MondoXbox

Live your
passion!

Angry Birds Trilogy

Recensione - Angry Birds Trilogy

di TheFury87 P 14 ott 2012
Rilasciato inizialmente solo su iPod Touch e iPhone, Angry Birds è diventato in breve tempo uno dei marchi più popolari nel mondo dei giochi per dispositivi portatili, al punto da guadagnarsi svariate conversioni per diverse piattaforme ed un gran numero di nuovi capitoli. L’ultima frontiera del blockbuster targato Rovio Mobile erano le console da casa, ma con l’uscita di Angry Birds Trilogy anche quest’ultima barriera è stata abbattuta: saranno riusciti gli sviluppatori finlandesi a riportare su console le caratteristiche che hanno reso Angry Birds uno dei marchi più popolari del mondo videoludico?

Il Gioco

La trama alla base di Angry Birds è estremamente semplice: dei malefici maialini verdi si sono impossessati delle uova deposte dagli uccelli colorati protagonisti del gioco (gli “Angry Birds” appunto) per cibarsene, e l’obiettivo del gioco è quindi quello di sconfiggere i Piggie per recuperare le uova sottratte. Per farlo, l’unica arma a nostra disposizione è una catapulta con cui lanciare gli Angry Birds sul terreno di gioco bidimensionale, nel tentativo di distruggere i Piggie colpendoli direttamente o facendogli crollare addosso le varie strutture nelle quali questi si nascondono. Ognuno degli uccelli protagonisti del gioco è caratterizzato da un colore delle piume diverso rispetto agli altri e da una caratteristica speciale da sfruttare nel modo migliore per completare il livello, come la possibilità di farsi esplodere in aria, di sganciare delle uova esplosive o di separarsi in più parti per colpire un maggior numero di obiettivi con lo stesso lancio. La difficoltà crescente del gioco è data dal limitato numero degli uccelli utilizzabili in ogni livello e, soprattutto, dalla complessità delle strutture disposte sul terreno di gioco: per completare i livelli più difficili è infatti necessario capire esattamente dove colpire per creare spettacolari effetti domino in grado di distruggere decine di pezzi dello scenario semplicemente lanciando l’Angry Bird nel posto giusto.

In ogni livello si hanno a disposizione infiniti tentativi per sconfiggere tutti i maialini verdi, ma nel caso in cui ci si stanchi e si voglia proseguire nel gioco “saltando” il livello è possibile richiamare la “Mighty Eagle”, che con un solo lancio annienta tutti i nemici presenti. Il sistema di controllo è estremamente semplice: con la levetta sinistra si carica l’elastico della catapulta (scegliendo quindi angolo e potenza del lancio), con il tasto A si attivano le caratteristiche speciali di ogni Angry Bird, con il tasto X è possibile riavviare il livello in qualsiasi momento mentre premendo Y si può richiamare la Mighty Eagle. Com'è intuibile dal nome, Angry Birds Trilogy include 3 diverse versioni di quello che è diventato uno dei marchi più popolari degli ultimi tempi: Angry Birds Classic, Angry Birds Seasons e Angry Birds Rio. Il gameplay rimane invariato in ognuno dei tre episodi, con l’unica differenza che in Angry Birds Rio lo scopo è quello di liberare degli uccelli rinchiusi in gabbia invece che sconfiggere i Piggie.

Amore

Semplice ed immediato

- Ciò che ha reso immensamente popolari i giochi con marchio Angry Birds su dispositivi portatili e su PC è certamente la loro semplicità di utilizzo e la bassissima curva di apprendimento: praticamente chiunque, compreso chi non ha mai messo le mani su di un qualsiasi videogioco, può divertirsi al massimo dopo una trentina di secondi scarsi passati ad imparare i controlli. E nella versione per console, pur dovendo adattare il sistema di controllo al joypad, la semplicità e intuitività sono rimaste intatte: di sicuro un grande pregio per un titolo che è diventato popolare proprio grazie a questo.

Praticamente infinito

- Se avete pazienza e voglia a sufficienza per tentare di completare Angry Birds Trilogy al 100%, avrete decisamente pane per i vostri denti: sommando infatti tutti i livelli inclusi nei tre titoli della raccolta si oltrepassa addirittura quota 700. E’ vero che quelli più semplici richiedono spesso meno di 30 secondi e non più di 1 o 2 tentativi, ma quelli più complessi vi porteranno via diversi minuti tra decine di tentativi falliti e pause per analizzare quale sia la strategia migliore per completare il livello. Ciò significa che, facendo un calcolo approssimativo delle ore necessarie a completare il gioco, Angry Birds Trilogy ha una longevità decisamente superiore a gran parte dei titoli disponibili per console.

Odio

Supporto Kinect

- Angry Birds Trilogy include la possibilità opzionale di giocare tramite Kinect, ma la totale imprecisione di questo sistema di controllo rende il titolo praticamente ingiocabile senza l’utilizzo del joypad. I nostri movimenti infatti non vengono mai rilevati dal gioco con la dovuta precisione, inficiando inevitabilmente la riuscita di qualsiasi lancio degli uccellini colorati. Dopo qualche tentativo (a vuoto) di giocare tramite Kinect, si finisce inevitabilmente per impugnare di nuovo il joypad: semplicemente, questo sistema di controllo non funziona.

Poco adatto alle console

- Pur trovandoci di fronte ad un gioco decisamente divertente, è difficile appassionarsi alla sua versione per console. Angry Birds è un gioco perfetto per una partita veloce con il cellulare quando si hanno 5 minuti liberi e risulta poco adatto a sessioni davanti alla TV, generalmente più durature. Alla lunga infatti è un titolo piuttosto ripetitivo, non adatto alle medio/lunghe sessioni di gioco che di solito un giocatore affronta quando accende la sua Xbox.

Prezzo sproporzionato

- Se siete appassionati di Angry Birds avete probabilmente già giocato ai tre capitoli inclusi in questa raccolta, mentre se volete giocarci per la prima volta vi converrà decisamente recuperarne una versione per cellulare o web browser, visto che tutti i titoli inclusi in Angry Birds Trilogy sono ormai disponibili a pochi euro sui vari store; una raccolta per console ad oltre 30 euro non ha molto senso e risulta sproporzionatamente costosa rispetto al prezzo dei tre giochi per le altre piattaforme.

Tiriamo le somme

Angry Birds Trilogy racchiude tutte le qualità che hanno fatto di Angry Birds uno dei giochi più amati dai casual gamer di tutto il mondo. Tuttavia, pur essendo divertente, intuitivo e longevo come le versioni per cellulare e web browser, non è molto adatto ad essere giocato su console. Si tratta pur sempre di giochi già disponibili da un pezzo, ed a prezzi inferiori, su altre piattaforme ben più adatte: è davvero difficile trovare un motivo per cui acquistarlo per la nostra console. 6.7

c Commenti (10)


L'autore

Nato con il joypad in mano e cresciuto a pane e Final Fantasy, nel 2006 entra a far parte dello staff di MX. Alla costante ricerca di gemme nascoste del mercato videoludico, con il tempo si specializza soprattutto nella recensione di tutti quei titoli che ogni giocatore sano di mente lascerebbe a marcire sugli scaffali dei negozi.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.