MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox

MondoXbox



The Dark Pictures: Man Of Medan

The Dark Pictures: Man of Medan - provato alla Gamescom

Nonostante fosse appena stato annunciato, il primo titolo della nuova serie di giochi horror cinematografici sviluppata per Bandai Namco da Supermassive Games, The Dark Pictures: Man Of Medan, era presente alla recente Gamescom sia con una breve presentazione che con una demo giocabile. Ne abbiamo quindi approfittato per metterlo subito alla prova: eccovi il nostro "terrificante" resoconto.
The Dark Pictures Anthology. E’ con questo altisonante titolo che si presenta al pubblico il nuovo progetto di Supermassive Games, la software house britannica nota al grande pubblico per titoli come Until Dawn e The Impatient. Non si tratta però del titolo di un nuovo gioco ma di una vera e propria saga completamente inedita che, da quanto abbiamo potuto apprendere durante la presentazione a porte chiuse organizzata da Bandai Namco Games per presentarla alla stampa, sembra voler trasportare nel mondo dei videogiochi il concetto di serie antologica reso celebre da produzioni come Fargo, American Horror Story e, soprattutto, Black Mirror. La software house inglese punta infatti a rilasciare ogni anno ben 2 giochi della serie, completamente stand-alone e slegati gli uni dagli altri, della durata di 4/5 ore ciascuno. Ognuno di questi proporrà al giocatore storie, personaggi e ambientazioni completamente diverse ed indipendenti. Gli unici punti in comune tra le varie sceneggiature saranno l’origine delle stesse, basate su leggende metropolitane più o meno conosciute, e la presenza di numerose scelte morali, da prendere quasi sempre in momenti di grande pressione e che avranno conseguenze dirette sull’evoluzione della trama. L’obiettivo degli sviluppatori è infatti quello di far vivere al giocatore esperienze brevi nei panni di personaggi differenti, così da fornire più punti di vista e dare maggiore importanza ad ogni singola scelta fatta. Spesso capiterà infatti di dover decidere se salvare la propria vita o quella dei compagni, ed ognuna delle opzioni potrebbe avere conseguenze decisamente spiacevoli. Non aspettatevi però di trovarvi di fronte ad un titolo eccessivamente violento o splatter, perché non è questo l’obiettivo della saga che dovrebbe invece puntare su un senso di angoscia costante e sulla presenza di numerosi “jump scare”, resi ancora più intensi da una realizzazione tecnica di stampo cinematografico di grande impatto.

img
Una volta conclusa l’interessante introduzione abbiamo potuto testare sulla nostra pelle la veridicità di queste informazioni, con una demo di circa 10 minuti basata proprio sul primo episodio attualmente in sviluppo, intitolato The Dark Pictures: Man Of Medan. La trama di questo “pilota” racconta la storia di cinque ragazzi americani che, durante una tranquilla vacanza in barca, decidono di mettersi sulle tracce del relitto di una nave affondata durante la Seconda Guerra Mondiale. Inutile dirvi che le cose non andranno come previsto e che i malcapitati vacanzieri si troveranno ben presto ad affrontare un feroce, quanto inaspettato, nemico. La protagonista della parte di episodio a nostra disposizione era Fliss, salita per ragioni a noi sconosciute a bordo del relitto della nave affondata in compagnia – se così si può dire – di altri due personaggi, Danny e Brad. Anche in quest’occasione non mi dilungherò particolarmente nel raccontarvi gli eventi passo passo, ma mi concentrerò sul gameplay e sulle impressioni principali, rimandandovi al video in calce nel caso voleste dare un’occhiata più approfondita allo sviluppo degli eventi.

MX Video - The Dark Pictures: Man Of Medan

Il sistema di gioco alla base di The Dark Pictures: Man Of Medan, per quanto ho potuto provare, è estremamente basilare. Si tratta di un’avventura in terza persona con inquadrature semi-fisse, che alterna sequenze di esplorazione ad intermezzi filmati realizzati con lo stesso motore grafico. I controlli, così come le azioni a disposizione di chi impugna il pad, sono infatti ridotti al minimo e permettono di interagire sporadicamente con alcuni oggetti presenti nello scenario, così da scoprire segreti ed approfondire la trama, di aprire porte, di affrontare classici QTE o di effettuare delle scelte inclinando la levetta analogica destra quando necessario. Nel gioco di Supermassive Games non c’è quindi traccia di combattimenti, neanche accennati, o di altri elementi che possano far presagire ad un approccio più action o ruolistico. Le fondamenta del gameplay sono infatti legate all’esplorazione ed alla narrazione, il che fa assomigliare ancora di più il titolo ad un walking simulator o all’episodio di una serie televisiva interattiva.

