MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



Iron Harvest

Iron Harvest - provato alla gamescom

Anche l'RTS steampunk Iron Harvest, realizzato dai tedeschi KING Art Games e pubblicato da Deep Silver, era presente alla gamescom di Colonia e l'editore ci ha invitati a testarlo in una prova su strada per vagliarne le qualità: ecco cosa abbiamo scoperto.
L'arrivo di Iron Harvest alla gamescom è stato accompagnato dall'annuncio di un sostanziale slittamento della data d'uscita, posticipata all'1 settembre 2020, tra più di un anno. Come simpaticamente ci hanno fatto notare gli sviluppatori, la nuova data di rilascio è composta da cifre (1/9/20) che richiamano in maniera diretta l’universo alternativo “1920+” immaginato dall’artista polacco Jakub Różalski, in cui il gioco è ambientato. Nel mondo di Iron Harvest le cose non sono infatti andate esattamente come raccontatoci nei libri di storia, e l’Europa del 1920 è contesa fra tre superpotenze (riconducibili a Germania, Polonia e Russia), i cui eserciti si scontrano facendo ampio uso di tecnologie derivanti dalle invenzioni di Nikola Tesla, che hanno causato un improvviso avanzamento tecnologico in una società ancora fortemente rurale.

img
L’impostazione artistica del gioco prende quindi a piene mani dall’immaginario steampunk e diesel-punk, con giganteschi macchinari metallici che si aggirano torreggianti nelle campagne dell’Europa centrale di cento anni fa.
La sessione di gioco svolta alla gamescom mi ha visto provare una missione della campagna single-player che sarà offerta in affiancamento alla modalità PvP, quasi d’obbligo per giochi di questo genere. Da quanto ho potuto vedere, la campagna mette in secondo piano aspetti fondamentali di altri RTS come la raccolta di risorse e la costruzione di strutture, chiedendo invece al giocatore di concentrarsi sulla gestione strategica degli scontri con gli eserciti nemici.

MX Video - Iron Harvest

Un ruolo di primo piano in questi scontri è svolto dagli Eroi, elementi di spicco di ciascuna fazione dotati di poteri unici ed in grado di spostare gli equilibri del confronto. Durante la mia prova avevo a disposizione Anna, cecchina dalla mira implacabile e supportata per gli scontri ravvicinati dall’orso Wojtek (bizzarra presenza che, come mi hanno spiegato i ragazzi di KING Art Games, deriva da una curiosissima storia vera, che vi invito a scoprire!).

img
Dal punto di vista del gameplay mi è bastato cimentarmi in quest’unica missione per rendermi conto del ruolo importantissimo che in Iron Harvest svolgono ripari e coperture: non importa se superiori numericamente e più armati, i nostri soldati lasciati allo scoperto vengono implacabilmente decimati dalle forze avversarie, ed è quindi fondamentale farli muovere sul terreno di battaglia con la necessaria astuzia. Questo approccio è reso possibile dal fatto che i colpi scambiati non sono una mera resa grafica di attacchi (e relativi danni) già calcolati dal sistema, ma vengono gestiti in tempo reale tenendo quindi conto di eventuali ostacoli e protezioni. Coerentemente con ciò, molto curata è la distruggibilità del mondo di gioco, proprio per il fondamentale ruolo tattico svolto da muretti, cascinali e staccionate: mi sarebbe piaciuto vedere cosa si riesce a combinare controllando uno degli imponenti mech previsti dal gioco, ma purtroppo non ne ho avuto la possibilità. Un’altra interessante particolarità emersa durante la prova è che i nostri soldati saranno in grado di dotarsi delle armi dei nemici abbattuti, aprendo quindi un ventaglio di possibilità più ampio rispetto ad altri RTS: in Iron Harvest un cecchino può imbracciare il fucile a canne mozze lasciato sul terreno dal nemico ucciso e “convertirsi” quindi in una unità utile per gli scontri a corto raggio.

img
L’esperienza di gioco con Iron Harvest si è dimostrata eccellente, anche con movimenti rapidi nella mappa e zoomate estreme fino al dettaglio del singolo soldato, l’engine grafico ha sempre fatto il proprio dovere (consentendoci di apprezzare lo stile grafico davvero personale ed evocativo) e non si sono mai avvertiti rallentamenti o imprecisioni nell’esecuzione dei comandi. La sensazione complessiva è che le meccaniche di gioco di Iron Harvest siano in uno stato di lavorazione alquanto avanzato, già sufficientemente collaudate e bilanciate. E’ più che probabile che i mesi di sviluppo previsti serviranno soprattutto per completare la realizzazione di tutti gli elementi (fazioni, unità, missioni, ambienti) di un gioco che si annuncia comunque molto ricco di contenuti e dotato come detto anche di una campagna single-player dalla trama profonda. L’attesa si è fatta certo molto lunga, ma Iron Harvest non va perso di vista, dato che questa prima prova ha lasciato davvero ottime impressioni.

c Commenti (3)


L'autore

autore

La sua passione per il gaming nasce nel lontanissimo 1982 con Gorf per Vic-20, ma da quando ha scoperto le "gioie" della caccia agli obiettivi, gioca solo su Xbox. Il suo nemico giurato è l'Arretrato, smisurato ed in costante aumento. Maguzzolo però non si arrende: armato di sei console ed un numero sterminato di controller, continua a dare battaglia.

Xbox Italia, il gruppo Facebook ufficiale di MondoXbox
c

Commenti

caricamento Caricamento commenti...