L'autore

autore

Un giorno qualcuno gli disse che c'erano altri giochi oltre Age of Empire. Da quel momento è alla ricerca dell'esperienza definitiva, molti sostengono faccia apposta a non trovarla per poter continuare a giocare. Convinto sostenitore de "il voto non fa il gioco", scrive su diversi siti, un paio addirittura creati da lui. Un giorno scomparira nel nulla in un vortice di gameplay, o impazzito scenderà in strada urlando di minacce a New York e brandendo una spada immaginaria.

  • Articoli (118)
  • News (21)

RECENSIONE - Kholat

P 19 giu 2017
Kholat è un titolo con una premessa interessante, ma che la sfrutta in modo superficiale e approssimativo. L’evoluzione della trama smorza subito gli entusiasmi degli appassionati di mistero, in quanto si palesa come prevedibile, e il gameplay da walking simulator affiancato ad una mappa imprecisa e sbagliata è più fonte di frustrazione che brivido. Se non fosse per il nome importante sul quale poggia l’opera del team polacco, Kholat sarebbe una banale e annacquata storia dell’orrore. Consiglio a questo punto di passeggiare nei boschi in compagnia di un amico bravo a raccontare storie di fantasmi e misteri: il risultato sarebbe qualche brivido in più ed i benefici dell’aria aperta. 4.0

RECENSIONE - The Town of Light

P 6 giu 2017
Preso come titolo didattico, The Town of Light è un’opera degna di apprezzamento che, attraverso un solido comparto narrativo e un gameplay semplice, offre uno scorcio brutale su un pezzo di storia da non dimenticare. Si tratta però di un titolo da non approcciare con intenti evasivi o per il gusto dell’intrattenimento nell'accezione più semplicistica del termine. E purtroppo il viaggio di Renèe, della durata di circa tre ore, è funestato da incertezze tecniche non giustificabili: l'acquisto è quindi consigliato ai più intellettualmente curiosi e sperimentatori tra voi, mentre chi ha iniziato a leggere questa recensione aspettandosi un "normale" titolo horror ne uscirà inevitabilmente deluso. 6.5

RECENSIONE - The Surge

P 16 mag 2017
The Surge ti fa arrabbiare, a volte oltre i limiti del socialmente accettabile. Giocatelo da soli, senza altri intorno o finirete emarginati, scomunicati e apolidi. The Surge ti fa esultare, a volte in modo tanto scomposto da farti arrossire per la vergogna una volta ripreso posto sul divano. Giocatelo da soli, senza altri intorno e potrete urlare come macachi in guerra. Indipendentemente da tutto The Surge può causare in noi queste tempeste emotive perché funziona. Deck13 ha fatto grandi passi avanti rispetto al suo gioco precedente e può competere con gli altri giganti della categoria. Il merito è dato soprattutto dalla capacità dimostrata nello sfruttare le solide fondamenta del genere per introdurre novità che non mi stupirei veder riprese da altri in futuro. Insomma, se amate i titoli che vi fanno sudare sette camice ricompensandovi però con tante soddisfazioni (e potenziamenti), The Surge fa senza dubbio al caso vostro. 8.0

RECENSIONE - Syberia 3

P 14 mag 2017
Syberia 3 non è il ritorno di Kate Walker che i fan si aspettavano e meritavano. Il titolo Microïds, probabilmente a causa di uno sviluppo travagliato, soffre di difetti tecnici tanto gravi da affossare l’esperienza generale. Anche in un panorama senza avventure grafiche Syberia 3 non sarebbe un titolo meritevole, mentre allo stato attuale risulta un boccone assai amaro da digerire. 4.5

ANTEPRIMA - Tacoma

P 7 mag 2017
Le produzioni indipendenti non solo sono ormai una realtà forte su console, ma alcuni titoli riescono a destare nel pubblico notevole interesse. Fra questi si può annoverare Tacoma, svelato al E3 2015 nell’ambito del programma ID@Xbox e, secondo le ultime dichiarazioni, in arrivo questa primavera. Rispolveriamo le premesse e le promesse del nuovo lavoro Fullbright.

RECENSIONE - Torment: Tides of Numenera

P 27 apr 2017
Torment: Tides of Numenera è un gioco che risucchia il giocatore in una dimensione parallela e lo restituisce al proprio mondo con un bagaglio di sensazioni ed esperienze difficilmente riscontrabili altrove. Il gameplay richiede tempo e pazienza per essere assorbito, così come tutto quello che circonda il protagonista, ma alla fine dei conti è un viaggio come pochi altri. Purtroppo rimane un biglietto acquistabile da pochi per via della barriera linguistica e per l’immensa molte di input e informazioni da assorbire sotto forma di testo. 8.0

ANTEPRIMA - Phantom Dust - Memoria Perduta

P 31 mar 2017
Dopo aver annullato il progetto di remake/reboot di Phantom Dust, Microsoft non vuole lasciarci completamente a bocca asciutta e si appresta a rilasciare un "porting arricchito" del gioco uscito nel 2004 sulla prima Xbox. Ma quanti lo giocarono al tempo e lo ricordano oggi? Di cosa si tratta in realtà? Ripercorriamone insieme le caratteristiche.

