MondoXbox

Live your
passion!

Mad Riders

Recensione - Mad Riders

Escludendo i due Trials HD, la piattaforma Live Arcade è abbastanza lacunosa nei confronti dei titoli off-road. Ubisoft e Techland (già autori di Dead Island e Nail'd) provano quindi a far sbarcare il genere ATV sulla piattaforma di digital delivery di Xbox 360 con Mad Riders. Arrivato su Live Arcade il 30 maggio, l’abbiamo provato per voi.

Il Gioco

Per un amante delle due ruote come me, cimentarsi con un gioco del genere non può che essere un piacere. Dopo l’installazione del gioco (che pesa circa 1.3 GB), un comodo menu ci introduce pienamente al titolo. La modalità a giocatore singolo offre tre ulteriori sotto-modalità: Torneo, che ci mette di fronte a un campionato vero e proprio, caratterizzato da otto eventi diversi divisi in ulteriori cinque gare, Gara Veloce, il cui nome si spiega da solo, e Garage, attraverso il quale possiamo personalizzare tutti i nostri veicoli a quattro ruote con una vasta gamma di vernici e disegni.

Il gameplay di Mad Riders è impernato sulla frenesia e sulla velocità: rispetto alle controparti da negozio come ad esempio MX vs. ATV, il realismo viene sacrificato a favore di un approccio più arcade. Oltre alle solite informazioni come tempo, velocità, giri residui e posizione, l’HUD di gara comprende una barra boost che è possibile ricaricare raccogliendo gettoni rossi o gettoni blu lungo il percorso. I primi ricaricano la barra rossa, che permette di utilizzare per qualche secondo il turbo; i gettoni blu invece danno la possibilità di sbloccare alcune scorciatoie bonus altrimenti inaccessibili. La barra rossa del boost è ricaricabile anche attraverso altre sfide speciali nascoste nel gioco, come ad esempio attraverso l'esecuzione di un atterraggio perfetto dopo un salto.

La modalità multiplayer ci mette in competizione contro 12 giocatori di tutto il mondo; oltre alla classica gara tutti contro tutti sono presenti una corsa a checkpoint casuali denominata Arena, che ricorda molto la modalità “Rocket Hog Race” di Halo Reach; una sfida ad acrobazie il cui scopo è quello di raggranellare più punti possibili attraverso evoluzioni di vario genere, fino ad arrivare ai tornei personalizzati con cui sfidare i nostri amici. Ciliegina sulla torta, in Mad Riders sono presenti le immancabili classifiche attraverso le quali confrontare i nostri risultati con amici e non.

Amore

Frenesia allo stato puro

- Grafica e sonoro riescono a rendere al meglio quello che era l’obiettivo di Techland: rappresentare ed esasperare la velocità e la frenesia di questo tipo di gare. Gli effetti grafici e il frame-rate impeccabile sono i veri punti di forza di Mad Riders. Forse quello che manca sono i vari bonus e potenziamenti alla Joy Ride, ma sarebbe stato veramente troppo.

Alta longevità a basso costo

- Mad Riders costa solo 800 punti e offre contenuti quasi pari a un gioco scatolato. Multiplayer fino a 12 giocatori con quattro modalità, editor di competizioni e di veicoli, una campagna con oltre 40 gare... non si può chiedere di più! Certamente un gioco indicato a chi cerca un rapporto qualità-prezzo elevato.

Tante modalità multiplayer

- Il multiplayer è ben strutturato e abbastanza vario. Il problema è, come al solito, trovare abbastanza persone per giocare (soprattutto trattandosi di un Live Arcade non troppo pubblicizzato), ma una volta superata questa piccola difficoltà, la strada è spianata verso il divertimento!

Odio

Eppure mi ricorda qualcosa...

- Togliete il verde sgargiante e trasformate le ambientazioni in un grigio ammasso di ferro e luci lampeggianti, e vi troverete di fronte a un clone di Wipeout. Mad Riders ha perso di vista completamente l’ambito ATV, tanto che avrebbero potuto utilizzare qualsiasi tipo di veicolo e avrebbero ottenuto lo stesso effetto.

Troppo facile

- Il fatto che il freno serva unicamente per occupare un tasto in più, è l’emblema della facilità di Mad Riders. La difficoltà è rappresentata più che altro dalla velocità degli avversari e dalla precisione con cui affrontano le curve. Il turbo ricaricabile però mette tutti a tacere, dandoci un netto vantaggio anche in questa circostanza

Tecnicamente rivedibile

- Le texture non sono propriamente al livello di questa generazione di console: gli sviluppatori hanno probabilmente voluto sacrificarle per ottenere un rapporto accettabile tra frames per secondo e spazio occupato. La musica di sottofondo inoltre, è un po' ripetitiva.

Tiriamo le somme

Mad Riders è un gioco leggero, casual, divertente e a un prezzo straordinariamente basso. Se non fosse vagamente tentennante a livello di textures, non avrebbe nulla da invidiare a un titolo scatolato. L'unico grosso difetto è l'impronta troppo arcade e quel senso di già visto che aleggia intorno al suo gameplay. Nell'insieme, sicuramente consigliato. 7.5

c Commenti


L'autore

Quando gli hanno chiesto di comporre una Bio, ha pensato subito alla natura e all’ambiente. Una volta rinsavito, ci ha raccontato di essere un appassionato di Basket e Calcio, videogiocatore accanito, predilige RPG, FPS e TPS. In generale però non si tira indietro di fronte a nulla. A tempo perso è anche speaker in una Web Radio.

c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Caricamento commenti...