MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



Xbox One - Accessori

Linksys WRT 32X Gaming Router - messo alla prova

Dopo avervi parlato nei mesi scorsi dei router da gaming di Netgear, abbiamo ora voluto ora mettere alla prova le prestazioni del top di gamma Linksys per quanto riguarda i router da gioco: il WRT 32X Gaming Router, del quale in USA è uscita anche una versione a marchio Xbox One. Scopriamone insieme le caratteristiche.
Il WRT 32X Gaming Router è un router uscito ad inizio anno che si posiziona - per prezzo e caratteristiche - nel segmento dei router da gaming, quelli pensati cioè per migliorare le prestazioni di gioco anche quando altri dispositivi della casa stanno facendo un uso intensivo della rete. In USA il dispositivo è uscito anche in una versione a licenza Xbox, il WRT 32XB, che presenta le stesse caratteristiche hardware e software del modello base ma con una preimpostazione per prioritizzare in automatico le comunicazioni di rete dalle console Xbox One, cosa comunque applicabile manualmente sul WRT 32X Gaming Router. Il router a marchio Xbox non è arrivato nel nostro continente, ma questo ci ha incuriositi riguardo al router base e abbiamo così deciso di provarlo.

img
Non appena rimosso dalla confezione, il router di Linksys si mostra con un'estetica piuttosto aggressiva, un classico per i router da gaming, e quattro antenne da connettere posteriormente ed ai lati del dispositivo. I led frontali che indicano lo stato della connessione internet e wi-fi si accendono con una tenue luce blu, molto meno invasiva al buio rispetto ai led colorati di altri router concorrenti, mentre nella parte posteriore troviamo quattro uscite ethernet per connettere altrettanti dispositivi cablati, delle porte USB 3.0 e eSATA per la connessione di hard disk esterni che il router può esporre come share di rete tramite il protocollo SMB, ed una porta ethernet per l'ingresso internet. Come altri dispositivi di questo tipo, infatti, il WRT 32X Gaming Router è un router puro e non include il modem ADSL: va quindi connesso in cascata al modem-router del proprio provider, dal quale magari spegneremo la gestione wi-fi per evitare interferenze, oppure direttamente al cavo ethernet PPPoE per chi è dotato di provider wireless e di altro tipo.

MX Video - Xbox One - Accessori

Una volta montate le antenne e connesso il router all'alimentazione ed al cavo internet, la configurazione avviene in maniera veloce collegando un PC via ethernet oppure via wi-fi utilizzando la password preimpostata; nel pannello d'amministrazione è poi possibile come sempre modificare il nome della rete e la password. Le funzioni di base dell'interfaccia permettono di visualizzare il traffico di rete attuale in download ed upload, senza però mostrare come questo sia suddiviso tra i vari dispositivi collegati, e di effettuare un test della velocità massima della connessione. Ovviamente non mancano tutte le altre funzionalità standard per un router di fascia alta, come il supporto MU-MIMO (ossia lo scambio dati in parallelo con più dispositivi connessi, invece di metterli "in fila" come accade sui router standard), la possibilità di inoltrare porte specifiche, di mettere un dispositivo in zona DMZ (con connessione diretta all'esterno e non nattata) e di connettersi ad una VPN attraverso la quale far transitare il traffico di rete.

  • img
  • img
  • img
  • img

Le funzionalità relative al gaming sono invece concentrate nell'area "Prioritizzazione" dell'interfaccia, ed è qui che arriva la maggior delusione, almeno per i giocatori console. Sì, perché il router ha due funzioni: la prioritizzazione automatica delle comunicazioni di rete con i dispositivi dotati di tecnologia Killer e la prioritizzazione manuale di interi dispositivi impostata dall'utente. Quella automatica funziona solo con i PC dotati di scheda di rete con chip Killer: questi permettono al router di separare il traffico gaming da quello di navigazione/download dando priorità al gaming per ottenere prestazioni più veloci. Si tratta quindi dell'equivalente del QoS di altri sistemi, ma qui funziona solo con i dispositivi compatibili tra i quali non figurano l'Xbox One e le altre console.

