MondoXbox

Live your
passion!

Dead Rising 2: Case Zero

Recensione - Dead Rising 2: Case Zero

Capcom ha recentemente annunciato di voler portare la serie di Dead Rising ai livelli di importanza e popolarità di Resident Evil: un intento molto ambizioso, ma l'editore giapponese ha già iniziato a muoversi nel modo giusto. In attesa dell'arrivo del secondo episodio della serie, è arrivato sul Marketplace Dead Rising 2: Case Zero, titolo Live Arcade che funge proprio da prequel del titolo in uscita. Analizziamo insieme di cosa si tratta.

Il Gioco

Dead Rising 2: Case Zero è ambientato circa tre anni prima della storia che vivremo in Dead Rising 2: si tratta di un prequel che ci vede nei panni del protagonista Chuck Greene, il quale si ritrova in fuga in una zona isolata alla disperata ricerca di fiale di Zombrex per evitare che la figlia, morsa da uno zombie, venga sopraffatta dall'infezione. Ogni 12 ore Chuck deve provvedere a curare la figlia e nel frattempo cercare di fuggire verso un luogo sicuro. La scena iniziale ci vede fermi in una stazione di servizio, dove Chuck fa il pieno di benzina alla macchina e cura la propria figlia, ma ecco che mentre i due si avvicinano a un supermercato in cerca di viveri, un tizio ruba la loro auto e li lascia a piedi in questo piccolo paese pieno di pericolosi zombie. I due si barricano all'interno dell'officina di un meccanico per sopravvivire, presto però Chuck capisce che non possono restare, i militari arriveranno entro sera a ripulire la città e se trovassero la figlia in quelle condizioni sicuramente la metterebbero in quarantena. Cosi starà a noi esplorare la cittadina e trovare il modo di scappare, al contempo prendendoci cura della bambina che ha periodicamente bisogno di cure.

Il gameplay ci propone in anteprima tutte le meccaniche di gioco che troveremo in Dead Rising 2, le quali a loro volta attingono a quelle del primo gioco con molte novità come la possibilità di combinare le armi creandone di nuove e più micidiali. Anche il sistema di puntamento è stato migliorato, ma in linea di massima il gioco ritrova i pregi del primo titolo della serie. E' difficile andare in profondità nella descrizione del gameplay, poichè il tempo di gioco scorre in fretta ed è necessario provare e riprovare più volte la storia per affrontare le cose in maniera diversa e ottenere finali diversi. La cosa positiva è che il nostro personaggio guadagnerà punti esperienza e livelli, fino a un massimo di 5 che potremmo poi utilizzare in DR2.

Amore

Cut-scenes

- Come eravamo abituati a vedere già nel primo titolo, le scene di intermezzo sono davvero una parte fondamentale di questo titolo, sono estremamente curate e riescono a fare da collante tra le varie fasi di gioco. Si tratta di un titolo a struttura aperta che a seconda del nostro modo di giocare può dar luogo a scene diverse e a finali diversi, perciò è come vivere un film dell'orrore, imprevedibile e terribilmente curato.

E' Dead Rising 2

- Pur essendo un gioco Live Arcade, si può dire che è come se stessimo giocando a un capitolo del prossimo Dead rising 2: l'atmosfera è ottima e l'immedesimazione è garantita. Se non fosse per il tempo che scorre inesorabile, verrebbe voglia di passare un sacco di tempo a esplorare e asfaltare le orde di zombie.

Odio

Pagare per una demo

- Pur costando solo 400 MP si può quasi di parlare di demo a pagamento, poichè questo titolo è decisamente breve e il tempo scorre talmente veloce che fermarsi a cecchinare o affettare zombie è quasi da dimenticare se si vogliono portare a termine tutti gli obiettivi.

Tiriamo le somme

Dead Rising 2: Case Zero è un ottimo titolo, un Live Arcade atipico che ci offre un assaggio di quanto di buono troveremo in Dead Rising 2, anche se la storia si esaurisce in un paio d'ore a meno di volerlo rigiocare più volte. Il prezzo è però adeguato e ci fa venire l'acquolina in bocca ciò che arriverà tra un paio di settimane. 7.0

c Commenti (18)


c

Commenti

i Le recensioni di MX esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...