curt Victor Bryant, dà un'atmosfera infernale e potente al titolo, aiutata da pozze di sangue, spuntoni e scheletri ovunque. Le musiche metal strumentali danno epicità e carattere al tutto, con arrangiamenti di bassi pesanti e chitarre melodiche e melanconiche ad accompagnare l'esplorazione, i combattimenti e le sezioni platform del gioco.

Odio

Poca carne al fuoco

- Il fuoco arde forte in Slain: Back from Hell, ma purtroppo si spegne fin troppo presto. Un giocatore discretamente abile potrà finire l'avventura in 2-3 ore anche contando numerose morti, ed è difficile farsi venire la voglia di rigiocare tutto sapendo già peraltro come affrontare ogni situazione vista la natura lineare e scriptata del gioco. Sicuramente meglio offrire poche ore ben riuscite piusttosto che una longevità infinita che però finisce subito in noia, ma in ogni caso un po' di varietà e longevità in più non avrebbero guastato.

Alcune scelte di design superate

- Slain: Back from Hell è volutamente di stampo old school, e questo comporta il portarsi con sé alcuni elementi di design che avrebbero fatto meglio a rimanere nel passato: primo su tutti il knockback, che spinge indietro il giocatore dopo un colpo subito e causa un po' troppe morti frustranti in seguito a cadute altrimenti evitabilissime. Ma da menzionare sono anche alcune trappole quasi invisibili o situazioni di gioco generalmente trial & error.

Tiriamo le somme

Slain: Back from Hell rivela essere un action-platform game old school davvero intrigante, con un'ambientazione infernale molto atmosferica, una colonna sonora metal particolarmente azzeccata ed una difficoltà dura ma giusta. Sfortunatamente alcune scelte di design e la breve durata ne minano il potenziale, ma se avete amato i vecchi Castlevania e non disdegnate dei buoni riffoni metal, troverete in Slain: Back from Hell un gioco più che piacevole.
7.6

c Commenti


L'autore

autore

Prima di saper scrivere a mano, sapeva già immettere i comandi DOS per avviare Doom, ma dopo una lunga vita al PC, il mondo di Halo lo avvicina alle console Microsoft. Non si nega i classici giochi tripla-A, specialmente gli FPS competitivi, ma passa la maggior parte del tempo a scovare gemme nascoste, dagli indie insoliti ai folli shmup giapponesi.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...