Una scelta di design coraggiosa, che però può funzionare solo se sorretta da una sceneggiatura di buona fattura e da un’atmosfera capace di coinvolgere il giocatore, stimolandone allo stesso tempo la curiosità. Da questo punto di vista The Dark Pictures Anthology, con le sue trame basate su leggende metropolitane e la tensione costante, promette bene e devo ammettere di essere rimasto piacevolmente sorpreso dal ritmo ansiogeno presente nella demo messami a disposizione. Per tutta la durata della prova mi sono sentito “prigioniero” all’interno del relitto, in un crescendo di tensione sfociato in una sequenza finale ad alto tasso di adrenalina. Ed è proprio nella fase finale, quando dovevo scegliere se tentare di salvare la vita di Brad o la mia, che ho avuto modo di saggiare il sistema che gestisce le scelte nel gioco. Mentre il pad vibrava nelle mie mani, l’inquadratura tremante mi ha messo di fronte alle due scelte. Da un lato una via di fuga, dall’altro il mio compagno che chiedeva aiuto. Nessuna informazione sulle possibili conseguenze e poco tempo per decidere. Sono questi i due elementi distintivi della “bussola morale” presente nel gioco, che trasforma ogni scelta in un momento cruciale e che rende l’intera esperienza ancora più coinvolgente.

img
Anche dal punto di vista tecnico il titolo di Supermassive Games si è dimostrato promettente. Il livello di dettaglio generale mi è parso ottimo, così come la gestione dell’illuminazione, e l’idea di eliminare quasi del tutto gli stacchi tra le fasi di gioco e le sequenze filmate si sposa alla perfezione con la filosofia cinematografica alla base della produzione. Il livello di qualità raggiunto da questo punto di vista appare già molto elevato tanto che, in un paio di occasioni, quasi non mi sono accorto di essere passato da una sequenza di gioco ad una scena di intermezzo (e viceversa). Ottime notizie anche per quanto riguarda le animazioni e la recitazione, che come i precedenti titoli dello studio beneficia della presenza di attori professionisti del calibro di Shawn Ashmore. La software house inglese anche in questo caso sembra infatti aver fatto un largo uso della tecnologia performance-capture, sia per quanto riguarda le animazioni dei personaggi che per quanto riguarda le espressioni del viso, così da valorizzare al meglio le sceneggiature alla base degli episodi. Il risultato, per quanto non possa competere con produzioni tripla A, è notevole e conferisce all’intera produzione uno stile artistico di prima qualità.

A conti fatti sembra quindi che The Dark Pictures Anthology abbia tutte le carte in regola per fare bene, ma considerata la struttura basilare del gameplay, molto - per non dire tutto - dipenderà dalla profondità delle trame proposte, da come le stesse verranno raccontate ai giocatori e dalla varietà dei percorsi narrativi presenti. In un titolo simile il confine tra il divertimento e la noia è infatti molto sottile e sarà necessaria un’attenta opera di bilanciamento per far si che i giocatori riescano ad apprezzare fino in fondo le qualità di un gioco che, nel suo piccolo, mira a rivoluzionare le modalità di pubblicazione del genere di riferimento. Per sapere se ci riuscirà dovremo però attendere ancora un bel po’ visto che, al momento, l’uscita di The Dark Pictures: Man Of Medan è attesa per un generico 2019.

c Commenti (1)


L'autore

autore

Classe 1985 e cresciuto a pane, Commodore e Amiga, nel 1991 riceve il suo primo NES e da allora niente è più lo stesso. Attraversa tutte le generazioni di console tra platform, GDR, giochi di guida e FPS fino al 2004, quando approda su Xbox. Ancora oggi, a distanza di anni, vive consumato da questo sentimento dividendosi tra famiglia, lavoro, videogiochi, corsa, cinema e serie TV, nell’attesa che qualcuno scopra come rallentare il tempo per permettergli di dormire almeno un paio d’ore per notte.

c

Commenti

caricamento Caricamento commenti...