RECENSIONE - Halo Wars 2

P 18 feb 2017
Malgrado ben otto anni di distacco, il seguito della versione strategica di Halo è un sequel puro. Riprende la storia da dove era rimasta, riprende le meccaniche costruite all’esordio, migliora, aggiunge. Questo ha una conseguenza ben precisa: i fan del primo capitolo possono andare in negozio anche bendati e, una volta a casa, troveranno esattamente quello che vogliono. L’altra faccia della medaglia è che Halo Wars 2 non può attirare nuovi giocatori se non appassionati al genere RTS. Nemmeno la forza di una saga come quella di Halo è in grado di scavalcare questo. Se siete fan della serie e delle storie raccontate in questi anni ma vedete gli RTS come un sassolino nella scarpa, pensateci bene prima di imbarcarvi sulla Spirit of Fire. Infine bisogna rendere merito a Creative Assembly per l’impegno profuso nell’espansione del lato online: le modalità a disposizione una volta terminata la campagna sono in grado di accontentare praticamente tutti. Se solo avessero osato di più dal lato tecnico avremmo avuto un glorioso ritorno degli RTS su console. 8.5

RECENSIONE - Toby: The Secret Mine

P 21 gen 2017
Toby: The Secret Mine a tratti chiede l’agilità di Mario senza averne le gambe, altrove vuole rimandare a FEZ senza averne il cervello. Nel complesso evoca Limbo senza averne lo spirito. Potremmo anche dire che ci mette il cuore, arrivando ad essere un platform game giocabile, a tratti piacevole e senza particolari pregi o problemi. Più che da Limbo sembra adatto all’Antinferno, insieme agli ignavi che sappiamo essere tantissimi e dimenticati. 6.0

RECENSIONE - Warhammer: End Times - Vermintide

P 23 ott 2016
Warhammer: End Times - Vermintide è sicuramente un titolo divertente per gli amanti dell'azione co-op e dei mondi di Games Workshop. Non soffre di difetti tali da affossare l’esperienza, e il fatto di essere proposto ad un prezzo contenuto ne alza di riflesso il valore in un’ottica di gioco da affrontare con amici per qualche sessione di disinteressato caos gratuito. Forse il suo più grande difetto è quello di esser uscito in un periodo affollato da pezzi grossi, capaci di mettere in ombra un lavoro comunque fatto con metodo. Gli appassionati di FPS cooperativi possono farci più di un pensiero, tenendo comunque conto che in gran parte parliamo di scontri all’arma bianca. Prendere nota di un gioco come Warhammer: End Times - Vermintide è comunque utile per trovare una fonte di svago in eventuali periodi di magra. 8.0

RECENSIONE - Fragments of Him

P 12 giu 2016
Fragments of Him è un titolo che si presenta come videogioco non avendo però nessuna delle caratteristiche che definiscono il 90% del medium, divenendo quindi un’opera interattiva. I problemi sorgono nel momento in cui anche la parte che dovrebbe rientrare nell’etichetta di “opera” non agisce con la giusta efficacia. Non ho il cinismo necessario a chiedere apertamente perché Fragments of Him sia stato fatto, ma non mi manca quello per chiedere come mai sia stato scelto il videogioco come mezzo espressivo. 5.0

RECENSIONE - Homefront: The Revolution

P 7 giu 2016
Homefront: The Revolution è un titolo che poteva poggiare la sua mediocrità artistica su solide fondamenta fatte da meccaniche prese di peso da altri esponenti del genere e riproposte qui senza variazioni o originalità, ma purtroppo, vuoi la travagliata sorte in fase di sviluppo, vuoi l’inesperienza del team al lavoro nelle diverse fasi, tale mediocrità poggia su altrettanta mediocrità tecnica così da raggiungere la quadratura del cerchio e consegnare un titolo grigio nel quale si combatte un nemico grigio per una grigia causa. 6.0

RECENSIONE - Battleborn

P 15 mag 2016
Sotto tutte le sue schermate di statistiche e personalizzazione, Battleborn è un titolo semplice. Si scende in campo e si spara per vincere. Malgrado la buona giocabilità, figlia dell’esperienza Gearbox, e lo stile intrigante, non è però sostenuto da forti motivazioni capaci di portate i giocatori a gettare l’ancora per lungo tempo. Se amate quindi i giochi creativi e con stile da vendere, e non disprezzate della sana azione multigiocatore soprattutto sapendo che sarete alla pari con gli altri, il gioco potrebbe sicuramente piacervi; il rischio è però che l'effetto novità passi velocemente e, una volta provati tutti gli eroi, rimangano poche motivazioni per farvi tornare nelle arene del gioco. 7.0

SPECIALE - Dying Light - The Following

P 24 feb 2016
Dying Light è sicuramente da annoverarsi fra le sorprese del 2015. L’esperienza maturata con i titoli di Dead Island ha permesso a Techland di sfornare un titolo solido e completo in praticamente tutte le sue meccaniche, con la maggior novità, il parkour, a fondamenta dell’esperienza. Un anno dopo arriva The Following, un’espansione definibile tale solo per la modalità di rilascio vista la mole di materiale che contiene. Analizziamola insieme.

RECENSIONE - Just Cause 3

P 18 dic 2015
Just Cause 3 è un titolo fatto per far casino, ha pochi fronzoli e dev’essere ripagato con la stessa moneta. Le persone alla ricerca di un prodotto sofisticato possono anche rimettersi i guanti di seta e abbandonare il tavolo. I restanti devono saper apprezzare l’idea di un mondo dove far esplodere cose, distruggere cose, sparare a cose è quello che fa girare la ruota della storia. Alla festa sono invitati anche tutti quelli che guardano la mela cadere dall’albero con malcelato fastidio e sognano il momento in cui potranno farla alle leggi di Newton salendo su un elicottero in movimento, agganciandolo a qualcosa pronto ad esplodere e lanciando il tutto contro una caserma. 6.7