MondoXbox

Live your
passion!

WET

Recensione - WET

Rubi Malone è la nuova eroina che Bethesda ed A2M hanno creato ispirandosi chiaramente a quei personaggi Pulp, se vogliamo addirittura grotteschi, che le pellicole di registi quali Tarantino ci hanno fatto conoscere. Riuscirà questo nuovo personaggio ad imporsi nel panorama dei titoli Action? Scopriamolo assieme nella nostra recensione.

Il Gioco

Mora, occhi verdi, atletica e spietata: questo in poche parole è l'identikit della bella Rubi, una sicaria, o meglio ancora una faccendiera, impegnata a recuperare un cuore da trapiantare ad un potente boss malavitoso. Questo il presupposto alla base della storia che ci vede coinvolti e che ci trascinerà in un turbinio di violenza, in mezzo a gangster, tradimenti, battute scurrili ed ettolitri di sangue.

WET è un titolo piuttosto controverso, un mix che racchiude in se meccaniche già ben conosciute e rodate in un contesto che ricorda molto i B-Movies anni '80 tutti azione e violenza; per porre l'accento su questo particolare aspetto, è persistente durante l'intero gioco un filtro che peggiora l'immagine con quei difetti tipici delle vecchie pellicole usurate dal tempo. Mutuando le meccaniche da titoli quali Tomb Raider e Prince of Persia, la protagonista è in grado di arrampicarsi, appendersi e compiere acrobazie degne di una ginnasta, accompagnata però da tonnellate di piombo a suon di Bullet Time, l'effetto al rallentatore introdotto anni orsono da Max Payne e poi ripreso da altri titoli. Oltre a questo non possiamo certamente accontentarci di uccidere semplicemente tutti gli scagnozzi che si pongono tra noi ed il nostro obiettivo, ma dobbiamo farlo con stile! Stile rappresentato da combo, uccisioni in sequenza che frutteranno un moltiplicatore via via sempre maggiore, facendoci accumulare punti esperienza.

  • img
  • img
  • img


Dobbiamo quindi saltare, compiere acrobazie inenarrabili e, nel frattempo, ammazzare chiunque ci si pari davanti per ottenere quei punti indispensabili per sbloccare nuove capacità per la nostra spietata killer. Il level design ci consente di compiere tutto questo, con appigli e salti fatti apposta per enfatizzare lo spettacolo e la coreografia degli scontri a fuoco, rappresentati come se fossero dei macabri balletti di morte. A rendere ancor più spettacolare l'insieme ci pensano anche alcuni Quick Time Events (la pressione di determinati tasti al momento opportuno) che porteranno sempre effetti spettacolari da aggiungere alla miscela esplosiva di WET. Inoltre, in alcuni momenti dell'avventura, possiamo entrare in modalità "Collera" stravolgendo completamente la cosmesi del titolo: tutto diventa rosso e nero, calandoci in una specie di trip allucinogeno iperviolento dove poter dar libero sfogo alla nostra inarrestabile sete di sangue.

Amore

Rubi

- La protagonista è forse l'aspetto più azzeccato dell'intera produzione. Determinata, sexy e letale, un vero e proprio killer senza il minimo scrupolo. Armata sino ai denti, con quattro differenti armi da fuoco ed una spada per non farsi mancare nulla, Rubi è una macchina di morte inarrestabile. Oltre a questo, la signorina Malone ha sempre la battuta pronta, mettendo in mostra tutto il suo sarcasmo e la sua crudeltà, per non parlare dell'originale maniera di ripristino della salute. Medikit? Roba da perdenti: a Rubi basterà scolarsi una bella bottiglia di liquore per tornare più in forma che mai! Un personaggio davvero azzeccato, sopra le righe, che va ad aggiungersi alla folta schiera degli antieroi che popolano il mondo dei videogiochi.

Ritmo incalzante

- Sebbene il gioco sia molto lineare, senza particolari sorprese durante lo svolgimento, il ritmo e la frenesia sono davvero ad altissimi livelli. Sparare mentre si compiono acrobazie, accompagnati da musiche rock aggressive è, in alcuni momenti, un'esperienza esaltante capace di regalare ottime sensazioni. Ciliegina sulla torta i pirotecnici inseguimenti automobilistici nei quali la protagonista dovrà balzare da un veicolo all'altro in mezzo a proiettili vaganti, pazzeschi incidenti stradali con veicoli che voleranno, letteralmente, sopra la nostra testa sempre accompagnati dalla giusta musica, capace di esaltare le nostre folli gesta.

  • img
  • img
  • img


Odio

Tecnicamente obsoleto

- Probabilmente il difetto peggiore e, purtroppo, ben visibile. Il titolo risulta rozzo, non sappiamo quanto volutamente, ma è innegabile quanto il tutto appaia poco curato e confezionato in fretta. Escludendo la sola Rubi, realizzata sufficientemente bene, tutti gli altri personaggi sono realizzati approssimativamente, con spigoli ben in vista e lo stesso vale per buona parte degli ambienti in cui ci troveremo. Alcuni sono discreti, ma in generale il livello è basso, con alcune textures non certo indimenticabili e l'interattività è al minimo sindacale con pochi elementi distruttibili e nulla più.

Una sola modalità, ed anche breve!

- Purtroppo la durata di questo genere di giochi si è notevolmente abbassata negli ultimi tempi e WET non fa assolutamente eccezione a questa regola, anzi: al livello di difficoltà intermedio difficilmente varcherete il misero confine delle 10 ore di gioco. Se a questo aggiungiamo la totale assenza di modalità extra, escludendo la possibilità di ripetere gli stessi capitoli della storia per ottenere un maggior punteggio o recuperare i collezionabili, e la presenza di alcune piccole sfide, il quadro si fa sconfortante.

Acrobazie forzate

- Certamente coreografiche e divertenti, le mosse speciali risultano però immediatamente invasive, praticamente obbligatorie. Sparare semplicemente camminando è stato reso paradossalmente molto più complicato che farlo saltando all'impazzata da una balaustra all'altra. Il rateo di fuoco nettamente inferiore in posizioni normali e l'assenza di un mirino che dia la possibilità di zoomare sono altri fattori che ci portano ad utilizzare solo ed esclusivamente le acrobazie, rendendo l'azione spesso troppo confusionaria.

Tiriamo le somme

Alcune trovate interessanti, la violenza grottesca e l'atmosfera da filmaccio truce non bastano a far emergere WET al di sopra della media dei titoli del genere. La realizzazione al di sotto degli standard attuali, alcune scelte poco comprensibili a livello di gameplay e la scarsa longevità troncano le pretese di questo titolo, consigliato solo se siete in astinenza da carneficine e violenza gratuita. 6.2

c Commenti


c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...