La prioritizzazione manuale invece permette di mettere uno o più dispositivi in priorità alta, mentre altri possono essere messi in priorità normale o bassa; in questo modo il router sa quali favorire quando c'è un grande utilizzo della rete da parte di più dispositivi. Il problema è però che, in questo modo, il router non analizza il traffico dei dispositivi prioritizzati separando quello di download da quello di gaming, dando così priorità a tutto il loro traffico. Prioritizzando la mia Xbox One X, ad esempio, ho rilevato effettivamente la totale assenza di problemi nel gaming mentre avviavo download molto pesanti da PC e smartphone, ma allo stesso modo quando ho avviato un download dalla console prioritizzata mettendo "a tappo" la rete ("vantaggi" di chi ha una connessione relativamente lenta come la mia), la navigazione su PC e l'uso di Netflix su tablet hanno subito forti cali prestazionali. Questo è successo perché il router ha identificato il download dalla console come traffico prioritizzato, dandogli priorità rispetto al browsing e alla visualizzazione di video su altri device. Se quegli stessi device avessero avuto schede di rete Killer, l'esperienza sarebbe invece stata molto migliore.

  • img
  • img
  • img

Questa non è sicuramente una gestione ottimale del traffico di rete: altri router che abbiamo analizzato in passato usavano algoritmi più intelligenti per separare il traffico gaming dai download, o addirittura permettevano di limitare la connessione ad altri giocatori solo se presenti in una certa area geografica, per avere così connessioni sempre veloci. Insomma, per essere un router da 300 e passa Euro (anche se si trova in offerta facilmente a meno), le funzioni offerte sembrano troppo basilari e non sufficienti per i molti usi che si farebbero del dispositivo in un ambiente domestico, gaming a parte.

Aggiungo a questo, inoltre, un problema specifico che ho avuto con Sea of Thieves: dopo aver installato il router, giocando con il titolo Rare era praticamente impossibile perché mi disconnetteva dai server ogni 5 minuti, problema che non si è mai presentato col mio router domestico. Per risolvere il problema ho dovuto mettere la console in DMZ: non un grande problema, ma sta di fatto che con l'altro mio router questo non si era reso necessario: evidentemente gestiva meglio le connessioni di rete.

Sul fronte dei lati positivi c'è sicuramente un ottimo range delle antenne, capaci di attraversare senza problemi le mura di diversi locali, ed una rappresentazione grafica del traffico di rete molto bella, anche se come abbiamo già visto non è possibile individuare da quali dispositivi arriva il traffico maggiore.

In conclusione, il Linksys WRT 32X Gaming Router dimostra di mantenere le promesse se il vostro scopo principale è quello di prioritizzare il traffico su Xbox, ma questo a scapito di altri dispositivi di rete non dotati di schede Killer perché non c'è una vera analisi dei protocolli utilizzati. Se invece, oltre ad Xbox, disponete anche di un PC da gaming con scheda Killer, allora questo è probabilmente il miglior router da avere. Infine l'interfaccia di gestione fin troppo basilare per un prodotto che dovrebbe essere per utenti esperti chiude la panoramica su un prodotto che non ci sentiamo di consigliare appieno rispetto alla concorrenza diretta, almeno non ad un prezzo che va tra i 250 ed i 300 Euro.

c Commenti (1)


L'autore

autore

Classe '72, dall'animo geek e appassionato da sempre di videogiochi e informatica, nel 2002 è cofondatore di MX. Il sito parte per gioco ma diventa una parte sempre più importante della sua vita insieme a lavoro, famiglia e troppi altri interessi: questo lo costringe a rimandare continuamente i suoi piani di dominio sul mondo.

c

Commenti

x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...