MondoXbox

Live your
passion!

Deepak Chopra's Leela

Recensione - Deepak Chopra's Leela

Lo yoga, la meditazione e il rilassamento sono sempre stati temi lontani dalla sfera videoludica; i titoli che tentano di immergere il giocatore in un'esperienza più metafisica si contano sulle dita di una mano. Deepak Chopra's Leela cerca di colmare questa lacuna in un modo nuovo: catapultando il giocatore integralmente in questo mondo visionario e di catarsi. Se queste poche righe vi hanno incuriosito, continuate la lettura. Potreste avere qualche bella sorpresa.

Il Gioco

Per i molti che probabilmente non lo conosceranno, Deepak Chopra è uno dei più famosi guru della meditazione trascendentale, creatore della “meditazione del suono primordiale”. Il gioco a lui intitolato è dunque incentrato proprio sulla meditazione e il rilassamento. Il primo step proposto dal gioco è quello della creazione del proprio Mandala, l'icona che rappresenta l'essenza stessa dello spirito del giocatore. Una volta creato, è possibile collegare il gioco a Facebook mediante un'apposita icona e condividere il nostro Mandala con gli amici. Ogni azione è spiegata e scandita da una voce (in inglese, almeno nella versione del gioco da me provata, quella UK) che funge anche da approfondito tutorial di ogni aspetto del gioco e della filosofia della meditazione. Il gioco vero e proprio, se così possiamo chiamarlo, è strutturato in due macro-modalità: una riguardante lo sviluppo e l'apertura dei propri “chakra”, l'altro dedicato esclusivamente alla meditazione vera e propria. La prima modalità è suddivisa in 7 mini-giochi legati ognuno a un diverso chakra, che rappresentano l'anima del titolo ed il cui scopo è ottenere il rilassamento totale mediante lo svolgimento di piccoli gesti. Ad esempio il gioco del primo chakra, quello del centro basale, obbliga il giocatore a piegare il bacino verso destra o verso sinistra: questo movimento farà ruotare un piccolo pianeta e permetterà ad alcuni semi di crescere fino a svilupparsi in un albero, infondere nel pianeta stesso la propria energia vitale. Prima di ogni gioco, un breve e obbligatorio tutorial spiega accuratamente ogni gesto da fare per raggiungere l'obiettivo. Kinect è quasi sempre preciso nella rilevazione dei movimenti, regalando un'esperienza veramente immersiva e quasi mai frustrante.

La seconda e non meno importante modalità di Deepak Chopra's Leela è quella puramente meditativa, raggiungibile attraverso l'opzione “Reflect” nel menu. In questa modalità ci viene insegnato il segreto della respirazione, grazie al sensore Kinect che monitorerà la nostra abilità nel respirare correttamente mediante la rilevazione dei movimenti del corpo. “Reflect” è diviso in ulteriori tre categorie: Respirazione, a cui ho appena accennato, Meditazione Silenziosa e Meditazione Libera. Con la Meditazione Silenziosa, la voce che accompagna il giocatore lungo tutto il gioco spiega la postura da tenere per rilassarsi al meglio, mentre la Meditazione Libera è un misto tra la modalità Respirazione e la Meditazione Silenziosa: viene monitorata la respirazione, ma nessuna voce disturba il giocatore lasciando solo la musica di sottofondo. Grafica e sonoro fanno da collante perfetto per tutti gli elementi del gioco, con una soundtrack composta da musiche new age che riescono benissimo nell'intento di rilassarci e immergerci nell'ambiente. Consigliato in questo caso l'utilizzo di cuffie (o di un impianto surround).

Amore

Un'esperienza senza eguali

- Deepak Chopra's Leela non rientra propriamente nella categoria “videogiochi”, è più un'esperienza da vivere. L'atmosfera che si crea usandolo è unica, replicata solo da pochissimi altri titoli nell'intero panorama videoludico. La grafica, la musica, la struttura dei mini-giochi, si uniscono perfettamente per dare al giocatore una delle più belle esperienze di questa generazione.

Rilassante per davvero!

- Il primo obiettivo del gioco è quello di rilassare il giocatore. Obiettivo raggiunto in pieno. Dopo un'intera giornata passata a lavorare, dedicare mezz'oretta a Deepak Chopra's Leela aiuta realmente a scaricare i nervi e a distendersi.

Tutorial sempre esaurienti e mai noiosi

- Solitamente sono abituato a “skippare” tutti i tutorial dei titoli a cui gioco. Questa volta, i tutorial sono parte integrante dell'esperienza: la voce che accompagna il giocatore, oltre a spiegare i fondamenti del gioco, racconta anche aneddoti e curiosità sui chakra e sulla meditazione Yoga. Il tono di voce inoltre è rilassante e suadente, contribuendo al senso di rilassamento che il titolo provoca nel giocatore.

Odio

Alla lunga potrebbe stancare

- Nonostante la buona varietà nel tipo di mini-giochi, la possibilità che possa annoiare è alta. Nelle prime fasi, la difficoltà è bassa, mentre nelle ultime fasi è quasi frustrante, anche perchè Kinect non è sempre precisissimo nella rilevazione dei movimenti del corpo. Inoltre, una volta terminati tutti i livelli di tutti i giochi, praticamente non resta nulla da fare se non la meditazione libera.

Tiriamo le somme

Deepak Chopra's Leela è un prodotto ben riuscito, innovativo, fresco e particolare. E' l'ennesima dimostrazione di quanto i videogiochi si stiano avvicinando all'arte. Sicuramente uno dei migliori titoli a disposizione per Kinect, sia come idea che come realizzazione finale. Ovviamente non è un titolo per tutti visto che si rivolge unicamente a chi cerca un certo tipo di esperienza: consigliato a chi ha la mente aperta a nuove esperienze. 8.5

c Commenti (9)


L'autore

autore

Quando gli hanno chiesto di comporre una Bio, ha pensato subito alla natura e all’ambiente. Una volta rinsavito, ci ha raccontato di essere un appassionato di Basket e Calcio, videogiocatore accanito, predilige RPG, FPS e TPS. In generale però non si tira indietro di fronte a nulla. A tempo perso è anche speaker in una Web Radio.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...